1 6 aprile 2018 - MOG 231 - Modelli di Organizzazione e Gestione | MOG 231 – Modelli di Organizzazione e Gestione
Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

Archive for aprile 6th, 2018

6
Apr

IL REGOLAMENTO 679/2016 EUROPEO PRIVACY O GDPR INTRODURRÀ NUOVE TUTELE A FAVORE DEGLI INTERESSATI, E INEVITABILMENTE NUOVI OBBLIGHI A CARICO DI TITOLARI E RESPONSABILI DEL TRATTAMENTO DI DATI PERSONALI.

IL REGOLAMENTO 679/2016 EUROPEO PRIVACY O GDPR INTRODURRÀ NUOVE TUTELE A FAVORE DEGLI INTERESSATI, E INEVITABILMENTE NUOVI OBBLIGHI A CARICO DI TITOLARI E RESPONSABILI DEL TRATTAMENTO DI DATI PERSONALI. Il termine entro il quale le aziende dovranno adeguarsi alla nuova legge sulla privacy è il 25/05/18.
 Redigere e “conservare” opportune documentazioni quali i Registri delle attività di trattamento, in cui vengano riportare tutte le attività di trattamento dei dati svolte sotto la responsabilità del "titolare" al trattamento o del responsabile è tra le misure privacy da adottare nel rispetto del Regolamento Europeo 679 (General  Data Protection Regulation, GDPR) . MODI SRL si propone per svolgere un’analisi approfondita e fornire adeguato supporto nell’implementazione del "piano di adeguamento" e la formazione al personale coinvolto.
Siamo in grado di affiancare qualsiasi tipo di azienda nella transizione documentale legata alla sua adozione in Italia, portando innovazione e formazione al personale coinvolto e ai vertici aziendali. Modi Srl ha messo a disposizione il sito www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it per consultazione regolamento, slide, video, materiali, faq ecc.
Per un contatto telefonico contattare il servizio Clienti 800300333 dal lunedì al venerdì dalle ore 08.00 alle ore 19.00 e di sabato mattina. E’ attiva anche una chat.
6
Apr

Puglia, sarà più semplice costruire case mobili, tende e lodge tents per turisti

06/04/2018 - Per ottenere la classificazione di una struttura alberghiera basterà presentare una semplice dichiarazione al Comune di competenza territoriale, evitando inutili lungaggini burocratiche.   Accade in Puglia, grazie alla legge regionale, approvata nei giorni scorsi, in materia di semplificazione amministrativa e di rafforzamento della capacità competitività delle imprese turistiche. Il nuovo testo modifica e integra la legge regionale 11/1999 che disciplinava l’attività delle strutture ricettive.   La Legge - spiega la Regione in una nota - prevede di conservare in capo alla Regione le funzioni di indirizzo e coordinamento per ciò che attiene alla classificazione alberghiera e risponde alle tante istanze pervenute dalle strutture turistiche all’aria aperta, come i villaggi turistici e i campeggi, che oggi sono chiamate a rispondere alle nuove esigenze di tanti turisti nazionali e internazionali che vogliono un’alternativa..
Continua a leggere su Edilportale.com

6
Apr

Scuole, in Gazzetta il piano da 1,7 miliardi di euro per il triennio 2018-2020

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231 06/04/2018 – Può contare su 1,7 miliardi di euro il programma triennale 2018 – 2020 di edilizia scolastica. È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il DM 3 gennaio 2018, che detta le priorità per la realizzazione di interventi di messa in sicurezza, ristrutturazione e nuove costruzioni di edifici scolastici. Edilizia scolastica, piano triennale da 1,7 miliardi Le risorse derivano dalla legge di Stabilità per il 2016 (L.208/2015), che ha rifinanziato il programma nazionale in materia di edilizia scolastica. Serviranno a garantire i mutui stipulati dagli Enti locali con la Banca Europea degli Investimenti (BEI) per la realizzazione di interventi straordinari di ristrutturazione, messa in sicurezza, adeguamento sismico, efficientamento energetico di edifici scolastici pubblici, costruzione di nuove scuole e palestre e interventi di miglioramento delle palestre scolastiche esistenti. Edilizia scolastica, i programmi regionali Le.. Continua a leggere su Edilportale.com
6
Apr

Ecobonus 2018, le novità per gli impianti termici

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231 06/04/2018 – Come cambia l’ecobonus per le spese sostenute per sostituire gli impianti e quali sono i requisiti tecnici da rispettare e la documentazione da conservare. I chiarimenti sono presenti nei Vademecum pubblicati dall’Enea, aggiornati con le novità dalla Legge di Bilancio 2018, su Caldaie a condensazione, Caldaie a biomassa, Pompe di calore, Collettori solari, Sistemi ibridi e Building automation. SCARICA LA GUIDA ALL’ECOBONUS DI EDILPORTALE Ecobonus 2018 per le caldaie: le condizioni per l’agevolazione I requisiti per la detrazione delle caldaie cambiano a seconda del tipo di caldaia scelta: per le caldaie a condensazione sono agevolate solo le spese per la sostituzione, integrale o parziale dell’impianto mentre per le caldaie a biomassa sono agevolate anche le spese per la nuova installazione. Infatti, le condizioni per l’accesso delle caldaie a condensazione presuppongono che l’edificio.. Continua a leggere su Edilportale.com
6
Apr

Riqualificazione energetica, come cambia l’ecobonus per finestre e cappotto

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231 06/04/2018 – Con la Legge di Bilancio 2018, l’ecobonus è stato modificando, introducendo nuove tipologie d’interventi detraibili (come i microcogeneratori) e ridimensionando la percentuale di detrazione di alcuni lavori. Per chiarire i nuovi tetti massimi di detrazione e i requisiti che gli interventi devono possedere, l’Enea ha pubblicato una serie di Vademecum su Serramenti, Schermature solari, Coibentazioni e Interventi globali. SCARICA LA GUIDA ALL’ECOBONUS DI EDILPORTALE Ecobonus 2018 per le finestre: come accedere all’agevolazione Da quest’anno (e fino al 31 dicembre 2018) per la sostituzione di finestre comprensive di infissi è prevista una detrazione del 50%. Il limite massimo detraibile è di 60 mila euro per unità immobiliare ma l’Enea specifica che, se l’intervento è eseguito contestualmente a un intervento di coibentazione, la detrazione massima complessiva.. Continua a leggere su Edilportale.com
6
Apr

Ristrutturare casa, Enea: ‘invio dati solo per lavori che riducono i consumi energetici’

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231 06/04/2018 -  La comunicazione all’Enea degli interventi di ristrutturazione edilizia non riguarderà tutti i lavori, ma solo quelli in grado di produrre un risparmio energetico. La spiegazione arriva dall’Enea dopo i dubbi sorti nei giorni scorsi. Bonus ristrutturazioni, necessaria la comunicazione all’Enea Ricordiamo che la Legge di Bilancio 2018 (L. 205/2017) ha introdotto una novità. Per ottenere la detrazione del 50% sugli interventi di ristrutturazione edilizia sarà necessario inviare una comunicazione all’Enea. L’obiettivo è monitorare il risparmio energetico che può derivare da un intervento di ristrutturazione e avere un quadro completo dello stato del patrimonio edilizio. SCARICA LA GUIDA DI EDILPORTALE AL BONUS RISTRUTTURAZIONI Fino all’anno scorso, questo tipo di comunicazione doveva essere inviato solo per ottenere l’Ecobonus in presenza di interventi di riqualificazione.. Continua a leggere su Edilportale.com