1 ottobre 2013 - MOG 231 - Modelli di Organizzazione e Gestione | MOG 231 – Modelli di Organizzazione e Gestione
Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

Archive for ottobre, 2013

24
Ott

Cordoglio per la morte del dottor Raffaele Pennacchio, componente Comitato 16 Novembre onlus

Comunicato del 24/10/2013 n°209

23
Ott

Disabilità (SLA): Baretta, Guerra e Fadda ricevono il comitato 16 novembre onlus

Comunicato del 23/10/2013 n°208

21
Ott

Situazione ospedale Fatebenefratelli: conclusa la riunione al Ministero

Comunicato del 21/10/2013 n°206

14
Ott

Modello Organizzativo 231 – Soppressione dei reati privacy

In data 11/10/2013 è stato abrogato l’intero comma 2 dell’articolo 9 del Decreto Legislativo 231/2001 che era stato ampliato lo scorso 14/08/2013. Il decreto è infatti appena stato modificato nuovamente con l’eliminazione di cinque reati. Nello specifico, sono stati soppressi:

  • i delitti sulla privacy, ovvero i reati di trattamento illecito dei dati personali, falsità nelle dichiarazioni e notificazioni al Garante e inosservanza dei provvedimenti del Garante
  • la frode informatica con sostituzione dell’identità digitale
  • l’indebito utilizzo, falsificazione, alterazione e ricettazione di carte di credito

Il testo definitivo, emendato il 3 ottobre presso la Camera dei Deputati, è stato approvato in data 11 ottobre  2013 confermando l’abrogazione dell’intero comma 2 dell’articolo 9.

Il motivo di questo repentino cambiamento, che avviene a ridosso del termine ultimo per l’approvazione della legge alla camera del Senato, va cercato nelle pesanti conseguenze che l’introduzione di questi reati nel Decreto Legislativo 231 aveva avuto sulle imprese.

Poter aggiornare e implementare i modelli organizzativi sembrava infatti un procedimento troppo costoso per le aziende e Confindustria aveva sollevato i propri dubbi in merito già a poche settimane dall’aggiunta dei reati. Inoltre, la mancata correzione degli stessi modelli avrebbe previsto, in caso di eventuali illeciti dei vertici delle società per uno dei delitti previsti in materia di privacy, una sanzione tra i 200 e i 700 mila eu

 

MODI Qualità, Ambiente, Sicurezza, Corsi di Formazione, Privacy e 231

11
Ott

Regione Emilia Romagna, giunta approva Piano 2013-2014 ricostruzioni post sisma

BOLOGNA – Approvato dalla Giunta della Regione Emilia Romagna il Piano annuale 2013-2014 per la riparazione e il ripristino delle opere pubbliche, dei beni culturali e dell’edilizia scolastica e universitaria danneggiati dal sisma del maggio 2012. 656 gli interventi che potranno essere realizzati grazie allo stanziamento di 530 milioni di euro.

Il provvedimento è stato predisposto dalla struttura tecnica del commissario delegato alla ricostruzione e presidente della Regione,Vasco Errani, sulla base del rilevamento preliminare effettuato con i Comuni colpiti dal terremoto, con la direzione regionale del Ministero per i beni e le attività culturali e con la conferenza episcopale dell’Emilia Romagna.

Il piano individua le priorita e gli interventi più urgenti e permette l’attuazione di un primo stralcio del programma di ricostruzione che nel complesso prevede la realizzazione di 1502 opere e una spesa di 1.337 milioni di euro.

Per il 2013-2014 viene destinato alle opere pubbliche un importo complessivo di circa 134 milioni di euro (il 25% del totale) e saranno realizzati 180 interventi. 282 milioni di euro (53 per cento % del totale) saranno utilizzati per realizzare 357 interventi su beni culturali soggetti a tutela. Ammontano a 105 milioni di euro le risorse destinate all’edilizia scolastica e all’università (20% del totale, 119 interventi). Circa 9 milioni saranno utilizzati per interventi su proprietà miste pubbliche e private.

Nel dettaglio gli interventi riguarderanno otto raggruppamenti di strutture: strutture sanitarie, comuni e province, edilizia scolastica e università, enti religiosi, beni demaniali e beni ecclesiastici di proprietà pubblica, opere di bonifica e irrigazione, monasteri conventi sinagoghe e ex chiese e conventi, proprietà miste pubbliche e private.
Tra queste il numero maggiore di interventi riguardera Comuni e Province (264 interventi), enti religiosi (169 interventi), strutture sanitarie e opere di bonifica ed irrigazione.

Insieme al piano edilizia la Giunta ha approvato il regolamento cui gli enti attuatori dovranno attenersi. Questo definisce le tipologie dei lavori ammissibili e finanziabili sia per il restauro attraverso la riparazione con rafforzamento locale che per il ripristino con miglioramento sismico dei beni culturali.

Per approfondire: Regione Emilia Romagna piano 2013-2014 ricostruzione.

 

MODI Qualità, Ambiente, Sicurezza, Corsi di Formazione, Privacy e 231

7
Ott

Tutela donne, campagna Fs Frecciarosa, iniziative Inail prevenzione sul lavoro

ROMA – È partita il 2 ottobre a Roma, con una conferenza stampa dal binario 1 della stazione Termini, la terza edizione della campagna Frecciarosa, dedicata alla sensibilizzazione e prevenzione delle malattie femminili, promossa da Fs Italiane, Trenitalia e dall’associazione IncontraDonna onlus in collaborazione con Inail.

L’iniziativa, che rientra anche nelle attività ideate per la campagna Eu-Osha Ambienti di lavoro sani e sicuri 2012-2013 e che gode del patrocinio del Ministero della Salute, della partecipazione della Consigliera nazionale di parità e del sostegno della Luiss, si svilupperà nel mese di ottobre attraverso diverse iniziative di carattere divulgativo e informativo sul tema della salute e dei diritti delle donne.

Gli aspetti legati alla prevenzione, salute e sicurezza sul lavoro, diritti e pari opportunità negli ambienti di lavoro saranno curati da Inail. L’Isituto terrà incontri, consulenze e visite mediche gratuite a bordo di due Frecciarossa in servizio sulla tratta Roma-Milano, e affiancherà le attività di ascolto e prevenzione alla diffusione di pubblicazioni, vademecum e alla realizzazione di uno spazio web dove porre domande e approfondimenti

Nello dettaglio anche per questa edizione della campagna Frecciarosa Inail ha realizzato la pubblicazione La sicurezza sul lavoro viaggia con le donne in cui vengono affrontati i principali rischi presenti negli ambienti di lavoro, le conseguenze in termini di patologie e invalidità  e le misure di prevenzione e protezione da adottare per ridurre al minimo la possibilità di infortunarsi o di ammalarsi.

La guida sarà distribuita a bordo delle Frecce tra il 21 e il 25 ottobre, nei giorni rientranti nella “Settimana europea della salute e sicurezza sul lavoro. Sarà inoltre proiettato un video a bordo dei treni mentre nei Frecciaclub delle stazioni di Milano, Bologna e Roma saranno organizzati momenti dimostrativi sui disturbi muscolo-scheletrici e due seminari dedicati alle problematiche di salute e sicurezza sul lavoro al femminile.

Info:
Frecciarosa 2013
Iniziative Inail

 

MODI Qualità, Ambiente, Sicurezza, Corsi di Formazione, Privacy e 231