1 22 Maggio 2019 - MOG 231 - Modelli di Organizzazione e Gestione | MOG 231 – Modelli di Organizzazione e Gestione
Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

Archive for maggio 22nd, 2019

22
Mag

Smart Building roadshow 2019

22/05/2019 - Giunto alla sua quarta edizione, il roadshow punta al mondo della progettazione come punto nevralgico del sistema che porta all’innovazione del costruire. I temi proposti incroceranno BMS e BEMS con efficienza energetica, connettività a banda ultra larga, automazione d’edificio, system integration, proponendo una visione globale della progettazione 4.0. L'evento, organizzato da Anitec-Assinform, l’anima high tech di Confindustria, e promosso da ANCE, l’associazione italiana dei costruttori edili in collaborazione con Smart Building Italia, ha come titolo "La progettazione impiantistica dell'edificio 4.0" e mira a coinvolgere nel processo di innovazione impiantistica i progettisti. Proprio la progettazione, infatti, costituisce il momento cardine dell’edilizia 4.0, ovvero degli edifici in rete, intelligenti ed ecocompatibili e i progettisti costituiscono i principali influencer nelle scelte della committenza. Le.. Continua a leggere su Edilportale.com MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
22
Mag

La nuova edilizia presupporrà un cambiamento degli stili di vita

22/05/2019 - Edilportale Tour 2019 ha fatto tappa ieri a Firenze. Molti i professionisti riuniti per delineare insieme un’idea concreta di una nuova edilizia. Ad aprire i lavori Elena Stoppioni, presidente di Save the Planet: “abbiamo solo 12 anni per salvare il mondo. Da qui al 2050 almeno 4 miliardi di persone vivranno in zone aride. Le risorse non sono infinite e dobbiamo cominciare a cambiare passo per salvare noi stessi e le generazioni future”. Una strada possibile è stata proposta da Katiuscia Eroe, Responsabile Energia di Legambiente, con il progetto ‘Civico 5.0’ che coinvolge diversi settori, da quello edilizio a quello economico e sociale. Per pensare a un vero cambio culturale dobbiamo per forza pensare a un cambio di stili di vita. “Risparmiare energia ed efficientare le nostre abitazioni è necessario per vivere meglio”. Soprattutto se si pensa che la maggior parte del nostro tempo la.. Continua a leggere su Edilportale.com MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
22
Mag

Equo compenso, legge allo studio anche in Molise

22/05/2019 - Ancora una volta le Regioni sono più celeri del Governo centrale nel legiferare in materia di equo compenso. Oggi tocca al Molise: in Assemblea legislativa regionale è stata infatti presentata una proposta di legge finalizzata alla tutela delle prestazioni professionali. La proposta di legge - spiega il comunicato del Consiglio regionale - parte dalla necessità di tutelare la libera professione in un quadro economico preoccupante normando, a livello regionale, la gestione del pagamento dei compensi ai liberi professionisti. Il fenomeno della mancata corresponsione o di forti ritardi nel saldo delle fatture per prestazioni libero-professionali - si aggiunge - è fortemente diffuso, complice una normativa lacunosa che contribuisce a dilatare i tempi dei pagamenti. Partendo da tali considerazioni, la proposta di legge mira a tutelare il giusto compenso dei professionisti e ad eliminare l’evasione fiscale, in quanto.. Continua a leggere su Edilportale.com
22
Mag

Rendimento energetico delle ristrutturazioni, la UE spiega come recepire la Direttiva

22/05/2019 - I Paesi membri dell’Unione europea sono alle prese con il recepimento della Direttiva 2018/844/UE (EPBD) sul rendimento energetico degli edifici e, in particolare, delle norme relative alla ristrutturazione. Per aiutarli ad interpretarli ed applicare al meglio le nuove regole, la Commissione europea ha pubblicato la Raccomandazione 786 dell’8 maggio 2019. Le modifiche alla Direttiva EPBD concordate lo scorso anno - spiega la Commissione UE - creano un chiaro percorso verso il raggiungimento di uno stock di edifici a emissioni ridotte e a zero nell’Unione entro il 2050, scandito da tabelle di marcia nazionali e da finanziamenti e investimenti pubblici e privati. Gli Stati membri - ricorda la UE - devono adottare strategie nazionali di ristrutturazione a lungo termine con una solida componente finanziaria per garantire la trasformazione degli edifici esistenti in edifici ad alta efficienza energetica e decarbonizzati e facilitare la transizione.. Continua a leggere su Edilportale.com MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
22
Mag

OICE: ‘l’incertezza per la Centrale di progettazione frena il mercato’

22/05/2019 - Come era da attendersi, purtroppo, l’ennesima tornata di revisione delle norme di settore rischia di scatenare una stagione di inaridimento del mercato delle progettazioni che è in calo ad aprile, dopo che a marzo si erano raggiunti valori record: infatti nel mese sono state bandite 182 gare (di cui 50 sopra soglia), con un valore di 51,9 milioni di euro (45,4 sopra soglia); rispetto al precedente mese di marzo il numero cala del 31,8% e il valore del 45,6%. Il confronto con aprile 2018 vede il numero calare del 33,3% e il valore del 10,1%. I dati del primo quadrimestre, sempre per la sola progettazione, mostrano il valore ancora in campo positivo: nei primi quattro mesi del 2019 le gare sono state 864 (229 soprasoglia) per un valore di 234,4 milioni di euro (202,5 sopra soglia), il valore cresce del 28,6%, ma il numero cala del 23,1%. L’andamento positivo del mercato è dovuto ai bandi sopra soglia che crescono del 27,2% in numero e del.. Continua a leggere su Edilportale.com
22
Mag

Abusi edilizi: anche se realizzati da altri, il proprietario del terreno è responsabile

22/05/2019 – Il proprietario di un terreno su cui sono presenti opere edilizie abusive è responsabile anche se i manufatti sono stati realizzati da altri. Lo ha affermato la Corte di Cassazione con la sentenza 19225/2019. Abusi edilizi, risponde il proprietario del terreno La Cassazione ha spiegato che la responsabilità dell’abuso edilizio da parte del proprietario del terreno può essere desunta da elementi oggettivi, come la piena disponibilità giuridica e di fatto del suolo, la sua presenza sul luogo, lo svolgimento di attività di vigilanza sul bene, l’interesse a edificare una nuova costruzione e il legame di parentela con il committente dei lavori. Si tratta di elementi che normalmente si presumono. È infatti difficile che il proprietario di un terreno, presente sul posto, non sia a conoscenza delle attività che vi si svolgono. Per questi motivi, hanno illustrato i giudici, grava sull’interessato.. Continua a leggere su Edilportale.com