1 10 ottobre 2017 - MOG 231 - Modelli di Organizzazione e Gestione | MOG 231 – Modelli di Organizzazione e Gestione
Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

Archive for ottobre 10th, 2017

10
Ott

LA TUTELA DELLA “PRIVACY” IN UN MONDO IN COSTANTE EVOLUZIONE

LA TUTELA DELLA "PRIVACY" IN UN MONDO IN COSTANTE EVOLUZIONE
Ai giorni nostri l’informatica è diventa uno strumento di comunicazione di massa.
L’uso quotidiano di internet, dei social, i concetti di networking, cloud computing, ecc., sono ormai concetti familiari a tutti coloro che utilizzano un computer o un dispositivo informatico. Essi infatti non richiedono particolari competenze per essere usati, non necessitano di particolari configurazioni ed aggiornamenti e sono in grado di interagire autonomamente ed in modo automatico con altri apparecchi già presenti nel sistema informatico. MODI S.r.l. di Mestre e Spinea (VE) avvisa tutte le imprese che dal 25 Maggio 2016 è entrato in vigore il Regolamento europeo n. 679/2016 in materia di protezione dei dati personali il quale sarà definitivamente applicabile in tutti i Paesi UE a partire dal 25 maggio 2018. Entro questa scadenza ogni stato membro dovrà perciò allineare la propria legge sulla privacy al nuovo regolamento. Il Garante per la privacy ha elaborato una prima Guida all'applicazione del Regolamento UE 2016/679 in materia di protezione dei dati personali. La Guida traccia un quadro generale delle principali innovazioni introdotte dalla normativa e fornisce indicazioni utili sulle prassi da seguire e gli adempimenti da attuare per dare corretta applicazione alla normativa, già in vigore dal 24 maggio 2016 e che sarà pienamente efficace dal 25 maggio 2018. L'obiettivo della Guida è duplice: da una parte offrire un primo "strumento" di ausilio ai soggetti pubblici e alle imprese che stanno affrontando il passaggio alla nuova normativa privacy; dall'altro far crescere la consapevolezza sulle garanzie rafforzate e sui nuovi importanti diritti che il Regolamento riconosce alle persone. Il testo della Guida è articolato in 6 sezioni tematiche: Fondamenti di liceità del trattamento; Informativa; Diritti degli interessati; Titolare, responsabile, incaricato del trattamento; Approccio basato sul rischio del trattamento e misure di accountability di titolari e responsabili; Trasferimenti internazionali di dati. Ogni sezione illustra in modo semplice e diretto cosa cambierà e cosa rimarrà immutato rispetto all'attuale disciplina del trattamento dei dati personali, aggiungendo preziose raccomandazioni pratiche per una corretta implementazione delle nuove disposizioni introdotte dal Regolamento. La guida è disponibile sul sito del Garante www.garanteprivacy.it in formato ipertestuale navigabile. Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it e www.corsionlineitalia.it. E-mail MODI NETWORK modisq@tin.it
 
10
Ott

caduti sul lavoro, prevenzione incendi, mobbing

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
Qualità, Ambiente Sicurezza
News sicurezza ambiente qualità E-learning HSE, Banca dati Newsletter 44 del 10 Ottobre 2017 caduti sul lavoro, prevenzione incendi, mobbing
In caso di difficoltà nel recupero credenziali, non esiti a inviare una mail a mail@portaleconsulenti.it o 347 71.74.164. Ricordiamo che l'accesso al Portale è Gratuito per l'utilizzo dell'intera Banca Dati. Clicca qui per recupero facile delle credenziali linkedin
Gruppo linkedin del Portale Consulenti
Cliccando sul link del gruppo potrai ricevere le notifiche direttamente da Linkedin ed essere aggiornato costantemente sulle novità in ambito HSE sicurezza ambiente qualità E-learning
caduti sul lavoro Giornata in ricordo dei caduti sul lavoro Prevenzione e attenzione alle vittime
beni culturali Inquinamento atmosferico e beni culturali effetti sui materiali a Roma pubblicazione ISPRA
buone pratiche di protezione civile Io non rischio campagna di comunicazione nazionale sulle buone pratiche di protezione civile
incendi frantoio oleario-oleificio Linee guida prevenzione incendi frantoio oleario-oleificio Vigili del Fuoco con nota n. 12622 del 26-09-2017
Cinzia Frascheri Registri degli esposti ad agenti cancerogeni o mutageni e biologici e degli infortuni Documento a cura di Cinzia Frascheri
E-learning_2.png Campania, approvata la legge sul mobbing Passa la legge sul mobbing e il disagio lavorativo
HSE, sicurezza, ambiente, qualità, Elearning, HSE Stress, Coordinatore sicurezza, Legionella, Amianto HSE, sicurezza, ambiente, qualità, Elearning, HSE,

portale elearning formazioneIl Portale si avvale della collaborazione di numerosi consulenti esterni, di competenza e capacità comprovata. Il supporto costante permette di avere notizie sempre aggiornate ed interpretazioni tecnico/normative valide e congruenti con l’indirizzo del Legislatore. https://www.linkedin.com/groups/8532719.

L'iscrizione al gruppo diventa importante per l'invio di un riepilogo di tutte le attività del gruppo. Ricordiamo che siamo alla ricerca di writer editor che vogliono collaborare con il Portale. Le pubblicazioni saranno firmate da voi con logo e recapiti, mentre l'invio della newsletter settimanale ai circa 25.000 utenti sarà gestita dal nostro gruppo web. Potete inviare una mail a mail@portaleconsulenti.it o contattare il webmaster al 347 71.74.164. Ricordiamo che l'accesso al Portale è Gratuito per l'utilizzo dell'intera Banca Dati.

E-learning

 
10
Ott

Progettazione gratis, Comune Catanzaro: ‘vantaggi per tutta la comunità’

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23110/10/2017 – Lavorare gratis è possibile se arreca un vantaggio alla comunità. Questo, in sintesi, quanto dichiarato dall’architetto Giuseppe Lonetti, dirigente del Settore Urbanistica del Comune di Catanzaro, dopo le accese proteste dei professionisti contro la sentenza con cui il Consiglio di Stato ha affermato che la mancanza di un compenso non va contro la legge, ma viene bilanciata da un ritorno di immagine per il professionista. Lonetti si è scagliato prevalentemente contro le dichiarazioni di Giuseppe Cappochin, presidente dell'Ordine degli Architetti, pianificatori, paesaggisti e conservatori (Cnappc), che all'indomani della sentenza ha parlato di "caporalato intellettuale e professionale". Non si è fatta attendere la risposta di Cappochin, che ha accusato il Comune di "totale disinteresse per il destino delle opere pubbliche della città". Incarichi gratis, la posizione del Comune di.. Continua a leggere su Edilportale.com
10
Ott

Il social housing senior, student e collaborativo

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23110/10/2017 - Il social housing visto dal punto di vista collaborativo, dalle prospettive “senior” e delle residenze studentesche, un’analisi delle evoluzioni nel settore social impact investing. Sono gli argomenti trattati nella settima edizione di Urbanpromo social housing, l’evento di riferimento sull’abitare sociale, organizzato dall’Istituto Nazionale di Urbanistica e da da Urbit. Alla due giorni di analisi e approfondimento, tenutasi all’Open Incet a Torino, hanno partecipano i principali attori dell’housing sociale: in particolare CDP Investimenti Sgr (Gruppo Cassa depositi e prestiti), Programma Housing della Compagnia di San Paolo, Fondazione Sviluppo e Crescita della Cassa di Risparmio di Torino, Fondazione Housing Sociale e Fondazione CRC. L’housing sociale collaborativo Una definizione dell’housing sociale collaborativo è stata fornita da  Giordana Ferri, direttore esecutivo.. Continua a leggere su Edilportale.com
10
Ott

Appalti, in arrivo le nuove regole per i beni culturali

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23110/10/2017 – In arrivo la nuove regole per la partecipazione alle gare d’appalto, pubbliche o private, che riguardino le attività di scavo archeologico (comprese le indagini archeologiche subacquee), i lavori di monitoraggio, manutenzione e restauro su immobili sottoposti a tutela e il monitoraggio, la manutenzione e il restauro di beni culturali mobili e superfici decorate di beni architettonici. E’ stato, infatti, registrato alla Corte dei Conti, dopo il via libera del Consiglio di Stato, il DM 374/2017 del Ministero dei Beni culturali predisposto in attuazione all’articolo 146, comma 4 del Codice dei Contratti Pubblici (Dlgs 50/2016). La qualificazione per i lavori sui beni culturali Il DM specifica che le imprese che partecipano ad appalti su beni culturali devono dimostrare il possesso della qualifica specifica (ad esempio la OG2 relativa al Restauro e manutenzione dei beni immobili sottoposti a tutela, la OS25 relativa a scavi archeologici,.. Continua a leggere su Edilportale.com
10
Ott

Incarichi gratis, Inarsind: ‘pietra tombale sulla legalità’

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23110/10/2017 – I professionisti continuano ad emettere dichiarazioni di protesta contro la sentenza del Consiglio di Stato che ha considerato legittimo l’affidamento di incarichi di progettazione senza prevedere un compenso. Secondo Inarsind, sindacato degli Architetti e Ingegneri liberi professionisti, si tratta di una ‘pietra tombale sulla legalità’. Federarchitetti, Associazione nazionale di ingegneri a architetti liberi professionisti, annuncia il ricorso alla Corte per i diritti dell’uomo contro la schiavitù. Inarsind: ‘pietra tombale su libera professione e legalità’ Secondo Inarsind, “appare sconcertante la sentenza del Consiglio di Stato del 3 ottobre 2017 n°4614, in cui si configura una corrispondenza tra il concetto di sponsorizzazione e la gratuità delle prestazioni professionali. È incredibile che si possa asserire che una prestazione professionale, quale la redazione.. Continua a leggere su Edilportale.com
10
Ott

Macerie edili, il riutilizzo è consentito previa autorizzazione

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231 10/10/2017 – I materiali derivanti dalla demolizione di un edificio normalmente sono considerati rifiuti e devono essere portati in discarica. Per poterli riutilizzare è necessario dichiararlo prima di avviare il cantiere e ottenere le autorizzazioni ambientali. In quest’ultimo caso, ha affermato la Corte di Cassazione con la sentenza 41607/2017, i materiali possono essere considerati ‘sottoprodotti’. Macerie edili, quando sono sottoprodotti I sottoprodotti, ha ricordato la Cassazione, sono quelle sostanze o quegli oggetti dei quali sin dall'inizio sia certa, e non eventuale, la destinazione al riutilizzo nel medesimo ciclo produttivo o l’utilizzo da parte di terzi. L’intenzione deve quindi essere dichiarata prima di iniziare i lavori, cioè nel momento in cui si acquisiscono tutte le autorizzazioni del caso. Macerie edili depositate senza un piano preciso: sono rifiuti Nel caso preso in esame, il titolare.. Continua a leggere su Edilportale.com