1 1 settembre 2017 - MOG 231 - Modelli di Organizzazione e Gestione | MOG 231 – Modelli di Organizzazione e Gestione
Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

Archive for settembre 1st, 2017

1
Set

L’aggiornamento costante del Documento di Valutazione dei Rischi (DVR)

 
Tra le più frequenti cause di affidamento in esterno è la dimensione aziendale che prevede appunto una figura diversa dal datore di lavoro e la criticità di gestione di vari cantieri come nel settore edile.
Di seguito alcuni esempi di attività in cui i consulenti  MODI SRL, esperti in consulenza sicurezza con incarichi di RSPP in PMI del Veneto e del Nord Est, possono fornire la loro assistenza: L’aggiornamento costante del Documento di Valutazione dei Rischi (DVR) e inserimento della valutazione del Rischio Stress Lavoro Correlato, Radiazione Ottiche Artificiali (ROA), ecc; Assistenza al Responsabile del Servizio di Protezione e Prevenzione D.Lgs. 81/2008 o assunzione diretta dell’incarico di RSPP in tutti i macrosettori ATECO; La realizzazione del DUVRI – Documento Unico di Valutazione dei Rischi da Interferenze (ai sensi dell’art. 26 comma 3 del D.Lgs. 81/2008); La stesura del POS – Piano Operativo Sicurezza (ai sensi dell’art. 17 comma 1 del D.Lgs. 81/2008); Lo studio e la progettazione del Piano di Emergenza ed Evacuazione comprensivo di relazione tecnica e planimetrie (ai sensi del D.M.10 marzo 1998); La Valutazione dei Rischi negli ambienti di lavoro e redazione dei relativi documenti di valutazione (art. 28 comma 2 del D.Lgs 81/2008); La Valutazione del rischio Chimico negli ambienti di lavoro (TITOLO IX Capo I del D.Lgs 81/2008); La Valutazione del rischio Rumore negli ambienti di lavoro (TITOLO VIII Capo II del D.Lgs 81/2008) mediante rilievi strumentali; La Valutazione del rischio Vibrazioni negli ambienti di lavoro (TITOLO VIII Capo III del D.Lgs 81/2008); La Valutazione dei campi elettromagnetici negli ambienti di lavoro (Capo IV del Titolo VIII del D.Lgs 81/2008); L’ acustica Ambientale, Edilizia e Architettonica negli ambienti di lavoro (D.P.C.M. del 14 novembre del 1997); Effettuazione della valutazione del rischio incendio (art. 46 D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10/03/98); Effettuazione della valutazione rischio esplosioni (titolo XI); Stesura ex-novo oppure aggiornamento delle procedure operative necessarie per la gestione della SSLL; Assistenza per eventuali contatti con enti esterni; Aggiornamenti normativi in materia di sicurezza sul lavoro; Organizzazione di corsi primo soccorso, antincendio, lavoratori, RLS, preposti, dirigenti, operatori stradali, attrezzature (gru, PLE, carrelli, ponteggi fissi).
Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.ite www.corsionlineitalia.it. E-mail MODI NETWORK modisq@tin.it
 
1
Set

Centro Italia, in arrivo 1,2 miliardi di euro dalla UE

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231 01/09/2017 - Nella settimana dell’11 settembre il Parlamento europeo si esprimerà sullo stanziamento da 1,2 miliardi di euro per la ricostruzione in Centro Italia, approvato il 30 agosto dalla commissione Bilanci UE. La somma, la più alta mai stanziata dall’Unione Europea, proverrà dal Fondo di solidarietà dell’UE e sarà utilizzata in primo luogo per costruire nuove soluzioni abitative, per riparare le infrastrutture e per mettere in sicurezza e ristrutturare edifici pubblici e siti architettonici e culturali. “L’Europa interviene direttamente per alleviare nell’immediato la sofferenza e il disagio di chi è stato colpito dal sisma, offrendo aiuti per le abitazioni provvisorie, svolgendo degli interventi che aiutano a recuperare la storia del territorio e riparando delle infrastrutture che sono necessarie per far ripartire la vita a livello locale” ha dichiarato il relatore della proposta.. Continua a leggere su Edilportale.com
1
Set

Abitazioni, agenti immobiliari: mercato verso la stabilizzazione

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23101/09/2017 – Il mercato immobiliare italiano si avvia alla stabilizzazione secondo le agenzie immobiliari: nel secondo trimestre del 2017 è diminuita la quota di operatori che segnalano pressioni al ribasso sulle quotazioni immobiliari e si stabilizzano il numero di potenziali acquirenti e i margini di sconto sul prezzo inizialmente richiesto dal venditore. Questi alcuni risultati dell’indagine congiunturale sul mercato delle abitazioni in Italia, realizzata dalla Banca d’Italia, da Tecnoborsa e dall’Osservatorio del mercato immobiliare dell’Agenzia delle Entrate, nel secondo trimestre del 2017 (dal 26 giugno al 21 luglio 2017) presso 1.300 agenzie immobiliari. Compravendite: il giudizio degli agenti immobiliari Nel secondo trimestre del 2017 aumentano le agenzie che, rispetto alla rilevazione precedente, hanno venduto almeno un’abitazione, passando dal 76,1% all’80,6%, quota che addirittura cresce di circa 9 punti percentuali.. Continua a leggere su Edilportale.com
1
Set

Ricostruzione Centro Italia, accordo tra Croce Rossa e Architetti

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23101/09/2017 - Donare ai territori colpiti dal sisma del 2016 strutture in grado di ricostruire il tessuto sociale con standard qualitativi alti. È questo l’obiettivo del protocollo d’intesa firmato ieri dalla Croce Rossa Italiana e dal Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori (Cnappc), nell’ambito del processo di ricostruzione del Centro Italia. Al centro dell’intesa c’è la promozione di concorsi di progettazione in due fasi, così come avviene in contesti internazionali, attraverso cui selezionare i migliori progetti e tracciare un percorso certo per la realizzazione dell’opera. I bandi di progettazione saranno elaborati dal Consiglio Nazionale degli Architetti e gestiti attraverso la piattaforma informatica dello stesso Consiglio, attraverso cui si potrà accedere al concorso per progettare le scuole, i centri polifunzionali e le strutture socio-sanitarie che Croce Rossa.. Continua a leggere su Edilportale.com
1
Set

Errori di progettazione, l’impresa deve correggerli

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23101/09/2017 – L’impresa è responsabile dei vizi presenti nel progetto che è chiamata a realizzare. Lo ha affermato nei giorni scorsi la Cassazione con la sentenza 20214/2017. In altre parole, ogni soggetto deve rispettare le regole della propria attività. Oltre a questo, se, in base alle competenze di cui è in possesso, si accorge di vizi o errori presenti nel progetto, ha l’obbligo di denunciarlo e farlo presente al committente. La situazione non cambia se il soggetto che realizza l'opera non si accorge degli errori pur avendo le competenze necessarie per farlo. Anche in questo caso è considerato responsabile degli errori commessi nella realizzazione dell’opera. Errori di progettazione e responsabilità dell’appaltatore Nel caso preso in esame, un privato aveva commissionato ad un'impresa la realizzazione di un immobile. La progettazione era stata seguita invece da un professionista.. Continua a leggere su Edilportale.com