1 1 febbraio 2018 - MOG 231 - Modelli di Organizzazione e Gestione | MOG 231 – Modelli di Organizzazione e Gestione
Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

Archive for febbraio 1st, 2018

1
Feb

Presso la sede dell’aula corsi di Mestre, MODI SRL, nella giornata del 14 marzo 2018 con orario mattutino che va dalle 9,00 alle 13,00 attiva un corso di formazione per “nuovi lavoratori”

Presso la sede dell'aula corsi di Mestre, MODI SRL, nella giornata del 14 marzo 2018 con orario mattutino che va dalle 9,00 alle 13,00 attiva un corso di formazione per "nuovi lavoratori" chiamato "modulo generale" e ha una durata di 4 ore. Nell'immagine sottostante un esempio delle schede di iscrizione che si possono scaricare cliccando qui
 Sempre nella stessa giornata, durante il pomeriggio, dalle 14 alle 18, si avvia il corso di formazione lavoratori modulo specifico rishio basso, medio  e alto.
Il corso per lavoratori a rischio medio si concluderà il 16 marzo e le lezioni avranno un orario  pomeridiano che va dalle ore 14,00 alle ore 18,00.
Vengono accordati degli sconti per le iscrizioni multiple e per chi acquista sotto data di avvio (disponibilità permettendo).
Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it
1
Feb

Dall’OHSAS 18001:2007 alla ISO 45001 confermata la migrazione di 3 anni dalla pubblicazione della nuova norma.

Per il passaggio dall’OHSAS 18001:2007 alla ISO 45001, gli anni che le Organizzazioni hanno a disposizione per adeguarsi sono tre.  Si parte a "contarli" dalla data di pubblicazione della nuova norma IS0 45001 che è prevista per marzo 2018.
Lo IAF (International Accreditation Forum) ha rilasciato il 18 gennaio 2018 un importante documento "IAF MD 21:2018" che conferma il periodo di migrazione di 3 anni dalla data di pubblicazione della ISO 45001.
Nel documento realizzato da ISO, IAF e OHSAS Project group s indica anche che con la pubblicazione della ISO 45001 lo standard OHSAS 18001:2007 sarà ritirato.
Una volta pubblicata la norma ISO 45001 gli enti di normazione internazionali, tra cui l’UNI, provvederanno alla traduzione della norma dall'inglese alla lingua in uso nel loro Stato.
MODI SRL si propone per l'adeguamento formativo e organizza seminari gratuiti sulla nuova norma ISO 45001. Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it.  
1
Feb

A Mestre iscrizioni aperte al corso di aggiornamento annaule per gli “RLS” durata 4 ore organizzato per il 22/03/18 in orario 14.00 – 18.00

Il corso di aggiornamento per RLS di 4 ore rivolto ai Responsabile della Sicurezza delle aziende tra i 15 e i 50 dipendenti, è stato organizzato dalla Società di Consulenza e Formazione MODI Srl in data 22 marzo 2018 con orario 14.00 - 18.00 fruibile nell'aula di Mestre in Via Volturno 4/e.
Tra la vasta offerta formativa di corsi ci sono quelli per addetti al primo soccorso, addetti antincendio, lavoratori generale, rischio specifico basso, medio e alto, dirigenti, preposti, RSPP datore di lavoro e per chi usa le attrezzature ecc.
  E' possibile ricevere degli sconti, per ulteriori informazioni contatta lo staff di MODI al numero verde 800300333.
Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it  
1
Feb

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEI CANTIERI AI FINI DELLA PROTEZIONE AMBIENTALE

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231

ARPAT – Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEI CANTIERI AI FINI DELLA PROTEZIONE AMBIENTALE

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEI CANTIERI AI FINI DELLA PROTEZIONE AMBIENTALELe presenti Linee Guida costituiscono indicazioni generali di buona pratica tecnica da adottare al fine di tutelare l'ambiente durante le attività di cantiere e le operazioni di ripristino dei luoghi. Tale documento può essere utilizzato dai Proponenti nella redazione dei documenti a supporto delle procedure di VIA/Verifica di assoggettabilità a VIA o inserito nell'eventuale capitolato d'appalto, a cui l’Impresa esecutrice dovrà attenersi per lo svolgimento dei lavori. Gli argomenti trattati riguardano l'impostazione del cantiere e le relative modalità di conduzione, con riferimento alle seguenti tematiche specifiche: Inquinamento acustico, Emissioni in atmosfera, Risorse idriche e suolo, Terre e rocce da scavo, Depositi e gestione dei materiali, Rifiuti, Ripristino dei luoghi. L’impostazione data al documento è stata quella di trattare gli argomenti in modo generale, così da essere uno strumento applicabile in più situazioni, fornendo indicazioni di massima sugli aspetti che l’Agenzia ritiene debbano essere trattati nella documentazione e nella gestione dei cantieri di opere sottoposte a VIA/Verifica di assoggettabilità a VIA. Le Linee Guida rappresentano la revisione e l’aggiornamento alle normative vigenti del documento ”Disposizioni speciali per le imprese”, già proposto in passato dall’Agenzia quale riferimento tecnico nelle procedure di VIA/Verifica di assoggettabilità a VIA. Il documento è aggiornato a gennaio 2018; eventuali aggiornamenti potranno essere adottati in seguito all’introduzione di significative novità a livello normativo o di pratica tecnica.

Le presenti Linee guida (LL.GG.) costituiscono indicazioni di buona pratica tecnica, da adottare al fine di tutelare l’ambiente durante le attività di cantiere e le operazioni di ripristino dei luoghi. Le presenti LL.GG. dovranno essere riportate nell’eventuale capitolato d’appalto, a cui l’Impresa esecutrice dovrà attenersi per lo svolgimento dei lavori. L’Impresa è tenuta al rispetto della normativa vigente in campo ambientale e ad acquisire le autorizzazioni ambientali necessarie allo svolgimento delle attività. L’attività da eseguire, in funzione delle caratteristiche specifiche dell’opera e dei lavori da realizzare, rimane sottoposta a tutte le norme vigenti in materia di tutela ambientale, anche dove non eventualmente richiamate o trattate solo parzialmente nelle presenti LL.GG.; rimane altresì sottoposta a tutte le eventuali prescrizioni inserite nell’atto conclusivo di VIA o di non assoggettabilità a VIA, o contenute nei diversi atti autorizzativi rilasciati dalle autorità competenti. L’Impresa dovrà redigere, preventivamente all’installazione del cantiere, tutta la documentazione informativa che verrà richiesta dalla Direzione Lavori. Inoltre sarà vincolata a recepire i correttivi che verranno individuati dalle eventuali attività di monitoraggio ambientale previste, apportando i necessari adeguamenti per la riduzione preventiva degli impatti (ubicazione degli impianti rumorosi, modalità operative nel periodo notturno, ecc..), ed a consentire l’agevole svolgimento del monitoraggio stesso. L’Impresa dovrà attenersi alle indicazioni che seguono per quanto riguarda l’organizzazione del cantiere.

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEI CANTIERI AI FINI DELLA PROTEZIONE AMBIENTALELINEE GUIDA PER LA GESTIONE DEI CANTIERI AI FINI DELLA PROTEZIONE AMBIENTALE

 
1
Feb

Quando sarà esecutivo il Regolamento Europeo 679/2016 per la tutela del trattamento dei dati delle persone fisiche?

 
Quando sarà esecutivo il Regolamento Europeo 679/2016 per la tutela del trattamento dei dati delle persone fisiche? I regolamenti UE sono immediatamente esecutivi e non richiedendo la necessità di recepimento da parte degli  Stati membri e garantiscono una maggiore armonizzazione a livello dell’intera UE.
Si applicherà in tutti gli Stati Membri a partire dal 25 maggio 2018, termine entro il quale le aziende dovranno adeguarsi alla nuova legge sulla privacy. Con applicazione in tutti gli Stati Membri (a partire dal 25 maggio 2018) del regolamento Privacy 679, i Titolari e Responsabili del trattamento dovranno seguire il "principio della accountability" (art. 5 co. 2) che comporterà l’onere di dimostrare l’adozione, senza convenzionalismi, di tutte le misure tecniche e organizzative adeguate per garantire che il trattamento sia effettuato conformemente al Regolamento (art. 24-25 e l’intero CAPO IV).
Lo staff tecnico di MODI SRL di Spinea, Mestre Venezia, analizza, valuta e disciplina la gestione del trattamento dei dati personali e della salvaguardia degli stessi all’interno dell'azienda Cliente, secondo le direttive imposte dalle normative vigenti.
Per informazioni 800300333 https://www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it.  
 
1
Feb

Professionisti esclusi dai voucher per la digitalizzazione delle Pmi

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23101/02/2018 – I professionisti sono esclusi dai voucher per la digitalizzazione delle piccole e medie imprese (Pmi), anche se, alla luce della normativa comunitaria e italiana, così non dovrebbe essere. Questo, in sintesi, il contenuto della nota inviata al Ministero dello Sviluppo Economico dalla Rete delle Professioni Tecniche (RPT) e dal Comitato Unitario Permanente degli ordini e Collegi professionali (CUP). Voucher per la digitalizzazione delle Pmi Il voucher per la digitalizzazione delle Pmi è un contributo destinato all'acquisto di hardware, software e servizi specialistici per digitalizzare i processi aziendali e favorire l'ammodernamento tecnologico. Si tratta di strumenti per migliorare l’efficienza aziendale, modernizzare l'organizzazione del lavoro, mediante l'utilizzo di strumenti tecnologici e forme di flessibilità, tra cui il telelavoro, sviluppare soluzioni di e-commerce, fruire della connettività a banda.. Continua a leggere su Edilportale.com
1
Feb

Tetti giardino e aree verdi private, come sfruttare le detrazioni 2018

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23101/02/2018 – Chi intende recuperare e trasformare in aree verdi i tetti o le pareti dell'edificio e migliorare le prestazioni termiche dell'involucro, quest’anno può usufruire del bonus verde 36% e dell’ecobonus 65%. Tutti gli interventi che mirano all’integrazione del verde nell’edificio sono un utile strumento per il risparmio energetico dell'abitazione in quanto migliorano l'isolamento termico dell’involucro e aiutano a regolare l'umidità dell'aria. Inoltre, riducono il fenomeno delle “isole di calore” delle città, migliorando il microclima cittadino e apportando un significativo vantaggio economico nella gestione energetica dell’edificio e nella gestione globale delle aree urbane. Il verde urbano integrato negli edifici può svolgere anche l’importante funzione di regolare il deflusso delle acque piovane che la progressiva cementificazione del territorio.. Continua a leggere su Edilportale.com
1
Feb

Marche, semplificazioni in materia di vincolo idrogeologico

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23101/02/2018 - La Giunta regionale delle Marche ha approvato linee guida per la semplificazione dei procedimenti amministrativi in materia di vincolo idrogeologico. Ne dà notizia l’assessore alla difesa del suolo, Angelo Sciapichetti, che sottolinea come l’intervento faciliti la gestione di circa mille pratiche annue e del relativo nulla osta di competenza degli uffici regionali tutela del territorio di Pesaro e Urbino, Ancona, Macerata, Fermo e Ascoli. Gli interventi interessati dalla semplificazione riguardano opere che per le loro caratteristiche non incidono in misura apprezzabile sul suolo sotto il profilo della stabilità e dell’equilibrio idrogeologico della zona vincolata. Per queste opere sarà sufficiente l’invio di una semplice comunicazione affinché sia possibile l’effettuazione degli eventuali controlli successivi sui lavori. Per i casi dubbi è stato predisposto un fac-simile di quesito.. Continua a leggere su Edilportale.com
1
Feb

Sicurezza edifici e territorio, in arrivo 150 milioni di euro per il 2018

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23101/02/2018 – Sono in arrivo 150 milioni di euro che i Comuni potranno utilizzare per la messa in sicurezza degli edifici pubblici, comprese le scuole, e del territorio. Le risorse costituiscono la prima tranche degli 850 milioni complessivi stanziati dal comma 853 della Legge di Bilancio 2018 (150 milioni per l'anno 2018, 300 milioni per l'anno 2019 e 400 milioni per l'anno 2020). Sicurezza edifici pubblici e territorio, i contributi ai Comuni Come previsto dalla Legge di Bilancio 2018, i Comuni devono comunicare al Ministero dell’Interno le richieste di contributo entro le ore 24:00 del 20 febbraio 2018. Non possono essere richiesti contributi di importo superiore a 5.225.000 euro complessivi. Le richieste vanno inoltrate online utilizzando l’apposita pagina web del Ministero dell’Interno. Per le richieste è necessario utilizzare il modello allegato al DM 29 gennaio 2018 del Ministero dell’Interno, che deve contenere.. Continua a leggere su Edilportale.com
1
Feb

Presentato il nuovo sistema portuale italiano

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23101/02/2018 - Un sistema portuale nazionale riorganizzato, semplificato e di maggiore efficienza e un assetto strategico a supporto del ruolo dell’Italia come porta dell’Europa sul Mediterraneo. Sono questi i cardini della recente Riforma della Portualità e della Logistica, promossa dal Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Graziano Delrio. I 58 principali porti italiani sono riorganizzati in 15 nuove Autorità di Sistema Portuale (Adsp) che costituiscono i nodi di una rete logistica che integra trasporto marittimo, terrestre e aereo, in continuità con i Corridoi TEN-T che collegano l’Italia all’Europa, dal Baltico all’Atlantico, e alle reti del Mediterraneo. I porti italiani - spiega il Ministero - sono ora al centro di una rete di connessioni in grado di rendere più efficiente il sistema dei trasporti al servizio di imprese e passeggeri, coniugando la competitività con la dimensione di.. Continua a leggere su Edilportale.com