1 20 Giugno 2019 - MOG 231 - Modelli di Organizzazione e Gestione | MOG 231 – Modelli di Organizzazione e Gestione
Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

Archive for giugno 20th, 2019

20
Giu

A Mestre nel mese di luglio 2019 partono i corsi per nuovi addetti antincendio, al primo soccorso e RLS e per chi deve seguire un corso di aggiornamento obbligatorio.

In questo articolo riportiamo le date dei corsi per addetti alla squadra di emergenza. Per informazioni telefonare al numero verde 800300333 raggiungibile gratis anche da mobile.
I corsisti potranno partecipare ai corsi a Mestre sita in Via Volturno 4/e zona Carpenedo (uscita tangenziale Castellana indicazioni per il centro parcheggio sotterraneo CONDOMINIO CAROSSA) e nei limitrofi.  Fermata tram e bus di "Volturno". Per visionare le recensioni di chi ha già partecipato cliccare qui Nel mese di luglio 2019 partono i corsi di aggiornamento e formazione del Centro di Formazione MODI SRL di Spinea, rivolti agli incaricati alla lotta antincendio, ai lavoratori, agli addetti al primo soccorso in aziende di gruppo A e B/C e ai Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS). Sono previste delle scontistiche per gli acquisti sotto data o per schede d'iscrizioni multiple, per informazioni a riguardo contattare MODI allo sportello informativo attivo al 800300333
ADDETTI ALLA LOTTA ANTINCENDIO
 
Corsi di aggiornamento periodico rivolto agli “incaricati alla lotta antincendio” operanti in aziende a  “rischio basso” al costo di € 50,00 + IVA
Il programma rispetta quanto richiesto dalle normative vigenti e la durata è pari a 2 ore.
L’allievo potrà fruire del corso recandosi in aula a Mestre sita in Via Volturno 4/e zona Carpenedo (uscita tangenziale Castellana indicazioni per il centro parcheggio sotterranei CONDOMINIO CAROSSA) nei giorni sotto indicati.
Per scaricare la scheda con la programmazione completa cliccare qui 
Mercoledì 24 luglio 2019 orario 14.00/16.00.
Corso di AGGIORNAMENTO dell’addestramento per incaricati ANTINCENDIO operanti in aziende a rischio medio – durata del docenza 5 ore al costo di € 100,00 + IVA
Qui di seguito l’elenco delle attività di aggiornamento periodico organizzate in aula a Mestre attrezzata con campo prova per eseguire la prova di spegnimento
nei giorni dell’anno 2019 sotto indicati:
Per scaricare la scheda con la programmazione completa cliccare qui 
Mercoledì 24 luglio 2019 orario 08.30/13.30.
Pianificazione delle date dei corsi del 2019 per “nuovi ADDETTI ANTINCENDIO RISCHIO BASSO” - 4 ore  al costo di € 80,00
Organizzato in aula a Mestre Centro nei giorni sotto indicati:
Per scaricare la scheda con la programmazione completa cliccare qui 
Mercoledì 24 luglio 2019 orario 14.00/18.00.
Programmazione del corso rivolto agli “Incaricati ANTINCENDIO A RISCHIO MEDIO” - durata 8  (questo corso oltre alla teoria prevede lo svolgimento di una prova pratica di spegnimento) al costo di € 150,00.
Organizzato in aula a Mestre nei giorni sotto indicati.
Per scaricare la scheda con la programmazione completa cliccare qui 
24 luglio 2019 orario 14.00/18.00 e 25 luglio 2019 orario 08.30/12.30.
LAVORATORI
 
FORMAZIONE LAVORATORI - MODULO GENERALE - 4 ORE  al costo di € 80,00 + IVA:
Disponibile on-line 24 ore su 24 con accesso alla piattaforma per un mese o in aula a Mestre nei giorni sotto indicati.
Per scaricare la scheda con la programmazione completa cliccare qui
Venerdì 12 luglio 2019 orario 09.00/13.00.
 
FORMAZIONE LAVORATORI - MODULO SPECIFICO BASSO - 4 ORE al costo di € 80,00 + IVA
Disponibile on-line 24 ore su 24 con accesso alla piattaforma per un mese o in aula a Mestre nei giorni sotto indicati.
Per scaricare la scheda con la programmazione completa cliccare qui 
Venerdì 12 luglio 2019 orario 14.00/18.00.
FORMAZIONE LAVORATORI - MODULO SPECIFICO MEDIO - 8 ORE al costo di € 150,00 + IVA
Disponibile in aula a Mestre nei giorni sotto indicati.
Per scaricare la scheda con la programmazione completa cliccare qui
12 e 16 luglio 2019 orario 14.00/18.00.
FORMAZIONE LAVORATORI - MODULO SPECIFICO ALTO - 12 ORE al costo di € 220,00 + IVA
Disponibile in aula a Mestre nei giorni sotto indicati.
Per scaricare la scheda con la programmazione completa cliccare qui
12, 16, 19 luglio 2019 orario 14.00/18.00.
PRIMO SOCCORSO
 
ADDETTI AL PRIMO SOCCORSO (AGGIORNAMENTO) - 4 ORE (per aziende gruppo B/C) al costo di € 80,00 + IVA:
Fruibile in aula a Mestre nei giorni sotto indicati.
Per scaricare la scheda con la programmazione completa cliccare qui
Martedì 2 luglio 2019 orario 14.00/18.00;
giovedì 25 luglio 2019 orario 14.00/18.00.
ADDETTI AL PRIMO SOCCORSO (AGGIORNAMENTO) - 6 ORE UNICA DATA (per aziende del gruppo A) al costo di € 120,00 + IVA:
Fruibile in aula a Mestre nei giorni sotto indicati.
Per scaricare la scheda con la programmazione completa cliccare qui 
Martedì 2 luglio 2019 orario 13.30/19.30;
giovedì 25 luglio 2019 orario 13.30/19.30.
ADDETTI AL PRIMO SOCCORSO - 12 ORE (per aziende gruppo B/C) al costo di € 150,00 + IVA:
Fruibile in aula a Mestre nelle date sotto indicate:
Per scaricare la scheda con la programmazione completa cliccare qui 
27, 28 giugno 2018 e 2 luglio 2019 orario 14.00/18.00;
18, 23, 25 luglio 2019 orario 14.00/18.00.
ADDETTI AL PRIMO SOCCORSO - 16 ORE (per aziende gruppo A) al costo di € 180,00 + IVA:
Fruibile in aula a Mestre nelle date sotto indicate:
Per scaricare il modulo di iscrizione cliccare qui 
27, 28 giugno 2019 orario 14.00/19.00 e 2 luglio 2019 orario 13.30/19.30;
18, 23 luglio 2019 orario 14.00/19.00 e 25 luglio 2019 orario 13.30/19.30.
RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI SICUREZZA - RLS
RLS (AGGIORNAMENTO) - 4 ORE (aziende  meno di 50 lavoratori) al costo di € 79,00 + IVA:
Organizzato in aula a Mestre.
Per scaricare la scheda di iscrizione o vedere date altre edizioni cliccare qui
Giovedì 11 luglio 2019 orario 14.00/18.00.
 
RLS (AGGIORNAMENTO) - 8 ORE (aziende più di 50 lavoratori) al costo di € 149,00 + IVA:
Per scaricare la scheda o per visionare altre date cliccare qui
11 e 22 luglio 2019 orario 14.00/18.00.
Per preventivi di consulenza, sopralluoghi gratuiti, incartamenti, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it
 
20
Giu

Dissesto idrogeologico, via libera al ddl CantierAmbiente

20/06/2019 - È stato approvato in via definitiva dal Consiglio dei Ministri di ieri sera il disegno di legge CantierAmbiente per il potenziamento e la velocizzazione degli interventi di mitigazione del dissesto idrogeologico e la salvaguardia del territorio.   Commissari per la progettazione contro il dissesto idrogeologico Il disegno di legge CantierAmbiente attribuisce ai Presidenti delle Regioni designati quali Commissari contro il dissesto idrogeologico il compito di predisporre un programma d’azione triennale per la mitigazione del rischio e per la salvaguardia del territorio, all’interno del quale saranno indicati, anno per anno, i comuni e i territori coinvolti, la descrizione tecnica e le singole stime di costo.   Ai Commissari si attribuiscono anche le funzioni di coordinamento e realizzazione degli interventi previsti e si consente il ricorso all’affidamento della progettazione esecutiva e dell’esecuzione di lavori..
Continua a leggere su Edilportale.com

20
Giu

Coppi e tegole per la protezione delle coperture

20/06/2019 – Tra i materiali utilizzati per la protezione dei tetti ci sono coppi, tegole e scandole che, pur essendo prodotti con una lunga tradizione alle spalle, si rinnovano costantemente per rispondere alle esigenze del mercato. Tegole e coppi: dalla tradizione all’innovazione Tegole e coppi, utilizzati già dagli antichi romani, sono tra le più longeve coperture per tetti. Sono caratterizzati da una superficie cilindrica che viene tagliata parallelamente all'asse del cilindro. Esistono diverse tipologie di tegole; ad esempio la tegola portoghese, dalla forma che accosta il semicilindro tipico dei coppi a una superficie piana che facilita l’aggancio alla tegola vicina. Le portoghesi sono ottime per i tetti spioventi, perché permettono l’eliminazione dell’acqua piovana. Oltre alle tegole portoghesi, ci sono le tegole canadesi, le marsigliesi, in cemento e in PVC. Le tegole canadesi sono resistenti.. Continua a leggere su Edilportale.com MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
20
Giu

Riqualificazione sismica, bando per 5 edifici a Nuoro

20/06/2019 - Procede spedito il ‘Piano di riduzione del rischio sismico degli immobili dello Stato’ dell’Agenzia del Demanio: è stato pubblicato un nuovo bando di gara con procedura aperta per l’affidamento dei servizi di verifica di vulnerabilità sismica, audit energetici e rilievi tecnici degli immobili in modalità BIM per alcuni immobili a Nuoro. Si tratta, in particolare, di due lotti che comprendono cinque edifici che fanno parte della Questura in viale Europa e del Palazzo degli Uffici Finanziari in via Lamarmora, entrambi a Nuoro. L’importo complessivo a base d’asta è di 312.477,53 euro. I documenti di gara dovranno essere inviati in modalità telematica entro le ore 12 del 12 luglio 2019. Il criterio di aggiudicazione è l’offerta economicamente più vantaggiosa e la seduta pubblica di apertura delle buste è programmata il 15 luglio. Tutti i dettagli sul bando.. Continua a leggere su Edilportale.com

20
Giu

Riforma del catasto, Geometri fiscalisti: ‘per attuarla basterebbero 3 anni’

20/06/2019 – “La riforma del catasto potrebbe essere perfezionata in un orizzonte temporale di un triennio”. A sostenerlo è l’Associazione dei Geometri Fiscalisti (Agefis), intervenuta presso la Commissione parlamentare di vigilanza sull’anagrafe tributaria in una audizione dedicata alla riforma della fiscalità immobiliare. Equità, semplificazione e rilancio del settore sono i driver che, secondo Agefis, dovrebbero guidare la riforma per risolvere la crisi del settore immobiliare. Nel frattempo, sostengono i geometri fiscalisti, si potrebbero mitigare le sperequazioni. Agefis a questo scopo propone la riduzione del prelievo sulle unità immobiliari non utilizzate dai possessori, senza la necessità di una perizia, la possibilità per i locatori di autocertificare i canoni non riscossi in caso di morosità, la semplificazione applicativa della cedolare secca al 10% riservata alle locazioni agevolate e la.. Continua a leggere su Edilportale.com

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231

20
Giu

Fattura elettronica, quando e come utilizzarla?

20/06/2019 – La fattura elettronica continua a destare dubbi e richieste di chiarimento. L’Agenzia delle Entrate è quindi intervenuta in soccorso dei contribuenti con una nuova circolare (14/2019) sull’argomento. Fattura elettronica, soggetti coinvolti Dal 1° gennaio 2019 la fattura deve essere elettronica tramite Sdi. Non ha l’obbligo di emettere fattura elettronica chi rientra nel “regime di vantaggio”, in quello “forfetario” o che si avvale della legge, 398/1991 (come associazioni senza fini di lucro, pro-loco, associazioni sportive dilettantistiche, se nel periodo d’imposta precedente hanno conseguito proventi fino a 65mila euro). Se la fatturazione avviene tra die soggetti rientranti entrambi nel regime forfetario e il cedente/prestatore vuole procedere alla fatturazione elettronica via Sdi, senza preventivo accordo della controparte, potrà farlo, ma dovrà consegnarle una copia.. Continua a leggere su Edilportale.com
20
Giu

Appalti, gli atti di gara possono essere consultati da chiunque?

20/06/2019 - L'accesso civico negli appalti assicura la trasparenza e il controllo sull'attività della Pubblica Amministrazione, sempre che siano tutelati i dati sensibili e la par condicio dei concorrenti. Lo ha affermato il Consiglio di Stato con la sentenza 3780/2019. Accesso civico negli appalti, il caso Una società, dopo aver partecipato ad una gara d’appalto indetta da un Comune, aveva presentato istanza di accesso civico generalizzato per visionare gli atti di gara. Il Comune aveva negato l’accesso, sostenendo che non fosse motivata. La decisione era stata in seguito giudicata legittima dal Tar perché “sarebbe mancato un interesse concreto, diretto e attuale”. Il Consiglio di Stato ha ribaltato la situazione. Secondo i giudici, “il legislatore, attraverso l’introduzione dell’accesso civico generalizzato, ha voluto consentire l’accesso ai documenti detenuti dalle pubbliche.. Continua a leggere su Edilportale.com MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231