1 21 Maggio 2019 - MOG 231 - Modelli di Organizzazione e Gestione | MOG 231 – Modelli di Organizzazione e Gestione
Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

Archive for maggio 21st, 2019

21
Mag

Cosa disciplina il D.P.R. 177/2011 e quali obblighi prevede?

 
Il D.P.R. 177/2011 disciplina il sistema di qualificazione delle imprese e dei lavoratori autonomi destinati ad operare nel settore degli ambienti sospetti di inquinamento o confinati. Il decreto impone che qualsiasi attività lavorativa in ambienti sospetti di inquinamento o confinati sia svolta unicamente da imprese o lavoratori autonomi qualificati, in particolare in possesso dei seguenti requisiti:
  • integrale applicazione delle vigenti disposizioni in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro; presenza di personale esperto, in percentuale non inferiore al 30% della forza lavoro, con esperienza almeno triennale in attività in ambienti confinati, con la necessità che il preposto, che sovrintende sul gruppo di lavoro, abbia in ogni caso tale esperienza;
  • avvenuta effettuazione di attivita’ di informazione, formazione e addestramento di tutto il personale, specificamente mirato alla conoscenza dei fattori di rischio propri di tali attività;
  • possesso di dispositivi di protezione individuale, strumentazione e attrezzature di lavoro idonei alla prevenzione dei rischi propri delle attivita’ lavorative in ambienti sospetti di inquinamento o confinati e avvenuta effettuazione di attivita’ di addestramento all’uso corretto di tali dispositivi, strumentazione e attrezzature;
  • integrale rispetto degli obblighi in materia di Documento Unico di Regolarità Contributiva (DURC) e relativi alla parte economica e normativa della contrattazione di settore, compreso il versamento dell’eventuale contributo all’ente bilaterale di riferimento;
  • applicazione delle regole della qualificazione non solo nei riguardi dell’impresa appaltatrice ma nei confronti di qualunque soggetto della “filiera”, incluse le eventuali imprese subappaltatici.
La Società di Consulenza e Formazione MODI S.r.l. organizza corsi aziendali per lavoratori che operano in ambienti confinati.
 
Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari sugli "ambienti confinati" o sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro intesa a 360° chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it.
 
21
Mag

Cessione del credito per il bonus ristrutturazione, l’ipotesi in un ddl

21/05/2019 – Cessione del credito anche per gli interventi di ristrutturazione edilizia, messa a regime del sismabonus e benefici fiscali per chi affitta. Queste alcune delle proposte contenute nel ddl 1759 che mira al sostegno del mercato immobiliare e alla rigenerazione urbana. Bonus per la casa: le misure proposte Il provvedimento estende a coloro che eseguono interventi di ristrutturazione edilizia la facoltà di beneficiare, in luogo della detrazione, della cessione del corrispondente credito ai fornitori o ad altri soggetti privati. Oggi questa misura è prevista solo per il sismabonus e per l'ecobonus. L'articolo 2, prevede che "a decorrere dall’anno 2020 la detrazione d’imposta per le spese relative a interventi di efficienza energetica degli edifici (ecobonus) si applica agli interventi effettuati su ciascun immobile, a qualsiasi titolo posseduto". Sul fronte del sismabonus,.. Continua a leggere su Edilportale.com
21
Mag

Canna fumaria, serve il permesso di costruire?

21/05/2019 – La canna fumaria di modeste dimensioni non può essere abbattuta. Gli eventuali rischi per la salute, derivanti dallo smaltimento dei fumi, vanno valutati in modo adeguato. Lo ha spiegato il Tar Campania con la sentenza 592/2019. I giudici si sono pronunciati sul caso della canna fumaria di un pub, realizzata dai gestori dell’esercizio commerciale senza l’accordo del condominio soprastante, che denunciando il fastidio e i rischi per la salute pubblica, aveva ottenuto dal Comune l’ordine di demolizione. Canna fumaria e permesso di costruire Dopo i sopralluoghi del caso, il Tar ha rilevato le “piccole dimensioni” dell’impianto per lo smaltimento dei fumi e lo ha classificato come “volume tecnico, quindi opera priva di autonoma rilevanza urbanistico – funzionale”. Questo significa, hanno spiegato i giudici, che per la realizzazione della canna fumaria in questione non era necessario il permesso.. Continua a leggere su Edilportale.com
21
Mag

Sconto alternativo a ecobonus e sismabonus, Rete Irene si rivolge all’Antitrust

21/05/2019 – Distorsione della concorrenza e danno per le piccole e medie imprese nel Decreto Crescita. Lo ha denunciato Rete Irene, che raggruppa una pluralità di imprese attive nel settore della riqualificazione energetica degli edifici, in una segnalazione all’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato in cui ha chiesto l’abrogazione o la modifica della disposizione. La segnalazione all'Agcm arriva dopo una serie di critiche mosse fin dall'inizio alla norma pensata dal Governo per dare maggiore impulso agli interventi di riqualificazione, ma che secondo Rete Irene potrebbe non avere gli effetti sperati. Decreto Crescita, sconto al posto di Ecobonus e Sismabonus Sotto accusa c’è la norma che riconosce ai privati uno sconto immediato al poso dell’Ecobonus o del Sismabonus. Il decreto stabilisce, lo ricordiamo, che il soggetto che effettuerà gli interventi di efficientamento energetico potrà.. Continua a leggere su Edilportale.com MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
21
Mag

Ufficio speciale per la progettazione, la Sicilia definisce le sue regole

21/05/2019 - Passi avanti per la centrale per la progettazione in Sicilia. Dopo l’istituzione dell’Ufficio Speciale per la progettazione regionale, nato con la Delibera 426/2018, e il Decreto 1/2019 contenente lo schema di convenzione tipo da utilizzare tra l'Ufficio Speciale per la Progettazione e gli Enti locali, con il decreto 16/2019 è stato definito il funzionamento dell’Ufficio speciale per la progettazione. A livello nazionale manca la stessa solerzia. La centrale (o struttura) per la progettazione resta tra gli obiettivi del Governo, ma nonostante gli annunci, a distanza di mesi non è ancora stata approvata una norma che ne regola il funzionamento. Ufficio speciale per la progettazione in Sicilia L’ufficio speciale per la progettazione, lo ricordiamo, avrà una durata di tre anni. Al suo interno lavoreranno 50 persone, provenienti da altre strutture della Regione, per velocizzare le attività progettuali.. Continua a leggere su Edilportale.com