1 12 ottobre 2017 - MOG 231 - Modelli di Organizzazione e Gestione | MOG 231 – Modelli di Organizzazione e Gestione
Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

Archive for ottobre 12th, 2017

12
Ott

I 60 giorni indicati nell’Accordo non costituiscono un periodo entro il quale il datore di lavoro ha l’obbligo di avviare la formazione di un dipendente nuovo assunto ma il periodo entro il quale lo stesso deve comunque completarla.

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231I 60 giorni indicati nell’Accordo non costituiscono un periodo entro il quale il datore di lavoro ha l’obbligo di avviare la formazione di un dipendente nuovo assunto ma il periodo entro il quale lo stesso deve comunque completarla.
Tra i le perplessità più frequenti in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, vi è soprattutto quella legata all'incertezza circa la propria formazione come datore di lavoro e su quella da far fare ai lavoratori.
In particolare il Datore di Lavorno non ha chiaro sucome deve comportarsi e quali sono gli obblighi per la propria ditta. L’obbligo della formazione dei lavoratori da parte del datore di lavoro è contenuto nel comma 1 dell’art. 37 del D. Lgs. 9/4/2008 n. 81, contenente il Testo Unico in materia di salute e sicurezza sul lavoro. Nel comma 4 dello stesso articolo si precisa il "quando" la suddetta formazione deve essere impartita ai lavoratori: “art 4. La formazione e, ove previsto, l'addestramento specifico devono avvenire in occasione: a) della costituzione del rapporto di lavoro o dell'inizio dell'utilizzazione qualora si tratti di somministrazione di lavoro; b) del trasferimento o cambiamento di mansioni; c) della introduzione di nuove attrezzature di lavoro o di nuove tecnologie, di nuove sostanze e preparati pericolosi”. La formazione dei lavoratori neoassunti così come quella dei nuovi  dirigenti e preposti deve avvenire anteriormente all'avvio dell'attività lavorative. Se ciò non risulta possibile contestualmente all'assunzione, la formazione stessa deve essere completata prima che il lavoratore sia adibito alla sua attività.
Per le piccole e medie imprese con sedi vicino Mestre, Marcon, Marghera, Mirano, Chioggia, Jesolo, San Donà di Piave, Treviso, Padova e Vicenza, organizziamo seminari gratuiti in materia di sicurezza e a 360 gradi offriamo corsi (aula, online o presso la sede del Cliente) per nuovi dipendenti, addetti al primo soccorso, antincendio, uso attrezzature.
Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.ite www.corsionlineitalia.it. E-mail MODI NETWORK modisq@tin.it
 
12
Ott

Progettazione gratis, Architetti Catanzaro: ‘le tutele non sono privilegi’

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23112/10/2017 – Dopo le polemiche sul bando per la realizzazione del Piano strutturale del comune di Catanzaro, che non prevede nessun compenso per i progettisti partecipanti, prende posizione anche l’Ordine degli Architetti, Paesaggisti, Pianificatori e Conservatori della provincia di Catanzaro. Il diritto alla retribuzione e la necessità di avere delle tutele, che non devono essere scambiate per privilegi, sono i cardini della nota del Cnappc di Catanzaro, che pubblichiamo integralmente. “Dopo fiumi di parole che hanno invaso ogni forma di comunicazione, dopo le amarezze, le acredini e le contrapposizioni che hanno contraddistinto l’intera vicenda per la redazione gratuita del PSC della Città di Catanzaro, è il momento di fare una riflessione profonda sugli effetti che la Sentenza n. 4614/2017 produrrà, oltre che sul destino della Città, sul lavoro di milioni di  liberi professionisti che, di colpo,  .. Continua a leggere su Edilportale.com
12
Ott

Catanzaro, Lonetti: ‘gli ordini diffondono un messaggio anticoncorrenziale’

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23112/10/2017 – Non si placano le proteste sul bando, pubblicato dal Comune di Catanzaro, per la redazione di un piano strutturale che non prevede nessun compenso per i progettisti. Da una parte gli Ordini professionali e le associazioni di categoria, che difendono il diritto a ricevere un pagamento per il lavoro svolto. Sul versante opposto il Comune di Catanzaro che sostiene di aver agito per il bene della collettività perché destinerà le risorse risparmiate ad altri interventi urgenti e perché i professionisti che svolgeranno l’incarico otterranno un guadagno in termini di visibilità, come accade nel caso delle sponsorizzazioni. In una lettera, che pubblichiamo integralmente, l’architetto Giuseppe Lonetti, dirigente del Settore Urbanistica del Comune di Catanzaro, continua ad alimentare il botta e risposta con i professionisti, mettendo anche in guardia gli Ordini dai rischi che corrono a tenere comportamenti in grado di limitare.. Continua a leggere su Edilportale.com
12
Ott

Immobili da costruire, chi acquista ‘su carta’ sarà più tutelato

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23112/10/2017 – Offrire maggiori garanzie a chi acquista un immobile “su carta”. È uno degli obiettivi della legge delega per la modifica della legge fallimentare, approvata definitivamente dal Senato. Nel testo per la “riforma delle discipline della crisi di impresa e dell’insolvenza” un articolo dedicato alle “garanzie in favore degli acquirenti degli immobili da costruire” prevede che il contratto sia stipulato per atto pubblico o per scrittura privata autenticata, in modo da garantire controlli maggiori sugli adempimenti di competenza del costruttore. Le garanzie già in vigore per gli acquirenti Chi acquista su carta è già tutelato dal D.lgs 122/2005. Al momento della stipula del contratto per il trasferimento non immediato della proprietà dell’immobile da costruire, il costruttore deve procurare all’acquirente una fideiussione pari alle somme riscosse e a quelle da.. Continua a leggere su Edilportale.com
12
Ott

Immobili da costruire, un ddl per tutelare chi acquista ‘su carta’

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23112/10/2017 – Offrire maggiori garanzie a chi acquista un immobile “su carta”. È uno degli obiettivi del disegno di legge delega per la modifica della legge fallimentare, approvato dalla Commissione Giustizia del Senato. Nel ddl per la “riforma delle discipline della crisi di impresa e dell’insolvenza” un articolo dedicato alle “garanzie in favore degli acquirenti degli immobili da costruire” prevede che il contratto sia stipulato per atto pubblico o per scrittura privata autenticata, in modo da garantire controlli maggiori sugli adempimenti di competenza del costruttore. Le garanzie già in vigore per gli acquirenti Chi acquista su carta è già tutelato dal D.lgs 122/2005. Al momento della stipula del contratto per il trasferimento non immediato della proprietà dell’immobile da costruire, il costruttore deve procurare all’acquirente una fideiussione pari alle somme riscosse.. Continua a leggere su Edilportale.com
12
Ott

Riscaldamento, sistemi efficienti per il controllo del calore

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23112/10/2017 – Il freddo autunnale è alle porte e il prossimo 15 ottobre si potranno riaccendere i riscaldamenti. Da quest’anno, però, c’è un obbligo in più per gli impianti centralizzati: dal 30 giugno 2017, infatti, è obbligatorio aver installato le valvole termostatiche e i contabilizzatori di calore in tutti i condomini in modo da gestire l’energia in maniera più efficiente e da suddividere equamente le bollette. Impianti di riscaldamento: gli obblighi di manutenzione In vista della riaccensione degli impianti, molti predispongono la manutenzione e tutte le operazioni necessarie per un corretto funzionamento dell’impianto. Come ricorda la CNA Impianti, affinché la manutenzione del proprio impianto venga fatta a regola d’arte, bisogna rivolgersi ad installatori o ditte specializzate abilitate ai sensi del DM 37/2008. Inoltre, come specifica il DPR 74/2013 all’articolo 7, le tempistiche.. Continua a leggere su Edilportale.com
12
Ott

Consumo di suolo, la coalizione ‘Salvailsuolo’ chiede di varare la legge

12/10/2017 - Le recenti tragedie ci ricordano che quando non si rispetta il suolo, le pur doverose opere di difesa sono sempre insufficienti a garantire la protezione di cittadini, abitazioni e città. Ora spetta al Parlamento rispettare la volontà dei cittadini e sbloccare la legge per il contenimento del consumo di suolo e la difesa delle aree agricole. Così la coalizione italiana ‘Salvailsuolo (formata da ACLI, Coldiretti, FAI - Fondo Ambiente Italiano, INU - Istituto Nazionale di Urbanistica, Legambiente, Lipu, Slow Food, WWF) annuncia la consegna al Presidente del Senato, Pietro Grasso, di 82.000 firme di altrettanti cittadini italiani che chiedono di tutelare il suolo libero e sano, una risorsa essenziale alla produzione agricola, nonché il più efficace sistema di difesa da alluvioni e altri eventi catastrofici. Quello dei firmatari italiani è un contributo importante che pesa sulle oltre 212.000 firme raccolte a livello.. Continua a leggere su Edilportale.com
12
Ott

Appalti pubblici, UE: ‘sviluppare strategie di professionalizzazione’

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23112/10/2017 – Definire una politica di professionalizzazione degli appalti pubblici, migliorare la formazione delle risorse umane e promuovere lo sviluppo e l'adozione di strumenti informatici in grado di semplificare e migliorare il funzionamento dei sistemi di appalti. Questi gli obiettivi delineati dalla Raccomandazione UE 2017/1805, pubblicata Gazzetta Ufficiale dell’Ue del 7 ottobre, relativa alla costruzione di un'architettura per la professionalizzazione degli appalti pubblici. Appalti pubblici: definire la politica di professionalizzazione Secondo l’UE, gli Stati membri dovrebbero sviluppare e attuare strategie a lungo termine di professionalizzazione degli appalti pubblici, adattate alle loro esigenze, risorse e struttura amministrativa. Tali strategie devono rivolgersi a tutti i soggetti che partecipano alle procedure di appalto e devono essere applicate in coordinamento con le altre politiche in tutto il settore pubblico.. Continua a leggere su Edilportale.com