1 14 luglio 2017 - MOG 231 - Modelli di Organizzazione e Gestione | MOG 231 – Modelli di Organizzazione e Gestione
Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

Archive for luglio 14th, 2017

14
Lug

Hai sede a Marghera o nelle vicinanze? Cerchi un corso sicurezza? Devi applicare le normative? Chiama MODI SRL.

Per la corretta applicazione delle normative chiama MODI SRL. Sapremo mettere a tua disposizione la nostre e esperienza Il rapporto qualità/prezzo dei corsi  in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro per nuovi assunti, addetti al primo soccorso, addetti alla lotta antincendio, preposti, dirigenti e datori di lavoro e ottimo. Le aule corsi sono organizzate a Marghera, Mestre, Venezia, Marcon, Noale e in altre importanti città del Veneto.
Il datore di lavoro deve anche adempiere agli obblighi che gli impongono di mettere nelle condizioni il lavoratore di utilizzare macchinari, utensili e strumentazioni che non presentino nessun rischio per la salute e l’integrità.
Oltre al dovere di informare, al datore di lavoro viene anche attribuito il compito di vigilare e verificare il rispetto da parte dei lavoratori delle norme antinfortunistiche. Per cui quello del datore di lavoro è un duplice ruolo, da un lato deve garantire una corretta informazione ed un esatto addestramento, dall’altro deve osservare attentamente che quanto insegnato sia poi messo in pratica dai suoi lavoratori.
Il D.Lgs. 81/08 prevede un percorso formativo dedicato per il personale che fa parte della Squadra Antincendio Aziendale.
Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.ite www.corsionlineitalia.it. E-mail MODI NETWORK modisq@tin.it
 
14
Lug

Periferie da riqualificare, il 20 luglio il bando per progettisti under 35

14/07/2017 – Il 20 luglio sarà pubblicato il concorso d’idee per la progettazione di interventi di riqualificazione di 10 aree periferiche. L’iniziativa, promossa dalla Direzione Generale Arte e Architettura Contemporanee e Periferie Urbane (DGAAP) del Ministero dei Beni Culturali (MIBACT) e dal Consiglio Nazionale degli Architetti Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori (CNAPPC), darà a 10 progettisti under 35 (architetti e ingegneri) l’opportunità di presentare proposte ideative sulle 10 aree periferiche selezionate attraverso il bando aperto a tutti i Comuni d’Italia.   Le 10 aree urbane periferiche selezionate Questa seconda edizione del bando ha visto la partecipazione di 57 Comuni che hanno proposto complessivamente 61 aree. Calabria, Toscana, Campania, Sicilia e Piemonte le Regioni con il maggior numero di proposte inviate; a livello di Province le più prolifiche sono..
Continua a leggere su Edilportale.com

14
Lug

Marche, online gratis la cartografia ‘open data’

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23114/07/2017 - Implementare i servizi digitali rivolti ai cittadini e il diritto di accesso alle informazioni della Regione. È l’obiettivo del provvedimento adottato dalla Giunta regionale delle Marche che mette a disposizione, gratuitamente e con licenza ‘open data’ la cartografia in proprio possesso. Attraverso il sito web della P.F. Urbanistica e il portale regionale degli Open data, entro l’estate sarà possibile scaricare la Carta tecnica regionale (indispensabile per ogni pianificazione territoriale) e, successivamente, la Banca dati geologica. Ulteriori dati saranno resi disponibili nel tempo. “La diffusione delle informazioni cartografiche e del database geologico nel formato digitale sta sempre più coinvolgendo una vasta platea di utenti - afferma l’assessore all’Urbanistica Anna Casini. Negli anni si sta registrando una consistente riduzione della richiesta cartacea a favore di materiale informatizzato”. “La.. Continua a leggere su Edilportale.com
14
Lug

Permesso di costruire, no alla proroga per motivi economici

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23114/07/2017 – Il termine entro cui devono iniziare i lavori può essere prorogato solo per cause oggettive, che non dipendono dal titolare del permesso di costruire. Il principio è stato stabilito dal Tar Veneto con la sentenza 652/2017. Nel caso preso in esame dal Tribunale Amministrativo, il titolare del permesso di costruire aveva chiesto una proroga sull’inizio dei lavori “per sopravvenute difficoltà economiche familiari non prevedibili al momento del rilascio del titolo autorizzativo”. Inizialmente il Comune aveva accordato la proroga, ma successivamente aveva ritirato il provvedimanto, facendo scattare il ricorso dell’interessato I lavori devono iniziare entro un anno I giudici hanno spiegato che, in base all’articolo 15 del Testo unico dell’edilizia (Dpr 380/2001), i lavori devono iniziare entro un anno dal rilascio del permesso di costruire e devono essere completati entro tre anni dall’inizio.. Continua a leggere su Edilportale.com
14
Lug

Terremoto, dall’Enea un ‘kit antisismico’ per pareti

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23114/07/2017 - Un kit prefabbricabile e modulare composto da piani cordati e pannelli in fibra di canapa che, opportunamente combinati tra loro, sono in grado di contenere gli effetti espulsivi provocati dalle scosse sismiche e garantire al tempo stesso un elevato comfort termoacustico e isolante. È il sistema antisismico per pareti, brevettato dall’ENEA, che coniuga sicurezza, risparmio energetico e sostenibilità. Applicabile sia su edifici nuovi che esistenti, si tratta di un sistema ideale per rinforzare le tamponature, vale a dire gli elementi che delimitano gli ambienti di un fabbricato e che spesso vengono ‘espulse’ in caso di scosse, provocando danni ingenti anche in assenza di lesioni importanti alle parti strutturali. I test numerici e sperimentali effettuati sulle corde - spiega l’ENEA - hanno dimostrato notevole resistenza e buona deformabilità. Studi recenti sulla canapa condotti da ENEA hanno evidenziato.. Continua a leggere su Edilportale.com
14
Lug

Centro Italia, al via la progettazione per 87 scuole

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23114/07/2017 – Sono 87 gli edifici scolastici da ricostruire o riparare sulla base del programma straordinario per la riapertura delle scuole danneggiate o distrutte in seguito agli eventi sismici del 2016. Le scuole sono state individuate con l’ordinanza 33/2017 che fissa anche una serie di regole per la progettazione degli interventi di nuova costruzione e adeguamento. Gli interventi sulle 87 scuole in Centro Italia Le Regioni colpite dal sisma (Abruzzo, Lazio, Marche ed Umbria) hanno proposto al Commissario straordinario per la ricostruzione, Vasco Errani, interventi di ricostruzione o adeguamento di edifici scolastici distrutti o danneggiati. Il risultato sono le 87 scuole contenute nell’Allegato 1 all’ordinanza. Alcune di esse hanno ottenuto un esito di agibilità “B” o “C”. Questo significa che l’inagibilità e il pericolo è limitato ad alcune parti e che possono tornare in funzione dopo interventi.. Continua a leggere su Edilportale.com