1 5 Settembre 2019 - MOG 231 - Modelli di Organizzazione e Gestione | MOG 231 – Modelli di Organizzazione e Gestione
Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

Archive for settembre 5th, 2019

5
Set

In ottobre partono i corsi di formazione e aggiornamenti periodici quinquennali per lavoratori a Mestre presso MODI – comodo parcheggio – tram e bus nelle vicinanze – referenziato dagli stessi allievi

Chi ricopre l’incarico di datore di lavoro, ovvero il soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore nel cui ambito il lavoratore presta la propria attività, ha la responsabilità dell’organizzazione stessa o dell’unità produttiva in quanto esercita i poteri decisionali e di spesa e della formazione dei lavoratori. 
Tutti i lavoratori neo assunti devono formarsi indipendentemente dal numero di dipendenti che ha una Organizzazione e devono seguire dei corsi di aggiornamento periodici. Gli addetti al primo soccorso devono fare l’aggiornamento ogni 3 anni, gli RLS in aziende con più di 15 dipendenti devono farlo ogni anno, tutti i lavoratori ogni 5 anni ecc.
Le date dei corsi per lavoratori di riportate si riferiscono all’aula corsi situata nella città di Mestre in Via Volturno 4e. 
Questa nostra sede è indicata per chi si muove con i mezzi pubblici in quanto vicinissima alla fermata del tram e del bus (fermata Via Volturno). Comoda la location anche per chi arriva in auto in quanto ci sono dei parcheggi sotterranei liberi e gratuiti e in superficie nei limitrofi. Sono previsti sconti per partecipazioni multiple alla stessa edizione del corso:
FORMAZIONE LAVORATORI GENERALE durata 4 ore – 80,00€ + IVA
10 ottobre 2019 orario 14.00/18.00
FORMAZIONE LAVORATORI BASSO durata 4 ore – 160,00€ + IVA
14 ottobre 2019 orario 14.00/18.00
FORMAZIONE LAVORATORI MEDIO durata 8 ore – 150,00€ + IVA
14 e 18 ottobre 2019 orario 14.00/18.00
FORMAZIONE LAVORATORI ALTO durata 12 ore – 220,00€ + IVA
14, 18 e 22 ottobre 2019 orario 14.00/18.00
AGGIORNAMENTO LAVORATORI durata 6 ore – 109,90€ + IVA
11 ottobre 2019 orario 14.00/18.00 e 14 ottobre 2019 orario 14.00/16.00.
Previsti sconti per partecipazioni multiple alla stessa edizione del corso. Siamo certificati ISO 9001 e convenzionati come CFA da Aifos.
MODI diventa il punto di riferimento della Clientela interessata all’ottenimento dei contributi per la formazione. Realizza i progetti formativi finanziati in linea con le priorità tematiche di Fondimpresa, come quelle riguardanti la salute e sicurezza nei luoghi di lavoro o gli adempimenti privacy secondo il nuovo Regolamento Europeo 2016/679.
Aiuta le aziende ad individuare le migliori opportunità sulla base delle esigenze, sfruttando al meglio le risorse economiche disponibili e gestendo la pratica dalla fase di richiesta fino alla rendicontazione e all’ottenimento dell’importo finanziato. 
Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it.
5
Set

La ISO 45001 sostituisce la OHSAS 18001.

Il 12 marzo 2018 l’ISO ha pubblicato il nuovo standard ISO 45001 per i sistemi di gestione del lavoro e della tutela della salute.
Questa norma di riconoscimento internazionale aiuta le Organizzazioni dando degli strumenti necessari per poter gestire i rischi correlati al lavoro e alla tutela della salute.
Chi è certificato OHSAS 18001 ha tre anni di tempo per migrare al nuovo standard prima che OHSAS 18001 venga ritirata nel marzo 2021. MODI SRL dal 1998 segue le Aziende del Veneto e del Nord Est nell’ambito dei sistemi di gestione integrati, come ad esempio gestione della qualità, ambientale e sicurezza.
Per assistere i propri clienti, la MODI SRL ha predisposto un metodo che permette di contenere i tempi e i costi della consulenza.
Il nostro team di esperti è in grado di valutare diversi standard di certificazione nell’ambito di un solo audit. MODI SRL resta a a disposizione per un incontro conoscitivo per la progettazione o adeguamento di un SGSL o a norma ISO 9001, ISO 14001, ISO 37001, ISO 39001.
MODI SRL sostiene i propri clienti instaurando rapporti durevoli nel tempo.
Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it
5
Set

MODI a Mestre, Marghera, Spinea Venezia, ogni mese avvia di corsi per i lavoratori effettuati in 3 differenti livelli di rischio: basso, medio e alto.

 
Con l’accordo del 21 Dicembre 2011 della conferenza Stato-Regioni si costituisce l’adempimento degli artt. 34 e 37 del D.Lgs n. 81/2008. I corsi per i lavoratori sono obbligatori per tutte le aziende anche con un solo dipendente e vengono effettuati in 3 differenti livelli di rischio: basso, medio e alto con obblighi di aggiornamento quinquennali. Il rischio è individuato in funzione del settore ATECO di appartenenza all’azienda; per verificare il grado di rischio dell’azienda è opportuno consultare la tabella indicante le varie classificazioni di rischio. Generalmente le aziende classificate a rischio basso sono tutte le aziende commerciali, gli alberghi, i ristoranti, le associazioni culturali e ricreative. Nelle aziende a rischio medio, rientrano, quelle legate all’agricoltura, alla pesca pubblica amministrazione, istruzione , etc.. Per quanto riguarda le aziende classificate a rischio alto ritroviamo quelle che prediligono attività manifatturiere e di costruzione.
MODI realizza corsi di formazione sulla sicurezza in aule situate in varie città (Mestre, Marghera, Spinea, Venezia, Noale, Treviso), in azienda presso la sede del Cliente e a distanza con uso di una piattaforma on line attiva 24 ore su 24. Le tematiche trattate nei nostri corsi sono la Salute e Sicurezza nei Luoghi di lavoro, la "comunicazione efficace", la privacy secondo il Regolamento Europeo 2016/679, l'anticorruzione ISO 37001, la sicurezza stradale ISO 39001, l'igiene e alimenti, ecc. Tra le proposte formative anche corsi sull'uso di “attrezzature di lavoro” come gru, carrelli elevatori, scavatori, piattaforme di lavoro mobili elevabili ecc. Siamo certificati ISO 9001:2015 e convenzionati come Centro di Formazione da Aifos e da Globalform per la formzione online. Lavoriamo inoltre collaborando con enti delle Regione Veneto. MODI segue la Clientela interessata all’ottenimento dei contributi per la formazione. Realizza i progetti formativi finanziati in linea con le priorità tematiche di Fondimpresa, come quelle riguardanti la salute e sicurezza nei luoghi di lavoro o gli adempimenti privacy secondo il Regolamento Europeo GDPR 2016/679. MODI aiuta le aziende ad individuare le migliori opportunità sulla base delle esigenze, sfruttando al meglio le risorse economiche disponibili e gestendo la pratica dalla fase di richiesta fino alla rendicontazione e all’ottenimento dell’importo finanziato
Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it.
5
Set

Lampade per esterni

05/09/2019 – Per vivere al meglio gli spazi esterni anche dopo il tramonto, è utile installare un’adeguata illuminazione. L’illuminazione per gli spazi outdoor non è solo una scelta funzionale ma anche di design: gli oggetti illuminanti, infatti, diventano spesso veri e propri elementi di arredo. Lampade da esterno: cosa valutare I corpi illuminanti per esterni devono rispettare requisiti più stringenti rispetto a quelli per interni; vanno usati prodotti in grado di resistere all'umidità, agli agenti atmosferici e agli sbalzi termici, realizzati con materiali a tenuta stagna ed anticorrosione. Per valutare il grado di protezione degli impianti luminosi si ricorre alla Norma CEI 70-1 (Norma italiana che corrisponde alla EN 60529) che descrive il grado di protezione dell’involucro (IP) di apparecchiature elettriche. I primi due valori indicano: il grado di protezione contro il contatto.. Continua a leggere su Edilportale.com MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
5
Set

Conte bis, parte il Governo M5S-PD

05/09/2019 - È il giorno del giuramento per il Governo Conte bis. La squadra dei Ministri è stata definita e presentata ieri al Capo dello Stato. La compagine del nuovo Esecutivo giallo-rosso è composta da dieci Ministri del Movimento 5 Stelle, nove del Partito Democratico, un tecnico e un esponente di Liberi e Uguali; le donne sono sette. Molte new entry, pochissime conferme: Paola De Micheli alle Infrastrutture e Trasporti, Sergio Costa all’Ambiente, Dario Franceschini ai Beni e Attività Culturali, Stefano Patuanelli allo Sviluppo Economico, Alfonso Bonafede alla Giustizia, Roberto Gualtieri all’Economia e Finanze. E ancora: Lorenzo Fioramonti all’Istruzione, Università e Ricerca, Nunzia Catalfo al Lavoro e Politiche Sociali, Teresa Bellanova alle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, Luciana Lamorgese agli Interni, Luigi Di Maio agli Affari Esteri e Cooperazione internazionale, Lorenzo Guerini alla.. Continua a leggere su Edilportale.com MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231    
5
Set

Equo compenso, il Veneto approva la legge che tutela la professione

05/09/2019 – Il Consiglio regionale del Veneto ha approvato, lo scorso 3 settembre, una legge sull’equo compenso e sulla tutela delle prestazioni professionali. La norma, frutto dell’accorpamento di tre progetti di legge vertenti sul medesimo oggetto, intende contrastare lo svilimento della figura del libero professionista, che in questi ultimi anni si è visto concretizzarsi con la corresponsione di compensi non corrispondenti alla qualità e quantità delle prestazioni richieste, se non addirittura simbolici. Equo compenso Veneto: cosa prevede la norma Per prima cosa il provvedimento disciplina il diritto all’equo compenso e il contrasto all’inserimento di clausole vessatorie nell’esecuzione degli incarichi conferiti dalla Regione, dagli enti strumentali e dalle società controllate, nei confronti dei professionisti. In particolare, verrà considerato “equo” il compenso che risponde.. Continua a leggere su Edilportale.com   MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
5
Set

Codice Appalti, conclusa la consultazione sul regolamento attuativo

05/09/2019 – Dopo la chiusura della consultazione sul regolamento attuativo del Codice Appalti, il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti (Mit) inizia a tirare le somme dei contributi ricevuti. La conclusione della consultazione, avviata a luglio, dovrebbe dare il via alla stesura del nuovo documento che, come previsto dal decreto “Sblocca cantieri” e richiesto dagli operatori, sostituirà il sistema di soft law lanciato nel 2016. Gli addetti ai lavori vorrebbero far presto per dare finalmente certezza alla normativa sui contratti pubblici. Il condizionale però è d’obbligo, dato che i lavori sono stati rallentati dalla crisi di governo sopraggiunta ad agosto, con il conseguente cambiamento dei vertici del Ministero. Codice Appalti, i risultati della consultazione sul regolamento unico In tutto, i contributi arrivati sono circa 600, di cui il 48,42% da parte di operatori del settore, il 38,64% da parte di associazioni.. Continua a leggere su Edilportale.com MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
5
Set

Fondo salva opere, potranno accedervi le Pmi con Durc regolare

05/09/2019 – I beneficiari del Fondo salva opere dovranno essere in regola con il Durc. Lo prevede lo schema di decreto legge per la tutela del lavoro e la risoluzione delle crisi aziendali. La bozza restringe l’accesso al Fondo introdotto dal Decreto Crescita per evitare che la crisi di un'impresa aggiudicataria di un appalto travolga a cascata anche le Pmi che collaborano ai lavori come subappaltatrici. Se le novità contenute nella bozza saranno confermate, le Pmi per tirarsi fuori dalla crisi dell’impresa principale dovranno dimostrare di essere in regola con il pagamento dei contributi previdenziali ai propri dipendenti. Fondo salva opere, come funziona Il Fondo salva opere è stato introdotto dal Decreto “Crescita”. In caso di crisi dell’impresa aggiudicataria di un appalto, è coperto il 70% dei pagamenti a favore delle Pmi subappaltatrici. Il Fondo viene alimentato con un contributo dello 0,5%.. Continua a leggere su Edilportale.com MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231