1 13 novembre 2017 - MOG 231 - Modelli di Organizzazione e Gestione | MOG 231 – Modelli di Organizzazione e Gestione
Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

Archive for novembre 13th, 2017

13
Nov

Piattaforma multimediale attiva 365 giorni all’anno 24 ore su 24 è rivolta a tutti i lavoratori, datori di lavoro, preposti, dirigenti.

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231Piattaforma multimediale attiva 365 giorni all'anno 24 ore su 24 è rivolta a tutti i lavoratori, datori di lavoro, preposti, dirigenti.
L'offerta formativa che proponiamo online con piattaforma multimediale attiva 365 giorni all'anno 24 ore su 24 è rivolta a tutti i lavoratori, datori di lavoro, preposti, dirigenti.
Vi sono corsi specifici anche per tecnici, ingegneri, architetti che svolgono il ruolo di RSPP/ASPP e/o coordinatori della sicurezza.
Vi sono corsi di alta formazione per tecnici, ingegneri, architetti che svolgono il ruolo di RSPP/ASPP e coordinatori della sicurezza. Per queste figure sono a disposizione corsi di aggiornamento con rilascio di CFP.
I corsi a distanza sono comodi, economici e proposti a condizioni economiche vantaggiose e in offerta.
La modalità di frequenza a distanza, viene raccomandato dagli stessi allievi alla pagina DICONO DI NOI.
Riteniamo che, quando c'è soddisfazione per un prodotto o un servizio acquistato, venga "naturale" parlarne bene con i propri amici, colleghi, Clienti ecc. e i nosri allievi ci regalano questa soddisfazione pubblicando in rete un loro commento.
Per raccogliere elementi utili per fare una valutazione sui nostri corsi prendete visione dei commenti lasciati dai discenti nella pagina "dicono di noi" dei nostri siti web.
Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it e www.corsionlineitalia.it. E-mail MODI NETWORK modisq@tin.it
13
Nov

I punti fondamentali del nuovo Regolamento 679/2016

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
I Punti fondamentali del nuovo Regolamento sono:
ACCOUNTABILITY art. 5 co. 2:
che specifica la “responsabilizzazione” del Titolare/Responsabile, che deve mettere in atto misure tecniche e organizzative adeguate per garantire che il trattamento sia effettuato conformemente al Regolamento (art. 24-25 e l’intero CAPO IV) In tal senso risulta utile l’adesione a codici di condotta o meccanismi di certificazione.
E il DATA PROTECTION IMPACT ASSESSMENT
art. 35:
ogni trattamento di dati personali che presenta rischi per i diritti e le libertà degli individui deve essere esaminato attentamente. La valutazione di impatto sui dati personali, oltre ad essere obbligatoria quando vengono trattati dati sensibili o giudiziari, è dovuta anche nei casi di trattamenti automatizzati e nei casi di profilazione.
VALUTAZIONE DI IMPATTO PRIVACY art. 35 - 36 Attività funzionale alla progettazione di sistemi di gestione privacy che siano conformi ai principi della privacy by design e privacy by default (art. 25). Viene introdotto il principio per cui la privacy va considerata e applicata fin dalla sua fase di progettazione
DATA PROTECTION OFFICER Art. 37, 38, 39 Obbligatorio per P.A. (eccetto autorità giudiziarie), per trattamenti su larga scala di dati sensibili, e per  trattamenti che richiedono controllo sistematico e regolare degli interessati.
DATA BREACH NOTIFICATION art. 33 Il Regolamento introduce, in capo ai titolari del trattamento, un obbligo generalizzato di comunicazione delle violazioni dei dati personali.
Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.ite www.corsionlineitalia.it. E-mail MODI NETWORK modisq@tin.it
13
Nov

I punti fondamentali del nuovo Regolamento 679/2016

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
I Punti fondamentali del nuovo Regolamento sono:
ACCOUNTABILITY art. 5 co. 2:
che specifica la “responsabilizzazione” del Titolare/Responsabile, che deve mettere in atto misure tecniche e organizzative adeguate per garantire che il trattamento sia effettuato conformemente al Regolamento (art. 24-25 e l’intero CAPO IV) In tal senso risulta utile l’adesione a codici di condotta o meccanismi di certificazione.
E il DATA PROTECTION IMPACT ASSESSMENT
art. 35:
ogni trattamento di dati personali che presenta rischi per i diritti e le libertà degli individui deve essere esaminato attentamente. La valutazione di impatto sui dati personali, oltre ad essere obbligatoria quando vengono trattati dati sensibili o giudiziari, è dovuta anche nei casi di trattamenti automatizzati e nei casi di profilazione.
VALUTAZIONE DI IMPATTO PRIVACY art. 35 - 36 Attività funzionale alla progettazione di sistemi di gestione privacy che siano conformi ai principi della privacy by design e privacy by default (art. 25). Viene introdotto il principio per cui la privacy va considerata e applicata fin dalla sua fase di progettazione
DATA PROTECTION OFFICER Art. 37, 38, 39 Obbligatorio per P.A. (eccetto autorità giudiziarie), per trattamenti su larga scala di dati sensibili, e per  trattamenti che richiedono controllo sistematico e regolare degli interessati.
DATA BREACH NOTIFICATION art. 33 Il Regolamento introduce, in capo ai titolari del trattamento, un obbligo generalizzato di comunicazione delle violazioni dei dati personali.
Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.ite www.corsionlineitalia.it. E-mail MODI NETWORK modisq@tin.it
13
Nov

Dalla Direttiva al Regolamento UE 679/2016 GDPR

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
La ragione che ha portato dalla direttiva al regolamento UE 679/2016 è esplicitato nei considerando 6 e 7: La raccolta di dati personali è aumentata in modo significativo. La tecnologia attuale consente tanto alle imprese private quanto alle autorità pubbliche di utilizzare dati personali, come mai in precedenza, nello svolgimento delle loro attività. Le organizzazioni hanno di pochi mesi per conformarsi al nuovo regolamento 679/16. Entro il 24/05/18 per non incorrere in sanzioni! Entro il 24 maggio 2018, tutte le aziende di Europa dovranno adeguarsi al nuovo REGOLAMENTO EUROPEO PRIVACY UE 2016/679. Viene richiesto a tutti anche di cooperare con l’autorità di controllo notificando qualsiasi violazione dei dati personali alla stessa e al diretto interessato.
Contattando la segreteria organizzativa al numero verde 80030033 (gratis anche da mobile) è possibile richiedere un appuntamento per un preventivo di consulenza personalizzato. Non aspettate l’ultimo momento per adeguarsi al REGOLAMENTO 2019/679 PRIVACY O GDPR! Per la consultazione del Regolamento 679/16, slide, video, materiali, faq ecc., lo staff di Consulenza Privacy Regolamento UE 679/2016 by MODI S.r.l. ha messo a disposizione per gli interessati anche un sito internet dedicato www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it
13
Nov

Finanziamenti, modulistica, DPI

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
Qualità, Ambiente SicurezzaNews sicurezza ambiente qualità E-learning HSE, Banca dati Newsletter 49 del 13 novembre2017 Finanziamenti, modulistica, DPI. In caso di difficoltà nel recupero credenziali, non esiti a inviare una mail a mail@portaleconsulenti.it o 347 71.74.164. Ricordiamo che l'accesso al Portale è Gratuito per l'utilizzo dell'intera Banca Dati.
scopri
Scopri di più Siamo alla ricerca di writer editor che vogliono collaborare con il PortaleConsulenti
Gruppo linkedin del Portale Consulent Cliccando sul link del gruppo potrai ricevere le notifiche direttamente da Linkedin ed essere aggiornato costantemente sulle novità in ambito HSE sicurezza ambiente qualità E-learning
Misure di prevenzione e protezione Esecuzione in sicurezza dei lavori in copertura. Misure di prevenzione e protezione Quaderni di ricerca INAIL 2017
Finanziamenti per la prevenzione Finanziamenti per la prevenzione selezione dei migliori progetti in materia di salute e sicurezza sul lavoro
Rapporto Rifiuti Urbani 2017 modulistica unificata e standardizzata in materia edilizia regione campania BURC n. 79 del 30 ottobre 2017
settore economico professionale Costituzione elenco di esperti di settore economico professionale Regione Campania Decreto Dirigenziale n. 764 del 02/11/2017
Rapporto Rifiuti Urbani 2017 12 mesi per l'adeguamento al regolamento DPI LEGGE 25 ottobre 2017, n. 163
Lavoro agile Lavoro agile INAIL Circolare n. 48 del 2 novembre 2017
 DPI La fortuna non è un DPI Questo contributo parte dall'elaborazione dei dati disponibili lnail e cerca di non fermarsi alla solrta frase di cordoglio
Amianto, RLS, indumenti da lavoro Amianto, RLS, indumenti da lavoro sicurezza ambiente qualità E-learning HSE, Banca dati Newsletter 48 del 7 novembre2017
 
13
Nov

Il Regolamento UE 2016/679 si inserisce all’interno del “Pacchetto Europeo Protezione Dati”.

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231Il Regolamento UE 2016/679 dal 25 maggio 2018 abrogherà il vigente D.Lgs. 196/03 (Codice in materia di protezione di dati personali). Attualmente sono vigenti  entrambi. Il Regolamento UE 2016/679 è entrato in vigore il 25 Maggio 2016 e ha abrogato la precedente direttiva 95/46/CE. Il Regolamento si propone di armonizzare la normativa europea dei Stati membri in tema di privacy e di adeguarla allo sviluppo tecnologico. Inoltre, il provvedimento mira a semplificare gli adempimenti burocratici a carico dei titolari, per ridurre i costi connessi alla loro esecuzione. La diffusione tecnologica, oltre a favorire i tradizionali scambi di beni e di servizi, ha permesso la condivisione globale di informazioni sensibili, sollevando numerose criticità soprattutto in materia di trattamento dei dati personali. Nell’era della digitalizzazione, sempre più individui rendono progressivamente pubbliche sulla rete mondiale le informazioni private che li riguardano e le autorità pubbliche e le imprese possono utilizzare questi dati personali resi pubblici nello svolgimento delle loro attività. Il Regolamento 679/16 ridefinisce la disciplina europea in materia di Privacy introducendo numerosi importanti cambiamenti da applicare direttamente ed uniformemente in tutti gli Stati Membri. Il Regolamento introduce la possibilità di richiedere il risarcimento del danno materiale e immateriale da parte dell’interessato. Il Regolamento 679 Europeo Privacy o GDPR introdurrà nuove tutele a favore degli interessati, e inevitabilmente nuovi obblighi a carico di Titolari e Responsabili del trattamento di dati personali. Il Regolamento Privacy andrebbe vissuto dalle aziende non come una serie di “adempimenti”, ma come una serie di “strumenti” e di “tutele” a vantaggio di chi tratta i dati personali. Quindi non solo privacy, ma anche sicurezza informatica. MODI Srl effettuerà una valutazione "Privacy" svolgendo un’analisi approfondita  e fornirà un supporto nell’implementazione del Piano di adeguamento e la formazione al personale coinvolto
MODI Srl di Mestre Spinea Venezia è contattabile via chat e telefonicamente anche da mobile al numero verde 800300333, effettua per le Aziende del Veneto interessate, una valutazione "Privacy" svolgendo un’analisi approfondita  e fornisce un supporto nell’implementazione del "piano di adeguamento" e la formazione al personale coinvolto. Modi Srl ha messo a disposizione il sito www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it per consultazione regolamento, slide, video, materiali, faq ecc.
13
Nov

Presentata alla Microsoft House ‘ReStart4Smart’, la casa del futuro

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23113/11/2017 - È stato presentato oggi alla Microsoft House di Milano “ReStart4Smart”, il prototipo di casa del futuro del Team dell’Università Sapienza di Roma che parteciperà al Solar Decathlon, le Olimpiadi universitarie dell’architettura sostenibile che, nel 2018, si terranno per la prima volta in Medio Oriente, a Dubai, con la partecipazione di 21 Atenei da 15 Paesi del mondo. Obiettivo della competizione internazionale, che vede gli studenti quali protagonisti, è quello di progettare e costruire il miglior prototipo in scala reale dell’abitazione del futuro: green, smart e interamente alimentata dall’energia solare. Un compito arduo, per cui il Team Sapienza ha visto come valide alleate le nuove tecnologie, grazie alla collaborazione con autorevoli IT player, tra cui Microsoft, che ha aperto le porte delle propria sede per la presentazione del progetto finalista italiano. II progetto ReStart4Smart La.. Continua a leggere su Edilportale.com
13
Nov

Post sisma, arrivano in Italia 1,2 miliardi di euro di contributo UE

13/11/2017 – La Commissione Europea ha trasferito all’Italia 1,2 miliardi di euro. Il contributo economico, finanziato dal Fondo di Solidarietà dell’Unione Europea (FSUE), è stato approvato il 13 settembre scorso dal Parlamento europeo a favore delle zone dell’Italia centrale colpite dal sisma. Centro Italia, i danni e le risorse UE Per l’intera sequenza sismica, dal 24 agosto 2016 al 18 gennaio 2017, la stima dei danni ammonta a circa 22 miliardi di euro. Come previsto dal Regolamento di istituzione del Fondo, il contributo, pari esattamente a 1.196.797.579 euro, è destinato a sostenere i danni diretti e i costi della prima emergenza. Le risorse saranno spese su quattro attività. Quasi metà dello stanziamento, cioè 582 milioni di euro, sarà utilizzato per sostenere i costi dei Contributi di Autonoma Sistemazione (CAS), della sistemazione alberghiera, delle Soluzioni Abitative di Emergenza.. Continua a leggere su Edilportale.com
13
Nov

Calabria, via libera alla ‘ciclopista dei parchi’

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23113/11/2017 - È stato approvato dalla Regione Calabria il progetto ‘ciclopista dei parchi della Calabria’, un itinerario di 545 chilometri che collegherà il Parco del Pollino con il Parco d’Aspromonte. All’incontro, convocato dall’Assessore Regionale alla Tutela dell’Ambiente Antonella Rizzo, oltre al Dirigente Generale Orsola Reillo e al Dirigente del Settore Parchi Giovanni Aramini, hanno preso parte vertici istituzionali dei tre Parchi nazionali (Pollino, Sila, Aspromonte) e del Parco regionale delle Serre. Il progetto, che beneficia di 10 milioni di euro del POR 2014-2020, rientra in un’articolata strategia di valorizzazione delle aree protette calabresi, un grande cantiere verde avviato alla fine del 2016 con l’approvazione di uno specifico ‘Piano d’azione’ e che vede oggi protagonisti gli Enti gestori dei Parchi e delle riserve naturali regionali. Una strategia basata, da una.. Continua a leggere su Edilportale.com
13
Nov

Periferie, la nuova identità di 10 aree degradate

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23113/11/2017 – Ricucire i tessuti urbani eliminando o riconvertendo le costruzioni ormai inutilizzate e regalando ai cittadini nuovi spazi per la socializzazione e la mobilità dolce. Sono i tratti che accomunano i progetti vincitori della seconda edizione del Concorso di idee 10 Periferie 2017, bandito dalla Direzione Generale Arte e Architettura contemporanee e Periferie urbane del MiBACT e dal Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori. Vediamo cosa propongono i vincitori. Barcellona Pozzo di Gotto (Messina) Si chiama “Zolle urbane” il progetto scelto per la riqualificazione del quartiere di Via del Mare. Agli edifici popolari e realizzati nel secondo dopoguerra sarà data nuova dignità con la creazione di infrastrutture viarie e “il disegno del vuoto”, da immaginare come elemento strutturante relazioni. Immagine: piattaforma Cnappc concorsiawn Barletta I punti cardine.. Continua a leggere su Edilportale.com