1 febbraio 2017 - MOG 231 - Modelli di Organizzazione e Gestione | MOG 231 – Modelli di Organizzazione e Gestione
Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

Archive for febbraio, 2017

28
Feb

Ministro Lorenzin su approvazione Ddl Responsabilità professionale sanitaria

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231Comunicato del 28/02/2017 n°24
28
Feb

Responsabilità dell’ingegnere nell’esercizio di una professione

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231

La responsabilità dell’ingegnere  per terremoti, frane, crolli e altri disastri

Responsabilità dell’ingegnere nell’esercizio di una professione

E-learningNell'ambito del Seminario tecnico: Responsabilità dell’ingegnere nell’esercizio della professione, pubblichiamo in allegato gli atti del Avv. Claudio Coratella tenutosi nel seminario del 16 febbraio 2017 presso l'Ordine degli Ingegneri della provincia di ROMA. In materia edlizia il principale riferimento normativo è il D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 Il c.d. Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia (TUE) L’articolo 44 del D.P.R. 380/2001 individua le sanzioni penali, più ricorrenti in materia di abusi urbanistico-edilizi. Art. 44 - Sanzioni penali (Le sanzioni pecuniarie di cui al presente articolo sono aumentate del cento per cento ai sensi dell'art. 32, comma 47, legge n. 326 del 2003) Salvo che il fatto costituisca più grave reato e ferme le sanzioni amministrative, si applica: l'ammenda fino a 10.329 euro per l'inosservanza delle norme, prescrizioni e modalità esecutive previste dal presente titolo, in quanto applicabili, nonché dai regolamenti edilizi, dagli strumenti urbanistici e dal permesso di costruire; b) l'arresto fino a due anni e l'ammenda da 5.164 a 51.645 euro nei casi di esecuzione dei lavori in totale difformità o assenza del permesso o di prosecuzione degli stessi nonostante l'ordine di sospensione; c) l'arresto fino a due anni e l'ammenda da 15.493 a 51.645 euro nel caso di lottizzazione abusiva di terreni a scopo edilizio, come previsto dal primo comma dell'articolo 30. La stessa pena si applica anche nel caso di interventi edilizi nelle zone sottoposte a vincolo storico, artistico, archeologico, paesistico, ambientale, in variazione essenziale, in totale difformità o in assenza del permesso. Art. 44 - Sanzioni penali 2-bis. (…) Le disposizioni del presente articolo si applicano anche agli interventi edilizi suscettibili di realizzazione mediante segnalazione certificata di inizio attività ai sensi dell'articolo 23, comma 01, eseguiti in assenza o in totale difformità dalla stessa. (comma aggiunto dal d.lgs. n. 301 del 2002) Tali sanzioni possono essere applicate anche agli ingegneri, tenuto conto di quanto stabilito dall'art. 29 del medesimo D.P.R. 380/2001, laddove assumano la qualifica di direttore dei lavori o di progettista.    E-learningResponsabilità dell’ingegnere nell’esercizio di una professione File formato PPT per powerpoint

 
28
Feb

La responsabilità delle figure di cantiere previste dal D. Lgs. 81

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231

L’ORGANIZZAZIONE AZIENDALE PRINCIPALI SOGGETTI E RELATIVI OBBLIGHI

La responsabilità delle figure di cantiere previste dal D. Lgs. 81

downloadCome in ogni luogo di lavoro anche nei cantieri edili esistono una serie di figure che si occupano della sicurezza sul lavoro. In questi ambienti sono ruoli fondamentali dato l’alto rischio a cui sono sottoposti i lavoratori. Per questa ragione, oltre che per l’obbligo di legge, i corsi sulla sicurezza nei cantieri edili sono di fondamentale importanza. Per la gestione della salute e sicurezza in cantiere concorrono diverse figure professionali, individuate per ogni impresa, ognuna delle quali ha le responsabilità proprie del ruolo svolto, ma inscindibili da tutti gli altri ruoli presenti, in quanto tutto può funzionare solo se funziona ogni suo componente. Nell'ambito del Seminario tecnico: Responsabilità dell’ingegnere nell’esercizio della professione, pubblichiamo in allegato gli atti del Ing. Massimo Cerri tenutosi nel seminario del 16 febbraio 2017 presso l'Ordine degli Ingegneri della provincia di ROMA. Il datore di lavoro è quel soggetto che secondo il Testo Unico sulla sicurezza nei luoghi di lavoro è titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore o, si deve intendere il soggetto che a seconda dell'organizzazione aziendale che dirige, ha la responsabilità dell'organizzazione stessa o dell'unità produttiva in quanto esercita i poteri decisionali e di spesa. Differente è la definizione di datore di lavoro nelle amministrazioni pubbliche. In questo ambito tale figura coincide con il dirigente dotato di poteri gestionali, oppure può essere rappresentato da un funzionario che non ricopre un ruolo dirigenziale, ma che in seguito ad una nomina ricevuta dai vertici delle amministrazioni ha la facoltà di decidere autonomamente su tutto quello che riguarda la conduzione dell'apparato che dirige Dirigente persona che, in ragione delle competenze professionali e di poteri gerarchici e funzionali adeguati alla natura dell’incarico conferitogli, attua le direttive del datore di lavoro organizzando l’attività lavorativa e vigilando su di essa; Preposto è colui che sulla base delle competenze professionali acquisite, coordina e controlla il regolare svolgimento delle attività lavorative e assicura la realizzazione delle direttive ricevute, grazie anche al potere funzionale di cui è dotato. Le posizioni di garanzia relative ai soggetti di cui all’articolo 2, comma 1, lettere b), d) ed e), gravano altresì su colui il quale, pur sprovvisto di regolare investitura, eserciti in concreto i poteri giuridici riferiti a ciascuno dei soggetti ivi definiti. D.Lgs 81/08 Quadro Organizzativo Nell’ambito delle rispettive attribuzioni e competenze hanno obblighi. Le figure in cantiere previste la Sicurezza

downloadLa responsabilità delle figure di cantiere previste dal D. Lgs. 81

Le slide da scaricare sono in formato PPT per powerpoint

 
28
Feb

Quante volte al giorno diffondi le tue informazioni “PRIVACY” senza alcuna forma di tutela della sicurezza e riservatezza?

La Società di Consulenza e Formazione  MODI SRL di Mestre e Spinea Venezia ha a cuore la PRIVACY. Quante volte al giorno diffondi le tue informazioni "PRIVACY" senza alcuna forma di tutela della sicurezza e riservatezza? Per tutelare la Privacy non sono più efficaci e sufficienti le Leggi, regole e controlli locali o nazionali. La tutela della privacy oggigiorno può avvenire solo attraverso un “sistema di misure legislative, tecniche, di controllo, sanzionatorie e di repressione” valide in modo globale e volte a difendere la sicurezza e l’integrità dell’identità individuale.
Per approfondire lo stretto legame che c’è tra gestione della privacy e gestione della sicurezza informatica sia nella vita quotidiana di ogni individuo che nella vita aziendale, è necessario considerare che l’informazione è diventata digitale. Nella vita di tutti i giorni difondiamo le nostre informazioni digitali nei sistemi che utilizziamo e questo lo facciamo spesso senza alcuna forma di tutela della sicurezza e riservatezza. Alcuni esempi di attività tracciabili possono essere: • Dati memorizzati su banche dati e su PC; • Navigazione in internet (cookies, profili, indirizzi email, ecc…); • Pagamenti Bancomat o con Carte di Credito; • Carte fedeltà, sistemi di data mining; • Uso dei telefoni fissi e dei cellulari; • Carte del cittadino, carte sanitarie; • Sistemi di identificazione (DRM, telepass, firma digitale, ecc..); • RFID (informazioni su oggetti, animali, persone, ecc..); • Sistemi di localizzazione (antifurti satellitari, controllo posizione, ecc..); • Sistemi di videosorveglianza.
La Società di Consulenza MODI S.r.l.  con sedi a  Mestre e Spinea (VE), informa le PMI che dal 25 Maggio 2016 è entrato in vigore il Regolamento europeo n. 679/2016 in materia di protezione dei dati personali che diventerà definitivamente applicabile in tutti i Paesi UE a partire dal 25 maggio 2018, data entro la quale ogni stato membro dovrà allineare la propria legge sulla privacy al nuovo regolamento. Si attendono quindi le decisioni del Garante Privacy in merito agli interventi di adeguamento alla normativa italiana che, ricordiamo, è il Codice in Materia di Protezione dei Dati Personali D.Lgs. n. 196/2003 in vigore dal 1 gennaio 2004. Per informazioni 800300333 o contattateci!
28
Feb

Biennale dello spazio pubblico: 150 risposte alla call ‘Fare spazi pubblici’

28/02/2017 - Sono oltre 150 le proposte arrivate alla call ‘Fare spazi pubblici’ promossa nell’ambito della quarta edizione della Biennale dello spazio pubblico.   La manifestazione si terrà alla Facoltà di architettura di Roma Tre all’ex Mattatoio di Testaccio, dal 25 al 27 maggio prossimi, ed è promossa dall’Istituto Nazionale di Urbanistica assieme alla sua sezione laziale, dal Consiglio Nazionale Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori (CNAPPC), dall’Ordine degli architetti di Roma e dal Dipartimento di Architettura dell’Università Roma Tre, con la collaborazione di UN-Habitat e di Anci.   La call è stata strutturata su due binari, eventi territoriali e laboratori tematici. Attraverso le proposte accolte di eventi territoriali si costruirà un calendario di iniziative (come convegni e seminari) che associazioni, enti pubblici e privati, cittadini organizzeranno su tutto il..
Continua a leggere su Edilportale.com

28
Feb

Efficienza energetica: 100 milioni di euro per le imprese del Sud

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23128/02/2017 - In arrivo 100 milioni di euro per promuovere l’efficientamento energetico delle imprese in Basilicata, Campania, Calabria, Puglia e Sicilia. Le risorse (a valere sul Programma Operativo Nazionale (PON) Imprese e competitività) sono contenute nel DM 7 dicembre 2016 che disciplina le modalità e i termini per la concessione delle agevolazioni per programmi di sviluppo per la tutela ambientale. Efficienza energetica al Sud: il bando Il bando incentiva programmi di sviluppo che consentano la riduzione dei consumi energetici e delle emissioni di gas climalteranti delle imprese e delle aree produttive del Sud. Possono accedere alle agevolazione le imprese, di qualunque dimensione, che realizzano programmi di sviluppo riferibili ai settori d’impresa qualificabili come energivori. È previsto, inoltre, che possano beneficiare delle agevolazioni anche le imprese, di qualunque dimensione, qualificabili come a forte.. Continua a leggere su Edilportale.com
28
Feb

Gare di progettazione, in vigore i nuovi requisiti per i professionisti

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231progettazione28/02/2017 – Entrano in vigore oggi i nuovi requisiti per la partecipazione alle gare di progettazione previsti dal DM 263/2016, attuativo del Codice Appalti (D.lgs. 50/2016). Requisiti dei professionisti singoli o associati In base al nuovo decreto, i professionisti devono risultare in possesso della laurea in ingegneria o architettura o in una disciplina tecnica attinente all’attività prevalente oggetto del bando di gara. Nelle procedure di affidamento che non richiedono il possesso della laurea, è necessario avere il diploma di geometra o un altro diploma tecnico attinente alla tipologia dei servizi da prestare. A prescindere dal titolo di studio richiesto, i professionisti devono essere abilitati all’esercizio della professione ed iscritti al relativo Albo professionale o, in alternativa, essere abilitati all’esercizio della professione secondo le norme dei Paesi dell’Unione.. Continua a leggere su Edilportale.com
28
Feb

Autorizzazione paesaggistica semplificata, il decreto verso la pubblicazione

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23128/02/2017 – La norma che regola l'autorizzazione paesaggistica semplificata si avvia verso la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale; il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha, infatti, firmato il 13 febbraio scorso il decreto che definisce gli interventi per cui l’autorizzazione paesaggistica non è richiesta e i casi in cui è sufficiente un procedimento semplificato. Autorizzazione paesaggistica: verso la semplificazione Il nuovo decreto sull’autorizzazione paesaggistica semplificata, presto operativo, si inserisce nel processo di razionalizzazione delle procedure inerenti alle attività edilizie e individua con precisione 31 interventi liberi e i 42 di modesta entità che possono seguire l'iter semplificato. Nell’allegato A vengono definiti i piccoli interventi che, anche se realizzati su beni vincolati, sono esclusi dall’autorizzazione paesaggistica. Tra questi ci sono,.. Continua a leggere su Edilportale.com
27
Feb

Domani X Giornata Mondiale Malattie Rare al Quirinale

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231Comunicato del 27/02/2017 n°23
27
Feb

Responsabilità RSPP, sovraccarico biomeccanico, vigilanza, amianto

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
Responsabilità RSPP, sovraccarico biomeccanico, vigilanza, amianto
news sicurezza ambiente qualità Responsabilità RSPP, sovraccarico biomeccanico, vigilanza, amianto Newsletter 12 del 27 Febbraio 2017
In caso di difficoltà nel recupero credenziali, non esiti a inviare una mail a mail@portaleconsulenti.it o 347 71.74.164. Ricordiamo che l'accesso al Portale è Gratuito per l'utilizzo dell'intera Banca Dati.
E-learning Responsabilità civili e penali del R.S.P.P. Cosa intendiamo per Responsabilità
E-learning Lista di controllo per il sovraccarico biomeccanico IL SOPRALLUOGO MIRATO AL SOVRACCARICO BIOMECCANICO
E-learning chiarimenti organizzativi sull’attività di vigilanza INL: cir.2 – profili logistici, di coordinamento e di programmazione dell’attività di vigilanza
E-learning Serpentinite contenente amianto Regole vitali in caso di lavorazione
E-learning Aria compressa il pericolo invisibile Pistole di soffiaggio e raccordi: obiettivi di sicurezza e soluzioni
E-learning RFI, Rischio chimico, Pesticidi, Medico competente news sicurezza ambiente qualità RFI, Rischio chimico, Pesticidi, Medico competente Newsletter 11