1 luglio 2019 - MOG 231 - Modelli di Organizzazione e Gestione | MOG 231 – Modelli di Organizzazione e Gestione
Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

Archive for luglio, 2019

31
Lug

Legge di Bilancio 2020, flat tax per tutti e più investimenti al Sud

31/07/2019 - Nei giorni scorsi Palazzo Chigi ha avviato i lavori preparatori per la Legge di Bilancio 2020: il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, e il ministro dell’Economia, Giovanni Tria, hanno incontrato le parti sociali per un confronto sui temi che in autunno entreranno nella manovra economica. Il 25 luglio si è svolto il confronto sulla riforma fiscale, il 29 sui Patti per il Sud. Invitati al tavolo, tra gli altri, Confindustria, CGIL, CISL e UIL, Confartigianato, CNA, Ance, Confprofessioni, Confedilizia. Riforma fiscale: estendere la flat tax Confprofessioni chiede una riduzione del carico fiscale e delle imposte sul lavoro autonomo, agendo sulle aliquote, ma bilanciando il sistema delle deduzioni e detrazioni. “Gli oneri deducibili e detraibili devono essere snelliti e suddivisi in ‘fasce’, dando prioritaria importanza a quelli a rilevante impatto sociale, come le spese mediche e le spese per l’abitazione principale.. Continua a leggere su Edilportale.com   MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
31
Lug

Immobiliare, nel settore turistico giù i prezzi e su le compravendite

31/07/2019 - Nel 2019 i prezzi di mercato delle abitazioni turistiche sono diminuiti, facendo segnare una flessione annuale del -1,8%, meno intensa della variazione registrata nel 2018 (-2,5%). Di contro, crescono le compravendite: le transazioni registrate a livello complessivo sono aumentate del 6,1%, in linea col dato nazionale (+6,5%). Questi alcuni dati evidenziati dall’Osservatorio Nazionale Immobiliare Turistico 2019 di FIMAA-Confcommercio (Federazione Italiana Mediatori Agenti d’Affari) con la collaborazione della Società di Studi Economici NOMISMA, che ha “fotografato” l’andamento del mercato 2019 delle case per vacanza in Italia, attraverso l’analisi dei dati delle compravendite e delle locazioni di 205 località di mare e 112 di montagna e lago. Prezzi abitazioni turistiche in calo Secondo il rapporto, a far segnare gli arretramenti più marcati sono in genere gli immobili usati e localizzati nelle zone.. Continua a leggere su Edilportale.com   MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
31
Lug

Opere di urbanizzazione a scomputo, quando si possono realizzare in proprio

31/07/2019 – Conteggiare le opere a scomputo in modo corretto, evitando frazionamenti artificiosi bacchettati dalla Commissione Europea. Con questo obiettivo, l’Autorità nazionale anticorruzione (Anac) ha aggiornato le linee guida n.4, attuative del Codice Appalti, sui contratti sotto la soglia comunitaria. Opere di urbanizzazione a scomputo, come si realizzano Le linee guida stabiliscono che nel calcolo del valore stimato delle opere di urbanizzazione a scomputo totale o parziale del contributo previsto per il rilascio del permesso di costruire, devono essere cumulativamente considerati tutti i lavori di urbanizzazione primaria e secondaria, anche se appartenenti a diversi lotti, connessi ai lavori oggetto di permesso di costruire, permesso di costruire convenzionato o convenzione di lottizzazione o altri strumenti urbanistici attuativi. Se il valore delle opere, considerate nel loro complesso, è inferiore alle soglie comunitarie (5.548.000.. Continua a leggere su Edilportale.com   MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
31
Lug

Liguria schierata contro lo sconto al posto dell’ecobonus

31/07/2019 – La Liguria si schiera contro lo sconto in fattura alternativo all’Ecobonus e, con un ordine del giorno approvato all’unanimità, chiede modifiche al Decreto ‘Crescita’. Liguria: sconto alternativo all’ecobonus rischia di distorcere il mercato Il documento approvato sottolinea come lo sconto in fattura al posto della detrazione fiscale sui lavori di riqualificazione edilizia rischia di distorcere il mercato perché le piccole imprese sarebbero tagliate fuori a favore delle grandi realtà che dispongono di una maggiore liquidità. La Regione si è quindi impegnata a farsi parte attiva presso il governo affinché il Decreto Crescita possa essere cambiato in favore di un maggiore equilibrio concorrenziale sul mercato, secondo le indicazioni delle associazioni di categoria e di Agcm. Confartigianato: ‘Liguria dalla parte degli artigiani’ “A nome delle piccole.. Continua a leggere su Edilportale.com MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
30
Lug

Bandi, Contributi, eLearning, cancerogeno e mutageno

 
News sicurezza ambiente qualità E-learning #HSE, Banca dati Newsletter 25 del 30 Luglio 2019, Bandi, Contributi, eLearning, cancerogeno e mutageno, Download banca dati. In caso di difficoltà nel recupero credenziali, non esiti a inviare una mail a mail@portaleconsulenti.it. Ricordiamo che l'accesso al Portale è Gratuito per l'utilizzo dell'intera Banca Dati
 
elearning trattamento di categorie particolari di dati GU n.176 del 29-7-2019
elearning Innovation manager, stabiliti i termini per l’iscrizione nell’elenco Dal 27 settembre al 25 ottobre sarà possibile presentare domanda d’iscrizione
elearning Digital Innovation Hub per aiutare le Pmi a dotarsi di strumenti tecnologici adatti a migliorare la propria competitività
elearning Contributi per il sostegno ai processi di digitalizzazione delle PMI del Lazio POR FESR Lazio 2014-2020 Asse 3 Competitività
elearning Che cos'è l'eLearning? Elenco di controllo e-learning, Vantaggi dell'eLearning, Metodi di eLearning, Prepararsi all'eLearning
elearning Bando BRIC 2019 Inail per progetti di ricerca
elearning Rischio cancerogeno e mutageno: la Direttiva 2019/983 La Direttiva introduce alcune modifiche alla Direttiva 2004/37/CE.
elearning Primo soccorso, Sicurezza cave, protezione attiva antincendio, Interpello sicurezza ambiente qualità E-learning #HSE, Banca dati Newsletter 24 del 22 Luglio 2019
collaborare con il PortaleConsulenti Scopri di più Siamo alla ricerca di writer editor che vogliono collaborare con il PortaleConsulenti
Portale Consulenti Cliccando sul link del gruppo potrai ricevere le notifiche direttamente da Linkedin ed essere aggiornato costantemente sulle novità in ambito HSE sicurezza ambiente qualità E-learning
  MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
30
Lug

trattamento di categorie particolari di dati

 

GU n.176 del 29-7-2019

trattamento di categorie particolari di dati

GU n.176 del 29-7-2019GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI PROVVEDIMENTO 5 giugno 2019 
Prescrizioni relative al trattamento di categorie particolari  di dati, ai sensi dell'articolo 21, comma 1 del decreto legislativo 10 agosto 2018, n. 101. (Provvedimento n. 146). (19A04879) 
 
Ai sensi dell'art. 21, comma 1, del decreto legislativo  10  agosto 2018,  n. 101, adotta il presente provvedimento recante le prescrizioni relative alle situazioni  di  trattamento  di  cui  agli articoli 6, paragrafo 1, lettere c) ed e), 9, paragrafo 2, lettera b) e 4, nonche' al Capo IX del regolamento riportate nell'allegato 1 facente parte integrante del provvedimento medesimo, e ne dispone la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica  italiana  ai sensi dell'art. 21, comma 2, del decreto legislativo n. 101/2018.
 
I trattamenti dei dati personali nel  contesto  lavorativo,  alla luce del quadro normativo delineato dal regolamento (UE) 2016/679, sono considerati se effettuati da datori di lavoro sia pubblici che privati (cfr.  articoli  88  e  9,  paragrafo  2,  lettera  b), del regolamento UE 2016/679); cio', diversamente dall'impianto del codice anteriore alle modifiche del decreto legislativo n.101/2018.
MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
 
30
Lug

Innovation manager, stabiliti i termini per l’iscrizione nell’elenco

 

Dal 27 settembre al 25 ottobre sarà possibile presentare domanda d’iscrizione

Innovation manager, stabiliti i termini per l’iscrizione nell’elenco

decretoIl 7 maggio 2019 è stato approvato dal Ministero dello Sviluppo Economico (MISE) il decreto che destina alle PMI un voucher per finanziare fino al 50% del costo dell’inserimento temporaneo in azienda, ma per un minimo di 9 mesi, di un Innovation Manager, per un massimo di 40 mila euro a impresa.

È stato pubblicato oggi il decreto del MiSE del 29 luglio 2019 che stabilisce i termini e le modalità di presentazione delle domande di iscrizione nell’apposito elenco dei manager qualificati e delle società di consulenza.

A partire dalle ore 10.00 del 27 settembre sino alle ore 17.00 del 25 ottobre sarà possibile presentare istanza di iscrizione tramite la procedura informatica accessibile nella sezione “voucher per consulenza in innovazione”, secondo le modalità illustrate negli allegati al medesimo decreto.

I soggetti iscritti all’elenco potranno fornire alle imprese servizi di consulenza specialistica finalizzati a sostenere processi di innovazione negli ambiti della trasformazione tecnologica e digitale, ammodernamento degli assetti gestionali e organizzativi, accesso ai mercati finanziari e dei capitali.

Possono presentare domanda di iscrizione all’elenco dei manager per l’innovazione costituito dal Ministero dello sviluppo le persone fisiche che, al momento della presentazione della domanda di iscrizione all’elenco soddisfano almeno uno dei seguenti requisiti:
essere accreditate negli albi o elenchi dei manager dell’innovazione istituiti presso Unioncamere, presso le associazioni di rappresentanza dei manager o presso le organizzazioni partecipate pariteticamente da queste ultime e da associazioni di rappresentanza datoriali;
essere accreditate negli elenchi dei manager dell’innovazione istituti presso le regioni ai fini dell’erogazione di contributi regionali o comunitari con finalità analoghe a quelle previste dal Voucher per consulenza in innovazione;
 
Possono inoltre presentare domanda di iscrizione le persone fisiche che risultino:
essere in possesso di un dottorato di ricerca in settori relativi ad una delle seguenti aree scientifico-disciplinari: 01-Scienze matematiche e informatiche; 02-Scienze fisiche; 03-Scienze Chimiche; 05-Scienze Biologiche; 09-Ingegneria industriale e dell’informazione; 13-Scienze economiche e statistiche;
aver conseguito un master universitario di secondo livello in settori relativi ad una delle aree scientifico-disciplinari di cui alla precedente lettera a), nonché avere svolto in maniera documentabile incarichi, per almeno 1 anno, presso imprese negli ambiti di applicazione delle sopra citate tecnologie abilitanti impresa 4.0;
essere in possesso di laurea magistrale in settori relativi ad una delle aree scientifico-disciplinari di cui alla precedente lettera a), nonché avere svolto in maniera documentabile incarichi, per almeno 3 anni, presso imprese negli ambiti di applicazione delle sopra citate tecnologie abilitanti impresa 4.0;
aver svolto in modo documentabile, per almeno 7 anni, incarichi presso imprese negli ambiti di applicazione delle sopra citate tecnologie abilitanti impresa 4.0.
Possono infine presentare domanda di iscrizione all’elenco le società operanti nei settori della consulenza, i centri di trasferimento tecnologico in ambito Industria 4.0, i centri di competenza ad alta specializzazione e gli incubatori certificati di start-up innovative. Tali soggetti nella domanda di iscrizione sono tenuti ad indicare, entro la misura massima di dieci nominativi, i manager in possesso dei requisiti previsti dalla normativa, destinati allo svolgimento degli incarichi di consulenza oggetto di agevolazione.
 Decreto direttoriale 29 luglio 2019Decreto direttoriale 29 luglio 2019
MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231  
30
Lug

Digital Innovation Hub


Per aiutare le Pmi a dotarsi di strumenti tecnologici adatti a migliorare la propria competitività

Digital Innovation Hub Regione Lazio

 per aiutare le Pmi a dotarsi di strumenti tecnologici adatti a migliorare la propria competitivitàBando che prevede un contributo di 600.000 euro per un’ente – un Digital Innovation Hub – che si occupi di sensibilizzazione sui temi della digitalizzazione delle imprese, assessment e identificazione dei gap di competenze e sviluppo digitale, formazione, consulenza e digital coaching, nonché della realizzazione di applicativi gestionali e della profilazione delle imprese.

Il soggetto che intende concorrere al bando di gara deve:
-Essere iscritto nel registro tenuto dalla Camera di commercio industria, artigianato e agricoltura oppure nel registro delle commissioni provinciali per l’artigianato per attività coerenti con quelle oggetto del bando;
-Se non stabilito in Italia ma in altro stato membro, deve presentare una dichiarazione giurata secondo le modalità vigenti nello Stato nel quale è collocato.

Il concorrente deve aver eseguito nell’ultimo triennio:
-Servizi di formazione manageriale e imprenditoriale per un importo complessivo pari ad almeno 100’000,00 euro oltre IVA nel triennio, con almeno un contratto di importo minimo pari a 20.000,00 euro;
-Servizi di consulenza aziendale e coaching di progetti di innovazione, R&S e/o digitalizzazione, anche con riferimento a interventi finanziati nell’ambito di Industria 4.0, per un importo complessivo pari ad almeno 200.000,00 euro oltre IVA nel triennio, con almeno un contratto di importo minimo pari a 30.000,00 euro.

La comprova del requisito, è fornita da:
In caso di servizi/forniture prestati a favore di pubbliche amministrazioni o enti pubblici mediante una delle seguenti modalità: originale o copia conforme dei certificati rilasciati dall’amministrazione/ente contraente, con l’indicazione dell’oggetto, dell’importo e del periodo di esecuzione; contratti commerciali, fatture fiscali e quietanze di pagamento relative;
In caso di servizi/forniture prestati a favore di committenti privati, mediante una delle seguenti modalità: originale o copia autentica dei certificati rilasciati dal committente privato, con l’indicazione dell’oggetto, dell’importo e del periodo di esecuzione; contratti commerciali, fatture fiscali e quietanze di pagamento relative.
Le offerte entro il 30/09/2019

30
Lug

Contributi per il sostegno ai processi di digitalizzazione delle PMI del Lazio

 

POR FESR Lazio 2014-2020 Asse 3 Competitività

Contributi per il sostegno ai processi di digitalizzazione delle PMI del Lazio

bandoLa Regione Lazio, attraverso il presente Avviso, mira a rafforzare la competitività del sistema produttivo laziale promuovendo l’adozione di interventi di digitalizzazione dei processi aziendali e di ammodernamento tecnologico attraverso l’utilizzo di servizi e di soluzioni ICT che, in coerenza con l’“Agenda Digitale Europea”, con la “Strategia Nazionale per la Crescita Digitale”, con l’“Agenda Digitale Lazio” e con le priorità della “Smart Specialization Strategy (S3)”, consentano di migliorare l’efficienza e modernizzare l’organizzazione aziendale.
 
Sono agevolabili Progetti che prevedono l’adozione di una o più soluzioni tecnologiche e/o sistemi digitali, tra quelle di seguito elencate (le Tipologie di Intervento del Progetto), alcune delle quali sono meglio esplicitate nel “Glossario Tecnico” in Appendice 3:
 
a) “digital marketing”: soluzioni di digital marketing: interventi SEO (Search Engine Optimization), SEM (Search Engine Marketing), Web, Social e Mobile marketing;
b) “e-commerce”: siti di e-commerce su piattaforme software CMS (Content Management System);
c) “punto vendita digitale”: soluzioni digitali per lo sviluppo di servizi front-end e customer experience nel punto vendita (chioschi, totem, touchpoint, segnaletica digitale, vetrine
intelligenti, specchi e camerini smart, realtà aumentata, sistemi di accettazione di couponing e loyalty, di Electroning Shelf Labeling, di sales force automation e di proximity marketing);
d) “prenotazione e pagamento”: sistemi di prenotazione e pagamento via internet e/o mobile; sistemi Self scanning e Self checkout;
e) “stampa 3D”: attrezzature ed applicazioni per la progettazione e la stampa 3D;
f) “internet of things”: sistemi e applicazioni in grado di comunicare e condividere dati e informazioni grazie a una rete di sensori intelligenti;
g) “logistica digitale” software e applicazioni digitali per la gestione e il coordinamento della logistica;
h) “amministrazione digitale”: soluzioni digitali a supporto della fatturazione elettronica e per l’ottimizzazione del magazzino;
i) “sicurezza digitale”: sistemi di sicurezza informatica;
j) “sistemi integrati”: sistemi di informazione integrati: quali i sistemi ERP (Enterprice Resource Planning), sistemi di gestione documentali e sistemi di Customer Relationship
Management (CRM); sistemi e applicazioni a supporto dello smart-working e del coworking.
 
Il Progetto può prevedere costi per l’acquisto di hardware, ma solo se strettamente necessario per acquisire o elaborare i dati in funzione della o delle soluzioni tecnologiche previste dal Progetto stesso, o utili a dare valore aggiunto ai dati elaborati, purché sempre mediante tecnologie digitali.
 
Ogni PMI puo' presentare un progetto con importo complessivo non inferiore a 7.000 Euro e comunque non superiore a 25.000 Euro. I richiedenti devono rispettare i massimali previsti dalla normativa in materia di De Minimis.
Il richiedente deve accedere alla piattaforma GeCoWEB accessibile dal sito www.lazioinnova.it e compilare l’apposito Formulario. L’accesso alla piattaforma GeCoWEB è consentito a partire dalle ore 12:00 del 10 luglio 2019 e fino alle ore 12:00 del 2 ottobre 2019.
E-learning_2.pngscarica bando
MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231  
30
Lug

Offriamo la nostra esperienza qualificata per l’applicazione del Regolamento europeo 679/2016.

I criteri imposti prima dal D.Lgs. 196/2003 ed ora dal regolamento (UE) 2016/679 per il rispetto e la salvaguardia dei dati personali e sensibili sono particolarmente rigorosi.
Il primo adempimento da adottare per implementare il sistema Privacy GDPR 2016/679 in azienda è comprendere l’importanza e il valore dei dati, avviando tutti i processi per avere un quadro completo dell'organizzazione, ruoli, figure, competenze, processi e regole che impattano sul trattamento dei dati
MODI eroga servizi di Consulenza qualificata per l'applicazione del Regolamento europeo 2016/679 in quanto può contare su cinque RPD-DPO con esperienza in materia di trattamento dei dati.
MODI si propone con competenza per l’adeguamento della documentazione della Clientela  alla normativa vigente.
MODI da anni forma i suoi professionisti. I nostri consulenti hanno conseguito tra la fine del 2017 e l'inizio del 2018 la qualifica di Data Protection Officer - DPO (in italiano RPD Responsabile Protezione dati).
I nostri consulenti sono oggi Rpd/DPO in importanti aziende del Veneto e del Nord Est.
 Per consulenze Privacy, assunzione di incarico di DPO/RDP, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it.