1 13 settembre 2018 - MOG 231 - Modelli di Organizzazione e Gestione | MOG 231 – Modelli di Organizzazione e Gestione
Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

Archive for settembre 13th, 2018

13
Set

Per “informativa” si intende l’avviso contenente le informazioni che il Titolare del trattamento è tenuto a fornire a tutti gli interessati o a voce o per iscritto

Per “informativa” si intende l’avviso contenente le informazioni che il Titolare del trattamento è tenuto a fornire a tutti gli interessati o a voce o per iscritto, in modo chiaro conciso, in merito a quando e come i dati vengono raccolti sia direttamente dall’interessato che tramite terzi, e come gli stessi vengono utilizzati.
Chi non si è adeguato al Regolamento UE 2016/679 prima dell'entrata in vigore (25/05/2018) non deve aspettare altro tempo!  
Contattando la segreteria organizzativa di Consulenza Regolamento Privacy UE 679 by MODI SRL di Mestre e Spinea Venezia al numero verde 800300333 (gratis anche da mobile) è possibile richiedere un appuntamento per un preventivo di consulenza personalizzato per l'applicazione del REGOLAMENTO 2019/679 PRIVACY O GDPR!
Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modisq@tin.it.
13
Set

Sono online i modelli da utilizzare per la riduzione del tasso OT24 anno 2019

Nuovo modulo OT24? 
Sono online i modelli da utilizzare per la riduzione del tasso OT24 anno 2019.
Va conservata accuratamente la documentazione probante relativa agli interventi di miglioramento delle condizioni di sicurezza effettuati nel 2018 per poi inoltrarla all’INAIL.
Ogni sezione di tale modulo è stata distinta in funzione dell’applicabilità delle diverse tipologie di intervento all’intera azienda, al settore di appartenenza o alle singole Posizioni Assicurative Territoriali (PAT).
MODI SRL è a disposizione delle aziende che intendono usufruire della riduzione del tasso INAIL, i consulenti possono supportare le aziende in difficoltà nella compilazione del modulo.
Contattare lo staff tecnico al numero verde 800300333 o visitare il sito www.modiq.it
 
Cliccare qui per visionare la news sul nuovo modello OT24/2019 oppure cliccare qui per scaricare direttamente il modulo da compilare.
Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it
13
Set

Qual è il compito del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione? Chi può assumete tale nomina?

Qual è il compito del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione? Chi può assumete tale nomina?
Il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione è incaricato di individuare e valutare i rischi, individuare le misure per la sicurezza e la salubrità degli ambienti di lavoro ed elaborare le misure preventive e protettive per la sicurezza e la salute dei Lavoratori, elaborare le misure preventive e protettive e i sistemi di controllo di tali misure, elaborare le procedure di sicurezza per le varie attività aziendali ed elaborare i programmi di informazione, formazione dei Lavoratori.
Le attività dell’RSPP dovranno integrarsi con quelle del datore di lavoro e dell’RLS, oltre che del medico competente, qualora previsto, al fine di ridurre o eliminare i rischi di infortuni o di danni per la salute e migliorare le condizioni di lavoro nell’azienda.
Il ruolo può essere affidato ad una persona esterna all’azienda che dovrà rispondere ad alcuni requisiti minimi così come stabilito dall’art. 32 del D. Lgs. 81/08.
Ci sono solo alcuni casi in cui l’RSPP deve essere obbligatoriamente interno all’azienda: nelle aziende industriali con oltre 200 lavoratori, nelle industrie estrattive, nelle centrali termoelettriche, nelle aziende per la fabbricazione e il deposito separato di esplosivi, polveri e munizioni, infine nelle aziende industriali soggette all’obbligo di notifica o rapporto ai sensi degli articoli 6 e 8 del D. Lgs. 17 agosto 1999 e negli impianti ed installazioni di cui agli articoli 7, 28 e 33 del Decreto Legislativo 17 marzo 1995, n. 230.
Anche Il Datore di Lavoro può assumere in proprio l'incarico di RSPP, ma solo nei casi previsti dal D.Lgs. 81/08: aziende artigiane e industrial fino a 30 addetti (escluse le aziende a rischio di incidente rilevante), aziende agricole e zootecniche fino a 30 addetti, aziende della pesca: fino a 20 addetti e altre aziende fino a 200 addetti.
I Datori di Lavoro che intendono svolgere direttamente i compiti di Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione devono frequentare corsi di formazione di 16 ore se l’azienda rientra nel livello di rischio basso, 32 e 48 ore se l’azienda rientra nel livello di rischio medio e alto, rispettivamente (Accordo Stato - Regioni del 21 dicembre 2011). Il livello rischio è individuato in funzione del Settore ATECO di appartenenza dell’azienda. Sono inoltre previsti obblighi di aggiornamento quinquennali (6, 10 e 14 ore in base ai tre livelli di rischio).
MODI S.R.L. in qualità di Centro di Formazione AIFOS organizza nelle aule corsi di Mestre, Spinea, Marghera Venezia, corsi per RSPP Datori di Lavoro. A distanza e cioè con i corsi online gli RSPP Datore di Lavoro possono seguire i corsi di aggiornamento obbligatorio da farsi ogni 5 anni. Vasta offerta formativa anche per lavoratori, dirigenti, preposti, addetti al primo soccorso, antincendio, incaricati uso attrezzature di lavoro (gru, carrelli, PLE, ecc.).
I nostri tecnici qualificati restano a disposizione per chiarimenti e per un sopralluogo gratuito presso l'Azienda. Per un preventivo sulla valutazione dei rischi aziendali chiamateci al numero verde 800300333 raggiungibile gratis anche da mobile o via e-mail a modi@modiq.it. Per informazioni su i corsi di Formazione per RSPP o RSPP DL consultare il nostro sito www.modiq.it.
Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/.
13
Set

Ingegneri, Toninelli: ‘assumeremo al MIT centinaia di professionisti’

13/09/2018 – In arrivo un reclutamento straordinario di ingegneri per controllare e verificare lo stato delle infrastrutture.   Ad annunciarlo il Ministro delle Infrastrutture, Danilo Toninelli, nel corso del 63° Congresso degli Ingegneri Italiani.   Sicurezza delle infrastrutture: in arrivo assunzioni per gli ingegneri L’annuncio di Toninelli sembra rispondere alle richieste del Presidente del CNI, Armando Zambrano, che, nelle battute di apertura del Congresso, aveva dichiarato: ”Servono più ingegneri in questo paese per avviare il processo che garantisca la sicurezza”.   E la risposta del Ministro sembra andare in questa direzione: “Voi ingegneri dovete essere al centro di questo rilancio nazionale. Lo Stato deve consentirvi di liberare le vostre energie e le vostre competenze. È assurdo vedere ingegneri giovani e precari, che sopravvivono alla giornata”.   Toninelli ha aggiunto: “Abbiamo bisogno..
Continua a leggere su Edilportale.com

13
Set

La ‘voglia di ripartire’ è il motore dell’edilizia che guarda al futuro

13/09/2018 - Il lungo periodo di crisi del settore delle costruzioni iniziato nel 2008 mostra timidi segnali di ripresa: una ripresa che parte dal mercato immobiliare della rigenerazione grazie all’effetto di traino delle aree metropolitane, è più evidente in alcune regioni italiane, purtroppo ancora non ha interessato pienamente il mercato dei lavori pubblici.   Il decennio trascorso ha profondamente cambiato il settore delle costruzioni che sta vivendo una “crisi di cambiamento” mettendo in discussione tante delle certezze che lo hanno reso vitale per anni.   Se si osserva da vicino il settore è evidente quanto sia forte la voglia di tornare a crescere e la capacità di essere nuovamente protagonisti. Ma il mercato mostra una dinamicità che è difficile comprendere e trasferire nella propria  dimensione produttiva, in un contesto economico e sociale in forte mutamento.   L’esigenza di incontrarsi..
Continua a leggere su Edilportale.com

13
Set

Codice Appalti, Ance chiede il ritorno all’appalto integrato

13/09/2018 – Si è conclusa la consultazione per la riforma del Codice Appalti indetta dal Ministro delle Infrastrutture, Danilo Toninelli. Diversi i contributi giunti al Mit, che saranno ora valutati per capire quale strada intraprendere. Riforma Codice Appalti, la consultazione voluta da Toninelli Il processo di partecipazione è stato voluto dal Governo per raccogliere le proposte degli operatori del settore che quotidianamente devono mettere in pratica le norme sui contratti pubblici. In fase di presentazione della consultazione, Toninelli ha reso noto che gli obiettivi della riforma sono la creazione di tante piccole opere diffuse, abbandonando quindi la logica delle grandi opere, l’utilizzo della tecnologia implementando il BIM nelle opere pubbliche per incoraggiare un’edilizia di qualità. Per il Governo è inoltre necessario "il superamento delle incertezze interpretative e di talune rigidità".. Continua a leggere su Edilportale.com   MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
13
Set

Valutatori immobiliari, Accredia: devono essere iscritti agli albi

13/09/2018 – I valutatori immobiliari dovranno essere iscritti necessariamente ai rispetti albi professionali (Agronomi, Architetti, Geometri, Ingegneri, Periti, ecc.) per poter continuare a svolgere la professione. A sostenerlo una circolare informativa di Accredia, l’ente italiano di accreditamento, che sottolinea la necessità di avere, oltre al diploma o alla laurea nel settore di riferimento, anche essere l’iscrizione all’albo professionale. Valutatori immobiliari, per Accredia devono essere iscritti agli albi Per l’ente italiano di accreditamento, il valutatore immobiliare, candidato alla certificazione professionale, deve essere legittimato allo svolgimento dell’attività di valutazione immobiliare sulla base della ‘legislazione vigente’. Lo scorso giugno la Commissione Tecnica UNI competente CT 010 “Commercio” ha precisato meglio questo aspetto precisando: “La norma UNI 11558:2014.. Continua a leggere su Edilportale.com   MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
13
Set

Ecobonus, definite le procedure di controllo a campione dell’Enea

13/09/2018 – Definiti i controlli a campione che l’Enea effettuerà sugli interventi di efficientamento energetico degli edifici che hanno avuto accesso all’Ecobonus. È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il DM 11 maggio 2018 del Ministero dello Sviluppo Economico. Va sottolineato che i requisiti da accertare sono quelli della normativa al momento in vigore. Ricordiamo però che presto le condizioni per accedere all’Ecobonus potrebbero cambiare dal momento che sono stati previsti tagli abbastanza consistenti alle detrazioni. Ecobonus, i controlli dell’Enea Il decreto pubblicato in Gazzetta assegna all’Enea 500mila euro per il 2017 e un milione di euro per ciascuno degli anni dal 2018 al 2021 per lo svolgimento dei controlli a campione sugli interventi di riqualificazione energetica delle singole unità immobiliari e delle parti comuni degli edifici condominiali. L’Enea entro il 30 giugno.. Continua a leggere su Edilportale.com   MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
13
Set

Bando Periferie, premier Conte: ‘la soluzione nel primo decreto utile’

13/09/2018 - “Ho ascoltato con grande disponibilità le istanze dell’Anci e con i sindaci presenti ho condiviso l’obiettivo di avviare un percorso per giungere alla migliore soluzione possibile e nei tempi più rapidi”. Così il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, dopo l’incontro con la delegazione Anci che si è svolta a Palazzo Chigi nella serata di martedì. “La soluzione che intendiamo adottare è quella di inserire nel primo decreto utile (successivo alla conversione del Milleproroghe) una norma che di fatto dia la possibilità di recuperare la realizzabilità dei progetti già in fase avanzata”. “In sostanza - ha aggiunto il premier -, questo garantirà un’agevole prosecuzione dei progetti già esecutivi, fondamentali per mettere le amministrazioni comunali nelle condizioni di garantire ai cittadini servizi e investimenti, offrendo le risorse.. Continua a leggere su Edilportale.com   MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231