1 5 Dicembre 2019 - MOG 231 - Modelli di Organizzazione e Gestione | MOG 231 – Modelli di Organizzazione e Gestione
Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

Archive for dicembre 5th, 2019

5
Dic

Ecobonus e sismabonus, lo sconto in fattura sarà corretto

05/12/2019 – Il meccanismo dello sconto immediato in fattura, alternativo all’ecobonus e al sismabonus, sarà corretto per tutelare le piccole e medie imprese (PMI). Lo ha deciso, con una risoluzione, la Commissione Industria del Senato al termine delle audizioni sul tema. La risoluzione ha impegnato anche il Governo a prevedere la stabilizzazione dell’ecobonus, compatibilmente con le risorse necessarie, e la semplificazione del Conto Termico per potenziare le misure a sostegno dell’efficientamento energetico. Ecobonus e sismabonus, come potrebbe cambiare lo sconto in fattura La risoluzione ha impegnato il Governo a prevedere meccanismi di supporto temporanei a favore delle PMI, che altrimenti potrebbero avere difficoltà a praticare lo sconto immediato in fattura.  Un’ipotesi è “il ripristino transitorio della situazione ex-ante articolo 10 del c.d. Decreto Crescita”. Una sorta di abrogazione.. Continua a leggere su Edilportale.com MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
5
Dic

Utensili ed elettroutensili per lavori in casa

05/12/2019 – Quando bisogna fare piccoli lavori in casa o delle lavorazioni su dei materiali, risultano indispensabili degli utensili specifici per l’attività richiesta. Una particolare categoria di utensili è rappresentata dagli elettroutensili, ovvero quegli attrezzi che sono alimentati elettricamente, in genere grazie ad un motorino elettrico, che sostituisce o coadiuva l’applicazione manuale richiesta all’operatore. Elettroutensili Gli elettroutensili sono una evoluzione dei semplici utensili manuali e consentono, in certi casi, di effettuare operazioni più accurate e in tempi più rapidi a tutto vantaggio della ottimizzazione e della efficienza dei processi lavorativi. Elettroutensili idonei ad ogni tipo di lavoro sono diffusamente impiegati nella pratica quotidiana di cantieri edili e stradali, laboratori ed officine artigiane, attività industriali, lavori di impiantisti ed installatori, manutentori, montatori,.. Continua a leggere su Edilportale.com MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
5
Dic

Professionista inattivo da tre anni? Il Fisco chiude d’ufficio la Partita Iva

05/12/2019 – Professionisti e imprenditori che, nelle tre annualità precedenti, non hanno esercitato alcuna attività, si vedranno chiudere d’ufficio la Partita Iva. Lo ha stabilito l’Agenzia delle Entrate per dare attuazione al Decreto Fiscale del 2016, che ha modificato il Dpr 633/1972 introducendo il comma 15-quinquies all’articolo 35. Nei giorni scorsi, l’Agenzia delle Entrate ha inoltre adottato un provvedimento che definisce i criteri, le modalità di applicazione della norma e le forme di comunicazione preventiva al contribuente. Partite Iva inattive, come individuarle Le partite Iva inattive, spiega l’Agenzia delle Entrate, vengono individuate sulla base di riscontri automatizzati con le informazioni disponibili in Anagrafe tributaria, volti a identificare i titolari di partita Iva che nelle tre annualità precedenti non hanno presentato, se dovuta, la dichiarazione Iva o dei redditi di lavoro.. Continua a leggere su Edilportale.com MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
5
Dic

Edifici abusivi, come bloccare la demolizione

05/12/2019 – Per bloccare un ordine di demolizione, la richiesta di sanatoria deve riguardare tutto il manufatto abusivo e non le singole porzioni. Lo ha stabilito la Cassazione con la sentenza 29088/2019. Richiesta di sanatoria, il caso I giudici si sono pronunciati sul caso di un ordine di demolizione di un manufatto abusivo. Per bloccarlo, i nuovi proprietari, che avevano ereditato la costruzione dopo la realizzazione degli abusi edilizi, avevano presentato istanze di sanatoria individuali. Ogni istanza di sanatoria, però, riguardava singole porzioni dell’immobile e non considerava la costruzione nel suo complesso. Secondo i proprietari, sommando le singole istanze si sarebbe comunque arrivati alla sanatoria di tutto il fabbricato. Richiesta di sanatoria, Cassazione: deve riguardare l’intero immobile I giudici della Cassazione hanno respinto le richieste dei proprietari partendo dal principio che la concessione edilizia.. Continua a leggere su Edilportale.com MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
5
Dic

Sistemi antifurto, danno diritto al bonus mobili?

05/12/2019 – L'installazione dell'impianto di allarme o di un dispositivo antintrusione, in quanto rientrante nei lavori che danno diritto alla detrazione prevista per la ristrutturazione, può dare diritto al bonus mobili? La questione, per quanto più volte chiarita dall’Agenzia delle Entrate (sia tramite la posta di FiscoOggi sia tramite circolari) crea ancora molta confusione in quanto molti partono dal presupposto (sbagliato) che tutti gli interventi agevolati dal bonus ristrutturazioni attivano il bonus per l’acquisto di arredi. I dispositivi antintrusione permettono l’accesso al bonus arredi? Come chiarito dall’Agenzia nella Circolare 10/2014, i dispositivi antifurto possono beneficiare del bonus mobili solo se per la loro installazione sono necessari degli interventi edilizi. Tramite la posta di FiscoOggi, l’Agenzia ha anche sottolineato che generalmente non spetta l’agevolazione per l’acquisto.. Continua a leggere su Edilportale.com MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231