1 aprile 2018 - MOG 231 - Modelli di Organizzazione e Gestione | MOG 231 – Modelli di Organizzazione e Gestione
Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

Archive for aprile, 2018

30
Apr

Nel nostro sito internet www.modiq.it alla pagina corsi è possibile consultare il nostro CATALOGO FORMATIVO FONDIMPRESA.

Cos’è il “Piano Formativo Aziendale”?
Il Piano formativo aziendale, finanziato attraverso il Conto Formazione, consiste in un progetto all’interno del quale l’impresa indica motivazioni, obiettivi e l'articolazione delle azioni formative che intende attivare.
Ogni Piano formativo deve:
•   avere durata massima di 12 mesi della data di avvio della attività formative;
•   esporre il preventivo dei costi da sostenere per la realizzazione delle attività;
•  essere condiviso con un accordo sottoscritto dalle rappresentanze delle parti sociali, a livello aziendale, territoriale, o di categoria.
I Piani formativi devono essere presentati dalle imprese, in forma singola o associata, che hanno aderito a Fondimpresa attraverso le modalità indicate dallo stesso Fondo nella “Guida alla gestione e rendicontazione dei Piani Formativi Aziendali - Conto Formazione”.
Fondimpresa valuterà il rispetto dei criteri stabiliti da parte Piani formativi entro 30 giorni dalla loro trasmissione tramite il sistema informatico (http://pf.fondimpresa.it). In caso di approvazione del Piano formativo Fondimpresa comunica all'azienda interessata l'autorizzazione a dare corso alle attività.
I piani formativi aziendali presentati a valere sul “Conto Formazione” di Fondimpresa devono prevedere un finanziamento minimo di Fondimpresa pari a 4.000 euro ed avere un valore minimo complessivo, comprensivo della quota a carico dell’impresa proponente, almeno pari a 6.000 euro.
Nel nostro sito internet alla pagina corsi è possibile consultare il nostro CATALOGO FORMATIVO FONDIMPRESA. I corsi sono in linea con le priorità tematiche di Fondimpresa, come quelle riguardanti salute e sicurezza.
MODI S.r.l. è il partner ideale per l’ottenimento e la gestione del finanziamento di progetti formativi in quanto aiuta le aziende ad individuare le migliori opportunità sulla base delle esigenze, sfruttando al meglio le risorse economiche disponibili e gestendo la pratica dalla fase di richiesta fino alla rendicontazione e all’ottenimento dell’importo finanziato. Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it
30
Apr

La protezione dei dati è un diritto di libertà

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231

Regolamento UE

La protezione dei dati è un diritto di libertà

Spot trasmesso sulle reti TV e radio della RAI grazie agli spazi dedicati alla comunicazione istituzionale messi a disposizione dal Dipartimento per l'Informazione e l'Editoria della Presidenza del Consiglio dei Ministri

 
30
Apr

LA VALUTAZIONE DI IMPATTO

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231

Individuazione e gestione del RISCHIO

LA VALUTAZIONE DI IMPATTO

rischio privacyREGOLAMENTO UE/2016/679 Garante della Privacy

CHE COSA SI INTENDE PER RISCHIO? «Per “rischio” si intende uno scenario descrittivo di un evento e delle relative conseguenze, che sono stimate in termini di gravità e probabilità» per i diritti e le libertà ELEMENTI DA CONSIDERARE NELLA INDIVIDUAZIONE DEL RISCHIO. ERRORI DA EVITARE: Non bisogna confondere la gestione dei rischi con il tema delle misure di sicurezza Il rischio non si riferisce al titolare ma al soggetto interessato La valutazione del rischio deve riguardare Non solo la sicurezza del trattamento Ma anche gli effetti complessivi del trattamento Aspetti riguardanti la sicurezza del trattamento: DISPONIBILITÀ -distruzione -indisponibilità -perdita INTEGRITÀ -alterazione RISERVATEZZA -divulgazione -accesso QUALI SONO LE MISURE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO? MISURE PER LA GESTIONE DEL RISCHIO - ACCOUNTABILITY Qualità dei dati Cifratura Conservazione adeguata Anonimizzazione dei dati Minimizzazione MISURE TECNOLOGICHE: policy di sicurezza logiche e fisiche, aggiornamenti servizi e software, test, controllo accessi e tracciamento operazioni MISURE ORGANIZZATIVE: ruoli, governance, istruzioni, formazione, procedure, audit, strumenti di controllo per gli interessati, contatti

LA VALUTAZIONE DI IMPATTOLA VALUTAZIONE DI IMPATTO Visualizza VIDEO Individuazione e gestione del rischio - Il tutorial del Garante privacy E-learning_14.pngLA VALUTAZIONE DI IMPATTO VIDEO  
30
Apr

Corsi di formazione e aggiornamento per lavoratori – Modulo generale, specifico basso, medio e alto in giugno, luglio e settembre 2018

MODI SRL eroga nelle aule di Mestre Venezia molti "corsi" di formazione o aggiornamento periodici per i lavoratori, dirigenti, preposti, incaricati al primo soccorso, addetti antincendio, RSPP datore di lavoro ecc. I sessanta (60) giorni indicati nell’Accordo Stato Regioni non si intendono come il periodo entro cui il datore di lavoro debba avviare il percorso formativo, ma si il tempo ntro il quale al massimo il lavoratore lo deve concludere. Questo vale sono nel caso non abbia potuto partecipare ai corsi precedentemente all’avvio delle proprie mansioni. All’articolo 37 del D. Lgs. n. 81/2008 il legislatore ha deciso che la formazione dei lavoratori e per i rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza (RLS), deve avvenire durante l’orario di lavoro e non può comportare oneri economici a carico dei lavoratori. MODI da la possibilità alla sua clientela di ricevere preventivi gratuiti e scontistiche, per informazioni a riguardo contatta la segreteria organizzativa al numero verde 800300333 gratuito anche da mobile.
 
La Società di Consulenza e Formazione MODI S.r.l ha pianificato delle edizioni estive per il 2018 dei  corsi di formazione e aggiornamento per lavoratori. La sede dei corsi è  Mestre Venezia in Via Volturno 4/e facilmente raggiungibile con i mezzi pubblici (fermata tram e bus di Via Volturno) e con l'auto (parcheggi gratuiti in zona).
 
 
FORMAZIONE LAVORATORI - MODULO GENERALE - della durata di 4 ore, la quota è di € 80,00 + IVA
Fruibile on-line 24 ore su 24 con accesso alla piattaforma per un mese o in aula a Mestre nei giorni sotto indicati.
Per scaricare la scheda con la programmazione completa cliccarequi.
Venerdì 15 giugno 2018 orario 09.00/13.00;
giovedì 12 luglio 2018 orario 09.00/13.00;
lunedì 17 settembre 2018 orario 09.00/13.00.
 
FORMAZIONE LAVORATORI - MODULO SPECIFICO BASSO - della durata di 4 ore, la quota è di € 80,00 + IVA
Fruibile on-line 24 ore su 24 con accesso alla piattaforma per un mese o in aula a Mestre nei giorni sotto indicati.
Per scaricare la scheda con la programmazione completa cliccare qui.
Venerdì 15 giugno 2018 orario 14.00/18.00;
giovedì 12 luglio 2018 orario 14.00/18.00;
lunedì 17 settembre 2018 orario 14.00/18.00.
 
FORMAZIONE LAVORATORI - MODULO SPECIFICO MEDIO - della durata di 8 ore, la quota è di € 150,00 + IVA
Fruibile in aula a Mestre nei giorni sotto indicati.
Per scaricare la scheda con la programmazione completa cliccarequi.
15 e 19 giugno 2018 orario 14.00/18.00;
12 e 16 luglio 2018 orario 14.00/18.00;
17 e 19 settembre 2018 orario 14.00/18.00.
 
FORMAZIONE LAVORATORI - MODULO SPECIFICO ALTO - della durata di 12 ore, la quota è di € 220,00 + IVA
Fruibile in aula a Mestre nei giorni sotto indicati.
Per scaricare la scheda con la programmazione completa cliccarequi.
15, 19 e 22 giugno 2018 orario 14.00/18.00;
12, 16, 19 luglio 2018 orario 14.00/18.00;
17, 19, 24 settembre 2018 orario 14.00/18.00.
Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it  
30
Apr

Erasmus, arriva il programma dedicato ai giovani professionisti

  MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231 30/04/2018 - Dopo gli studenti, toccherà ora ai giovani professionisti partire in ‘Erasmus’. Fondazione Inarcassa, la Fondazione Architetti e Ingegneri Liberi Professionisti aderenti a Inarcassa, ha promosso il progetto pilota ‘Erasmus Young Professional in Sustainability’. L’iniziativa è dedicata ai giovani professionisti under 35, con l’obiettivo di favorire lo scambio e la crescita professionale attraverso momenti di formazione e lavoro presso studi professionali di altri Paesi europei, con particolare riguardo alla condivisione di esperienze e informazioni tecniche in materia di sostenibilità, dalla bioedilizia all’efficienza energetica. Presentato nei giorni scorsi in Commissione Bilancio del Parlamento Europeo dagli Europarlamentari Pina Picierno (S&D), Giovanni La Via (PPE) e Brando Benifei (S&D), il progetto è stato delineato per estendere quanto già previsto nel programma Erasmus.. Continua a leggere su Edilportale.com
30
Apr

Antincendio, in arrivo la regola tecnica per le attività commerciali

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231 30/04/2018 – In arrivo la nuova regola tecnica verticale per la prevenzione degli incendi nelle attività commerciali. La bozza è stata messa a punto dal Dipartimento dei Vigili del Fuoco e si applica alle strutture con superficie lorda superiore a 400 metri quadri. La regola tecnica verticale sarà inglobata nel Codice di prevenzione degli incendi (DM 3 agosto 2015). Prima dovrà ricevere il parere della Commissione Europea, che valuterà se le nuove regole sono idonee a non ostacolare la libera circolazione delle merci, cioè che non nascondano il rischio di una stretta anticoncorrenziale. Regole tecniche verticali, cosa sono: Le regole tecniche verticali servono a caratterizzare meglio una specifica attività fornendo ulteriori indicazioni rispetto a quelle già previste dal Codice. L’applicazione delle regole tecniche verticali presuppone l’applicazione dell’intero Codice di prevenzione incendi,.. Continua a leggere su Edilportale.com
30
Apr

Abusivismo edilizio, quasi 20 case su 100 sono illegali

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231 30/04/2018 - Dal 2005 al 2015 l’indice di abusivismo edilizio è aumentato da 11,9 a 19,9 per ogni 100 abitazioni legali costruite annualmente. Nel triennio 2015-2017 si registra una riduzione dell’indice da 19,9 scende a 19,4. A livello geografico si registra una notevole variabilità: al Sud e nelle Isole l’indice di abusivismo edilizio si mantiene su livelli sempre notevolmente più elevati rispetto alle altre aree. Nel 2005 l’indice è pari a 4,3 nel Nord-Est e 33,2 al Sud; nel 2010 i valori sono pari a 3,9 nel Nord-Est e 31,1 al Sud; nel 2017 l’indicatore è pari a 5,5 nel Nord-Est e nel Sud raggiunge il 49,9. Anche in termini di variazioni nell’ultimo triennio si registrano tendenze divergenti fra le diverse aree: tra il 2015 e il 2017 a fronte di riduzioni nel Nord-Ovest (da 7,2 a 5,9) e Nord-Est (da 6,3 a 5,5), si osservano aumenti dell’indice di abusivismo al Centro (da 19,0 a 20,7), al.. Continua a leggere su Edilportale.com
30
Apr

Sismabonus, la detrazione vale anche per la demolizione e ricostruzione

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231 30/04/2018 - Si può usufruire del sismabonus anche per la demolizione e ricostruzione di un edificio con la stessa volumetria di quello preesistente, fatte salve le sole innovazioni necessarie per l’adeguamento alla normativa antisismica. Lo afferma l’Agenzia delle Entrate con la Risoluzione 34/E del 27 aprile 2018. Sismabonus in caso di demolizione e ricostruzione Il sismabonus, spiega l’Agenzia, può essere fruito anche da coloro che, possedendo o detenendo l’immobile in base a un titolo idoneo, decidono di demolirlo e ricostruirlo con la stessa volumetria di quello preesistente, fatte salve le sole innovazioni necessarie per l’adeguamento alla normativa antisismica. Tale intervento, infatti rientra tra quelli di ristrutturazione edilizia e non di nuova costruzione. In risposta all’interpello di tre comproprietari, inoltre, le Entrate chiariscono che questi soggetti possono dividere le spese in proporzione alla.. Continua a leggere su Edilportale.com
30
Apr

Sismabonus, la detrazione vale anche per la demolizione e ricostruzione

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231 30/04/2018 - Si può usufruire del sismabonus anche per la demolizione e ricostruzione di un edificio con la stessa volumetria di quello preesistente, fatte salve le sole innovazioni necessarie per l’adeguamento alla normativa antisismica. Lo afferma l’Agenzia delle Entrate con la Risoluzione 34/E del 27 aprile 2018. Sismabonus in caso di demolizione e ricostruzione Il sismabonus, spiega l’Agenzia, può essere fruito anche da coloro che, possedendo o detenendo l’immobile in base a un titolo idoneo, decidono di demolirlo e ricostruirlo con la stessa volumetria di quello preesistente, fatte salve le sole innovazioni necessarie per l’adeguamento alla normativa antisismica. Tale intervento, infatti rientra tra quelli di ristrutturazione edilizia e non di nuova costruzione. In risposta all’interpello di tre comproprietari, inoltre, le Entrate chiariscono che questi soggetti possono dividere le spese in proporzione alla.. Continua a leggere su Edilportale.com
30
Apr

Lungomare, passeggiate dove la terra incontra l’infinito

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231 30/04/2018 – Con l’arrivo delle belle giornate cresce la voglia di mare e passeggiate all’aria aperta. Si popolano i lungomari, che oltre a far bella mostra di architetture storiche o contemporanee, offrono sempre più servizi e riducono le barriere architettoniche. Lungomare Trieste, Salerno È un grande giardino alberato, interamente pedonale, largo 30 metri e lungo circa 1 km e mezzo. Inizialmente era più corto. È stato ampliato utilizzando le ceneri vulcaniche, dopo l’eruzione del Vesuvio nel 1944, e le macerie dei bombardamenti della II guerra mondiale. La realizzazione definitiva risale agli anni Cinquanta. Successivamente si è dotato di percorsi tattili per ciechi ed ipovedenti. Dal 2012 ha eliminato le barriere architettoniche. Foto: Wikipedia Lungomare Falcomatà, Reggio Calabria Spesso viene chiamato “il più bel chilometro d'Italia”. Dalla costa si può assistere.. Continua a leggere su Edilportale.com