1 8 agosto 2018 - MOG 231 - Modelli di Organizzazione e Gestione | MOG 231 – Modelli di Organizzazione e Gestione
Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

Archive for agosto 8th, 2018

8
Ago

Uno degli obiettivi del Regolamento UE PRIVACY 679/216 è quello di rafforzare il controllo dei dati personali

L'obiettivo del Regolamento UE PRIVACY 679/216 è quello di rafforzare il controllo sui propri dati personali quando questi sono trattati con mezzi automatizzati: • ricevendo tutti i dati personali che lo riguardano in un formato strutturato, di uso comune e leggibile da dispositivo automatico e interoperabile. • trasmettendoli, se necessario, ad un altro fornitore di servizi o titolare del trattamento. • facendoli trasmettere direttamente da un titolare all’altro, se tecnicamente possibile. Il diritto dell’Unione Europea o dei singoli Stati membri può imporre limitazioni al diritto alla "portabilità" dei dati, se conformi alla Carta e alla Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali. Si applica solo dietro consenso o se la stessa è necessaria per l’esecuzione di un contratto. Non si applica nei confronti dei titolari che trattano dati nell’esercizio delle loro funzioni pubbliche (es. obbligo legale). Non deve obbligare il titolare ad adottare o mantenere sistemi di trattamento compatibili. L’informativa deve contenere la possibilità per l’interessato di richiedere la portabilità dei suoi dati. Il Titolare deve inoltre fornire un’informativa chiara, concisa, trasparente, intellegibile, facilmente accessibile e completa in merito a quali dati verranno trattati, in che modo, per quanto tempo e per quali finalità. La profiliazione è il "trattamento automatizzato" che valuta aspetti concernenti una persona fisica, al fine di analizzare o prevedere diversi aspetti (il rendimento professionale, la situazione economica, la salute, le preferenze o gli interessi personali, l’affidabilità o il comportamento, l’ubicazione o gli spostamenti dell’interessato) e che può produrre effetti giuridici o incidere significativamente sulla persona interessa la disponibilità di una grandissima quantità di dati (big data) permettono di costruire un profilo dell’interessato che spesso raggiunge alti livelli di accuratezza. Spesso questi dati vengano comunicati inconsciamente dall’interessato (es. tramite iscrizione ad un sito). L’interessato ha il diritto di non essere sottoposto a una decisione basata unicamente su un trattamento automatizzato e che produca effetti anche pregiudizievoli (es. rifiuto automatico di una domanda di credito online). Chi non si è adeguato al Regolamento UE 2016/679 prima dell'entrata in vigore (25/05/2018) non deve aspettare altro tempo! Contattando la segreteria organizzativa di Consulenza Regolamento Privacy UE 679 by MODI SRL di Mestre e Spinea Venezia al numero verde 800300333 (gratis anche da mobile) è possibile richiedere un appuntamento per un preventivo di consulenza personalizzato per l'applicazione del REGOLAMENTO 2016/679 PRIVACY O GDPR!  
8
Ago

proroghe per voucher digitalizzazione Pmi

 

Ministero dello Sviluppo Economico informa su alcune proroghe approvate riguardanti i voucher 2018

proroghe per voucher digitalizzazione Pmi

proroghe per voucher digitalizzazione PmiProrogato fino al 14 dicembre 2018 il termine per l’ultimazione delle spese progettuali connesse agli interventi di digitalizzazione dei processi aziendali e ammodernamento tecnologico. A seguito della proroga, le imprese assegnatarie del Voucher possono presentare la richiesta di erogazione, dopo aver provveduto al pagamento a saldo di tutte le spese, fino al 14 marzo 2019. Resta ferma la possibilità per le imprese di presentare le richieste di erogazione a partire dal 14 settembre 2018.


Cos'è

È una misura agevolativa per le micro, piccole e medie imprese che prevede un contributo, tramite concessione di un “voucher”, di importo non superiore a 10 mila euro, finalizzato all'adozione di interventi di digitalizzazione dei processi aziendali e di ammodernamento tecnologico. La disciplina attuativa della misura è stata adottata con il decreto interministeriale 23 settembre 2014.

Cosa finanzia

Il voucher è utilizzabile per l'acquisto di software, hardware e/o servizi specialistici che consentano di:

  • migliorare l'efficienza aziendale;
  • modernizzare l'organizzazione del lavoro, mediante l'utilizzo di strumenti tecnologici e forme di flessibilità del lavoro, tra cui il telelavoro;
  • sviluppare soluzioni di e-commerce;
  • fruire della connettività a banda larga e ultralarga o del collegamento alla rete internet mediante la tecnologia satellitare;
  • realizzare interventi di formazione qualificata del personale nel campo ICT.

Gli acquisti devono essere effettuati successivamente alla pubblicazione sul sito web del Ministero del provvedimento cumulativo di prenotazione del Voucher adottato su base regionale.

Le agevolazioni

Ciascuna impresa può beneficiare di un unico voucher di importo non superiore a 10 mila euro, nella misura massima del 50% del totale delle spese ammissibili.

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
8
Ago

Pensione professionisti, contributo al 4% anche nelle fatture per la PA

08/08/2018 – Anche i professionisti che versano i contributi a Epap, Ente di previdenza ed assistenza pluricategoriale degli attuari, chimici, dottori agronomi, dottori forestali e geologi, potranno applicare il contributo integrativo del 4% nelle fatture emesse nei confronti della Pubblica Amministrazione. Lo ha stabilito il Consiglio di Stato, che con la sentenza 4062/2018 ha chiuso un contenzioso iniziato da circa cinque anni. Pensione professionisti iscritti ad Epap Fino ad ora, gli iscritti Epap hanno applicato un contributo integrativo del 2% nelle fatture emesse nei confronti della Pubblica Amministrazione e del 4% in quelle dirette ai provati. Differenza che non ha mai riguardato altri professionisti, come ad esempio gli ingegneri, che applicano indistintamente il contributo integrativo al 4%. L’origine di questo doppio binario per il contributo integrativo è nata con la Legge 133/2011, che ha consentito ad alcune Casse di previdenza.. Continua a leggere su Edilportale.com MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231