1 3 Ottobre 2019 - MOG 231 - Modelli di Organizzazione e Gestione | MOG 231 – Modelli di Organizzazione e Gestione
Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

Archive for ottobre 3rd, 2019

3
Ott

Interpelli

 

Ministero del lavoro

Interpelli

interpello02/10/2019 - n. 6 / 2019
Istanza: articolo 9, d.lgs. n. 124/2004 - contratti stagionali nel settore radio televisivo - dPR n. 1525/1963
Destinatario: Confindustria Radio Televisioni
 
15/07/2019 - n. 6 / 2019
Istanza: Art. 12, D.lgs. n. 81/2008 e s.m.i. - risposta a interpello "Chiarimenti in merito l'obbligo di cui art. 148 comma 1 del D.Lgs. 81/2008". Seduta della Commissione del 15 luglio 2019
Destinatario: Federcoordinatori - Federazione Sindacale Italiana dei Tecnici e Coordinatori della Sicurezza

La Federazione Sindacale Italiana dei Tecnici e Coordinatori della Sicurezza ha formulato istanza di interpello per conoscere il parere di questa Commissione in merito al seguente quesito: "Il datore di lavoro deve sempre predisporre obbligatoriamente misure di protezione collettiva, ai sensi dell’art. 148 c. 1 D.Lgs. 81/2008 e smi, ovvero ha la facoltà di valutare caso per caso quali misure di protezione (collettiva o individuale) adottare?". Il richiedente afferma che "Questo obbligo risulta in contrasto con quanto indicato nell’art. 111 c. 1 let. a) del D.Lgs. 81/2008 smi per il quale il datore di lavoro, in caso di lavori in quota, deve dare priorità alle misure di protezione collettiva rispetto alle misure di protezione individuale ma non l’obbligo di predisporle sempre".
La Confindustria Radio Televisioni ha formulato istanza di interpello al fine di conoscere il parere di questo Ministero in ordine ai limiti di utilizzabilità del d.P.R. n. 1525 del 7 ottobre 1963, che prevede la possibilità di stipulare contratti di lavoro a termine anche nelle ipotesi di “preparazione e produzione di spettacoli per il personale non menzionato nella lett. e) dell’articolo 1 della legge 18 aprile 1962, n. 230, addetto ai singoli spettacoli o serie di spettacoli consecutivi di durata prestabilita”, ai fini della stipulazione di contratti di lavoro stagionali nel settore radiotelevisivo.
MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
 
3
Ott

È morto Giorgio Squinzi, patron di Mapei

03/10/2019 - Si è spento nel tardo pomeriggio di ieri a Milano Giorgio Squinzi, amministratore unico di Mapei ed ex presidente di Confindustria. Nato nel 1943 a Cisano Bergamasco, laureato nel 1969 in chimica industriale all’Università Statale di Milano, nel 1984 aveva preso le redini dell’azienda fondata nel 1937 dal padre Rodolfo Squinzi. Oggi l’azienda ha un fatturato di 2,5 miliardi di euro e 10.500 dipendenti. Dal 2012 al 2016 Squinzi è stato presidente di Confindustria; il suo mandato è stato caratterizzato dal tentativo di ridare una centralità alla manifattura piuttosto che alla finanza. Giorgio Squinzi era anche proprietario del Sassuolo Calcio, squadra acquistata dalla serie C2 e portata stabilmente in serie A. Lascia la moglie Adriana Spazzoli e i figli Marco e Veronica, già impegnati da tempo in Mapei. Continua a leggere su Edilportale.com MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231G
3
Ott

Edifici abusivi, nessun risarcimento per danni da calamità naturali

03/10/2019 – L’Amministrazione non deve risarcire i danni, causati da una calamità naturale, ad un immobile abusivo. Lo ha spiegato la Cassazione con la sentenza 20312/2019. Immobili abusivi e calamità naturali, il caso Nel caso preso in esame, i locali utilizzati da un professionista per l’esercizio della sua attività erano stati danneggiati da un’esondazione di acqua e fango causata da una falla presente nelle tubazioni per la raccolta dell’acqua piovana. Il professionista aveva chiesto un risarcimento al Comune e, dopo un contenzioso, la Corte d’Appello aveva imposto all’Amministrazione il pagamento del 66% dell’importo dei danni per il locale al primo piano e del 34% per quello al piano terra. La riduzione del risarcimento era stata decisa dopo aver accertato che il proprietario aveva realizzato l’immobile danneggiato come ampliamento abusivo di un edificio preesistente. I locali.. Continua a leggere su Edilportale.com MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231 01
3
Ott

Blocchi in calcestruzzo, guida alla scelta

03/10/2019 – I blocchi in calcestruzzo rappresentano uno dei sistemi più diffusi ed economici per realizzare murature. Il blocco di calcestruzzo vibrocompresso è un elemento in calcestruzzo a forma di parallelepipedo, prodotto industrialmente, forato o pieno. La posa in opera delle murature tecniche non è un’operazione complicata in quanto i blocchi hanno dimensioni e peso tali da poter essere maneggiati con facilità. La posa avviene seguendo la modularità orizzontale e verticale dei blocchi: a questo scopo si utilizzano fili colorati, calandri, bolle e fili a piombo. I blocchi in cls vengano usati come elementi: per murature portanti, per murature di tamponamento, per manufatti con valenze termiche, fonoassorbenti e tagliafuoco. Ecco una panoramica dei modelli che si trovano in commercio. Blocchi portanti in cls Tra i blocchi portanti impiegati per realizzare una muratura antisismica c’è SISMICO di.. Continua a leggere su Edilportale.com MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
3
Ott

Welfare professionisti, Confprofessioni chiede più strumenti di sostegno al reddito

03/10/2019 – Rafforzare il welfare per gli autonomi e promuovere l’accesso dei professionisti a strumenti di sostegno del reddito che permettano di riposizionarsi nel mercato del lavoro. Queste le richieste che Confprofessioni ha fatto al Governo nel corso dell’esame del decreto sulle crisi aziendali alle Commissioni riunite Industria e Lavoro del Senato. Welfare professionisti: cosa prevede il Dl crisi aziendali Confprofessioni elogia le norme contenute nel Dl che estendono le garanzie ai lavoratori autonomi iscritti alla gestione separata dell'Inps. Il provvedimento, infatti, prevede che gli iscritti alla gestione separata INPS, che non siano titolari di pensione e privi di altra tutela obbligatoria, possano accedere all’indennità giornaliera con un mese di contributi versati alla Gestione Separata nelle 12 mensilità precedenti (anziché tre), al congedo di maternità ed al congedo parentale. Inoltre,.. Continua a leggere su Edilportale.com MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
3
Ott

Fondo salva opere, Ance: ottimo strumento ma risorse insufficienti

03/10/2019 – Il Fondo salva opere è uno strumento utilissimo, ma dotato di risorse insufficienti e ancora non operativo. Lo ha affermato l’Associazione nazionale costruttori edili (Ance), che durante l’audizione in Senato sul ddl per la tutela del lavoro e la risoluzione delle crisi aziendali, ha chiesto di rendere subito operativo il Fondo con l'emanazione del decreto attuativo e l'intervento di cassa Depositi e Prestiti. Il Fondo salva opere oggi Il Fondo salva opere è stato introdotto dal Decreto “Crescita”. In caso di crisi dell’impresa aggiudicataria di un appalto, è coperto il 70% dei pagamenti a favore delle Pmi subappaltatrici. Il Fondo viene alimentato con un contributo dello 0,5% del valore del ribasso offerto dall’aggiudicatario delle gare di appalti pubblici di importo pari o superiore a 200mila euro, a base d’appalto, in caso di lavori, e a 100mila euro in caso di servizi e forniture. Al.. Continua a leggere su Edilportale.com MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231