1 14 Maggio 2019 - MOG 231 - Modelli di Organizzazione e Gestione | MOG 231 – Modelli di Organizzazione e Gestione
Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

Archive for maggio 14th, 2019

14
Mag

Quali caratteristiche deve avere il “personale adeguatamente qualificato” che effettua la valutazione del rischio?

Fermi restando i principi generali fissati dal Titolo I del D. Lgs. 81/2008, i riferimenti legislativi vanno ricercati tanto nell’art. 32 quanto nell’art. 181 del D. Lgs.81/2008 ove si afferma che il personale qualificato deve avere specifiche conoscenze in materia di rischi da agenti fisici. In questo contesto la dicitura “personale qualificato” definisce correntemente un operatore che abbia sostenuto un corso di qualificazione conclusosi con una valutazione positiva e documentabile dell’apprendimento. In assenza di qualsiasi riferimento su durata e contenuti del corso, sui soggetti (enti/aziende) autorizzati alla valutazione ed all’espressione della certificazione finale, si suggerisce di giudicare il “personale qualificato” essenzialmente sulla base del curriculum (richiedendo un curriculum specifico nel settore ed in particolare la partecipazione ad almeno un corso teorico-pratico sulla materia), del rispetto delle norme di buona tecnica e di buona prassi (apparecchiature adeguate, modalità tecniche appropriate) e del prodotto finale del proprio lavoro (una relazione tecnica con tutti gli elementi richiesti dal Capo V, Titolo VIII, DLgs.81/2008).

MODI S.r.l. organizza corsi aziendali per lavoratori che operano in presenza di Radiazioni Ottiche Artificiali.

Per visionare le FAQ e approfondire l'argomento cliccare qui.  Per le recensioni, opinioni espresse dai nostri Clienti e Allievi cliccare qui.

Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it.
14
Mag

Il progetto di paesaggio come risposta alle sfide climatiche

14/05/2019 - La trasformazione dei paesaggi mediterranei e la loro fragilità a causa dei cambiamenti climatici e dei processi di abbandono; i paesaggi che esprimono molto bene l’attuale situazione di incertezza sociale ed economica Sono stati i temi del convegno nazionale “Mediterranea - Paesaggi Prossimi” che si è svolto lo scorso 10 Maggio a Matera, promosso dall’Associazione Italiana di Architettura del Paesaggio (AIAPP), una articolata giornata di studio con lectio magistralis e panoramiche progettuali su quattro macro-temi: Campagna felix, Intelligent water management, paesaggi ludici e il progetto di mobilità dolce. Il paesaggio agrario italiano è ancora una ‘campagna felix’? L’esigenza di abbandonare il modello di agricoltura industrializzata ormai non più sostenibile, in quanto causa di una continua perdita e diminuzione della risorsa terra, e al contempo l’importanza di recuperare.. Continua a leggere su Edilportale.com MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231  
14
Mag

Ecobonus, l’Enea spiega cosa si intende per ‘intervento globale’

14/05/2019 – Quali caratteristiche deve avere un intervento di riqualificazione energetica globale per usufruire dell’ecobonus? A spiegarlo l’Enea nel Vademecum sulla riqualificazione globale degli edifici, aggiornato lo scorso 9 maggio. Ecobonus: le caratteristiche di un intervento globale L’Enea ha chiarito che la categoria degli "interventi di riqualificazione energetica" comprende qualsiasi intervento o insieme sistematico di interventi che incida sulla prestazione energetica dell'intero edificio. Tra questi ci sono: - interventi di sostituzione di impianti di climatizzazione invernale, - interventi di coibentazione di strutture opache e di sostituzione di finestre comprensive di infissi - impianti di cogenerazione, trigenerazione, allaccio alla rete di teleriscaldamento e collettori solari. Per usufruire dell’ecobonus (che in questo caso corrisponde ad una detrazione del 65% delle spese totali sostenute.. Continua a leggere su Edilportale.com MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
14
Mag

Cantieri edili, per ottenere benefici contributivi non conterà il contratto applicato

14/05/2019 – I benefici contributivi riconosciuti ai datori di lavoro in regola potrebbero essere applicati a prescindere dai contratti applicati. È il dubbio emerso in seguito all’emanazione della Circolare 7/2019 dell’Ispettorato del Lavoro. Un’ipotesi che lascia scontenti i sindacati. Fillea Cgil ha infatti chiesto il ritiro della circolare. Contratto libero nei cantieri edili, la circolare dell’Ispettorato del lavoro L’Ispettorato ha emanato la circolare per rispondere ai dubbi sui benefici normativi e contributivi cui possono accedere i datori di lavoro in possesso del Documento unico di regolarità contributiva (Durc), che rispettano gli accordi e i contratti collettivi nazionali o regionali, territoriali o aziendali. Ma cosa si intende per “accordi e contratti collettivi”? A questo proposito è intervenuto l’Ispettorato. Nella circolare si legge che “al fine di verificare.. Continua a leggere su Edilportale.com MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
14
Mag

La flat tax fino a 65mila euro fa impennare le Partite Iva in regime forfetario

14/05/2019 – Cresce il numero delle Partite Iva, soprattutto quelle rientranti nel regime forfetario. Merito delle novità introdotte dalla Legge di Bilancio per il 2019 (L.145/2018), che ha esteso la portata del sistema agevolato. Partite Iva, boom di nuove aperture a inizio 2019 Secondo le rilevazioni dell’Osservatorio sulle partite IVA del Ministero dell’Economia e delle Finanze (Mef), nei primi tre mesi del 2019 sono state aperte 196.060 nuove partite Iva. In confronto al corrispondente periodo dello scorso anno si registra un aumento del 7,9%. Il 77% delle nuove aperture di partita Iva è stato aperto da persone fisiche (in questo gruppo rientrano i professionisti), il 18,5% da società di capitali, il 3,5% da società di persone. Riguardo alla ripartizione territoriale, il 45% delle nuove aperture è localizzato al Nord, il 22% al Centro e quasi il 33% al Sud e Isole. In base alla classificazione.. Continua a leggere su Edilportale.com MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
14
Mag

Le Entrate stabiliscono i ‘livelli minimi di affidabilità fiscale’

14/05/2019 – L’Agenzia delle Entrate definisce i diversi punteggi in base ai quali è possibile accedere alle agevolazioni previste dalla legge per i contribuenti soggetti ai nuovi indici sintetici di affidabilità (Isa) per il periodo d’imposta 2018. È stato, infatti, pubblicato il Provvedimento 126200/2019 che permette la concreta applicazione degli Isa ai contribuenti esercenti attività d’impresa o arti e professioni, come previsto dall’articolo 9-bis del Dl 50/2017. Isa: livelli di affidabilità e premi Gli Isa prevedono per il periodo d’imposta 2018 l’attribuzione di un grado di affidabilità fiscale riconosciuto a ciascun contribuente ed espresso in una scala che varia da 1 a 10. Il provvedimento fissa, in un range tra 8 e 9, i punteggi dei livelli di affidabilità che i contribuenti devono raggiungere per accedere ai benefici fiscali previsti. Per coloro che raggiungono.. Continua a leggere su Edilportale.com