1 1 Aprile 2019 - MOG 231 - Modelli di Organizzazione e Gestione | MOG 231 – Modelli di Organizzazione e Gestione
Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

Archive for aprile 1st, 2019

1
Apr

Certificazione BIM: Accredia e UNI insieme ad un tavolo di lavoro

01/04/2019 – Come anticipato in un precedente articolo (per leggerlo clicca QUI), in data 22 marzo Accredia ha deciso di sospendere la Circolare Informativa N° 08/2019 avente ad oggetto “Disposizioni in materia di certificazione e accreditamento per la conformità alla norma UNI 11337-7:2018 “Edilizia e opere di ingegneria civile – Gestione digitale dei processi informativi delle costruzioni - Parte 7: Requisiti di conoscenza, abilità e competenza delle figure professionali coinvolte nella gestione e nella modellazione informativa” approvata soltanto 7 giorni prima. La decisione di Accredia Motivo principale della sospensione è stato il malcontento, generato tra molte categorie di professionisti delle costruzioni, dai requisiti necessari per ottenere la certificazione ritenuti immotivatamente troppo stringenti. Il maggior oggetto delle polemiche è stato il requisito minimo del possesso di una "Laurea magistrale.. Continua a leggere su Edilportale.com MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
1
Apr

Cassazione Penale, Sez. 4, 18 marzo 2019, n. 11708

 

Responsabilità del RSPP che ha sottovalutato il rischio legato all'uso di un carrello elevatore inadeguato alla movimentazione di lunghe travi

Cassazione Penale, Sez. 4, 18 marzo 2019, n. 11708

rsppPresidente: IZZO FAUSTO Relatore: RANALDI ALESSANDRO Data Udienza: 21/12/2018
Fatto
1. Con sentenza del 31.1.2018 il Tribunale di Teramo, per quanto qui interessa, ha condannato M.D. alla pena di € 2.000 di multa quale responsabile del reato di lesioni personali colpose cagionate a F.P., derivanti dall'infortunio sul lavoro avvenuto nello stabilimento della S.r.l. Corditec con le seguenti modalità: il F.P. stava aiutando il collega PR. - a bordo del carrello elevatore - a caricare 16 travi metalliche (lunghe mt. 8,90 e dal peso di Kg. 74 cadauna) quando, nel mentre il PR., con le travi sulle forche, effettuava una manovra all'indietro, le travi scivolavano in avanti; il F.P., istintivamente, metteva le mani per cercare di trattenere le travi ma veniva colpito, riportando lesioni alla mano sinistra da trauma da schiacciamento (fatto del 20.4.2012).
2. Il Tribunale ha accertato la violazione della prescrizione di cui all'art. 71, commi 1 e 3, del d.lgs. n. 81/2008, per non avere il datore di lavoro messo a disposizione dei lavoratori un'attrezzatura di lavoro adeguata al lavoro da svolgere, visto che il carrello elevatore utilizzato era inadeguato e privo di misure di sicurezza per il tipo di travi movimentate: la larghezza massima delle forche era pari a cm. 78, a fronte di travi lunghe mt. 8,90, per cui l'uso di quel carrello elevatore non poteva garantire la stabilità delle predette travi, che erano scivolate in quanto non perfettamente bilanciate a causa delle pale troppo corte. Il datore di lavoro si era successivamente dotato di un accessorio di sollevamento specifico per il sollevamento di barre di acciaio con portata di Kg. 2000.
Il giudicante ha addebitato a M.D., quale responsabile del servizio di prevenzione e protezione (d'ora in poi: RSPP), di non avere indicato nel Documento di valutazione dei rischi (d'ora in poi: DVR), per ciascuna attrezzatura, tutti gli elementi di rischio, poiché avrebbe dovuto segnalare «che laddove ci si trovi in presenza di travi di una lunghezza piuttosto che un'altra, si doveva usare un carrello piuttosto che un altro e, nel caso specifico, che il carrello utilizzato non era adeguato ai movimento di travi di quella lunghezza se non con l'utilizzo di elementi aggiuntivi quale la forca di sollevamento successivamente acquistata dall'azienda».
3. Avverso tale sentenza ha proposto ricorso per cassazione il difensore del M.D., lamentando quanto segue. .
I) Violazione di legge in materia di posizione di garanzia ed in relazione agli arti. 16, 17, 18, 32, 33 e 71 d.lgs. n. 81/2008. 
Deduce la erroneità del principio di diritto applicato dal Tribunale, in quanto il RSPP non può rivestire una posizione di garanzia nella misura in cui la stessa non è prevista dalla legge. I destinatari delle norme antinfortunistiche sono solo i datori di lavoro, i dirigenti, i preposti e i lavoratori. Il ricorrente non ha assunto alcuna posizione di garanzia essendo privo di poteri gestionali e non potendo mai sostituirsi al datore di lavoro negli obblighi prevenzionistici posti a suo carico.
II) Carenza di motivazione in relazione alla non operatività delle prescrizioni fornite dal RSPP, con interruzione del nesso di causalità per abnorme condotta dal lavoratore.
Deduce che il giudice ha omesso di valutare l'assorbenza del comportamento del lavoratore nel nesso di causa che ha condotto all'evento lesivo. Risulta in fatto che le putrelle sono scivolate in avanti e sono cadute solo quelle legate con nastro adesivo. Il M.D. aveva previsto le modalità corrette di imbracatura anche delle putrelle (catene, funi e brache) e ciò anche rispetto all'utilizzo di bilancieri, sicché il lavoratore, di fatto, ha rimosso il presidio di sicurezza previsto e correttamente apposto sul luogo di lavoro, costituendo tale comportamento causa assorbente e costitutiva del rischio per come attualizzatosi.
Ili) Violazione di legge nella determinazione della pena ed in relazione alla omessa applicazione dell'art. 62-bis cod. pen.
Rileva che la pena poteva essere determinata in misura consistentemente ridotta laddove si fosse partiti dal minimo edittale e fossero state concesse le attenuanti generiche, in ragione dello stabile quadro familiare e del pieno inserimento sociale dell'Imputato come emergente dagli atti del giudizio.
Diritto
1. Va premesso che il ricorso deve essere qualificato come ricorso per saltum ai sensi dell'art. 569 cod. proc. pen., trattandosi dell'impugnazione di una sentenza che avrebbe potuto essere appellata dall'imputato ai sensi dell'art. 593 cod. proc. pen. Tale norma, infatti, esclude l'appellabilità da parte dell'imputato soltanto delle sentenze di condanna per le quali è stata applicata la sola pena dell'ammenda, mentre nel caso è stata applicata la pena della multa.
Conseguentemente non sono deducibili nel ricorso in esame - giusta quanto previsto dal terzo comma dell'art. 569 cod. proc. pen. - le censure di cui all'art. 606, comma 1, lett. d) ed e), cod. proc. pen., anche se il contenuto delle doglianze può essere interpretato da questa Corte di legittimità, a prescindere dal dato letterale contenuto nel ricorso, secondo quanto sarà meglio specificato nel prosieguo. 
2. Il primo motivo di ricorso è infondato.
La più avveduta giurisprudenza della Corte regolatrice ritiene ormai pacificamente configurabile, nella materia della prevenzione degli infortuni sul lavoro, la colpa professionale specifica del RSPP - in cooperazione con quella del datore di lavoro - ogni qual volta l'infortunio sia oggettivamente riconducibile ad una situazione pericolosa che egli avrebbe avuto l'obbligo di conoscere e segnalare (Sez. 4, n. 16134 del 18/03/2010, Santoro, Rv. 24709801). Al riguardo è stato più volte ribadito che il RSPP risponde a titolo di colpa professionale, unitamente al datore di lavoro, degli eventi dannosi derivati dai suoi suggerimenti sbagliati o dalla mancata segnalazione di situazioni di rischio, dovuti ad imperizia, negligenza, inosservanza di leggi o discipline, che abbiano indotto il secondo ad omettere l'adozione di misure prevenzionali doverose (Sez. 4, n. 2814 del 21/12/2010 - dep. 2011, Di Mascio, Rv. 24962601). Ciò sul presupposto che tale figura, pur svolgendo all'interno della struttura aziendale un ruolo non gestionale ma di consulenza, ha l'obbligo giuridico di adempiere diligentemente l'incarico affidatogli e di collaborare con il datore di lavoro, individuando i rischi connessi all'attività lavorativa e fornendo le opportune indicazioni tecniche per risolverli, all'occorrenza disincentivando eventuali soluzioni economicamente più convenienti ma rischiose per la sicurezza dei lavoratori, con la conseguenza che, in relazione a tale suo compito, può essere chiamato a rispondere, quale garante, degli eventi che si verifichino per effetto della violazione dei suoi doveri (Sez. U, n. 38343 del 24/04/2014, P.G., R.C., Espenhahn e altri, Rv. 26110701).
Nel caso di specie, pertanto, si deve ritenere corretta in diritto l'argomentazione del Tribunale, che ha individuato la posizione di responsabilità del RSPP nella sostanziale sottovalutazione del rischio riconducibile all'utilizzo di un carrello elevatore inadeguato per la movimentazione di travi aventi lunghezza eccessiva rispetto alla larghezza della forca di sollevamento utilizzata. In tal senso la violazione dei doveri di prevenzione e di informazione facenti carico al RSPP è stata ricollegata alla omessa indicazione al datore di lavoro delle specifiche misure prevenzionali da adottare in relazione alla lavorazione in questione, stante la palese inadeguatezza del macchinario utilizzato e la semplice risoluzione del problema mediante l'utilizzo di elementi aggiuntivi quale la forca di sollevamento successivamente acquistata dall'azienda. E' stato quindi razionalmente considerato che il M.D., nella sua qualità, si è reso corresponsabile con il datore di lavoro della violazione della normativa prevenzionistica che imponeva di rendere conforme il carrello elevatore ai requisiti di sicurezza, e tale inadempimento ha concretizzato proprio il rischio che la misura prevenzionistica omessa avrebbe dovuto impedire. 
3. Il secondo motivo è parimenti infondato.
La doglianza è prospettata ex art. 606, comma 1, lett. e), cod. proc. pen., per cui non sarebbe consentita ai sensi dell'art. 569, comma 3, cod. proc. pen.; ma essa può essere ricondotta nell'alveo della violazione di legge, nel senso di asserita erronea applicazione, nel caso di specie, del disposto normativo di cui all'art. 41 cod. pen. in tema di interruzione del rapporto di causalità; inoltre, il ricorrente prospetta anche una sostanziale assenza di pronuncia sul punto, riconducendo la censura nell'ambito della violazione dell'art. 125, comma 3, cod. proc. pen.
Anche sotto questo profilo, tuttavia, sfugge al ricorrente che il comportamento colposo del lavoratore non interrompe, di per sé, il nesso causale ove sia accertato che la condotta omissiva colposa del prevenuto abbia comunque contribuito alla concretizzazione del rischio che si sarebbe potuto evitare mediante l'adozione della misura prevenzionistica omessa.
Ebbene, nel caso che occupa il Tribunale ha congruamente e logicamente individuato la misura prevenzionistica che avrebbe ragionevolmente impedito l'evento, vale a dire l'adozione di una forca avente larghezza adeguata al fine di consentire il corretto bilanciamento delle travi sollevate dal carrello elevatore, onde impedirne la caduta. Ne deriva che l'utilizzo da parte del lavoratore di nastro isolante (in luogo delle previste catene o funi) per l'imbracatura delle putrelle non avrebbe mai potuto costituire causa assorbente dell'infortunio, essendo stato accertato, con motivazione congrua e non manifestamente illogica, che nel caso concreto il presidio di sicurezza corretto avrebbe dovuto essere costituito (anche e soprattutto) da un carrello elevatore munito di forche di larghezza adeguata, la cui mancanza ha avuto incidenza causale prevalente rispetto all'evento lesivo in disamina.
Ciò esclude qualsiasi violazione di legge rinvenibile sul punto all'interno dell'iter argomentativo della sentenza impugnata.
4. Il terzo motivo è privo di pregio.
Non è dato riscontrare nella sentenza impugnata alcuna erronea applicazione dei criteri di cui all'art. 133 cod. pen., posto che si è tenuto conto, quale comportamento successivo al fatto, dell'immediato adeguamento del macchinario ai requisiti di sicurezza, in maniera tale da ritenere congrua, in luogo della pena detentiva, la meno afflittiva sanzione pecuniaria irrogata, sia pure attestata sul massimo edittale.
Quanto alle attenuanti generiche, non risulta che in sede di appello - nei motivi di gravame o nelle conclusioni a verbale - sia stata formalizzata una espressa richiesta di attenuanti ex art. 62-bis cod. pen. da parte della difesa del ricorrente; pertanto nella sentenza impugnata non è possibile riscontrare alcuna violazione di legge riconducibile al vizio di omessa pronuncia sul punto.
5. Consegue il rigetto del ricorso e la condanna del ricorrente al pagamento delle spese processuali.
P.Q.M.
Rigetta il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese processuali.
Così deciso in Roma il 21 dicembre 2018
MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
 
1
Apr

Decreto che determina i requisiti di buono stato e i traguardi ambientali

 

DECRETO 15 febbraio 2019

Decreto che determina i requisiti di buono stato e i traguardi ambientali

DECRETO 15 febbraio 2019Il Decreto 15 febbraio 2019 del Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale Serie Generale n. 69 del 22/03/2019. Aggiornamento della determinazione del buono stato ambientale delle acque marine e definizione dei traguardi ambientali.

I requisiti del buono stato ambientale delle  acque  marine,  di cui all'art. 9, comma 3, del decreto legislativo 3 ottobre  2010,  n. 190 e successive modificazioni, sono determinati nell'allegato I, che costituisce parte integrante del presente decreto.
Definizione dei traguardi ambientali 
I traguardi ambientali, al fine di  conseguire  il  buono  stato ambientale, di cui all'art. 10, comma 1, del decreto  legislativo  3 ottobre 2010,  n.  190  e  successive  modificazioni,  sono  definiti nell'allegato II,  che  costituisce  parte  integrante  del  presente decreto. 

Art. 1 - Determinazione del buono stato ambientale Art. 2 - Definizione dei traguardi ambientali Allegato 1 Allegato 2

DECRETO 15 febbraio 2019Gazzetta Ufficiale Serie Generale n. 69 del 22/03/2019

 
1
Apr

Apparecchi che bruciano carburanti gassosi

 

Decreto Legislativo per l'adeguamento della normativa nazionale alle disposizioni del regolamento (UE) 2016/426 Gazzetta Ufficiale Serie Generale n. 72 del 26/03/2019

Apparecchi che bruciano carburanti gassosi

Decreto Legislativo per l'adeguamento della normativa nazionale alle disposizioni del regolamento (UE) 2016/426Attuazione della delega di cui all’articolo 7, commi 1 e 3, della legge 25 ottobre 2017, n. 163, per l’adeguamento della normativa nazionale alle disposizioni del regolamento (UE) 2016/426 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 9 marzo 2016, sugli apparecchi che bruciano carburanti gassosi e che abroga la direttiva 2009/142/CE.
DECRETO LEGISLATIVO 21 febbraio 2019, n. 23 Gazzetta Ufficiale Serie Generale n. 72 del 26/03/2019 Attuazione della delega di cui all'articolo 7, commi 1 e 3, della legge 25 ottobre 2017, n. 163, per l'adeguamento della normativa nazionale alle disposizioni del regolamento (UE) 2016/426 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 9 marzo 2016, sugli apparecchi che bruciano carburanti gassosi e che abroga la direttiva 2009/142/CE.(19G00030) Entrata in vigore del provvedimento: 10/04/2019 Art. 1 - Oggetto  Art. 2 - Modifiche alla legge 6 dicembre 1971, n. 1083  Art. 3 - Disposizioni transitorie in materia di sanzioni amministrative Art. 4 - Disposizioni finali  Art. 5 - Clausola di invarianza finanziaria 
 
1
Apr

Nomina di nuovi “Addetti della Squadra Antincendio”? In aprile 2019 corsi, addestramento prova pratica a Mestre con MODI


Gli addetti della squadra a rischio basso devono seguire un idoneo corso di formazione della durata di 4 ore e quelli a rischio medio di 8 ore.

Di seguito date e prezzi. Incluso coffee break. Disponibilità di posti auto nei limitrofi della sede. Autobus e tram nelle vicinanza di Via Volturno 4/e Mestre. Telefono 041 616289.

  • Corso per addetti antincendio a rischio basso che devono effettuare aggiornamento periodico della durata di 2 ore: 11 aprile 2019 orario 14.00/16.00 – venduto a € 50,00+ IVA;

  • Corso per addetti antincendio a rischio medio che devono effettuare aggiornamento periodico della durata di 5 ore: 16 aprile 2019 orario 08.30/13.30 – venduto a € 100,00+ IVA;

  • Formazione per  addetti antincendio a rischio basso della durata di 4 ore: 11 aprile 2019 orario 14.00/18.00 – venduto a € 80,00+ IVA;

  • Formazione per  addetti antincendio a rischio medio della durata di 8 ore:  11 aprile 2019 orario 14.00/18.00 e 16 aprile 2019 orario 08.30/13.30 – venduto a € 150,00+ IVA;
 I corsi antincendio, organizzati con periodicità mensile presso le nostre aule, possono anche essere erogati presso la sede del cliente dal lunedì al sabato, se è previsto un numero di partecipanti congruo e un’area idonea e attrezzata per lo svolgimento della prova spegnimento con uso estintori.

Per visionare le opinioni, i commenti e le recensioni lasciate in rete dai nostri allievi cliccare qui.

Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.ite www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it.

1
Apr

Secondo il Regolamento Europeo Gdpr 2016/679, ogni trattamento deve trovare fondamento in un’idonea base giuridica (art 6).

Secondo il Regolamento Europeo Gdpr 2016/679, ogni trattamento deve trovare fondamento in un’idonea base giuridica (art 6).
Il CONSENSO deve essere esplicito per dati sensibili, non significa documentato per iscritto ma è una buona pratica per dimostrare l’inequivocabilità del consenso. Il titolare deve poi dimostrare che è stato prestato il consenso dal soggetto interessato.
Il CONSENSO da parte dei MINORI è valido a partire dai 16 anni (si può in caso abbassare fino a 13 se la normativa lo prevede), prima lo devono prestare i genitori.
Il trattamento dei dati personali deve essere dato attraverso dichiarazione o azione positiva inequivocabile.
Deve essere "LIBERO, SPECIFICO, INFORMATO E INEQUIVOCABILE" e no tacito o presunto come per esempio con caselle già spuntate.
Per il  consenso ai trattamenti dei dati personali  raccolti prima del 25 maggio 2018 resta valido se segue le regole di cui sopra.
MODI SRL con sedi in Venezia, Mestre e Spinea assume l'incarico di Responsabile della protezione dei dati (altrimenti detto Data Protection Officer, o DPO).
I nostri 5 DPO sono Consulenti, esperti e qualificati, che affiancano il Titolare nella gestione delle questioni connesse al trattamento dei dati personali e lo aiuta a rispettare la normativa vigente.
Per consulenze privacy, incarico di DPO, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it.
MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
 
1
Apr

Distanze tra edifici, proposta eliminazione del limite di 10 metri

01/04/2019 – Via i limiti sulle distanze minime tra edifici e silenzio assenso per gli interventi di edilizia privata sui beni culturali. Sono alcune delle novità contenute della bozza di Decreto “Crescita”, che questa settimana dovrebbe essere esaminato dal Consiglio dei Ministri. Distanze tra pareti finestrate, via il limite di 10 metri La distanza minima di 10 metri tra pareti finestrate e pareti di edifici antistanti, prescritta dall’articolo 9 del DM 1444/1968, continuerà ad essere applicata solo ai nuovi edifici realizzati nelle zone C, cioè quelle destinate ad i nuovi insediamenti residenziali. Il limite non varrà più per le altre zone omogenee. Resterà invece invariata la disciplina in vigore per i centri storici. Si tratterebbe di una novità dirompente soprattutto per le zone B, cioè totalmente o parzialmente edificate. Una novità voluta dal mondo delle costruzioni, che.. Continua a leggere su Edilportale.com  
1
Apr

RC professionale, CNI: in arrivo la polizza collettiva per ingegneri

01/04/2019 – Il Consiglio Nazionale Ingegneri (CNI) è al lavoro per creare una polizza professionale collettiva per gli ingegneri che garantisca adeguata copertura a professionisti e committenti e premi competitivi. A riferirlo la Fondazione del Consiglio Nazionale Ingegneri in una nota in cui ha annunciato anche la pubblicazione del bando di gara per scegliere il broker cui affidare l’individuazione e la successiva gestione della polizza professionale collettiva ad adesione volontaria per gli iscritti all’Albo. Obbligo RC professionale: le criticità L’iniziativa prende spunto da alcune criticità evidenziate da una ricerca che il CNI ha affidato al proprio Centro Studi, il cui scopo era quello di analizzare lo stato di attuazione dell’obbligo dell’assicurazione professionale da parte degli iscritti. Tra le criticità è stato rilevato che il premio medio pagato per la stipula della polizza.. Continua a leggere su Edilportale.com MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
1
Apr

Professionisti, quando si paga l’Irap?

01/04/2019 – Il libero professionista che collabora con altri professionisti deve pagare l’Irap? Non sempre. Dipende se supera determinati limiti o se le attività che svolge possono qualificarsi come “autonoma organizzazione”.   I chiarimenti sono stati forniti dalla Corte di Cassazione con la sentenza 7409/2019.   Professionisti e Irap, il caso La Cassazione si è pronunciata sul caso di un ingegnere libero professionista che aveva chiesto all’Agenzia delle Entrate la restituzione dell’imposta regionale sulle attività produttive (Irap) versata negli anni 2006, 2007, 2008 e 2009. L’Agenzia aveva però rifiutato.   La Commissione Tributaria Regionale (CTR), intervenuta sull’argomento, aveva rilevato che nel 2009 il contribuente aveva esercitato la sua attività senza avvalersi di collaboratori. Lo stesso non poteva desumersi per gli altri anni dal momento che erano stati elargiti compensi..
Continua a leggere su Edilportale.com

1
Apr

Ghost town, le città dove il tempo si è fermato

01/04/2019 – Ci sono luoghi abbandonati che continuano ad attrarre visitatori perché, dopo aver vissuto, continuano ad esercitare il fascino del mistero. Borghi medievali o centri moderni, hanno tutti qualcosa in comune: ad un certo punto la natura si è riappropriata di quei territori.   Vediamo qualche città fantasma in Italia.   Craco, Basilicata È una delle città fantasma italiane più famose. Una frana negli anni Sessanta l’ha resa inabitabile, ma da allora è diventata una meta turistica. Qui Mel Gibson nel 2004 ha girato “La passione di Cristo”. La città è stata il set di "Cristo si è fermato a Eboli" (1979) di Francesco Rosi.  Foto: [CC BY-SA 3.0 (http://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0/)]   Frattura, Abruzzo Deve il suo nome al fenomeno franoso che nella preistoria ha sbarrato il fiume Sagittario facendo nascere il lago di Scanno. Il terremoto..
Continua a leggere su Edilportale.com