1 15 maggio 2018 - MOG 231 - Modelli di Organizzazione e Gestione | MOG 231 – Modelli di Organizzazione e Gestione
Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

Archive for maggio 15th, 2018

15
Mag

Quali sono gli effetti dei campi elettromagnetici che si vogliono prevenire?

Quali sono gli effetti dei campi elettromagnetici che si vogliono prevenire? Le misure previste dal Titolo VIII del D.Lgs. 81/2008 sono mirate alla protezione dai rischi per la salute e sicurezza dovuti agli effetti nocivi a breve termine derivanti dalla circolazione di correnti indotte, dall’assorbimento di energia e da correnti di contatto. Il D.Lgs. 81/2008 non riguarda la protezione da eventuali effetti a lungo termine per i quali mancano dati scientifici che dimostrino un rapporto di causa-effetto e non riguarda nemmeno i rischi risultanti dal contatto con i conduttori in tensione. La Società di Consulenza e formazione MODI SRL di Mestre, Marghera, Spinea, Venezia mette a disposizione dei Clienti e dei potenziali il numero verde 800300333 per rispondere a domande su questo argomento e più in generale sugli adempimenti previsti in materia di Salute e Sicurezza negli ambienti di lavoro, implementazione/realizzazione/integrazione/mantenimento dei Sistemi di Gestione Qualità ISO 9001:2015, Ambiente ISO 14001:2015, Sicurezza (passaggio dalla OHAS 18001 alla ISO 45001), Modelli Organizzativi D.lgs 231 e applicazione del nuovo Regolamento GDPR Privacy 2016/679. Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modisq@tin.it  
15
Mag

A Parigi svelato il più grande modello urbanistico BIM al mondo

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231 15/05/2018 - La Città di Parigi ha lanciato lo scorso febbraio un concorso dal titolo ‘Site Tour Eiffel: découvrir, approcher, visiter’ (Area della Tour Eiffel: scopri, avvicinati, visita), con l’obiettivo di riqualificare l’area che circonda la Tour Eiffel e collegare in un progetto unitario i Jardins du Trocadéro, il Champ de Mars e la stessa Tour Eiffel. Il concorso, aperto a architetti e ingegneri di tutto il mondo, servirà al Comune di Parigi a promuovere una città resiliente, inclusiva e rispettosa dell'ambiente, contribuendo allo sviluppo del turismo e affrontando allo stesso tempo le problematiche di accessibilità in previsione delle Olimpiadi del 2024. Partner tecnologico della Città di Parigi in questo progetto unico nel suo genere, è la software-house statunitense Autodesk, che grazie all’utilizzo del BIM (Building Information Modelling) ha creato il più grande modello.. Continua a leggere su Edilportale.com
15
Mag

Codice Appalti, pronto il bando tipo per le gare di progettazione oltre i 100mila euro

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231 15/05/2018 – Passi avanti per l’attuazione del Codice Appalti. L’Autorità nazionale anticorruzione (Anac) ha messo a punto il bando tipo n.3, sull’affidamento dei servizi di ingegneria e architettura di importo pari o superiore a 100mila euro con procedura aperta e offerta economicamente più vantaggiosa. Il testo sarà in consultazione fino al 13 giugno. Servizi di ingegneria e architettura oltre 100mila euro Il bando tipo è uno strumento pensato per dare omogeneità alle procedure di gara e aiutare le Stazioni Appaltanti nella redazione dei documenti e nell’espletamento delle procedure di appalto. Nel bando tipo n.3, oltre ad un fac-simile di disciplinare di gara, ci sono due allegati contenenti l’esempio dei criteri di valutazione dell’offerta tecnica e un esempio di schema di presentazione dell’offerta tecnica. In particolare viene spiegato come dimostrare la professionalità.. Continua a leggere su Edilportale.com
15
Mag

Ecobonus, quando è possibile sfruttarlo per riqualificare il sottotetto

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231 15/05/2018 – Alcuni interventi di recupero di un sottotetto possono usufruire delle detrazioni per la riqualificazione energetica se rispettano determinate condizioni. Come ha ricordato l’Enea, il discriminante è l’abitabilità del sottotetto e la presenza o meno del riscaldamento. Ecobonus e recupero del sottotetto Se si prevede il recupero di un sottotetto non abitabile e non riscaldato, i lavori che comprendono l'isolamento delle falde di copertura del tetto per rendere confortevole l'alloggio non possono avvalersi dell’ecobonus 65%. Per avvalersi della detrazione sulla coibentazione di un tetto è necessario, in linea generale, che il sottotetto sia abitabile e riscaldato. Se, invece, è non abitabile o addirittura non praticabile e di dimensioni tanto esigue da potersi considerare un’intercapedine facente tutt’uno con la copertura e con il solaio orizzontale che delimita una.. Continua a leggere su Edilportale.com
15
Mag

Ecobonus, quando è possibile sfruttarlo per riqualificare il sottotetto

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231 15/05/2018 – Alcuni interventi di recupero di un sottotetto possono usufruire delle detrazioni per la riqualificazione energetica se rispettano determinate condizioni. Come ha ricordato l’Enea, il discriminante è l’abitabilità del sottotetto e la presenza o meno del riscaldamento. Ecobonus e recupero del sottotetto Se si prevede il recupero di un sottotetto non abitabile e non riscaldato, i lavori che comprendono l'isolamento delle falde di copertura del tetto per rendere confortevole l'alloggio non possono avvalersi dell’ecobonus 65%. Per avvalersi della detrazione sulla coibentazione di un tetto è necessario, in linea generale, che il sottotetto sia abitabile e riscaldato. Se, invece, è non abitabile o addirittura non praticabile e di dimensioni tanto esigue da potersi considerare un’intercapedine facente tutt’uno con la copertura e con il solaio orizzontale che delimita una.. Continua a leggere su Edilportale.com
15
Mag

Codice Appalti, Anac: ‘le spese generali vanno sempre indicate nelle offerte’

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231 15/05/2018 – Per verificare l’attendibilità dell’offerta bisogna valutare anche le spese generali sostenute dall’impresa. Eventuali incarichi svolti gratis devono mettere in allarme la Stazione Appaltante. È la conclusione cui è arrivata l’Autorità nazionale anticorruzione (Anac) nel parere di precontenzioso su una gara per la manutenzione ordinaria e straordinaria di un impianto di depurazione. Appalti, spese generali nell’offerta Dopo l’aggiudicazione, la seconda classificata ha segnalato all’Anac che la vincitrice nell’offerta non aveva inserito, né fatto nessun riferimento, alle spese generali. In particolare, l’impresa aggiudicataria non aveva indicato gli oneri riguardanti la prestazione del responsabile tecnico per l’applicazione delle norme di sicurezza. Oltre a questo, aveva quantificato in maniera irrisoria le spese di trasporto e smaltimento in discarica dei.. Continua a leggere su Edilportale.com
15
Mag

Manutenzione stradale, la centralizzazione delle gare slitta di un anno

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231 15/05/2018 - Per i lavori di manutenzione delle strade di importo superiore alla soglia comunitaria (5,55 milioni di euro), l’obbligo di ricorrere ai Soggetti Aggregatori scatterà un anno dopo rispetto alle altre categorie merceologiche. La Conferenza Unificata del 10 maggio scorso ha sancito l’intesa sullo schema di DPCM, di concerto con il Ministro dell’Economia e Finanze, di individuazione delle categorie merceologiche e delle relative soglie per le quali opera l’obbligo di ricorso ai Soggetti Aggregatori. Lo schema di DPCM individua 6 nuove categorie di beni e servizi (trasporto scolastico e forniture sanitarie) per le quali, in caso di forniture per importi superiori a 5,55 milioni di euro, la centralizzazione dell’acquisto sarà obbligatorio a partire dall’entrata in vigore del DPCM. Quello per la manutenzione delle strade (categoria merceologica 25: Manutenzione strade - servizi e forniture) scatterà.. Continua a leggere su Edilportale.com