1 4 Febbraio 2020 - MOG 231 - Modelli di Organizzazione e Gestione | MOG 231 – Modelli di Organizzazione e Gestione
Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

Archive for febbraio 4th, 2020

4
Feb

Finanziamenti per la sicurezza


Manifestazioni di interesse con scadenza 2020

Finanziamenti per la sicurezza

Finanziamenti per la sicurezzaLe Linee di indirizzo operative per la prevenzione (Liop) sono pubblicate dal 2010 e con cadenza annuale in coerenza con le linee strategiche di pianificazione e programmazione dell’Ente. Bandi di finanziamento per la tecnologia della sicurezza. INAIL 2020.

Realizzazione di progetti prevenzionali in regime di compartecipazione con altri soggetti pubblici o privati titolati.

La Direzione centrale Prevenzione predetermina e rende pubblici i criteri e le modalità da adottare per la realizzazione di progetti prevenzionali in regime di compartecipazione con altri soggetti pubblici o privati titolati (art. 12 l. 241/1990 e artt. 23, 26 e 27 d.lgs. 33/2013).

Con le Linee di indirizzo operative per la prevenzione sono state definite le priorità per lo sviluppo delle politiche di prevenzione finalizzate a valorizzare le azioni di “sistema” e a consolidare la rete di rapporti sia a livello centrale che territoriale. Nella prospettiva di “tutela integrata”, per garantire il coinvolgimento degli altri attori istituzionali e delle parti sociali, è considerato prioritario lo sviluppo di specifici accordi anche a livello nazionale.

Archivio degli avvisi delle manifestazioni d'interesse, relative all'anno 2020, per la presentazione di progetti prevenzionali.
DIREZIONE REGIONALE LIGURIA - 2020
Scadenza presentazione manifestazioni d'interesse: 15 aprile 2020
DIREZIONE REGIONALE LOMBARDIA - 2020
Scadenza presentazione manifestazioni d'interesse: 28 febbraio 2020
DIREZIONE REGIONALE PUGLIA - 2020
Scadenza presentazione manifestazioni d'interesse: 31 gennaio 2020
Finanziamenti per la sicurezzaClicca QUI

Per quanto riguarda il versante delle interazioni con le Istituzioni, lo sviluppo delle politiche prevenzionali dell’INAIL, per il ruolo attribuito dal D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i., è indirizzato in termini di consolidamento e potenziamento nel sistema istituzionale, a livello territoriale, in particolare, con la partecipazione nelle attività dei Comitati regionali di Coordinamento (ex art.7), quali punti di riferimento e di snodo delle iniziative e degli interventi per l’attuazione di azioni di sistema.
Nella più ampia prospettiva della “tutela integrata” perseguita dall’Istituto, che ha trovato conferma nel sopra citato D. Lgs. 81/2008, al fine di garantire il coinvolgimento e la condivisione degli altri attori istituzionali e delle Parti sociali e di svolgere appieno il ruolo di sostegno alla bilateralità, è considerato prioritario lo sviluppo di specifici accordi sul territorio.
Le proposte progettuali avanzate dai soggetti di cui all’art. 2 del presente Avviso dovranno essere, quindi, finalizzate all’individuazione dei possibili interventi di assistenza e consulenza, informazione e promozione finalizzati alla prevenzione degli infortuni e malattie professionali, da attuare in riferimento agli ambiti individuati dall’art. 1.

4
Feb

Tutte le imprese con dipendenti devono nominare e formare Addetti al Primo Soccorso aziendale in linea con il grado di rischio corso durante il lavoro. A giugno 2020 avvio Corsi Primo Soccorso per aziende del gruppo A-B-C

A giugno 2020 MODI avvia a Mestre nuovi Corsi di formazione e aggiornamento per addetti al "Primo Soccorso per aziende del gruppo A-B-C". Chiama ora! Opportunità di sconti per chi iscrive più persone alla stessa edizione del corso.

Il D.lgs 81/08 obbliga il datore di lavoro a nominare un numero idoneo di addetti al primo soccorso, i quali devono esser in  possesso dell’attestato di frequenza ad un corso di formazione specifico:

1) Addetti primo soccorso in aziende classificate gruppo B-C 12 ore 
Validità del corso: 3 anni, Aggiornamento triennale durata 4 ore  

2) Addetti primo soccorso in  aziende classificate gruppo A 16 ore 
Validità del corso: 3 anni, Aggiornamento triennale durata 6 ore

Il datore di lavoro può svolgere direttamente i compiti propri di addetto al primo soccorso aziendale nelle imprese o unità produttive fino a cinque lavoratori.

I Corsi di Primo Soccorso sono rivolti ai lavoratori o ai datori di lavoro di aziende del gruppo “A-B-C” e sono organizzati in più città del Veneto.

L’attestato rilasciato dopo un test di verifica apprendimento e le prove pratiche con il Medico è valido tre anni.

Con cadenza triennali il discente per mantenere la qualifica dovrà seguire un corso di aggiornamento.

Tutte le imprese con dipendenti devono nominare e formare “Addetti al Primo Soccorso” aziendale  in linea con il grado di rischio corso durante il lavoro.

Pensati per soddisfare i bisogni formativi delle aziende, i nostri corsi sono aperti anche ai privati. Per le recensioni pubblicate dai nostri discenti cliccare qui.

FORMAZIONE NUOVO INCARICATO AL PRIMO SOCCORSO PER AZIENDE GRUPPO A  durata 16 ore - € 180,00 + IVA:

mercoledì 24, venerdì 26 giugno 2020 orario 14.00/19.30 e martedì 30 giugno 2020 orario 14.00/19.00.

AGGIORNAMENTO PERIODICO TRIENNALE PRIMO SOCCORSO PER AZIENDE GRUPPO A  durata 6 ore – € 120,00 + IVA:

mercoledì 24 orario 14.00/16.00 e martedì 30 giugno 2020 orario 14.00/18.00.

FORMAZIONE NUOVA NOMINI ADDETTO PRIMO SOCCORSO PER AZIENDE GRUPPO B/C durata 12 ore - € 150,00 + IVA:

mercoledì 24, venerdì 26 e martedì 30 giugno 2020 orario 14.00/18.00.

AGGIORNAMENTO TRIENNALE PRIMO SOCCORSO PER AZIENDE GRUPPO B/C C durata 4 ore – € 80,00 + IVA:

martedì 30 giugno 2020 orario 14.00/18.00.

Il corso fornisce la formazione obbligatoria prevista dall’art. 18 del Testo Unico (D. Lgs. 81/08). E’ previsto un  TEST DI APPRENDIMENTO FINALE e prove con manichino, bendaggi, ecc.

Al termine del corso i corsisti presenti al 70% del programma otterranno l’attestato di qualifica
ai sensi del Decreto Ministeriale n. 388 del 15 luglio 2003.  La periodicità aggiornamento è ogni 3 anni (come previsto dal DM 388/03).

Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it.

4
Feb

Corruzione: in Italia un caso alla settimana, lavori pubblici in testa

04/02/2020 – Un caso di corruzione a settimana, specialmente nei lavori pubblici, e nuove forme di tangenti: non più denaro, ma posti di lavoro. Sono i risultati del Rapporto “La corruzione in Italia 2016-2019”, pubblicato dall'Autorità nazionale anticorruzione (Anac) nell'ambito del programma “Governance e Capacità Istituzionale 2014-2020” finanziato dall’Unione europea per individuare il rischio di corruzione nella Pubblica amministrazione.   Il dossier, spiega l’Anac, fornisce un quadro dettagliato, benché non scientifico né esaustivo, delle vicende corruttive in termini di dislocazione geografica, contropartite, enti, settori e soggetti coinvolti.   Corruzione nella PA, un caso a settimana Fra agosto 2016 e agosto 2019 sono state 117 le ordinanze di custodia cautelare per corruzione. Semplificando, spiega l’Anac, sono stati eseguiti arresti ogni 10 giorni circa. Si contano poi..
Continua a leggere su Edilportale.com

4
Feb

Rigenerazione urbana, Fillea-Cgil chiede un piano basato sulla progettazione di qualità

04/02/2020 – Promuovere un nuovo modello di sviluppo urbano, in cui la progettazione di qualità sia centrale, fondato sulla rigenerazione degli spazi costruiti e del verde urbano, attraverso la promozione di una edilizia e di una filiera dei materiali sostenibile.    Questo l’obiettivo dell'associazione Nuove Ri-Generazioni, voluta dalla Fillea Cgil e presentata lo scorso 31 gennaio a Roma, nel corso del convegno dal titolo "Parola d'ordine: Rigenerare!".   Rigenerazione: l’obiettivo dell’associazione Come si legge nello statuto di Nuove Ri-Generazioni, l’associazione vuole fare ricerca sul tema dello sviluppo sostenibile e, allo stesso tempo, promuovere e sensibilizzare il pubblico attraverso convegni e seminari. Per questa ragione, fanno parte dell’associazione esperti del settore, urbanisti, ricercatori e docenti universitari, coordinati dal presidente Gaetano Sateriale.   In occasione del convegno..
Continua a leggere su Edilportale.com

4
Feb

ISA, pronti i 175 modelli per le dichiarazioni dei redditi

04/02/2020 – L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato i 175 modelli per l’applicazione degli Indici sintetici di affidabilità fiscale (ISA). I modelli, contenuti nel provvedimento del Fisco, dovranno essere utilizzati dai contribuenti al momento della dichiarazione dei redditi.   Il provvedimento individua anche i dati rilevanti ai fini Isa per il periodo di imposta 2020 e definisce le modalità di acquisizione delle variabili “precalcolate 2020” per il periodo d’imposta 2019 e il programma delle elaborazioni degli Isa applicabili a partire dal periodo d’imposta 2020.   ISA, i 175 modelli I modelli, da compilare secondo le istruzioni contenute nel provvedimento, devono essere utilizzati dai contribuenti soggetti agli ISA. Per i professionisti, lo ricordiamo, bisogna fare riferimento ai nuovi ISA, approvati con il DM 24 dicembre 2019.   Le modifiche apportate dai nuovi ISA, che hanno semplificato le modalità..
Continua a leggere su Edilportale.com

4
Feb

Equo compenso, il Lazio impone alle PA regionali di applicare i parametri ministeriali

04/02/2020 - Compensi professionali calcolati sui parametri ministeriali o comunque proporzionati alla quantità e qualità della prestazione professionale; stop alle clausole vessatorie e stretta sui ribassi eccessivi nei bandi delle amministrazioni regionali.   Con la Delibera 22 del 28 gennaio 2020, la Giunta regionale del Lazio interviene nuovamente a garanzia dell’equo compenso per i professionisti fissando, per tutti gli uffici regionali e per le società controllate e partecipate dalla Regione, rigidi paletti nelle procedure di acquisizione di servizi professionali, per evitare di “alterare l’equilibrio tra le prestazioni professionali da effettuare e il compenso stabilito”.   Equo compenso, il Lazio impone i parametri ministeriali Con la Delibera 22/2020, la regione dispone che, nelle procedure di affidamento, gli importi dei compensi professionali, da utilizzare quale criterio o base di riferimento per individuare il prezzo..
Continua a leggere su Edilportale.com