1 4 ottobre 2017 - MOG 231 - Modelli di Organizzazione e Gestione | MOG 231 – Modelli di Organizzazione e Gestione
Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

Archive for ottobre 4th, 2017

4
Ott

Perchè iscriversi ai corsi di MODI SRL e scieglierne i servizi di Consulenza aziendale?

Competenza, professionalità, affidabilità e attenzione al Cliente sono le caratteristiche che ci riconoscono i nostri Clienti che cogliamo l'occasione di ringraziare per le recensioni postate in rete.
Secondo la fonte di ricerca Forrester & Jupiter il 71% dei consumatori online presta particolare attenzione alle recensioni dei clienti precedenti, il 77% basa la propria decisione di acquisto sulle opinioni reperibile in rete. Le sedi dove vengono svolte le lezioni in aula sono comode da raggiungere sia con i mezzi pubblici che con i propri mezzi e sono nelle città di Mestre, Marghera, Marcon, Mirano, Spinea, Treviso, Padova, Pordenone. Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.ite www.corsionlineitalia.it. E-mail MODI NETWORK modisq@tin.it
4
Ott

Ciclovia Ven-To Venezia-Torino, pubblicato il bando di progettazione

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23104/10/2017 - È stato pubblicato da Infrastrutture Lombarde S.p.A. il bando di gara per l’affidamento della progettazione della Ciclovia Ven-To, la ciclovia turistica Venezia-Torino. Si tratta di una procedura aperta del valore di 1 milione e 793 mila euro, articolata in due lotti, per la progettazione di fattibilità tecnica ed economica, completa dei necessari rilievi geometrici, accertamenti e indagini materiche e strutturali e relativi servizi di verifica, anche ai fini della validazione. Vedi il Bando e i documenti di gara. Le proposte progettuali vanno inviate entro le ore 16:00 del 3 novembre 2017. La Ciclovia Ven-To La Ciclovia Ven-To - dal costo stimato di 129,70 milioni di euro - si basa sul progetto Ven-To ‘In bicicletta da Venezia a Torino lungo il fiume Po’ redatto dal Dipartimento di Architettura e Pianificazione del Politecnico di Milano. Consiste in una ciclovia di 680 chilometri che corre.. Continua a leggere su Edilportale.com
4
Ott

In arrivo nuovi criteri ambientali minimi per l’illuminazione pubblica

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231 04/10/2017 – In arrivo nuovi criteri ambientali minimi (Cam) per l’efficienza energetica degli impianti di illuminazione pubblica; il Ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti ha, infatti, firmato un decreto che aggiorna le norme sulle sorgenti luminose (come lampade e LED), sulle apparecchiature (come gruppi ottici e alimentatori) e sugli impianti di illuminazione. Illuminazione pubblica: cosa prevede il decreto Il decreto affronta principalmente tre ambiti: l’innalzamento delle prestazioni richieste in tema di efficienza energetica, durata e affidabilità degli impianti, un approfondimento dei temi riguardanti l’inquinamento luminoso e gli aspetti sociali connessi agli appalti pubblici. Le modifiche ai CAM riguardano l’efficienza energetica, la durabilità e il tasso di guasto di tutti i corpi illuminanti. Le prestazioni richieste sono differenziate a seconda delle aree da illuminare, per adattarsi a ogni tipo di esigenza. Secondo.. Continua a leggere su Edilportale.com
4
Ott

Distanze minime, valgono solo per le nuove costruzioni

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23104/10/2017 – Solo i nuovi edifici devono rispettare le distanze minime previste dal DM 1444/1968. Questi limiti non valgono negli interventi di demolizione e ricostruzione. Lo ha affermato il Consiglio di Stato con la sentenza 4337/2017. Distanze minime nelle demolizioni e ricostruzioni L’articolo 9 del DM 1444/1968 stabilisce che nei nuovi edifici tra pareti finestrate e pareti di edifici antistanti deve esserci una distanza minima di 10 metri. Sono ammesse distanze inferiori nel caso di gruppi di edifici oggetto di piani particolareggiati o lottizzazioni convenzionate con previsioni planovolumetriche. Nei centri storici, invece, è vietato superare le distanze preesistenti, anche se inferiori ai limiti consentiti. Il CdS ha chiarito che per “nuovi edifici” bisogna intendere quelli costruiti per la prima volta. Solo in questo caso bisogna rispettare il limite dei 10 metri. Se due edifici si trovano invece ad una distanza minore.. Continua a leggere su Edilportale.com
4
Ott

Al via il bando per la concessione di 17 fari ed edifici costieri

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23104/10/2017 – Al via il terzo bando di gara per la concessione di 17 fari, torri ed edifici costieri a chi proporrà un progetto di valorizzazione e recupero. Il bando di gara 2017 Valore Paese-FARI è stato presentato ieri, a bordo della nave scuola della Marina Militare Amerigo Vespucci, dall’Agenzia del Demanio e da Difesa Servizi Spa. Concessione edifici costieri: cosa prevede il bando Il bando, oltre a consentire allo Stato di garantire la tutela e il recupero di questi “gioielli del mare”, offre un’opportunità concreta per sviluppare impresa e generare un significativo ritorno economico e sociale, anche per il territorio circostante. In coerenza con i principi dell’iniziativa, i beni potranno accogliere attività turistiche, ricettive, ristorative, ricreative, didattiche, promozionali, insieme ad iniziative ed eventi di tipo culturale, sociale, sportivo e per la scoperta del territorio... Continua a leggere su Edilportale.com