1 27 Dicembre 2019 - MOG 231 - Modelli di Organizzazione e Gestione | MOG 231 – Modelli di Organizzazione e Gestione
Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

Archive for dicembre 27th, 2019

27
Dic

Che differenza c’è tra un lavoratore, l’RLS “rappresentante lavoratori Sicurezza” e il Preposto?

Per lavoratore deve intendersi la persona che presta la propria opera alle dipendenze di un datore di lavoro, con rapporto di lavoro subordinato.
Sono considerati lavoratori anche i partecipanti a corsi di formazione professionale, nonché gli utenti di servizi di orientamento o formazione scolastica e professionale, avviati presso datori di lavoro allo scopo di perfezionamento.
I Rappresentanti dei lavoratori per la Sicurezza (RLS) sono dei lavoratori ai quali viene affidato il compito di collegamento tra il datore di lavoro ed i lavoratori per quanto concerne gli aspetti della salute e della sicurezza nell'ambito aziendale.
Il PREPOSTO ai fini della sicurezza, è il soggetto che in base alle reali mansioni esercitate si trova nella posizione di dirigere l’attività lavorativa di operatori soggetti alle sue direttive e ha funzioni di controllo e sorveglianza.
Un lavoratore consapevole è un lavoratore Sicuro. La formazione e i corsi di aggiornamento sono obbligatori.
MODI SRL assiste i Clienti in tutte le fasi previste dal D.Lgs 81 del 9 aprile 2008, dall'Analisi e Valutazione dei Rischi fino all'assunzione completa delle responsabilità, formando anche i tuoi lavoratori così da ridurre in maniera drastica le probabilità che si verifichino incidenti sul Lavoro.
Per le recensioni sul nostro modo di lavorare cliccare alla pagina DICONO DI NOI.
Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it.
27
Dic

Sport bonus, la Legge di Bilancio 2020 concede un anno in più

27/12/2019 - Un anno in più per lo Sport Bonus. Lo prevede la Legge di Bilancio 2020, che proroga gli incentivi fino al 31 dicembre 2020.   Sport Bonus fino al 31 dicembre 2020 Anche per il 2020 è previsto un credito d’imposta in misura pari al 65% delle erogazioni effettuate, riconosciuto alle persone fisiche e agli enti non commerciali nel limite del 20% del reddito imponibile e ai titolari di reddito d’impresa nel limite del 10 per mille dei ricavi annui.   Il credito d’imposta sarà riconosciuto per le erogazioni liberali in denaro effettuate nel corso del 2020 per interventi di manutenzione e restauro di impianti sportivi pubblici e per la realizzazione di nuove strutture sportive pubbliche. Per il 2020 il limite complessivo di spesa previsto per lo sport bonus è pari a 13,2 milioni di euro, da ripartire in tre quote annuali di pari importo.  
Continua a leggere su Edilportale.com

27
Dic

Sport bonus, la Legge di Bilancio 2020concede un anno in più

27/12/2019 - Un anno in più per lo Sport Bonus. Lo prevede la Legge di Bilancio 2020, che proroga gli incentivi fino al 31 dicembre 2020.   Sport Bonus fino al 31 dicembre 2020 Anche per il 2020 è previsto un credito d’imposta in misura pari al 65% delle erogazioni effettuate, riconosciuto alle persone fisiche e agli enti non commerciali nel limite del 20% del reddito imponibile e ai titolari di reddito d’impresa nel limite del 10 per mille dei ricavi annui.   Il credito d’imposta sarà riconosciuto per le erogazioni liberali in denaro effettuate nel corso del 2020 per interventi di manutenzione e restauro di impianti sportivi pubblici e per la realizzazione di nuove strutture sportive pubbliche. Per il 2020 il limite complessivo di spesa previsto per lo sport bonus è pari a 13,2 milioni di euro, da ripartire in tre quote annuali di pari importo.  
Continua a leggere su Edilportale.com

27
Dic

Edilizia sociale, nella Legge di Bilancio 2020 854 milioni di euro

27/12/2019 - Edilizia sociale senza consumo di suolo e rigenerazione urbana secondo i princìpi ispiratori della Smart City. Con una dotazione di di 853,8 milioni di euro, la Legge di Bilancio per il 2020 dà il via al "Programma innovativo nazionale per la qualità dell’abitare".   Qualità dell'abitare: 853,8 milioni di euro fino al 2033 Per l'attuazione del programma, la legge stanzia 12,18 milioni di euro per l’anno 2020, 27,25 milioni di euro per l’anno 2021, 74,07 milioni di euro per l’anno 2022, 93,87 milioni di euro per l’anno 2023, 94,42 milioni di euro per l’anno 2024, 95,04 milioni di euro per l’anno 2025, 93,29 milioni di euro per l’anno 2026, 47,15 milioni di euro per l’anno 2027, 48,36 milioni di euro per l’anno 2028, 53,04 milioni di euro per l’anno 2029, 54,60 milioni di euro per l’anno 2030, 54,64 milioni di euro per gli anni 2031 e 2032..
Continua a leggere su Edilportale.com

27
Dic

Scuole, strade, efficienza energetica: le risorse in arrivo per gli Enti locali

27/12/2019 - Efficienza energetica, rigenerazione urbana, sicurezza di scuole, strade e territorio, sostegno alla progettazione e asili nido. Su questi capitoli di spesa la Legge di Bilancio per il 2020 convoglia risorse a favore dei Comuni, Province, Città Metropolitane e Regioni.   Messa in sicurezza edifici e territorio: 8,75 miliardi di euro Saranno assegnati ai Comuni contributi per investimenti relativi a opere pubbliche di messa in sicurezza degli edifici e del territorio. Tra questi sono incluse anche le opere per l’efficientamento energetico degli edifici. Lo stanziamento per la realizzazione di questi obiettivi ammonta a 8,75 miliardi di euro: 350 milioni di euro per l’anno 2021, di 450 milioni di euro per l’anno 2022, di 550 milioni di euro annui per ciascuno degli anni dal 2023 al 2025, di 700 milioni di euro per l’anno 2026, di 750 milioni di euro annui per ciascuno degli anni dal 2027 al 2031, di 800 milioni di euro annui per ciascuno..
Continua a leggere su Edilportale.com

27
Dic

Green New Deal: 4,24 miliardi di euro per la sostenibilità

27/12/2019 - In arrivo dal 2020 4,24 miliardi di euro per l'avvio di programmi di investimento orientati alla sostenibilità ambientale e alla prevenzione dei rischi. La Legge di Bilancio istituisce presso il Ministero dell’economia e delle finanze (Mef), un Fondo con una dotazione di 470 milioni di euro per l'anno 2020, 930 milioni di euro per l'anno 2021 e 1.420 milioni di euro per ciascuno degli anni 2022 e 2023.   Sul totale, una quota non inferiore a 450 milioni di euro (150 milioni per ciascuno degli anni 2020, 2021 e 2022) sarà destinata ad interventi per la riduzione delle emissioni di gas a effetto serra.   Green New Deal, i progetti per la sostenibilità Il Fondo, alimentato con i proventi della messa in vendita delle quote di emissione di C02, finanzierà dal 2020 progetti che abbiano come obiettivo la decarbonizzazione dell’economia, l’economia circolare, la rigenerazione urbana,..
Continua a leggere su Edilportale.com

27
Dic

Partite Iva, come cambia il regime forfetario 15% per i professionisti

27/12/2019 - Nel 2020 i professionisti dovranno affrontare dei paletti aggiuntivi per l’accesso al regime forfetario. È il risultato della legge di Bilancio per il 2020, che ha introdotto altri requisiti per usufruire delle agevolazioni in caso di redditi non elevati.   Partite Iva, regime forfetario al 15% I professionisti con redditi fino a 65mila euro potranno usufruire del regime forfetario, che prevede una tassazione al 15%.  L'Agenzia delle Entrate ha chiarito che per accedere al regime forfettario è necessario non superare i 65 mila euro di ricavi nell’anno precedente. Di conseguenza chi vuole passare al forfettario nel 2020 deve tener presente i ricavi del 2019. Per l'apertura delle nuove Partite Iva si potrà utilizzare il reddito presunto. Questo significa che chi inizia un’attività può avvalersi di questo regime comunicando, nella dichiarazione di inizio di attività,..
Continua a leggere su Edilportale.com

27
Dic

Bonus facciate 90%, via alla nuova detrazione

27/12/2019 - Tra pochi giorni sarà operativo il bonus facciate, la nuova detrazione introdotta dalla Legge di Bilancio 2020. L’agevolazione durerà un anno e si affiancherà, o in qualche caso sovrapporrà, alle altre detrazioni per la riqualificazione del patrimonio edilizio. Bonus Facciate 90% nelle zone A e B Le spese sostenute dal 1° gennaio al 31 dicembre 2020, per interventi finalizzati al recupero o restauro della facciata esterna degli edifici esistenti ubicati in zona A (centri storici) e B (totalmente o parzialmente edificate) avranno diritto ad una detrazione dall'imposta lorda pari al 90%. Non è previsto un limite di spesa. Saranno ammessi al bonus facciate gli interventi sulle strutture opache della facciata, su balconi o su ornamenti e fregi. Tra questi anche quelli di sola pulitura e tinteggiatura esterna. La detrazione sarà ripartita.. Continua a leggere su Edilportale.com MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231
27
Dic

Ecobonus, bonus ristrutturazioni e bonus mobili, un anno in più

27/12/2019 - Confermati per un altro anno l’ecobonus, il bonus ristrutturazioni e il bonus mobili. Lo prevede la legge di Bilancio per il 2020, che rinnova il panorama normativo delle detrazioni fiscali per gli interventi di riqualificazione edilizia ed energetica degli edifici. La legge ridimensiona il meccanismo dello sconto in fattura e finanzia il monitoraggio degli immobili per garantirne la sicurezza statica. Nessuna novità, invece, per il sismabonus e per l’ecobonus in condominio. Per queste agevolazioni la scadenza naturale è il 31 dicembre 2021. Ecobonus fino al 31 dicembre 2020 La detrazione fiscale per la riqualificazione energetica degli edifici sarà prorogata per tutto il 2020. Saranno incentivati con un bonus del 65% gli interventi di riqualificazione energetica globale, i lavori sull’involucro, l’installazione di pannelli solari per la produzione di acqua calda, la sostituzione degli impianti.. Continua a leggere su Edilportale.com MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231