1 aprile 2015 - MOG 231 - Modelli di Organizzazione e Gestione | MOG 231 – Modelli di Organizzazione e Gestione
Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

Archive for aprile, 2015

30
Apr

Albo nazionale per la scelta dei manager: nel DDL Madia la rivoluzione Lorenzin

Comunicato del 30/04/2015 n°69   MODI Qualità, Ambiente, Sicurezza, Corsi di Formazione, Privacy e 231    
30
Apr

L’Inail all’Expo Milano 2015 con due postazioni nel Centro servizi per i partecipanti

In vista dell’inaugurazione del primo maggio, l’Istituto ha attivato i propri sportelli nella sede operativa delle amministrazioni centrali e periferiche dello Stato, realizzata all’interno del polo fieristico di Rho per fornire assistenza alle delegazioni presenti all’esposizione universale
30
Apr

Design come sistema. La visione olistica di Lago

30/04/2015 - Guidata da una visione olistica del design e fortemente persuasa del bisogno di rinnovamento della filiera del design, Lago intraprende un progetto tanto complesso quanto inedito che, unendo luoghi, persone e comunicazione sotto un unico cappello, fa del design un ‘acceleratore di business’. Consideriamo il design nella sua accezione più ampia, e cioè come una metodologia per la progettazione delle esperienze. È partendo da questo assunto che, in occasione dell’ultima edizione del Salone del Mobile di Milano, LAGO ha sperimentato all’interno del proprio stand ‘Network Calling’. Un ciclo di incontri, rivolto a tutti i professioni, le aziende e le stesse istituzioni, ed organizzato con l’obiettivo di far conoscere le potenzialità che il design, inteso come acceleratore di business, può avere sulla propria impresa. “La nostra visione del design sistemico – racconta Daniele.. Continua a leggere su Edilportale.com MODI Qualità, Ambiente, Sicurezza, Corsi di Formazione, Privacy e 231
30
Apr

Con i 5000 cantieri dell’Ance un giro d’affari di 32 miliardi di euro

30/04/2015 - Governo e Parlamento sostengono il Piano di 5000 cantieri su tutto il territorio nazionale, lanciato ieri dai costruttori nel corso del Building Day. Così il Presidente dell’Ance, Paolo Buzzetti, sintetizza l’esito dell’iniziativa organizzata insieme con tutta la filiera del settore (Cna costruzioni, Anaepa Confartigianato, Aci - Produzione lavoro e Federcostruzioni). I cantieri da aprire Il Piano prevede opere su tutto il territorio nazionale, così distribuite: 948 al nord-ovest per 658.564.792 euro; 1.128 al nord-est per 742.229.551 euro; 998 al centro 830.990.925 euro; 2.199 al sud per 7.542.460.100 euro. Totale: 9.774.245.368 euro. Il 20% riguarda la sicurezza delle scuole, il 16% il miglioramento della qualità della vita nelle città, il 13% il contrasto del rischio idrogeologico, il 13% la manutenzione delle strade. Vedi tutte le opere cantierabili I costruttori individuano anche le fonti di finanziamento.. Continua a leggere su Edilportale.com   MODI Qualità, Ambiente, Sicurezza, Corsi di Formazione, Privacy e 231
30
Apr

Edilportale Tour 2015 ieri a Trento per la riqualificazione del costruito

30/04/2015 - Il viaggio in Trentino Alto Adige è proseguito ieri con la dodicesima tappa di tappa di Edilportale Tour 2015 a Trento. Molte personalità di spicco hanno animato il ricco pomeriggio che ha avuto come focus quello della riqualificazione del costruito. “Tutto parte - ha affermato Thomas Miorin, Direttore di Habitech Distretto Tecnologico Trentino - da una assunzione di responsabilità di ciò che il progettista va a definire. Bisogna partire dal ‘creare ciò che serve’ e questo porterà necessariamente a reinventare un settore, quello dell’edilizia, che produce il 40% delle emissioni di gas serra. “Sono disponibili 20 miliardi di euro per riqualificare. Le opzioni ci sono ed è possibile arrivare al 2050 rendendo efficienti tutti quegli immobili che necessitano di una ‘rigenerazione’. Basta lavorare su nuovi modelli e su nuove strade” - ha concluso Miorin. Continua a leggere su Edilportale.com   MODI Qualità, Ambiente, Sicurezza, Corsi di Formazione, Privacy e 231
30
Apr

Cemento armato off limits per i geometri: gli ingegneri tornano sul tema

30/04/2015 – I geometri non possono progettare edifici in cemento armato, di qualsiasi importanza,  in quanto la progettazione e la direzione delle strutture in cemento armato è riservata solamente agli Ingegneri ed Architetti, iscritti nei relativi albi professionali. Questo quanto ribadito dal Consiglio Nazionale Ingegneri (CNI) nella circolare 526/2015 in cui si richiama la sentenza 883/2015 del Consiglio di Stato (CdS) sulle competenze professionali dei Geometri. Competenze professionali geometri Nella circolare il CNI ha sottolineato che "la privativa professionale dei Geometri è limitata alla progettazione, direzione e vigilanza di modeste costruzioni civili, con esclusione di quelle che comportino l'adozione, anche parziale, di strutture in cemento armato, ad eccezione, secondo il Regio Decreto 274/1929, di piccole costruzioni accessorie nell'ambito di edifici rurali o destinati alle industrie agricole,.. Continua a leggere su Edilportale.com   MODI Qualità, Ambiente, Sicurezza, Corsi di Formazione, Privacy e 231
30
Apr

Fibre artificiali vetrose, approvate le nuove linee guida

30/04/2015 – La Conferenza Stato-Regioni del 25 marzo 2015 ha approvato le nuove linee guida sulle Fibre Artificiali Vetrose. Il testo, redatto dal Ministero della Salute, si pone come punto di riferimento per istituzioni e addetti ai lavori circa l’applicazione della normativa inerente ai rischi di esposizioni e le misure di prevenzione per la tutela della salute. Fibre artificiali vetrose: confermata la sicurezza Le linee guida chiariscono il valore della Nota Q del Regolamento (CE) 1272/2008 e ribadiscono il ruolo della bio-solubilità come criterio di esenzione a ogni classificazione di pericolosità, al pari del  criterio di esenzione relativo a dimensione e diametro delle fibre (“Nota R” dello stesso Regolamento). È assodato che le fibre con elevate concentrazioni di ossidi alcalini e alcalino-terrosi sono bio-solubili e di conseguenza poco bio-persistenti: ciò significa che le fibre vengono smaltite.. Continua a leggere su Edilportale.com   MODI Qualità, Ambiente, Sicurezza, Corsi di Formazione, Privacy e 231
30
Apr

Il geometra direttore dei lavori è responsabile anche delle opere di cui non è competente

30/04/2015 – Il geometra che assume l’incarico di direttore dei lavori è responsabile anche dell’esecuzione delle opere che non rientrano tra le sue competenze, come ad esempio i calcoli relativi alle strutture in cemento armato. Lo ha affermato la Corte di Cassazione con la sentenza 7370/2015. Nel caso preso in esame, un committente privato aveva appaltato i lavori per la costruzione di una villetta, ma aveva in seguito sospeso i pagamenti e chiesto il risarcimento dei danni dal momento che aveva riscontrato gravi vizi di costruzione, per i quali era stata condannata sia l’impresa che il direttore dei lavori. L’incarico di direttore dei lavori era stato assunto da un geometra, mentre la progettazione delle strutture in cemento armato era stata effettuata da un ingegnere. I difetti di costruzione riguardavano proprio le strutture e i calcoli in cemento armato che, come riportato nel testo della sentenza, “il geometra non aveva.. Continua a leggere su Edilportale.com   MODI Qualità, Ambiente, Sicurezza, Corsi di Formazione, Privacy e 231
30
Apr

Cna: niente split payment e reverse charge se si sceglie la fatturazione elettronica

30/04/2015 – No allo split payment e al reverse charge per le imprese che scelgono la fatturazione elettronica. È la proposta elaborata da Cna, Confederazione nazionale dell’artigianato e della piccola e media impresa, nel Rapporto 2015 sulla tassazione delle Pmi. Gli effetti dello Split Payment Obiettivo della Cna è l’allentamento della stretta del fisco, evitando che gli oneri dei controlli si trasferiscano sulle imprese. In quest’ottica la Confederazione ha sottolineato gli effetti negativi dello Split Payment. Si tratta, lo ricordiamo, del meccanismo in base al quale la Pubblica Amministrazione sdoppia il pagamento, cioè paga al fornitore il prezzo del bene o del servizio e versa l’Iva direttamente allo Stato, in modo che chi incassa la fattura non “dimentichi” di corrispondere successivamente l’imposta all'Erario. A detta della Cna, nel 2015 circa due milioni di imprese che lavorano con la.. Continua a leggere su Edilportale.com   MODI Qualità, Ambiente, Sicurezza, Corsi di Formazione, Privacy e 231
29
Apr

Neonata morta in Calabria, Lorenzin invia task force.

Comunicato del 29/04/2015 n°68   MODI Qualità, Ambiente, Sicurezza, Corsi di Formazione, Privacy e 231