1 giugno 2018 - MOG 231 - Modelli di Organizzazione e Gestione | MOG 231 – Modelli di Organizzazione e Gestione
Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

Archive for giugno, 2018

21
Giu

RESTATE connessi! I corsi online sono attivi per tutta l’estate 24 ore su 24 e in aula a Mestre edizioni dei corsi in luglio 2018


Primo giorno d'estate? RESTATE connessi! I corsi online sono attivi per tutta l'estate 24 ore su 24 e in aula a Mestre partono edizioni di formazione a aggiornamento anche nei mesi di luglio e  agosto 2018.

Programmati dalla Società di Consulenza e Formazione per tutto il  2018 i  corsi di formazione e aggiornamento per gli "incaricati al primo soccorso". La sede dei corsi è  Mestre Venezia in Via Volturno 4/e facilmente raggiungibile con i mezzi pubblici (fermata tram e bus di Via Volturno) e con l'auto (parcheggi gratuiti in zona).

Durante i corsi di PRIMO SOCCORSO, verranno affrontate tutte le tematiche necessarie all’addetto per lo svolgimento del compiti all’interno dell’azienda.  Per visionare i commenti di chi ha già partecipato ai corsi MODI vedi DICONO DI NOI.

Ogni tre anni la formazione per il gli incaricati al primo soccorso deve essere aggiornata con un corso di 6 ore per il gruppo A e di 4 ore per i gruppi B e C. 

Addetti al "PRIMO SOCCORSO" AGGIORNAMENTO - 4 ore (per aziende gruppo B/C) al costo di € 80,00 + IVA: 
Organizzato in aula a Mestre nei giorni sotto indicati:
Per scaricare la scheda di iscrizione con la programmazione completa cliccare qui.

giovedì 7 giugno 2018 orario 14.00/18.00;
lunedì 2 luglio 2018 orario 14.00/18.00;
mercoledì 25 luglio 2018 orario 14.00/18.00;
lunedì 6 agosto 2018 orario 14.00/18.00;
martedì 18 settembre orario 14.00/18.00;


Incaricati  al  "PRIMO SOCCORSO" AGGIORNAMENTO - 6 ore in un'unica data (per aziende del gruppo A) al costo di € 120,00 + IVA:  
Frequentabile nella sede di Mestre nelle giornate sotto indicate:
Per scaricare la scheda di partecipazione con il programma completo cliccare qui.

giovedì 31 maggio 2018 orario 13.30/19.30;
lunedì 2 luglio 2018 orario 13.30/19.30;
mercoledì 25 luglio 2018 orario 13.30/19.30;


Addestramento degli addetti al  "PRIMO SOCCORSO" - 12 ore (aziende gruppo B/C) al costo di € 150,00 + IVA: Organizzato in aula a Mestre nelle lezioni sotto elencate:
Per scaricare la scheda con la programmazione completa cliccare qui.

21, 28, 31 maggio 2018 orario 14.00/18.00;
27, 28 giugno 2018 e 2 luglio 2018 orario 14.00/18.00;
18, 23, 25 luglio 2018 orario 14.00/18.00;
21, 28 settembre 2018 e 3 ottobre 2018 orario 14.00/18.00;

Formazione degli incaricati "PRIMO SOCCORSO" - 16 ore ( aziende gruppo A) al costo di € 180,00 + IVA: Fruibile in aula a Mestre nei giorni sotto elencati: 
Per scaricare la scheda con la programmazione completa cliccare qui.


21, 28 maggio 2018 orario 14.00/19.00 e 31 maggio  2018 orario 13.30/19.30;
27, 28 giugno 2018 orario 14.00/19.00 e 2 luglio 2018 orario 13.30/19.30;
18, 23 luglio 2018 orario 14.00/19.00 e 25 luglio 2018 orario 13.30/19.30;
21, 28 settembre 2018 orario 14.00/19.00 e 3 ottobre 2018 orario 13.30/19.30;


Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it.

21
Giu

Vuoi partecipare al corso di formazione per “lavoratori neo assunti” del 12 luglio 2018 “Modulo Generale”? Chiama MODI SRL di Mestre.

La formazione dei lavoratori in ambito Sicurezza e Salute sui luoghi di lavoro è sicuramente fondamentale in quanto è uno degli obblighi fondamentali, previsti dalla normativa in materia.

Il datore di lavoro deve addestrare i lavoratori dipendenti entro un massimo di sessanta giorni dopo l’assunzione. Per informazioni, sopralluoghi gratis per verifica degli adempimenti di Legge chiama il numero verde 800300333.


Per scaricare la scheda di iscrizione del corso del 12 luglio 2018 organizzato dal Centro di Formazione MODI SRL a Mestre cliccare qui. 

La Società di Consulenza e Formazione MODI SRL attiva a Mestre in Via Volturno 4/e (zona centro comoda ai mezzi pubblici e con parcheggi auto disponibili in zona,  il corso di formazione obbligatorio per "nuovi lavoratori" composto da un "modulo generale" e da altri relativi al rischio il cui il lavoratore è esposto (rischio basso, medio o alto).

Per leggere le recensioni positive di chi ha già provato i nostri servizi di consulenza o a fruito dei nostri corsi cliccare qui.

Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it


21
Giu

Le 5 caratteristiche per riconoscere un oggetto BIM ben fatto

Fin dai primi anni 2000 le aziende produttrici del settore Ingegneria, Architettura e Design hanno iniziato un processo di digitalizzazione, incentrando le proprie strategie di marketing sulla fornitura di strumenti informatici ai propri clienti, come librerie di blocchi CAD 2D e oggetti 3D. Oggi i simboli CAD sono stati sostituiti dagli oggetti BIM. COS'E' UN OGGETTO BIM? Un oggetto BIM è un “contenitore di informazioni dettagliate” e racchiude al suo interno tutte le caratteristiche tecniche e geometriche, che identificano un prodotto progettato e realizzato da un brand. Qualcosa di ben più articolato dei precedenti blocchi CAD 2D e 3D, poiché l’oggetto BIM è un modello parametrico che contiene tutte le varianti di tipo e si relaziona agli altri componenti dell’opera architettonica. Un oggetto BIM può essere inserito all’interno del proprio progetto, la rappresentazione grafica nelle diverse viste di..
Continua a leggere su Edilportale.com

21
Giu

Cos’è l’organo di vigilanza?

Cos’è l’organo di vigilanza?

E’ un servizio dell’Azienda Sanitaria Locale competente in quel territorio e, nei casi preposti al Comando dei Vigili del Fuoco.

L’Organo di Vigilanza controlla e vigila sull’applicazione di tutte le norme in materia di sicurezza e salute sui luoghi di lavoro; lavora in concomitanza con l’Ispettorato del Lavoro quando previsto.

Si pone come garante esterno della corretta applicazione delle disposizioni in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. 

Nel caso in cui si verifichi un’ispezione al fine di stabilire il livello di sicurezza di un’impresa, l’attività ispettiva dei vigilanti prevede che vengano analizzate le condizioni di lavoro, i documenti prodotti, la formazione dei dipendenti i macchinari utilizzati, l’igiene degli ambienti di lavoro, dall’impresa interessata per poi redigere un verbale conclusivo dell’ispezione.

Lo Staff di Consulenza Sicurezza Veneto by MODI S.r.l., (composto da ingegneri, giuristi d’impresa, consulenti di Organizzazione aziendale, docenti e tecnici della prevenzione) mette a disposizione dei Clienti e dei potenziali il numero verde 800300333 per rispondere a domande su questo argomento e più in generale sugli adempimenti previsti in materia di Salute e Sicurezza negli ambienti di lavoro, implementazione/realizzazione/integrazione/mantenimento dei Sistemi di Gestione Qualità ISO 9001:2015, Ambiente ISO 14001:2015, Sicurezza (passaggio dalla OHAS 18001 alla ISO 45001), Modelli Organizzativi D.lgs 231 e applicazione del nuovo Regolamento GDPR Privacy 2016/679.

Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari organizzati a Mestre. Marghera, Spinea, Venezia chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.consulenzasicurezzaveneto.it,; www.mog231.it; www.modiq.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modisq@tin.it.

21
Giu

Rispetto agli adempimenti di Legge in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, cosa succede se non si viene trovati in regola?

Rispetto agli adempimenti di Legge in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, cosa succede se non si viene trovati in regola?

Il Datore di Lavoro è la prima figura incaricata a garantire la sicurezza sul lavoro e sulla quale ricade di evitare che probabili e possibili pericoli dovuti all’esercizio della sua attività, possano tradursi in rischi per i Lavoratori che vengono assunti per il compimento di tale attività.

Al Datore di Lavoro sono equiparati i Dirigenti ed i Preposti che organizzano tutte le attività svolte dai Lavoratori, per i quali il Testo Unico in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro stabilisce che essi oltre ad adottare tutte le misure di sicurezza necessarie per la tutela dei dipendenti, devono anche informare gli stessi sui rischi specifici cui sono esposti, devono insegnare le norme fondamentali di prevenzione e devono addestrare i Lavoratori all’utilizzo corretto dei mezzi e degli strumenti di protezione.

Se un ispettore del lavoro durante un’ispezione accerta delle violazioni, darà delle prescrizioni affinché l’irregolarità venga eliminata, indicando tempi e modi di correzione nel verbale di ispezione. Comunicherà comunque la violazione alla Procura della Repubblica. La mancata regolarizzazione o il mancato pagamento danno avvio ad un procedimento penale.

I nostri tecnici qualificati restano a disposizione per chiarimenti e per un sopralluogo gratuito presso l'Azienda. Per un preventivo sulla valutazione dei rischi aziendali chiamateci al numero verde 800300333 raggiungibile gratis anche da mobile o via e-mail a modi@modiq.it. Per informazioni su i corsi di Formazione per RSPP o RSPP DL consultare il nostro sito www.modiq.it.

Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/.


21
Giu

Oice: ‘necessaria stabilità del Codice per evitare il blocco degli appalti’

21/06/2018 - Andamento altalenante del mercato dei bandi di sola progettazione da inizio 2018 a maggio forte calo: sono state bandite 199 gare (32 sopra soglia), per un valore di 20,8 milioni di euro (12,0 sopra soglia), rispetto al precedente mese di aprile il numero cala del 27,1% e il loro valore del 64,0%, rispetto a maggio 2017, -32,8% in numero e 62,1% in valore.   Sempre per la sola progettazione rimane in campo positivo il valore messo in gara nei primi cinque mesi 2018: le gare sono state 1.323, per un valore di 203,2 milioni di euro; rispetto ai primi cinque mesi 2017 il numero cala del 3,1% ma il valore cresce del 7,8%.   Secondo l’Osservatorio OICE-Informatel, aggiornato al 31 maggio, nei primi cinque mesi 2018 per tutti i servizi di ingegneria e architettura sono state bandite 2.248 gare per un importo complessivo di 336,9 milioni di euro che, confrontati con i primi cinque mesi del 2017, mostrano un calo del 6,5% nel numero (-1,5% sopra soglia) e dell’1,9%..
Continua a leggere su Edilportale.com

21
Giu

Come realizzare una Spa in casa

21/06/2018 – Con la vita lavorativa sempre più frenetica cresce la voglia e la necessità di momenti di relax. Per ritagliarsi momenti wellness, sempre più persone si concedono i piaceri di una Spa, non solo in centri benessere o alberghi ma anche nella propria abitazione.     Oggi, infatti, è possibile trasformare il bagno di casa in un angolo relax attraverso l’installazione di una vasca idromassaggio e di una doccia emozionale. Alcuni, inoltre, realizzano una minipiscina con idromassaggio sul terrazzo oppure un percorso benessere, con sauna e bagno turco, nel seminterrato.   Centro benessere domestico: cosa valutare La prima cosa da fare per creare un centro benessere in casa è la valutazione degli spazi; per realizzare una Spa in bagno è necessario avere uno spazio abbastanza grande, in alternativa sarà necessario predisporre un locale ad hoc.   Come nei centri benessere, una Spa domestica può..
Continua a leggere su Edilportale.com

21
Giu

Geologi: la geotermia potrebbe coprire il 50% dei consumi energetici

21/06/2018 - La geotermia sfrutta il calore naturale che proviene direttamente dalla Terra. La geotermia a bassa entalpia (ossia a basse temperature), a differenza di quella ad alta entalpia, non serve per produrre elettricità, ma per riscaldare e raffreddare, con altissima efficienza, abitazioni e strutture grazie all’utilizzo di pompe di calore geotermiche.   Si tratta di una fonte di energia rinnovabile che ha numerosi vantaggi per l’uomo e per l’ambiente: zero emissioni di anidride carbonica dannosa per la salute delle persone; l’inesauribilità della risorsa poiché non si esaurisce come i combustibili fossili; una maggiore autonomia di utilizzo poiché l’energia geotermica non è soggetta a variazioni metereologiche, ma risulta sempre estraibile; un risparmio fino all’80% dei costi di esercizio; l’indipendenza dall’aumento dei prezzi, dei costi del riscaldamento e della produzione di energia elettrica.   Grazie..
Continua a leggere su Edilportale.com

21
Giu

Gli edifici a energia quasi zero dal 2010… al 2050

21/06/2018 - Entro il 10 marzo 2020 l’Italia e gli altri Paesi europei dovranno dotarsi di nuove regole per l’efficienza e le prestazioni energetiche degli edifici, come previsto dalla direttiva 2018/844/UE sulla prestazione energetica nell’edilizia, pubblicata in Gazzetta Europea.   La nuova  direttiva impone ai Paesi europei di elaborare una strategia a lungo termine per sostenere la ristrutturazione degli edifici residenziali e non residenziali, sia pubblici che privati, al fine di ottenere un parco immobiliare decarbonizzato e ad alta efficienza energetica entro il 2050, e dovranno facilitare la trasformazione degli edifici esistenti in edifici a energia quasi zero.   Gli edifici a energia quasi zero Il concetto di ‘edificio a energia quasi zero’ è stato introdotto dalla direttiva 2010/31/UE, che ha fissato un obiettivo a 10 anni: entro il 31 dicembre 2020 tutti gli edifici di nuova costruzione..
Continua a leggere su Edilportale.com

21
Giu

Codice Appalti, Governo: ‘una task force per rilanciare gli investimenti’

21/06/2018 – Correggere le distorsioni del Codice Appalti che bloccano gli investimenti, scongiurare l’aumento dell’Iva e avviare la riforma fiscale. Sono alcuni dei punti su cui si articolerà il Documento di economia e finanza (Def) secondo le anticipazioni fornite dal Governo.   Durante la discussione sul Def, il Senato e la Camera hanno approvato due risoluzioni proposte dai senatori Romeo (Lega) e Patuanelli (M5S) e dai deputati D’uva (M5S) e Molinari (Lega), che impegnano il Governo ad adottare misure per la crescita e l’inclusione sociale.   Appalti e Fisco, il Governo annuncia la revisione Al Senato il Ministro dell’Economia e delle Finanze, Giovanni Tria, ha annunciato che il quadro programmatico del Governo sarà presentato a settembre. Le linee guida della politica economica saranno la riduzione progressiva del debito e una crescita inclusiva ed equa, attraverso la semplificazione fiscale, la riduzione della pressione..
Continua a leggere su Edilportale.com