1 11 gennaio 2018 - MOG 231 - Modelli di Organizzazione e Gestione | MOG 231 – Modelli di Organizzazione e Gestione
Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

Archive for gennaio 11th, 2018

11
Gen

Il concetto di “riservatezza” e il Regolamento UE PRIVACY 2016/679 Generale sulla protezione dei dati (General Data Protection Regulation, GDPR)

Come viene inteso il concetto di "riservatezza" e il  Regolamento UE PRIVACY 2016/679 GDPR Generale sulla protezione dei dati (General Data Protection Regulation, GDPR)
Il Regolamento 2016/679 GDPR entrerà in vigore tra 4 mesi e a dal partire dal 25 maggio 2018.
Oggi come oggi, moltissime attività sociali ed economiche sono mediate da strumenti e sistemi informatici e di comunicazione.
In internet vengono inserite sempre più informazioni digitali nei sistemi che utilizziamo, spesso senza consapevolezza e spesso anche senza nessuna forma di tutela della sicurezza e riservatezza. Alcuni esempi di attività tracciabili possono essere:
•    Dati memorizzati su banche dati e su PC;
•    Navigazione in internet (cookies, profili, indirizzi email, ecc…);
•    Pagamenti Bancomat o con Carte di Credito;
•    Carte fedeltà, sistemi di data mining;
•    Uso dei telefoni fissi e dei cellulari;
•    Carte del cittadino, carte sanitarie;
•    Sistemi di identificazione (DRM, telepass, firma digitale, ecc..);
•    RFID (informazioni su oggetti, animali, persone, ecc..);
•    Sistemi di localizzazione (antifurti satellitari, controllo posizione, ecc..);
•    Sistemi di videosorveglianza.
Nel corso della pluridecennale storia di MODI abbiamo acquisito una solida esperienza trattando numerosi “casi Privacy” diversi tra loro.
Questo ci ha permesso di aumentare la nostra capacità di prevedere le possibili problematiche del  cliente, specifiche del settore di appartenenza e della tipologia di azienda, offrendo sempre soluzioni personalizzate alle esigenze del singolo.
Siamo quindi in grado di affiancare qualsiasi tipo di azienda nella transizione dal vecchio al nuovo Codice, ottenendo innovazione e supportando con adeguata formazione il personale coinvolto e i vertici aziendali.
Contattando lo staff tecnico al servizio gratuito (raggiungibile anche da mobile) numero verde 80030033 è possibile richiedere un appuntamento per un preventivo di consulenza personalizzato.
È importante ricordare che è obbligatorio tutelare la privacy delle persone fisiche i cui dati vengono trattati nell’ambito delle attività dell’azienda.
Per la consultazione del Regolamento 679/16, slide, video, materiali, faq ecc., lo staff di Consulenza Privacy Regolamento UE 679/2016 by MODI S.r.l. è disponibile al numero verde 800300333.MODI S.r.l. ha messo a disposizione per gli interessati anche un sito internet dedicato www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it
Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.ite www.corsionlineitalia.it. E-mail MODI NETWORK modisq@tin.it.  
 
11
Gen

Il concetto di “riservatezza” e il Regolamento UE PRIVACY 2016/679 Generale sulla protezione dei dati (General Data Protection Regulation, GDPR)

Come viene inteso il concetto di "riservatezza" e il  Regolamento UE PRIVACY 2016/679 GDPR Generale sulla protezione dei dati (General Data Protection Regulation, GDPR)
Il Regolamento 2016/679 GDPR entrerà in vigore tra 4 mesi e a dal partire dal 25 maggio 2018.
Oggi come oggi, moltissime attività sociali ed economiche sono mediate da strumenti e sistemi informatici e di comunicazione.
In internet vengono inserite sempre più informazioni digitali nei sistemi che utilizziamo, spesso senza consapevolezza e spesso anche senza nessuna forma di tutela della sicurezza e riservatezza. Alcuni esempi di attività tracciabili possono essere:
•    Dati memorizzati su banche dati e su PC;
•    Navigazione in internet (cookies, profili, indirizzi email, ecc…);
•    Pagamenti Bancomat o con Carte di Credito;
•    Carte fedeltà, sistemi di data mining;
•    Uso dei telefoni fissi e dei cellulari;
•    Carte del cittadino, carte sanitarie;
•    Sistemi di identificazione (DRM, telepass, firma digitale, ecc..);
•    RFID (informazioni su oggetti, animali, persone, ecc..);
•    Sistemi di localizzazione (antifurti satellitari, controllo posizione, ecc..);
•    Sistemi di videosorveglianza.
Nel corso della pluridecennale storia di MODI abbiamo acquisito una solida esperienza trattando numerosi “casi Privacy” diversi tra loro.
Questo ci ha permesso di aumentare la nostra capacità di prevedere le possibili problematiche del  cliente, specifiche del settore di appartenenza e della tipologia di azienda, offrendo sempre soluzioni personalizzate alle esigenze del singolo.
Siamo quindi in grado di affiancare qualsiasi tipo di azienda nella transizione dal vecchio al nuovo Codice, ottenendo innovazione e supportando con adeguata formazione il personale coinvolto e i vertici aziendali.
Contattando lo staff tecnico al servizio gratuito (raggiungibile anche da mobile) numero verde 80030033 è possibile richiedere un appuntamento per un preventivo di consulenza personalizzato.
È importante ricordare che è obbligatorio tutelare la privacy delle persone fisiche i cui dati vengono trattati nell’ambito delle attività dell’azienda.
Per la consultazione del Regolamento 679/16, slide, video, materiali, faq ecc., lo staff di Consulenza Privacy Regolamento UE 679/2016 by MODI S.r.l. è disponibile al numero verde 800300333.MODI S.r.l. ha messo a disposizione per gli interessati anche un sito internet dedicato www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it
Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.ite www.corsionlineitalia.it. E-mail MODI NETWORK modisq@tin.it.  
 
11
Gen

Valore Paese Fari: sono 23 le offerte per il terzo bando

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23111/01/2018 - Sono 23 le proposte arrivate per la terza edizione del progetto Valore Paese-FARI destinato al recupero e il riuso di 9 fari, torri ed edifici costieri di proprietà dello Stato, strutture di pregio storico e paesaggistico situate da nord a sud lungo le coste italiane. I bandi di concessione fino a 50 anni pubblicati il 3 ottobre scorso da Agenzia del Demanio e Difesa Servizi S.p.a. si sono chiusi il 29 dicembre raccogliendo ancora una volta l’interesse di investitori privati operanti in particolare nei settori immobiliare e alberghiero. In particolare, per le strutture in gestione all’Agenzia del Demanio le offerte si sono così suddivise: 4 per il Faro di Capo Santa Croce ad Augusta (SR), 3 per l’Isola di San Secondo nella Laguna di Venezia, 2 per la Torre Cupo di Corigliano Calabro (CS) e 1 offerta rispettivamente per il Faro del Colle dei Cappuccini ad Ancona e la Torre Monte Pucci a Peschici (FG). Per gli edifici.. Continua a leggere su Edilportale.com
11
Gen

Direttore dei lavori, in arrivo le nuove norme attuative

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23111/01/2018 - È all’esame del Parlamento la bozza del decreto relativo alle funzioni del direttore dei lavori. A fine dicembre 2017 il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti ha trasmesso la richiesta di parere parlamentare sullo schema di DM concernente le modalità di svolgimento delle funzioni del direttore dei lavori e del direttore dell'esecuzione dei contratti relativi a servizi o forniture.   Il direttore dei lavori, profilo e competenze Il direttore dei lavori deve garantire la regolarità dei lavori in cantiere. Prima della scelta del contraente o della sottoscrizione del contratto, il direttore dei lavori deve fornire al RUP i documenti sullo stato dei luoghi e garantire l’assenza di impedimenti allo sviluppo del progetto. Il direttore dei lavori deve verificare che in cantiere siano usati i materiali, prodotti e sistemi previsti nel progetto e nel capitolato d’appalto... Continua a leggere su Edilportale.com
11
Gen

Débat public, debutto vicino per la nuova procedura

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23111/01/2018 - È all’esame del Parlamento la bozza del decreto relativo alle funzioni del direttore dei lavori e alle opere sottoposte a débat public. A fine dicembre 2017 la Ministra per i rapporti con il Parlamento ha trasmesso la richiesta di parere parlamentare sullo schema di Dpcm concernente modalità di svolgimento, tipologie e soglie dimensionali delle opere sottoposte a dibattito pubblico. Il débat public, applicazione e procedura Le grandi opere infrastrutturali di rilevanza sociale aventi impatto sull’ambiente, sulle città e sull’assetto del territorio, saranno sottoposte a dibattito pubblico, una procedura pensata per migliorare la qualità della progettazione e l’efficacia delle decisioni pubbliche mediante la più ampia partecipazione dei cittadini. La procedura si applica ad autostrade e strade extraurbane, tronchi ferroviari, aeroporti, porti, interporti,.. Continua a leggere su Edilportale.com
11
Gen

Lavori in casa, tutti gli interventi agevolabili

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23111/01/2018 – C’è tempo fino al 31 dicembre 2018 per ristrutturare, arredare casa e sistemare il verde esterno usufruendo delle detrazioni fiscali previste dalla Legge di Bilancio 2018. E' possibile usufruire della detrazione del 50% per gli interventi finalizzati al recupero del patrimonio edilizio e per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici. Tale agevolazione vale anche per interventi di ristrutturazione e arredo di parti comuni degli edifici condominiali. Quest’anno c’è una novità per chi intende effettuare interventi di sistemazione a verde di giardini, terrazzi o coperture: tali lavori saranno incentivati con una detrazione fiscale Irpef del 36% delle spese sostenute nel 2018, fino ad un massimo di 5mila euro per unità immobiliare. Possono usufruire del Bonus ristrutturazioni anche gli interventi di riqualificazione energetica (oggetto dell’Ecobonus) e di adeguamento.. Continua a leggere su Edilportale.com