1 5 marzo 2018 - MOG 231 - Modelli di Organizzazione e Gestione | MOG 231 – Modelli di Organizzazione e Gestione
Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

Archive for marzo 5th, 2018

5
Mar

Quale può essere allora il valore aggiunto di un Sistema di Gestione certificato secondo la ISO 37001:2016?

Essere certificata ISO 37001:2016 rappresenta una “best practice” riconosciuta a livello internazionale ed eleva la fiducia di stakeholders e shareholders verso l’azienda che così promuove i suoi affari e protegge la sua reputazione. Graduando l’intensità degli interventi in funzione del rischio nei vari Paesi, la certificata ISO 37001:2016 permette alle società multinazionali di gestire con metodologie comuni e condivise le problematiche in seno alle affiliate nei vari paesi Il sistema di gestione anticorruzione ISO 37001:16 è pienamente integrabile con i sistemi di gestione Qualità, Sicurezza, Ambiente od altri eventuali schemi certificabili La certificazione del sistema di gestione anticorruzione ISO 37001:16, rappresenta, anche per le Amministrazioni Pubbliche e le Società Controllate, una best practice per adempiere a quanto previsto dalla Legge 190/2012. L’intervento di una terza parte indipendente quale un Organismo di certificazione rappresenta rafforza il giudizio di “idoneità” di un Modello Organizzativo ex D.Lgs. 231 o di un Piano di Prevenzione della corruzione. Per la consultazione di materiali sulla ISO 37001 come slide, video, materiali, faq ecc., Maurizio Billi e lo staff di Consulenza Certificazione ISO 37001.it by MODI S.r.l. hanno messo a un sito internet dedicato www.consulenzaregolamentoiso37001.it A disposizione per gli imprenditori del Veneto e del Nord Est di aziende interessate all’adozione della norma UNI EN ISO 37001:2016 il numero verde 800300333 per richiedere un sopralluogo gratuito e un preventivo personalizzato.
5
Mar

Quali sono i rischi associati alla presenza di agenti chimici pericolosi in ambienti confinati?

I principali rischi associati alla presenza di agenti chimici pericolosi (gas, vapori, polveri) in ambienti confinati sono:
  • rischio di asfissia (ovvero mancanza di ossigeno) a causa della permanenza prolungata in ambienti con scarso ricambio di aria o con produzione di gas (es. CO2);
  • rischio di avvelenamento per inalazione o per contatto epidermico di gas, fumi o vapori velenosi normalmente presenti (es. residui in recipienti di stoccaggio) o che possono penetrare da ambienti circostanti;
  • rischio di incendio e esplosione in presenza di gas, liquidi e vapori infiammabili, polveri disperse nell’aria in alta concentrazione, eccesso di ossigeno, ecc.
Le sostanze asfissianti con la loro presenza diminuiscono la concentrazione dell’ossigeno nell’aria respirata ed impediscono l’ossigenazione del sangue nei polmoni; esse esercitano la loro azione dannosa in modo sistematico provocando l’alterazione delle funzioni di un dato organo o sistema (sistema nervoso, circolatorio, respiratorio). In particolare se il livello di ossigeno scende al di sotto del 19,5%, l’aria viene considerata carente di ossigeno, mentre concentrazioni di ossigeno inferiori al 16% sono ritenute pericolose per gli esseri umani. Si può verificare la produzione di un’atmosfera asfissiante nei seguenti casi:
  •  dove c’è una reazione tra rifiuti e l’ossigeno dell’atmosfera;
  • a seguito della reazione tra l’acqua del terreno ed il calcare, con produzione di anidride carbonica, che va a sostituire l’aria;
  • nelle stive delle navi, nei containers, nelle autobotti e simili, come reazione delle sostanze contenute con l’ossigeno presente all’interno;
  • all’interno di serbatoi di acciaio e recipienti ossidati; nell’uso di agenti estinguenti come l’anidride carbonica o agenti alogenati (halon) in ambienti non aerati;
  • in ambienti o recipienti in aziende vitivinicole.
Per i lavori in ambienti confinati è necessario identificare i pericoli presenti, stimare il rischio e determinare le misure di prevenzione e protezione da adottare; generalmente la valutazione del rischio includerà considerazioni riguardanti:
  •  l’attività da eseguire;
  •  le attività eseguite in precedenza;
  • l’ambiente di lavoro;
  •  i materiali e le attrezzature per eseguire l’attività;
  •  la gestione del soccorso e delle emergenze.
L’esposizione al rischio può essere ridotta attraverso l’esecuzione del lavoro con metodologie che evitino l’accesso e l’esecuzione dello stesso nell’ambiente confinato. La pianificazione del lavoro e/o il differente approccio possono ridurre la necessità di lavorare negli spazi confinati. Ulteriore elemento di valutazione è verificare se il lavoro da eseguire, così come programmato, è realmente necessario, o si potrebbe:
  • modificarlo in modo da non entrare nello spazio confinato;
  •  effettuarlo all’esterno, ad esempio utilizzando videocamere manovrate a distanza per le attività di ispezione interne dei recipienti.
Per visionare le FAQ e approfondire l'argomento cliccare qui. Per le recensioni, opinioni espresse dai nostri Clienti e Allievi cliccare qui.
Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari sugli "ambienti confinati" o sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro intesa a 360° chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it.  
5
Mar

Quando diventa obbligatoria la valutazione dell’esposizione ai campi elettromagnetici e chi sono i soggetti a rischio esposizione?

 
Quando diventa obbligatoria la valutazione dell’esposizione ai campi elettromagnetici e chi sono i soggetti a rischio esposizione? La valutazione dell’esposizione ai campi elettromagnetici, limitatamente alle disposizioni generali, è obbligatoria dal 15 maggio 2008, la data di entrata in vigore del Testo Unico della Sicurezza. Le disposizioni e il rispetto dei valori limite e di azione previsti dal Decreto Legislativo n. 159 in modifica del Capo IV del Titolo VIII del D.Lgs. 81/2008 sono entrate in vigore a partire dal 2 agosto.
Secondo la definizione dell’art.2, comma 1, lettera f), della legge 36/2001, la legge quadro sulla protezione dai campi elettromagnetici, per esposizione si intende “ogni tipo di esposizione dei lavoratori e delle lavoratrici che, per la loro specifica attività lavorativa, sono esposti a campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici”. Sono quindi da intendersi esposizioni di carattere professionale quelle strettamente correlate e necessarie alle finalità del processo produttivo. Le esposizioni indebite a sorgenti non correlate con la specifica attività dei lavoratori che non ricadono sotto la gestione del datore di lavoro devono essere contenute, a carico dei gestori, entro i limiti vigenti per la tutela della popolazione. MODI S.r.l. con sedi nelle città di Mestre e Spinea Venezia organizza corsi e seminari su questo specifico argomento e esegue con i propri tecnici qualificati le valutazioni sul rischio da esposizione a campi elettromagnetici.
Per visionare le FAQ e approfondire l'argomento cliccare qui. Per le recensioni, opinioni espresse dai nostri Clienti e Allievi cliccare qui. Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it.  
5
Mar

Vuoi far partecipare un tuo lavoratore a un corso in Mestre nel mese di aprile 2018? I corsi organizzati dal Centro di formazione MODI SRL, sono raccomandati dagli stessi allievi

Nel mese di aprile 2018 sono in partenza a Mestre i corsi di aggiornamento e addestramento obbligatori in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.lgs. 81/2008.
I corsi organizzati dal Centro di formazione MODI SRL, sono raccomandati dagli stessi allievi (vedi dicono di noi).
Le offerte formative sotto elencate  sono rivolte agli incaricati alla lotta "antincendio", ai "lavoratori" modulo generale, rischio specifico basso, medio e alto e per agli "addetti al primo soccorso" in aziende di gruppo A e B/C.
L'organizzazione di MODI offre ai propri clienti un servizio completo ed efficiente grazie alla presenza di un team di professionisti altamente specializzati in ogni settore della sicurezza sul lavoro. Per un appuntamento di presentazione dei nostri servizi 800300333.
ANTINCENDIO:
Corsi di aggiornamento periodico rivolto agli “incaricati alla lotta antincendio” operanti in aziende a  “rischio basso” al costo di € 50,00 + IVA
Il programma rispetta quanto richiesto dalle normative vigenti e la durata è pari a 2 ore.
L’allievo potrà fruire del corso recandosi in aula a Mestre sita in Via Volturno 4/e zona Carpenedo (uscita tangenziale Castellana indicazioni per il centro parcheggio sotterranei CONDOMINIO CAROSSA) nei giorni sotto indicati.
Per scaricare la scheda con la programmazione completa cliccare qui.
Mercoledì 11 aprile 2018 orario 14.00/16.00.
Corso di AGGIORNAMENTO dell’addestramento per incaricati ANTINCENDIO operanti in aziende a rischio medio – durata del docenza 5 ore al costo di € 100,00 + IVA
Qui di seguito l’elenco delle attività di aggiornamento periodico organizzate in aula a Mestre/Asseggiano attrezzata con campo prova per eseguire la prova di spegnimento
nei giorni dell’anno 2018 sotto indicati:MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
Per scaricare la scheda con la programmazione completa cliccare qui.
Venerdì 13 aprile 2018 orario 08.30/13.30.
ADDETTI ANTINCENDIO RISCHIO BASSO formazione di 4 ore  al costo di € 80,00  + IVA
Organizzato in aula a Mestre Centro nei giorni sotto indicati:
Per scaricare la scheda con la programmazione completa cliccare qui.
Mercoledì 11 aprile 2018 orario 14.00/18.00.
ANTINCENDIO A RISCHIO MEDIO formazione di 8  ore (questo corso oltre alla teoria prevede lo svolgimento di una prova pratica di spegnimento) al costo di € 150,00  + IVA.
Fruibile in aula a Mestre nei giorni sotto indicati.
Per scaricare la scheda con la programmazione completa cliccare qui.
11 aprile 2018 orario 14.00/18.00 e 13 aprile 2018 orario 08.30/12.30.
LAVORATORI:
FORMAZIONE LAVORATORI - MODULO GENERALE - 4 ore a € 80,00 + IVA:
Fruibile anche  on-line 24 ore su 24 con accesso alla piattaforma per un mese o in aula a un costo minore o a  Mestre nei giorni sotto indicati.
Per scaricare la scheda con la programmazione completacliccare qui.
Lunedì 23 aprile 2018 orario 09.00/13.00.
FORMAZIONE LAVORATORI - MODULO SPECIFICO BASSO - 4  ore a € 80,00 + IVA:
Fruibile anche  on-line 24 ore su 24 con accesso alla piattaforma per un mese o in aula a un costo minore o a  Mestre nei giorni sotto indicati.
Per scaricare la scheda con la programmazione completa cliccare qui.
Lunedì 23 aprile 2018 orario 14.00/18.00.
FORMAZIONE LAVORATORI - MODULO SPECIFICO MEDIO - 8 ore a € 150,00 + IVA:
Per scaricare la scheda con la programmazione completacliccare qui.
23 e 26 aprile 2018 orario 14.00/18.00.
FORMAZIONE LAVORATORI - MODULO SPECIFICO ALTO - 12 ore a € 220,00 + IVA:
Per scaricare la scheda con la programmazione completacliccare qui.
23, 26 e 30 aprile 2018 orario 14.00/18.00.
PRIMO SOCCORSO:
ADDETTI AL PRIMO SOCCORSO (AGGIORNAMENTO) - 4 ore (per aziende gruppo B/C) al costo di € 80,00 + IVA:
Fruibile in aula a Mestre nei giorni sotto indicati.
Per scaricare la scheda con la programmazione completa cliccare qui.
Venerdì 27 aprile 2018 orario 14.00/18.00.
ADDETTI AL PRIMO SOCCORSO (AGGIORNAMENTO) - 6 ore UNICA DATA (per aziende del gruppo A) al costo di € 120,00 + IVA:
Per scaricare la scheda con la programmazione completa cliccare qui.
Venerdì 27 aprile 2018 orario 13.30/19.30.
ADDETTI AL PRIMO SOCCORSO - 12 ore (per aziende gruppo B/C) a € 150,00 + IVA:
Per scaricare la scheda con la programmazione completacliccare qui.
17, 24, 27 aprile 2018 orario 14.00/18.00.
ADDETTI AL PRIMO SOCCORSO - 16 ore (per aziende gruppo A) a € 180,00 + IVA:
Per scaricare la scheda con la programmazione completacliccare qui.
17, 24 aprile 2018 orario 14.00/19.00 e 27 aprile 2018 orario 13.30/19.30.
Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it
5
Mar

Cammini e Percorsi, ecco i vincitori del primo bando

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23105/03/2018 - L’Agenzia del Demanio ha annunciato i vincitori del primo bando di gara “Cammini e percorsi”. L’iniziativa mira alla promozione del turismo lento attraverso il recupero di immobili pubblici situati su percorsi ciclopedonali e tracciati storico-religiosi. In tutto 13 immobili verranno affidati in concessione gratuita per 9 anni ad imprese, cooperative e associazioni under 40. All’Agenzia sono arrivate 47 offerte, 14 delle quali dall’estero, da 33 partecipanti: 8 cooperative, 9 associazioni e 16 imprese. Cammini e percorsi, i vincitori L’Associazione Sirio Cultura e Turismo si occuperà del recupero della Torre Angellara di Salerno destinandola a luogo di sosta, incontro e punto informazioni per la conoscenza e valorizzazione del paesaggio naturale, storico e culturale del Cilento e della Dieta Mediterranea. La Torre della Bastiglia di Serramazzoni (MO), invece,.. Continua a leggere su Edilportale.com
5
Mar

Marche, in arrivo 11,4 milioni di euro per i piccoli borghi

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23105/03/2018 - Contenere lo spopolamento dei piccoli insediamenti collinari e montani, sostenendo interventi di riuso e riqualificazione dei centri storici e borghi rurali. È l’obiettivo del prossimo bando del Programma di sviluppo rurale (Psr) della Regione Marche per il 2018, che assegna risorse ai Comuni con popolazione inferiore a 5.000 abitanti e alle borgate con meno di 700 residenti. La Giunta regionale marchigiana ha approvato i criteri che serviranno a emanare il bando: i centri abitati dovranno avere caratteristiche storico-architettonico di pregio e i nuclei risultare di antico insediamento, e dovranno ricadere nelle aree Leader (dove i progetti di sviluppo rurale sono realizzati dai Gruppi di azione locale - Gal, con partenariato tra pubblico e privato) e in quelle definite ‘interne’ (Programmi quadro aree rurali). A disposizione degli investimenti ci sono 11,4 milioni di euro per interventi di riuso e riqualificazione dei.. Continua a leggere su Edilportale.com
5
Mar

I balconi più pazzi del mondo

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23105/03/2018 – Affacciarsi alla finestra sembra un gesto banale? Non per tutti. O almeno, non da determinati edifici dove trasparenze e giochi di asimmetrie possono dare una prospettiva diversa. Hotel La Purificadora, La Puebla - Messico Chi l'ha detto che per fare un tuffo in piscina bisogna lasciare la propria stanza? Questo albergo messicano, che anticamente è stato un convento intitolato a San Francesco, consente nuotate panoramiche sul proprio balcone. Il progetto, realizzato nel 2006, è dello studio Serrano Monjaraz Arquitectos. Foto: Archilovers - Design Hotels Scuola Fuji, Tachikawa - Giappone Si sviluppa a spirale, intorno ad un albero, questo spazio all'aperto, destinato al tempo libero dei bambini di questa scuola di stampo montessoriano. È opera dello studio Tezuka Architects ed è stato ultimato nel 2011. Foto: Archilovers - Katsuhisa Kida FOTOTECA Bosques Flats, Città del Messico - Messico La.. Continua a leggere su Edilportale.com
5
Mar

Migliora il fatturato degli studi di architettura e ingegneria

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23105/03/2018 – Migliora il fatturato degli studi di architettura e d’ingegneria, collaudi e analisi tecniche che, nel quarto trimestre del 2017, sale del 3,7%. A rilevarlo l’Istat nella nota sull'indice destagionalizzato del fatturato di diverse attività di servizi. In particolare, nel quarto trimestre del 2017 la sezione delle ‘Attività professionali, scientifiche e tecniche’ presenta, rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, un aumento dello 0,5%. Le variazioni tendenziali maggiormente positive si riscontrano negli studi di architettura e d’ingegneria, collaudi e analisi tecniche (+3,7%) e nelle attività di consulenza gestionale (+1,1%). Mentre si riscontrano variazioni tendenziali negative per i settori delle altre attività professionali, scientifiche e tecniche (-3,1%), della pubblicità e ricerche di mercato (-0,7%) e delle attività legali e contabilità.. Continua a leggere su Edilportale.com
5
Mar

Il Capitale Naturale in Italia, pronto il Rapporto 2018

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 23105/03/2018 - Il Ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti ha trasmesso al Presidente del Consiglio dei Ministri e al Ministro dell’Economia la seconda edizione del Rapporto sullo Stato del Capitale Naturale in Italia. Il Collegato ambientale, per la prima volta ha istituito un Comitato per il Capitale Naturale (CCN), presieduto dal Ministro dell’Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare (MATTM), e composto da 10 Ministri, dall’Associazione Nazionale dei Comuni Italiani (ANCI), dalla Conferenza delle Regioni, 5 Istituti pubblici di Ricerca e 9 esperti della materia nominati dal MATTM. A supporto del Comitato per il Capitale Naturale, per la redazione del Rapporto ha lavorato un gruppo di esperti della materia provenienti da università, enti di ricerca e settore imprenditoriale ed hanno inoltre fornito un importante contributo anche l’ISPRA, l’ISTAT e Banca d’Italia. Dopo il Primo Rapporto dello scorso anno,.. Continua a leggere su Edilportale.com