1 settembre 2018 - MOG 231 - Modelli di Organizzazione e Gestione | MOG 231 – Modelli di Organizzazione e Gestione
Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

Archive for settembre, 2018

29
Set

A Mestre presso il Centro di Formazione MODI si attivano a novembre 2018 corsi per lavoratori, incaricati al primo soccorso e antincendio, RLS, RSPP datore di lavoro. Vedi offerte!

Presso MODI S.r.l. a Mestre, nel mese di novembre 2018, sono in partenza i corsi di formazione e aggiornamento rivolti agli incaricati alla lotta antincendio, ai lavoratori, gli addetti primo soccorso in aziende di gruppo A e B/C e ai Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza. Sono già a disposizione tutte le date dei corsi pianificati nel 2019. MODI utilizza finanziamenti come FONDIMPRESA per corsi vari e ha a disposizione un ricco catalogo.
 
RLS - RAPPRESENTANTE LAVORATORI SICUREZZA
RLS (AGGIORNAMENTO) - 4 ore (aziende con meno di 50 lavoratori) al costo di € 79,00 + IVA: Per scaricare la scheda con la programmazione completa fino al 2019 cliccare qui. Mercoledì 12 dicembre 2018 orario 14.00/18.00. RLS (AGGIORNAMENTO) - 8 ore (aziende con più di 50 lavoratori) al costo di € 149,00 + IVA: Per scaricare la scheda con la programmazione completa fino al 2019 cliccare qui. 14 e 15 novembre 22018 orario 14.00/18.00.
ADDETTI ALLA LOTTA ANTINCENDIO A RISCHIO BASSO E MEDIO
 
Corsi di aggiornamento periodico rivolto agli “incaricati alla lotta antincendio” operanti in aziende a “rischio basso” al costo di € 50,00 + IVA Il programma rispetta quanto richiesto dalle normative vigenti e la durata è pari a 2 ore. Per scaricare la scheda con la programmazione completa cliccare qui. Giovedì 15 novembre 2018 orario 14.00/16.00. Corso di AGGIORNAMENTO dell’addestramento per incaricati ANTINCENDIO operanti in aziende a rischio medio – durata del docenza 5 ore al costo di € 100,00 + IVA Qui di seguito l’elenco delle attività di aggiornamento periodico organizzate in aula a Mestre attrezzata con campo prova per eseguire la prova di spegnimento. Per scaricare la scheda con la programmazione completa cliccare qui. Lunedì 19 novembre 2018 orario 08.30/13.30. ADDETTI ANTINCENDIO RISCHIO BASSO” - 4 ore al costo di € 80,00 Per scaricare il modulo di registrazione e vedere le altre date del 2018 e 2019 cliccare qui. Giovedì 15 novembre 2018 orario 14.00/18.00. ANTINCENDIO A RISCHIO MEDIO - 8 ore (questo corso oltre alla teoria prevede lo svolgimento di una prova pratica di spegnimento) al costo di € 150,00. Per scaricare la scheda di partecipazione e visionare le date del 2019 cliccare qui. 15 novembre 2018 orario 14.00/18.00 e 19 novembre 2018 orario 08.30/12.30. LAVORATORI A RISCHIO BASSO, MEDIO E ALTO FORMAZIONE LAVORATORI - MODULO GENERALE - 4 ore a € 80,00 + IVA: Fruibile on-line 24 ore su 24 con accesso alla piattaforma per un mese o in aula a Mestre nei giorni sotto indicati. Per scaricare la scheda con le edizioni del 2019 cliccare qui. Mercoledì 7 novembre 2018 orario 09.00/13.00. FORMAZIONE LAVORATORI - MODULO SPECIFICO BASSO - 4 ore a € 80,00 + IVA: Fruibile on-line 24 ore su 24 con accesso alla piattaforma per un mese o in aula a Mestre nei giorni sotto indicati. Per scaricare la scheda con le date del 2019 cliccare qui. Mercoledì 7 novembre 2018 orario 14.00/18.00. FORMAZIONE LAVORATORI - MODULO SPECIFICO MEDIO - 8 ore a € 150,00 + IVA: Per scaricare la scheda con la programmazione completa del 2019 cliccare qui. 19 e 21 dicembre 2018 orario 14.00/18.00. FORMAZIONE LAVORATORI - MODULO SPECIFICO ALTO - 12 ore a di € 220,00 + IVA: Fruibile in aula a Mestre nei giorni sotto indicati. Per scaricare la scheda con la programmazione completa cliccare qui. 7 e 9 novembre 2018 orario 14.00/18.00.
INCARICATI AL PRIMO SOCCORSO
 
ADDETTI AL PRIMO SOCCORSO - 12 ORE (per aziende gruppo B/C) a € 150,00 + IVA: Per scaricare la scheda con la programmazione completa cliccare qui. 23, 30 novembre 2018 e 6 dicembre 2018 orario 14.00/18.00. ADDETTI AL PRIMO SOCCORSO - 16 ORE (per aziende gruppo A) a € 180,00 + IVA: Per scaricare cliccare qui. 23, 30 novembre 2018 orario 14.00/19.00 e 6 dicembre 2018 orario 13.30/19.30. L’allievo potrà fruire del corso recandosi in aula a Mestre sita in Via Volturno 4/e zona Carpenedo (uscita tangenziale Castellana indicazioni per il centro parcheggio sotterranei CONDOMINIO CAROSSA) nei giorni sotto indicati. Fermata bus e tram "VOLTURNO".
 
Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it
28
Set

Entro il 25 maggio 2018, tutte le aziende di Europa dovevano adeguarsi al nuovo REGOLAMENTO EUROPEO PRIVACY UE 2016/679. Sono ancora moltissime quelle che non lo hanno fatto.

Entro il 25 maggio 2018, tutte le aziende di Europa dovevano adeguarsi al nuovo REGOLAMENTO EUROPEO PRIVACY UE 2016/679.  Sono ancora moltissime quelle che non lo hanno fatto.
l Decreto Legislativo 10 agosto 2018, n. 101 recante "Disposizioni per l'adeguamento della normativa nazionale alle disposizioni del Regolamento (UE) 2016/679"....continua a leggere su https://www.modiq.it/
l Decreto Legislativo 10 agosto 2018, n. 101 recante "Disposizioni per l'adeguamento della normativa nazionale alle disposizioni del Regolamento (UE) 2016/679"....continua a leggere su https://www.modiq.it/
Viene richiesto a tutti anche di cooperare con l’autorità di controllo notificando qualsiasi violazione dei dati personali alla stessa e al diretto interessato.
Il Regolamento 2016/679 Privacy  riprende, grazie all’intervento del Garante italiano, alcune definizioni già presenti nel D.lgs. 196/03, come quella di «titolare», «responsabile» e «interessato», ma introduce anche nuovi termini che vanno a sostituire o integrare il vocabolario normativo in materia.
Alcuni esempi:  Incaricato (termine eliminato), Rappresentante, Terzo, Dati genetici, biometrici e relativi alla salute
Chi non si è adeguato al Regolamento UE 2016/679 prima dell'entrata in vigore (25/05/2018) non deve aspettare altro tempo!    Il Decreto Legislativo 10 agosto 2018, n. 101 recante "Disposizioni per l'adeguamento della normativa nazionale alle disposizioni del Regolamento (UE) 2016 è entrato in vigore il 19/09/2018.
l Decreto Legislativo 10 agosto 2018, n. 101 recante "Disposizioni per l'adeguamento della normativa nazionale alle disposizioni del Regolamento (UE) 2016/679"....continua a leggere su https://www.modiq.it/
l Decreto Legislativo 10 agosto 2018, n. 101 recante "Disposizioni per l'adeguamento della normativa nazionale alle disposizioni del Regolamento (UE) 2016/679"....continua a leggere su https://www.modiq.it/
Contattando la segreteria organizzativa di Consulenza Regolamento Privacy UE 679 by MODI SRL di Mestre e Spinea Venezia al numero verde 800300333 (gratis anche da mobile) è possibile richiedere un appuntamento per un preventivo di consulenza personalizzato per l'applicazione del REGOLAMENTO 2019/679 PRIVACY O GDPR!
Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modisq@tin.it.
 
 
28
Set

Flat tax al 15% per Partite IVA e PMI e politiche per infrastrutture e costruzioni

28/09/2018 – La flat tax al 15% partirà nel 2019 per partite Iva e piccole imprese coinvolgendo più di un milione di lavoratori italiani.   A concretizzare il provvedimento tanto caro alla Lega è la nota di aggiornamento del DEF (Nadef), approvata ieri dal Consiglio dei Ministri, che prevede un innalzamento del deficit/Pil al 2,4% per tre anni.   Flat tax professionisti: 15% fino a 65 mila euro   Nella bozza di Nadef non si scende nei dettagli del meccanismo ma si evidenzia che “i cambiamenti allo studio consistono nell'innalzamento della soglia di ricavi e delle spese per il personale e per i beni strumentali a cui si applica il regime dei minimi, beneficiando così di una platea più ampia di artigiani, piccoli imprenditori e professionisti”.   Secondo le anticipazioni, la flat tax nel 2019 si configurerà come un allargamento dei beneficiari del regime forfettario; la Manovra 2019 dovrebbe..
Continua a leggere su Edilportale.com

28
Set

Piemonte, via libera alla legge per la riqualificazione e il riuso degli edifici

28/09/2018 - Riqualificare gli edifici esistenti e limitare il consumo di suolo. È questo l’obiettivo del disegno di legge ‘Procedure edilizie per il riuso, la riqualificazione e il recupero dell’edificato’ approvato il 25 settembre scorso dal Consiglio regionale del Piemonte. Il provvedimento favorisce la ristrutturazione degli immobili compromessi o in stato di abbandono mediante interventi che mirano alla sostenibilità ambientale e al miglioramento del tessuto urbano sotto il profilo sociale ed economico, e cancella gli oneri di urbanizzazione per gli interventi che non incrementano il carico urbanistico. Le nuove norme si applicheranno quindi, in caso di edifici obsoleti, di scarsa qualità architettonica, non sicuri dal punto di vista sismico o non sostenibili sotto il profilo energetico: via libera quindi al recupero di rustici e sottotetti, ma anche alla demolizione di edifici agricoli abbandonati, la cui cubatura sarà.. Continua a leggere su Edilportale.com   MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
28
Set

Scuole, Cittadinanzattiva: un crollo ogni 4 giorni di scuola

28/09/2018 - Un crollo ogni quattro giorni di scuola, tre scuole su quattro senza agibilità statica, solo una su venti in grado di resistere ad un terremoto. Crescono gli investimenti per la manutenzione ad opera degli enti proprietari, Comuni e Province: si parla in media di 50mila euro ad edificio per interventi di manutenzione ordinaria e di 228mila euro per quelli straordinari, ma il divario fra le varie realtà regionali è notevole. In generale, emerge una Italia a tre velocità, sia sulla manutenzione che sull’adempimento delle norme e delle certificazioni richieste dalla legge: ad investire di più sulla manutenzione ordinaria è la Lombardia (in media quasi 119mila euro), meno la Puglia (non si arriva ai 3mila euro); la verifica di vulnerabilità sismica è stata effettuata solo nel 2% delle scuole calabresi e nel 59% di quelle umbre, il certificato di prevenzione incendi è presente nel 69% degli istituti.. Continua a leggere su Edilportale.com   MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
28
Set

Scuole, oltre la metà non ha i certificati di agibilità e antincendio

28/09/2018 - Il patrimonio edilizio scolastico italiano è composto da 40.151 edifici attivi che fanno capo agli enti locali, 22.000 dei quali costruiti prima del 1970. Il 53,2% degli edifici possiede il certificato di collaudo statico, il 59,5% non ha quello di prevenzione incendi. Il 53,8% non ha quello di agibilità/abitabilità, il 78,6% delle scuole ha il piano di emergenza, il 57,5% degli edifici è dotato di accorgimenti per ridurre i consumi energetici, le barriere architettoniche risultano rimosse nel 74,5% degli edifici. Scuole, l’Anagrafe dell’edilizia scolastica I dati arrivano dall’Anagrafe dell’edilizia scolastica e sono stati resi disponibili in chiaro, per singolo istituto scolastico, attraverso il portale del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, nella sezione dedicata ai dati e open data. Le prime informazioni riguardano gli aspetti generali.. Continua a leggere su Edilportale.com   MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
28
Set

Lavori in casa, il committente è responsabile degli infortuni agli operai?

28/09/2018 – Il responsabile dei lavori risponde degli eventuali infortuni agli operai in cantiere. Con la sentenza 40922/2018, la Cassazione ha spiegato che, se non si nomina un tecnico, la responsabilità e l’onere del risarcimento ricadono sul committente, ad esempio il padrone di casa che ha chiamato un operaio per svolgere degli interventi. Lavori in casa, il ruolo del responsabile dei lavori La Cassazione ha spiegato che nei lavori edili è il responsabile dei lavori a rispondere di eventuali infortuni. Normalmente, hanno sottolineato i giudici, il responsabile dei lavori è un tecnico, ad esempio l’ingegnere o l’architetto cui sono stati affidati i lavori di ristrutturazione. Il progettista gestisce infatti gli operai, ne controlla l’operato e si assume le conseguenze civili e penali di eventuali incidenti. Lavori in casa, e se manca il responsabile dei lavori? I giudici hanno spiegato che molto spesso, in caso.. Continua a leggere su Edilportale.com   MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
27
Set

L’Organizzazione che intenda certificarsi a norma UNI EN ISO 14001:2015, deve definire la politica ambientale e diffonderla al personale e attuare il sistema di gestione ambientale

L’organizzazione che vuole certificarsi a norma UNI EN ISO 14001:2015, deve definire la politica ambientale, diffonderla al personale e attuare il sistema di gestione ambientale (ruoli, responsabilità e autorità).
Vanno inoltre pianificati e individuati gli aspetti ambientali delle attività dell'impresa che necessitano di monitoraggio.
Chiamando MODI SRL di Venezia sarà possibile attivare l'iter per adottare un sistema di gestione qualità, sicurezza, anti-corruzione a norma ISO 37001:2016, ISO 39001 ecc. anche integrati.
La Società di Consulenza e Formazione MODI SRL con sede in Mestre, Marghera, Spinea e Venezia è il Partner ideale per chi necessita migliorare la propria organizzazione aziendale. Chiama a Mestre, Spinea, Venezia la segretria organizzativa di MODI Info 800300333.
Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modisq@tin.it.
27
Set

Bonus casa, incentivi al riuso e riforma catasto: la ricetta Ance per rilanciare l’edilizia

27/09/2018 – Agevolazioni fiscali per la riconversione del patrimonio edilizio, reintroduzione della detrazione Irpef sull'acquisto di abitazioni in classe A, incentivi per la messa in sicurezza delle abitazioni, rimodulazione dei bonus per la casa, riordino del catasto e interventi per la locazione. Sono alcune delle misure chieste al Governo da Ance insieme alle associazioni edilizie e dell'ambiente (Assoimmobiliare, Legambiente, Università Luiss Guido Carli, Alleanza delle Cooperative Italiane Settore Abitazione, Confcooperative Habitat, Legacoop Abitanti, Associazione Nazionale Cooperative di Produzione Lavoro e Servizi, Studio Legale Biscozzi Nobili e Studio Legale Miccinesi di Milano) durante il convegno di presentazione de 'Il libro bianco della fiscalità immobiliare', tenutosi ieri all'università Luiss di Roma. Manovra 2019, Ance: uso intelligente della fiscalità "Al Governo chiediamo attenzione nella.. Continua a leggere su Edilportale.com MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
27
Set

Fidec: l’innovazione parte dai workplace

27/09/2018 - C’è chi li ha definiti uffici liquidi. Spazi pensati per assecondare i ritmi di un lavoro che cambia e che mettono al centro il benessere e il comfort delle persone. Perché essere circondati da un luogo bello e sostenibile aiuta la resa finale. Di pari passo con le novità normative sullo smart working, anche il workplace (lo spazio fisico in cui ciascuno di noi trascorre tanta parte del proprio tempo) muta nell’impostazione concettuale, progettuale, architettonica ed esecutiva. Un processo che tocca tutta la filiera edilizia e che deve essere al centro dell’attenzione nel ripensare alle soluzioni per il futuro. Un tema che è in linea con il Fidec, il Forum delle Costruzioni che si terrà a Milano, al Palazzo del Ghiaccio, il prossimo mercoledì 21 novembre. Evento promosso da Ance nazionale, ma aperto a tutti coloro che nel settore delle costruzioni vogliono parlare di cambiamento. Il principio è.. Continua a leggere su Edilportale.com MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231