1 22 Ottobre 2019 - MOG 231 - Modelli di Organizzazione e Gestione | MOG 231 – Modelli di Organizzazione e Gestione
Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

Archive for ottobre 22nd, 2019

22
Ott

Il Decreto Sisma premia il lavoro dei professionisti

22/10/2019 – Il ruolo dei tecnici sarà fondamentale per l’accelerazione e il completamento delle ricostruzioni in corso nei territori del Centro Italia; ad esempio, l’avvio dei lavori per la ricostruzione privata sarà più veloce grazie ad una certificazione redatta dai professionisti che avranno un’anticipazione del 50% del proprio onorario alla presentazione del progetto. Queste le novità principali previste dalla bozza del decreto sisma, approvata dal Consiglio dei Ministri di ieri, dopo l'incontro con le regioni coinvolte, che dispone la proroga fino al 31 dicembre 2020 dello stato d'emergenza per i territori delle regioni Lazio, Marche, Umbria e Abruzzo colpiti dal sisma. Decreto sisma: il ruolo dei tecnici nella ricostruzione Il provvedimento contiene misure per agevolare l’approvazione dei progetti per la ricostruzione, regolando le modalità e le procedure per la copertura delle anticipazioni.. Continua a leggere su Edilportale.com MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
22
Ott

Partite Iva, ancora incognita sul regime forfetario

22/10/2019 – Nulla di fatto per la definizione del regime forfetario. Il vertice di maggioranza di ieri sera non è riuscito a sciogliere tutti i nodi sulle Partite Iva. I lavori per la ricerca di un accordo proseguiranno nei prossimi giorni. C’è invece l’intesa sull’utilizzo del POS. L’obbligo di accettare pagamenti con carte di credito e bancomat, pena una sanzione, slitta a luglio 2020. Termini più lunghi anche per l’introduzione del tetto al denaro contante. Saranno poi inasprite le pene a carico dei grandi evasori. Partite Iva, restano i dubbi per i forfetari “Sul regime forfettario per i professionisti siamo al lavoro. Sarà oggetto della discussione nei prossimi giorni” commenta Luigi Di Maio dalla sua pagina Facebook. É quindi ancora giallo sulle norme che entreranno nel disegno di legge di bilancio. Si può ipotizzare che nel ddl sarà introdotto il.. Continua a leggere su Edilportale.com MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
22
Ott

Bonus verde, le associazioni chiedono la proroga

22/10/2019 – Prorogare il bonus verde anche per il 2020 (o, meglio ancora, renderlo strutturale) e rinnovarlo, inserendo anche la detraibilità per tutti gli interventi che migliorano le condizioni di salute degli alberi esistenti. Questa la richiesta che arriva da più associazioni legate al verde come l’Associazione Arboricoltori (A.A), la Società Italiana di Arboricoltura (SIA), Cia-Agricoltori Italiani e l’associazione dei Florovivaisti Italiani, Assofloro e Anaci, che hanno manifestato il proprio disappunto rispetto alla scelta del Governo di non prorogare la misura. Bonus verde: i vantaggi Secondo SIA e AA, “il Bonus verde è uno strumento fondamentale per contrastare la capitozzatura degli alberi”. Inoltre, la detrazione fiscale per le spese di sistemazione delle aree verdi private (dai giardini ai balconi) ha portato nuovi posti di lavoro e contribuito all’emersione del “nero”. Cia.. Continua a leggere su Edilportale.com MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
22
Ott

Ecobonus, i paletti alla cessione del credito

22/10/2019 – Come funziona la cessione del credito d’imposta corrispondente all’Ecobonus quando a sostenere le spese per la riqualificazione energetica di un immobile è una società? Se ad essere titolari della detrazione fiscale sono i soci, questi possono effettuare la cessione a favore della società di cui fanno parte? Con la risposta 415/2019, l’Agenzia delle Entrate ha risposto di no. Vediamo perché. Ecobonus e cessione del credito, il caso Una società si è rivolta all’Agenzia delle Entrate dopo aver pianificato un intervento di riqualificazione energetica per il quale avrebbe sostenuto tutte le spese. SCARICA LA GUIDA DI EDILPORTALE ALL'ECOBONUS La relativa detrazione, spettante alla società, sarebbe stata imputata per trasparenza pro quota ai tre soci. I soci, data la loro limitata capienza IRPEF, avrebbero voluto effettuare la cessione del credito corrispondente all’Ecobonus.. Continua a leggere su Edilportale.com MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231