Articoli messi a disposizione da Modi S.r.l. - MOG 231 | MOG 231 – Modelli di Organizzazione e Gestione
Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231
7
Dic

MODI assume l’incarico di Componente dell’Organismo di Vigilanza come soggetti esterni dotati di specifiche conoscenze


Poiché l'ODV è “un organismo dell’ente”, i suoi componenti non devono essere scelti necessariamente all’interno dell’ente/impresa. La composizione mista caratterizzata dalla presenza di alcuni soggetti interni all’ente/impresa, in grado di apportare una conoscenza diretta della realtà aziendale, e soggetti esterni dotati di specifiche competenze professionali, tecniche, giuridiche etc. rendono l’ODV in grado di esercitare efficacemente i suoi compiti. L’assenza di mansioni operative garantisce l’autonomia dell’ODV in quanto, in caso contrario, la partecipazione alle decisioni dell’ente potrebbe compromettere la necessaria “ serenità di giudizio al momento delle verifiche”. A seguito dell’entrata in vigore della legge 12 novembre 2011, n. 183 (nota come legge di stabilità 2012), è stato stabilito che nelle società di capitali il collegio sindacale, il consiglio di sorveglianza e il comitato per il controllo della gestione possono svolgere le funzioni dell’organismo di vigilanza. Probabilmente lo spirito della norma è di evitare ulteriori costi e l’eccessivo appesantimento dovuto alla duplicazione di organi di controllo.
Riassumendo il compito dell’organismo di vigilanza può essere svolto:
  • dall’organo dirigente nel caso di enti di piccole dimensioni;
  • nel caso di società di capitali anche dal collegio sindacale, dal consiglio di sorveglianza e dal comitato per il controllo della gestione;
  • taluno ritiene che tale compito possa essere svolto anche dall’Internal Auditing;
  • da un organismo ad hoc preferibilmente composto da personale qualificato interno all’ente, non operativo e da soggetti esterni quali consulenti, tecnici, etc; quest’ultima scelta è ritenuta da molti come più opportuna.
Maurizio Billi è il Direttore Operativo in MOG231.it by Modi Srl Consulenza Formazione per i modelli di organizzazione e gestione D.lgs 231/2001 e assume anche il ruolo di ODV Organismo di Vigilanza.



Per ulteriori informazioni contattateci al numero verde gratuito anche da telefoni cellulari e smartphone 800300333, via e-mail mog231@gmail.como visitate il sito www.mog231.it.
 






7
Dic

Ecobonus, sismabonus, bonus ristrutturazioni: approvata la Legge di Bilancio 2017

07/12/2016 – Via libera alla Legge di Bilancio per il 2017. Il Senato ha approvato senza modifiche, con 166 voti favorevoli, 70 contrari e un astenuto, il testo già licenziato dalla Camera.  Sono confermati la proroga dell'Ecobonus 65% e della detrazione 50% per gli interventi sulle singole unità immobiliari, il sismabonus e i bonus maggiorati per i condomìni. Via libera anche al credito di imposta per la riqualificazione degli alberghi, al Fondo Infrastrutture da 47,5 miliardi di euro e a una serie di misure per il risanamento delle periferie e il post-Expo. Salta invece la proposta di estendere l’Ecobonus 65% alla bonifica dell’amianto in condominio e alla classificazione sismica degli edifici senza lavori. Non ce l’hanno fatta neanche la cessione del credito di imposta nei lavori sulle singole unità immobiliari e la detrazione del 50% per la sistemazione a verde delle aree pertinenziali.    Ecobonus..
Continua a leggere su Edilportale.com

7
Dic

Ecobonus 65%, sismabonus e bonus ristrutturazioni, approvata la Legge di Bilancio 2017

07/12/2016 – Via libera alla Legge di Bilancio per il 2017. Il Senato ha rinnovato la fiducia al Governo approvando senza modifiche, con 173 voti favorevoli e 108 contrari, il testo già licenziato dalla Camera.  Sono confermati la proroga dell'Ecobonus 65% e della detrazione 50% per gli interventi sulle singole unità immobiliari, il sismabonus e i bonus maggiorati per i condomìni. Via libera anche al credito di imposta per la riqualificazione degli alberghi, al Fondo Infrastrutture da 47,5 miliardi di euro e a una serie di misure per il risanamento delle periferie e il post-Expo. Salta invece la proposta di estendere l’Ecobonus 65% alla bonifica dell’amianto in condominio e alla classificazione sismica degli edifici senza lavori. Non ce l’hanno fatta neanche la cessione del credito di imposta nei lavori sulle singole unità immobiliari e la detrazione del 50% per la sistemazione a verde delle aree pertinenziali. Ecobonus..
Continua a leggere su Edilportale.com

7
Dic

Bilancio 2017, salta il 65% per certificazione sismica senza lavori e bonifica dell’amianto

07/12/2016 – Nulla di fatto per la proposta di estensione dei bonus fiscali. La Legge di Bilancio per il 2017 sarà approvata oggi pomeriggio dal Senato senza modifiche rispetto al testo approvato dalla Camera. Salta quindi la proposta di estendere l’Ecobonus 65% alla bonifica dell’amianto in condominio e alla classificazione sismica degli edifici senza lavori. Non ce l’hanno fatta neanche la cessione del credito di imposta nei lavori sulle singole unità immobiliari e la detrazione del 50% per la sistemazione a verde delle aree pertinenziali.   Bilancio 2017, salta il potenziamento di Ecobonus 65% e Bonus ristrutturazioni La Commissione Ambiente della Camera aveva approvato quattro emendamenti che però non sono stati discussi dall'Aula. La decisione è stata rimandata al Senato, ma dati i tempi stretti, determinati dalla crisi di Governo, il secondo ramo del Parlamento approverà il testo uscito dalla Camera,..
Continua a leggere su Edilportale.com

7
Dic

Come fare per risanare le facciate degradate

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23107/12/2016 – Distacco dell’intonaco, scrostature, cavillature, fessurazioni e condensa. Queste le principali problematiche che interessano le facciate degli edifici quando non si agisce con un’efficace e regolare manutenzione. Degrado delle facciate: cause ed effetti Il degrado può essere dovuto semplicemente all’obsolescenza dell’edificio dell’edificio (edifici storici) oppure ad errori di progetto o di costruzione (materiali di qualità scadente, scelte progettuali sbagliate ecc) che provocano eventi degenerativi precoci anche su edifici relativamente moderni. In più le facciate di un’abitazione, segnando il ‘confine tra dentro e fuori’ sono particolarmente soggette alle aggressioni provenienti dall’estero (vento, pioggia, neve, smog). Ad esempio si può assistere ad un'alterazione cromatica di alcune zone delle facciate dovuta a inquinanti atmosferici (deposito.. Continua a leggere su Edilportale.com
7
Dic

Classificazione sismica degli edifici, NTC e Casa Italia in forse per la crisi di governo

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23107/12/2016 – Classificazione sismica degli edifici, piena operatività del Sismabonus, Norme Tecniche per le Costruzioni (NTC) e Casa Italia. Sono alcune delle misure in sospeso a causa della crisi di Governo. Il decreto sulla classificazione sismica degli edifici, che consente di prevedere il comportamento di un edificio durante un terremoto, doveva innestarsi nel riconoscimento del Sismabonus. Il progetto pluriennale 'Casa Italia' per la messa in sicurezza del territorio, di cui le NTC formano parte integrante, doveva essere messo a punto dalla cabina di regia alla cui direzione era stato chiamato Giovanni Azzone, ex rettore del Politecnico di Milano. Questo meccanismo rischia di incepparsi, o comunque di registrare qualche ritardo. Vediamo perché. Sismabonus e linee guida per la classificazione sismica Per gli interventi antisismici la Legge di Bilancio 2017  introduce una detrazione fiscale del 50%, che sarà.. Continua a leggere su Edilportale.com
7
Dic

Immobiliare, compravendite a +17,8% nel III trimestre 2016

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23107/12/2016 - Continua la tendenza al rialzo del mercato immobiliare italiano, che nel terzo trimestre del 2016 registra un incremento del 17,8%. In alcuni settori, infatti, i tassi di crescita viaggiano a doppia cifra già da inizio anno: nel periodo luglio-settembre il terziario raggiunge quota +31,1%, oltre il doppio rispetto al trimestre precedente, così come il commerciale, che passa da un +12,9% a un +23,3%, mentre il residenziale segna un aumento del 17,4%. Anche il produttivo guadagna un buon 24,5%. È questa la fotografia del mercato del mattone italiano che emerge dalla Nota trimestrale dell’Osservatorio del Mercato Immobiliare dell’Agenzia delle Entrate. I numeri del settore residenziale Nel terzo trimestre 2016, il mercato delle abitazioni continua a crescere in tutte le aree del Paese, grazie soprattutto al permanere dei tassi di interesse sui mutui particolarmente bassi e al contesto economico nel suo complesso, anche se la.. Continua a leggere su Edilportale.com
7
Dic

Codice Appalti, la crisi di Governo mette a rischio correttivo e norme attuative

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23107/12/2016 – Il decreto correttivo del Codice Appalti dovrebbe essere approvato entro il 19 aprile 2017. In realtà il Codice Appalti non sta ancora spiegando tutte le sue potenzialità perché mancano all’appello diverse norme attuative. A complicare questa situazione di ritardo è sopraggiunta la crisi di Governo, con le dimissioni rassegnate da Matteo Renzi dopo i risultati del referendum costituzionale. Correttivo Appalti La legge delega con cui è iniziata la riforma dei contratti pubblici (L 11/2016) ha stabilito che entro un anno dall’approvazione del Codice Appalti (D.lgs. 50/2016) devono essere valutati gli effetti delle nuove norme ed elaborato un eventuale correttivo. Il termine per concludere l’operazione sarebbe quindi il 19 aprile 2017. Fin da subito sono state sollevate diverse critiche e proposti aggiustamenti. Su alcuni il Governo aveva mostrato delle aperture. Si tratta della possibilità.. Continua a leggere su Edilportale.com
7
Dic

Progettazione edifici in BIM, i Comuni chiedono un avvio graduale

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23107/12/2016 – La progettazione di edifici in BIM rappresenta un’opportunità, ma richiede anche un avvio graduale dati i costi elevati in termini di formazione dei dipendenti pubblici e licenze software. A pensarla così è l’Associazione nazionale comuni italiani (Anci) che ha risposto ad un questionario predisposto dal ministero delle infrastrutture. BIM, avvio graduale Secondo l’Anci, ci deve essere una prima fase di “accompagnamento” dei comuni più grandi. In questo periodo di rodaggio, l’uso del BIM dovrebbe essere limitato ad alcune tipologie di opere pubbliche, escludendo le progettazioni manutentive parziali di edifici o infrastrutture. Si dovrebbe quindi partire dalle opere nuove di consistente entità, come scuole, edifici di edilizia residenziale, uffici, infrastrutture strategiche, opere ed infrastrutture di cui i comuni ed altri enti intendono affidare la manutenzione in global service,.. Continua a leggere su Edilportale.com
6
Dic

I compiti dell’Organismo di Vigilanza e le piccole imprese

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231Cosa s’intende per ente/impresa di piccole dimensioni?
Ancora una volta la normativa non ci aiuta in quanto non riporta una definizione di “ente/impresa di piccole dimensioni”.  Secondo un’interpretazione diffusa questa espressione fa riferimento a enti caratterizzati da un impianto verticistico, in cui “non vi sia un’articolazione interna basata su una pluralità di centri decisionali”.La Circolare della Guardia di Finanza n. 83607/2012 preferisce ricorrere alla definizione comunitaria di cui alla raccomandazione della Commissione europea n. 2003/361/CE, ratificata con D.M. 18.04.2005, il cui art. 2, comma 2, prevede quali appartenenti a tale categoria quegli enti che presentano contemporaneamente le seguenti condizioni:
  • un numero di occupati non superiore alle 49 unità, intendendo per tali (…) i dipendenti dell’impresa a tempo determinato o indeterminato, iscritti nel libro matricola dell’impresa e legati all’impresa da forme contrattuali che precedono il vincolo di dipendenza, fatta eccezione di quelli posti in cassa integrazione straordinaria;
  • un totale di bilancio annuo o un fatturato annuo, quali risultanti dall’ultimo esercizio contabile chiuso ed approvato, non superiore ai 10 milioni di euro.
Per quanto riguarda la struttura si ritiene che l’ODV possa essere anche a composizione monocratica (per esempio un professionista esterno) ma per le realtà medio grandi sia la giurisprudenza sia la dottrina ritengono necessaria la composizione collegiale e “un’esclusività di azione ovverosia un impegno esclusivo sull’attività di vigilanza relativa alla concreta attuazione del modello”.
Per le imprese di piccole dimensioni in cui tale funzione non è svolta dall’organo dirigente (facoltà prevista dall’art. 6, comma 4 del d.lgs. 231/2001), la composizione monocratica potrebbe essere sufficiente.
In ogni caso è utile riflettere sul fatto che la composizione collegiale garantisce maggiore indipendenza. Maurizio Billi è il referente in Modi Srl per i modelli di organizzazione e gestione D.lgs 231/2001 e assume anche il ruolo di ODV Organismo di Vigilanza. 
Per ulteriori informazioni contattateci al numero verde gratuito anche da telefoni cellulari e smartphone 800300333, via e-mail mog231@gmail.como visitate il sito www.mog231.it.