1 4 Luglio 2019 - MOG 231 - Modelli di Organizzazione e Gestione | MOG 231 – Modelli di Organizzazione e Gestione
Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

Archive for luglio 4th, 2019

4
Lug

Sicurezza nei luoghi di lavoro? La formazione non deve essere solo un costo per il datore di lavoro ma come uno strumento strategico e capace di prevenire gli infortuni.

 
La formazione della sicurezza sui luoghi di lavoro si pone come uno degli elementi strategici del quadro normativo delineato del D. lgs 81/08 e s.m.i e si caratterizza come: processo educativo, misure generali di tutela e obbligo giuridico. La normativa definisce la formazione come:” un processo educativo attraverso il quale trasferire ai lavoratori e agli altri soggetti del sistema di prevenzione e protezione aziendale conoscenze e procedure utili alla acquisizione di competenze per svolgimento in sicurezza dei rispettivi compiti in azienda e alla identificazione, alla riduzione e alla gestione dei rischi”.
MODI segue la Clientela interessata all’ottenimento dei contributi per la formazione. Realizza i progetti formativi finanziati in linea con le priorità tematiche di Fondimpresa, come quelle riguardanti la salute e sicurezza nei luoghi di lavoro o gli adempimenti privacy secondo il nuovo Regolamento Europeo 2016/679.
MODI aiuta le aziende ad individuare le migliori opportunità sulla base delle esigenze, sfruttando al meglio le risorse economiche disponibili e gestendo la pratica dalla fase di richiesta fino alla rendicontazione e all’ottenimento dell’importo finanziato.  
Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it.
 
4
Lug

Equo compenso, insediato il tavolo con tutte le professioni

04/07/2019 - Si è insediato ieri presso il Ministero della Giustizia il tavolo tecnico che delineerà il percorso per garantire l’equo compenso a tutti i professionisti. “Il dialogo con le professioni è imprescindibile per il contributo economico e sociale assicurato allo sviluppo della collettività - ha detto il ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede -. I professionisti devono sentire lo Stato vicino. È un messaggio di concretezza e di operatività dell’azione del ministero”. Il Guardasigilli ha chiarito che la questione “non è solo economica ma chiama in causa la dignità e il rispetto del lavoro dei professionisti a sostegno dei cittadini e della società. Intendiamo imprimere un’accelerazione rispetto al passato per garantire l’effettività della normativa in materia”. Il sottosegretario alla Giustizia, Jacopo Morrone, ha sottolineato.. Continua a leggere su Edilportale.com     MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
4
Lug

Antifurto e controllo, i sistemi di protezione attiva

04/07/2019 – Sistemi d’allarme wireless, impianti domotici per il controllo a distanza e rilevatori di gas sono solo alcuni dei sistemi di protezione attiva che si possono installare nella propria abitazione per la protezione da ladri o eventi accidentali. Dopo aver analizzato nello scorso focus i sistemi di protezione passiva (porte blindate, tapparelle rinforzate, inferriate, ecc), in questo analizzeremo i vantaggi e le caratteristiche di quelli di protezione attiva. Come rendere sicura l’abitazione: sistemi di protezione attiva Coloro che vogliono ridurre drasticamente i rischi d’intrusione possono scegliere di installare (in alternativa o in aggiunta ai sistemi di sicurezza meccanici) un sistema di antifurto, anche con controllo da remoto, che indichi la presenza del ladro o il suo tentativo di effrazione. Gli impianti antifurto sono costituiti generalmente da una centrale che regola le varie funzionalità del.. Continua a leggere su Edilportale.com MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
4
Lug

Agevolazioni prima casa, valgono per immobili ereditati?

04/07/2019 – Le agevolazioni prima casa valgono anche per gli immobili ricevuti eredità? L’Agenzia delle Entrate risponde alla domanda tramite la posta di FiscoOggi. Agevolazioni prima casa e abitazione ereditata L’Agenzia ha spiegato che le agevolazioni prima casa, che consistono nel pagamento delle imposte ipotecaria e catastale in misura fissa (200 euro per ciascuna imposta, indipendentemente dal valore dell’immobile caduto in successione) valgono quando il beneficiario (o, nel caso di immobile trasferito a più beneficiari, almeno uno di essi) ha i requisiti previsti in materia di acquisto della “prima abitazione”. In particolare, per avere l’agevolazione è necessario che chi eredita l’immobile: - non sia titolare, esclusivo o in comunione col coniuge, di diritti di proprietà, usufrutto, uso e abitazione di altra casa di abitazione nel territorio del Comune dove si trova l’immobile.. Continua a leggere su Edilportale.com   MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
4
Lug

Ecobonus, Enea: ‘con le misure per i condomìni sarà possibile il salto di qualità’

04/07/2019 - Dal 2007 ad oggi si registrano oltre 39 miliardi di euro di investimenti per interventi di riqualificazione energetica, 3,3 miliardi solo nel 2018, con un risparmio cumulato di circa 100 milioni di Megawattora (MWh). È questo, in estrema sintesi, il bilancio al 2018 di 12 anni di ecobonus, il meccanismo per incentivare l’efficienza energetica negli usi finali introdotto nel 2007, che emerge dall’8° Rapporto annuale sull’efficienza energetica dell’ENEA presentato ieri a Roma insieme al Rapporto annuale sulle detrazioni fiscali per interventi di risparmio energetico e utilizzo di fonti di energia rinnovabili negli edifici esistenti. “L’efficienza energetica si conferma come una delle leve più efficaci per ridurre i consumi e la spesa per l’energia di famiglie, imprese e sempre più anche della PA, un volano di crescita per una filiera industriale fortemente italiana”,.. Continua a leggere su Edilportale.com    
4
Lug

Gestione sostenibile del suolo, al via Landsupport

04/07/2019 - È stato presentato ieri in conferenza stampa a Bruxelles il primo step operativo di LANDSUPPORT, un percorso di ricerca per supportare i decisori nella gestione equilibrata della risorsa costituita dal suolo. LANDSUPPORT nasce e si sviluppa nel nostro Paese, all’Università Federico II di Napoli. Lo strumento presentato oggi si chiama Land Take Tool, è nella fase prototipale ed è già pienamente funzionante entro i confini amministrativi dell’Unione europea. Costituisce uno dei quindici “tool” di cui si avvarrà a regime LANDSUPPORT, ed è quindi di fatto la prima tessera di un mosaico che si inizia a comporre. LANDSUPPORT è finanziato dalla Comunità Europea nell’ambito del programma Horizon 2020, e continuerà a essere implementato (il percorso è stato lanciato lo scorso anno) nei prossimi tre anni, grazie al coinvolgimento di 19 partner, tra cui figurano.. Continua a leggere su Edilportale.com   MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231