1 19 Novembre 2018 - MOG 231 - Modelli di Organizzazione e Gestione | MOG 231 – Modelli di Organizzazione e Gestione
Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

Archive for novembre 19th, 2018

19
Nov

La fattura elettronica software gratuiti

 

La fattura elettronica e i servizi gratuiti dell’agenzia delle entrate

La fattura elettronica software gratuiti

La fattura elettronica e i servizi gratuiti dell’agenzia delle entrateDal 1° gennaio 2019 tutte le fatture emesse, a seguito di cessioni di beni e prestazioni di servizi effettuate tra soggetti residenti o stabiliti in Italia, potranno essere solo fatture elettroniche.
L’obbligo di fattura elettronica, introdotto dalla Legge di Bilancio 2018, vale sia nel caso in cui la cessione del bene o la prestazione di servizio è effettuata tra due operatori Iva (operazioni B2B, cioè Business to Business), sia nel caso in cui la cessione/prestazione è effettuata da un operatore Iva verso un consumatore finale (operazioni B2C, cioè Business to Consumer).
Le regole per predisporre, trasmettere, ricevere e conservare le fatture elettroniche sono definite nel provvedimento n. 89757 del 30 aprile 2018 pubblicato sul sito internet dell’Agenzia delle Entrate.
Per supportare gli operatori Iva, l’Agenzia delle Entrate mette a disposizione diversi servizi gratuiti per predisporre agevolmente le fatture elettroniche, per trasmetterle e riceverle, per conservarle nel tempo in maniera sicura e inalterabile nonché per consultare e acquisire la copia originale delle fatture elettroniche correttamente emesse e ricevute.
È sempre possibile utilizzare software e servizi reperibili sul mercato, purché conformi alle specifiche tecniche allegate al citato provvedimento del 30 aprile 2018.
Cos’è la fattura elettronica e che differenze ci sono con la fattura di carta
La fattura elettronica si differenzia da una fattura cartacea, in generale, solo per due aspetti:
1) va necessariamente redatta utilizzando un pc, un tablet o uno smartphone
2) deve essere trasmessa elettronicamente al cliente tramite il c.d. Sistema di Interscambio (SdI).
Chi è esonerato dall’emissione della fattura elettronica Sono esonerati dall’emissione della fattura elettronica solo gli operatori (imprese e lavoratori autonomi) che rientrano nel cosiddetto “regime di vantaggio” (di cui all'art.27, commi 1 e 2, del decreto-legge 6 luglio 2011, n. 98, convertito, con modificazioni, dalla legge 15 luglio 2011, n. 111) e quelli che rientrano nel cosiddetto “regime forfettario” (di cui all'art. 1, commi da 54 a 89, della legge 23 dicembre 2014, n. 190).
Come si predispone una fattura elettronica
Per compilare una fattura elettronica è necessario disporre di:
• un PC ovvero di un tablet o uno smartphone
• un programma (software) che consenta la compilazione del file della fattura nel formato XML previsto dal provvedimento dell’Agenzia delle Entrate del 30 aprile 2018.
L’Agenzia delle Entrate mette a disposizione gratuitamente 3 tipi di programmi per predisporre le fatture elettroniche:
• una procedura web, utilizzabile accedendo al portale “Fatture e Corrispettivi” del sito internet dell’Agenzia (per l’uso di tale procedura occorre disporre di una connessione in rete) Vedi Link
• un software scaricabile su PC (tale procedura può essere utilizzata anche senza essere connessi in rete) Vedi Link
• un’App per tablet e smartphone, denominata Fatturae, scaricabile dagli store Android o Apple (per l’uso di tale procedura occorre disporre di una connessione in rete). Vedi Link
Informazioni importanti per i software
WEB: VERIFICARE IL BROWSER Per poter utilizzare il servizio di "Fatturazione Elettronica e Corrispettivi" è necessario che il browser sia aggiornato a una versione recente. Controlla se il tuo browser è aggiornato
Client PC: Per eseguire il software è necessario utilizzare la Java Virtual Machine.
APP: E’ possibile scaricare l’app esclusivamente da Google Play e APP Store
MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231  
19
Nov

Progetto Bellezz@, i luoghi dimenticati che stanno per rinascere

19/11/2018 – Sono 271 gli interventi finanziati con 150 milioni di euro nell’ambito del progetto “Bellezz@ - Recuperiamo i luoghi culturali dimenticati”.   Ma scopriamo come sono fatti alcuni dei tesori d’Italia che, pur appartenendo all’inestimabile patrimonio culturale e artistico nazionale, rischierebbero di rimanere dimenticati senza una adeguata valorizzazione.   Rocca Roveresca, Mondavio (Pesaro Urbino) La rocca risale alla fine del Quattrocento. Nonostante sia stata realizzata per scopi bellici, si è conservata in ottimo stato perchè non ha mai subìto attacchi o assedi.  Foto: www.beniculturali.marche.it Creative Commons Attribuzione 3.0 (CC-BY)   Area archeologica di Acqui Terme (Alessandria) Nella zona ci sono testimonianze di insediamenti che vanno dalla preistoria, in particolare dal Neolitico, all'epoca romana. Sono ben visibili i resti di un acquedotto, presumibilmente del..
Continua a leggere su Edilportale.com

19
Nov

Al via ‘Urbanpromo Progetti per il Paese’

16/11/2018 – Si terrà dal 20 al 23 novembre, alla Triennale di Milano, la quindicesima edizione dell'evento finale di Urbanpromo. L'edizione 2018 si intitola "Progetti per il Paese" a indicare l'obiettivo e l'intento di rilanciare il grande tema della rigenerazione urbana attraverso la presentazione delle progettualità.   La manifestazione è organizzata dall'Istituto Nazionale di Urbanistica e da Urbit e conferma anche quest'anno la consolidata formula che abbina un ricco programma di convegni a un'esposizione di progetti nel Salone d'Onore della Triennale. Inoltre i progetti di Urbanpromo sono consultabili anche nella gallery online, che di anno in anno li raccoglie e li fa conoscere in tutto il mondo, grazie alla sua versione bilingue. Numerose sono le iniziative nel panorama dei 29 convegni di Urbanpromo Progetti per il Paese. Nella prima giornata del 20 novembre: la sessione di apertura..
Continua a leggere su Edilportale.com

19
Nov

Progetto Bellezz@, in arrivo 150 milioni di euro per 271 progetti

19/11/2018 – Passi avanti per il progetto “Bellezz@ - Recuperiamo i luoghi culturali dimenticati”, partito nel 2016 per volontà del Governo Renzi. È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il dpcm 17 settembre 2018 con cui sono stati individuati i progetti finanziati con 150 milioni di euro stanziati.   Progetto Bellezz@, 150 milioni per 271 progetti Il decreto stabilisce che saranno finanziati con 150 milioni di euro i primi 271 interventi presenti nella tabella allegata. Nella tabella sono presenti 310 progetti. Nel caso in cui, per irregolarità delle procedure o altre difficoltà, sia impossibile assegnare le risorse ai progetti presenti nelle prime 271 posizioni, si potrà quindi scorrere la graduatoria.   Per accedere al finanziamento, gli Enti hanno sei mesi di tempo, quindi fino al 14 maggio 2019, per l’invio di una dichiarazione con i dettagli dell’intervento e successivamente possono stipulare una convenzione..
Continua a leggere su Edilportale.com

19
Nov

Rinnovabili, il Parlamento UE approva l’obiettivo del 32% per il 2030

19/11/2018 – Fissato l’obiettivo vincolante di energia rinnovabile al 32% per il 2030 con la possibilità di revisione al rialzo entro il 2023.   Il 13 novembre, infatti, il Parlamento Europeo ha confermato l'accordo provvisorio raggiunto a giugno per le energie rinnovabili e l’efficienza energetica. Dopo l’approvazione formale dell’Accordo da parte del Consiglio le nuove norme saranno pubblicate nella Gazzetta ufficiale europea ed entreranno in vigore 20 giorni dopo la pubblicazione.   Efficienza energetica e rinnovabili: il piano per l’UE La legislazione stabilisce che l'efficienza energetica nell'UE dovrebbe essere migliorata del 32,5% entro il 2030, mentre la quota di energia da fonti rinnovabili deve rappresentare almeno il 32% del consumo finale lordo dell'UE. Entrambi gli obiettivi saranno rivisti entro il 2023 e potranno solo essere innalzati, non abbassati.   Rendendo l'energia più efficiente,..
Continua a leggere su Edilportale.com

19
Nov

Al via ‘Urbanpromo Progetti per il Paese’

16/11/2018 – Si terrà dal 20 al 23 novembre, alla Triennale di Milano, la quindicesima edizione dell'evento finale di Urbanpromo. L'edizione 2018 si intitola "Progetti per il Paese" a indicare l'obiettivo e l'intento di rilanciare il grande tema della rigenerazione urbana attraverso la presentazione delle progettualità. La manifestazione è organizzata dall'Istituto Nazionale di Urbanistica e da Urbit e conferma anche quest'anno la consolidata formula che abbina un ricco programma di convegni a un'esposizione di progetti nel Salone d'Onore della Triennale. Inoltre i progetti di Urbanpromo sono consultabili anche nella gallery online, che di anno in anno li raccoglie e li fa conoscere in tutto il mondo, grazie alla sua versione bilingue. Numerose sono le iniziative nel panorama dei 29 convegni di Urbanpromo Progetti per il Paese. Nella prima giornata del 20 novembre: la sessione di apertura.. Continua a leggere su Edilportale.com     MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
19
Nov

Progetto Bellezz@, in arrivo 150 milioni di euro per 271 progetti

19/11/2018 – Passi avanti per il progetto “Bellezz@ - Recuperiamo i luoghi culturali dimenticati”, partito nel 2016 per volontà del Governo Renzi. È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il dpcm 17 settembre 2018 con cui sono stati individuati i progetti finanziati con 150 milioni di euro stanziati. Progetto Bellezz@, 150 milioni per 271 progetti Il decreto stabilisce che saranno finanziati con 150 milioni di euro i primi 271 interventi presenti nella tabella allegata. Nella tabella sono presenti 310 progetti. Nel caso in cui, per irregolarità delle procedure o altre difficoltà, sia impossibile assegnare le risorse ai progetti presenti nelle prime 271 posizioni, si potrà quindi scorrere la graduatoria. Per accedere al finanziamento, gli Enti hanno sei mesi di tempo, quindi fino al 14 maggio 2019, per l’invio di una dichiarazione con i dettagli dell’intervento e successivamente possono stipulare una convenzione.. Continua a leggere su Edilportale.com     MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
19
Nov

Rinnovabili, il Parlamento UE approva l’obiettivo del 32% per il 2030

19/11/2018 – Fissato l’obiettivo vincolante di energia rinnovabile al 32% per il 2030 con la possibilità di revisione al rialzo entro il 2023. Il 13 novembre, infatti, il Parlamento Europeo ha confermato l'accordo provvisorio raggiunto a giugno per le energie rinnovabili e l’efficienza energetica. Dopo l’approvazione formale dell’Accordo da parte del Consiglio le nuove norme saranno pubblicate nella Gazzetta ufficiale europea ed entreranno in vigore 20 giorni dopo la pubblicazione. Efficienza energetica e rinnovabili: il piano per l’UE La legislazione stabilisce che l'efficienza energetica nell'UE dovrebbe essere migliorata del 32,5% entro il 2030, mentre la quota di energia da fonti rinnovabili deve rappresentare almeno il 32% del consumo finale lordo dell'UE. Entrambi gli obiettivi saranno rivisti entro il 2023 e potranno solo essere innalzati, non abbassati. Rendendo l'energia più efficiente,.. Continua a leggere su Edilportale.com MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
19
Nov

Rinnovabili, il Parlamento UE approva l’obiettivo del 32% per il 2030

19/11/2018 – Fissato l’obiettivo vincolante di energia rinnovabile al 32% per il 2030 con la possibilità di revisione al rialzo entro il 2023. Il 13 novembre, infatti, il Parlamento Europeo ha confermato l'accordo provvisorio raggiunto a giugno per le energie rinnovabili e l’efficienza energetica. Dopo l’approvazione formale dell’Accordo da parte del Consiglio le nuove norme saranno pubblicate nella Gazzetta ufficiale europea ed entreranno in vigore 20 giorni dopo la pubblicazione. Efficienza energetica e rinnovabili: il piano per l’UE La legislazione stabilisce che l'efficienza energetica nell'UE dovrebbe essere migliorata del 32,5% entro il 2030, mentre la quota di energia da fonti rinnovabili deve rappresentare almeno il 32% del consumo finale lordo dell'UE. Entrambi gli obiettivi saranno rivisti entro il 2023 e potranno solo essere innalzati, non abbassati. Rendendo l'energia più efficiente,.. Continua a leggere su Edilportale.com   MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
19
Nov

Progetto Bellezza, i luoghi dimenticati che stanno per rinascere

19/11/2018 – Sono 271 gli interventi finanziati con 150 milioni di euro nell’ambito del progetto “Bellezz@ - Recuperiamo i luoghi culturali dimenticati”. Ma scopriamo come sono fatti alcuni dei tesori d’Italia che, pur appartenendo all’inestimabile patrimonio culturale e artistico nazionale, rischierebbero di rimanere dimenticati senza una adeguata valorizzazione. Rocca Roveresca, Mondavio (Pesaro Urbino) La rocca risale alla fine del Quattrocento. Nonostante sia stata realizzata per scopi bellici, si è conservata in ottimo stato perchè non ha mai subìto attacchi o assedi. ?Foto: www.beniculturali.marche.it Creative Commons Attribuzione 3.0 (CC-BY) Area archeologica di Acqui Terme (Alessandria) Nella zona ci sono testimonianze di insediamenti che vanno dalla preistoria, in particolare dal Neolitico, all'epoca romana. Sono ben visibili i resti di un acquedotto, presumibilmente del.. Continua a leggere su Edilportale.com MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231