Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

Reati Presupposto

reatic

L’elenco dei reati presupposto si presenta notevolmente ampliato rispetto all’originaria formulazione del decreto. Nella prima versione, infatti, il D.Lgs. 231/2001 considerava solo i “reati contro la Pubblica Amministrazione”.

L’elenco dei reati è in continuo ampliamento, così ad esempio sono stati inseriti anche i reati connessi alla tutela della salute e sicurezza sui luoghi di lavoro (reato di omicidio colposo o lesioni gravi o gravissime commesse con violazione delle norme sulla tutela della salute e sicurezza sul lavoro) e i reati ambientali, o i reati in materia di ricettazione, riciclaggio e autoriciclaggio.

Attualmente i reati presupposto sono i seguenti:

  1. Reati commessi nei rapporti con la Pubblica Amministrazione (artt. 24 e 25 del Decreto);
  2. Reati di criminalità informatica e trattamento illecito di dati (art. 24-bis del Decreto);
  3. Reati in materia di criminalità organizzata (art. 24-ter del Decreto);
  4. Reati di falsità in monete, in carte di pubblico credito, in valori di bollo e in strumenti o segni di riconoscimento (art. 25-bis del Decreto);
  5. Reati in materia di turbata libertà dell’industria e del commercio (art. 25-bis.1 del Decreto);
  6. Reati societari (art. 25-ter del Decreto);
  7. Delitti aventi finalità di terrorismo o di eversione dell’ordine democratico (art. 25-quater del Decreto);
  8. Pratiche di mutilazione degli organi genitali femminili (art. 25-quater.1 del Decreto);
  9. Delitti contro la personalità individuale (art. 25-quinquies del Decreto);
  10. Reati di abusi di mercato e relativi illeciti amministrativi (art. 25-sexies del Decreto);
  11. Reati di omicidio colposo e lesioni colpose gravi o gravissime, commessi con violazione delle norme sulla sicurezza e sulla salute sul lavoro (art. 25-septies del Decreto);
  12. Reati di ricettazione, riciclaggio, impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita, autoriciclaggio (art. 25-octies del Decreto);
  13. Reati in materia di violazioni del diritto d’autore (art. 25-novies; del Decreto);
  14. Induzione a non rendere o a rendere dichiarazioni mendaci all’autorità giudiziaria (art. 25-decies del Decreto);
  15. Reati ambientali (art. 25-undecies del Decreto);
  16. Reati transnazionali (art. 10 legge 16 marzo 2006, n. 146);
  17. Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare (art. 25-duodecies del Decreto).