1 2 Marzo 2020 - MOG 231 - Modelli di Organizzazione e Gestione | MOG 231 – Modelli di Organizzazione e Gestione
Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

Archive for marzo 2nd, 2020

2
Mar

Lavoratori alla prese con la lotta antincendio? Formarli è un obbligo! Fallo a maggio. Siamo a Mestre

A maggio 2020 iscrizioni aperte al Corso Antincendio per la formazione degli addetti alla squadra prevenzione e aggiornamento. L'aula corsi è situata nelle vicinanze di Venezia. Di seguito date e prezzi. Incluso coffee break. Disponibilità di posti auto nei limitrofi della sede. Autobus e tram nelle vicinanza di Via Volturno 4/e Mestre. Telefono 041 616289.
 
• Corso per addetti antincendio a rischio basso che devono effettuare l’aggiornamento periodico di 2 ore: 
7 maggio 2020 orario 14.00/16.00 -  costo € 50,00 + IVA;
Corso per addetti antincendio a rischio medio che devono effettuare l’aggiornamento periodico della durata di 5 ore: 
13 maggio 2020 orario 08.30/13.30 -  costo € 50,00 + IVA;
 
• Formazione per  nuovi incaricati addetti alla lotta antincendio a rischio basso con programma della durata di 4 ore: 
7 maggio 2020 orario 14.00/18.00 - costo € 80,00 + IVA;
Formazione per  addetti antincendio a rischio medio della durata di 8 ore:
giovedì 7 maggio 2020 orario 14.00/18.00 e mercoledì 13 maggio 2020 orario 08.30/12.30 - costo € 150,00 + IVA.
I corsi antincendio, organizzati ogni mese presso le nostre aule di Mestre, Marghera, Spinea Venezia e in altre città venete,  possono anche essere organizzati presso la sede del cliente dal lunedì al venerdì, se è previsto un numero di partecipanti congruo.
Per visionare le opinioni, i commenti e le recensioni lasciate in rete dai nostri allievi cliccare qui.
Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it.
 
2
Mar

Coronavirus e D lgs 81, Interpello sicurezza sul lavoro, regole per i manutentori


News sicurezza ambiente qualità E-learning HSE, Banca dati Newsletter 7 del 3 Marzo 2020, Coronavirus e D lgs 81, Interpello sicurezza sul lavoro, regole per i manutentori. In caso di difficoltà nel recupero credenziali, non esiti a inviare una mail a mail@portaleconsulenti.it. Ricordiamo che l'accesso al Portale è Gratuito per l'utilizzo dell'intera Banca Dati.

lavoro agile salute e sicurezza
lavoro agile salute e sicurezza
Coronavirus: misure urgenti di contenimento del contagio e informativa sulla salute e sicurezza nel ...
Informazioni per i datori di lavoro, CoronavirusInformazioni per i datori di lavoro, Coronavirus
Indicazioni operative utili per tutti i datori di lavoro
Coronavirus e D lgs 81Coronavirus e D lgs 81
La circolare del Ministero della salute
Rappresentante dei Lavoratori per la sicurezza nel Pubblico Impiego.Interpello sicurezza sul lavoro n.2/2020
Rappresentante dei Lavoratori per la sicurezza nel Pubblico Impiego.
Procedura sperimentale per la detreminazione della componente batterica del materiale particolatoProcedura sperimentale per la detreminazione della componente batterica del materiale particolato
Opuscolo Edizioni: Inail – 2020
8 regole per i manutentori8 regole per i manutentori
La vita e la salute delle persone hanno la massima priorità
Campi elettromagnetici, End of waste, Big Data, RISCHIO CHIMICO e CANCEROGENOCampi elettromagnetici, End of waste, Big Data, RISCHIO CHIMICO e CANCEROGENO
Banca dati Newsletter 6 del 25 Febbraio 2020
collaborare con il PortaleConsulentiScopri di più
Siamo alla ricerca di writer editor che vogliono collaborare con il PortaleConsulenti
Portale ConsulentiCliccando sul link del gruppo potrai ricevere le notifiche direttamente da Linkedin ed essere aggiornato costantemente sulle novità in ambito HSE sicurezza ambiente qualità E-learning

2
Mar

lavoro agile salute e sicurezza


Coronavirus: misure urgenti di contenimento del contagio e informativa sulla salute e sicurezza nel lavoro agile

lavoro agile salute e sicurezza

lavoro agileCon decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 23 febbraio 2020, sono emanate misure volte a contenere la diffusione del Coronavirus nelle regioni Lombardia e Veneto e sul territorio nazionale, con particolare riferimento ai comuni di cui all’allegato 1 al decreto stesso.

Per contrastare la diffusione del virus sul territorio nazionale, è altresì previsto l’obbligo, per gli individui che abbiano transitato e sostato nei suddetti comuni, di comunicare tale circostanza al Dipartimento di prevenzione dell’azienda sanitaria competente per territorio, ai fini dell’adozione di ogni misura necessaria.
Il decreto dispone inoltre l’applicabilità in via automatica della modalità di ‘lavoro agile’nelle aree considerate a rischio in situazioni di emergenza nazionale o locale.

Con successivo decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 25 febbraio 2020, all'art. 2, è stabilito che le modalità di lavoro agile sono applicabili, in via provvisoria fino al 15 marzo 2020, a ogni rapporto di lavoro subordinato anche in assenza di accordi individuali, per i datori di lavoro con sede legale o operativa nelle regioni Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Piemonte, Veneto e Liguria, e per i lavoratori ivi residenti o domiciliati.

Gli obblighi di informativa sulla salute e sicurezza nel lavoro agile nei confronti dei lavoratori e dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza (RLS) sono assolti in via telematica, anche ricorrendo alla documentazione in allegato.
INFORMATIVA SULLA SALUTE E SICUREZZA NEL LAVORO AGILE AI SENSI DELL’ART. 22, COMMA 1, L. 81/2017
 
Al lavoratore
Al Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza (RLS) 
Oggetto: informativa sulla sicurezza dei lavoratori (art. 22, comma 1, della legge 22 maggio 2017 n. 81)
AVVERTENZE GENERALI
Si informano i lavoratori (_________) degli obblighi e dei diritti previsti dalla legge del 22 maggio 2017 n. 81 e dal decreto legislativo del 9 aprile 2008 n. 81.
Sicurezza sul lavoro (art. 22 L. 81/2017) 
1. Il datore di lavoro garantisce la salute e la sicurezza del lavoratore, che svolge la prestazione in modalità di lavoro agile, e a tal fine consegna al lavoratore e al rappresentante dei lavoratori per la sicurezza, con cadenza almeno annuale, un'informativa scritta, nella quale sono individuati i rischi generali e i rischi specifici connessi alla particolare modalità di esecuzione del rapporto di lavoro. 
2. Il lavoratore è tenuto a cooperare all'attuazione delle misure di prevenzione predisposte dal datore di lavoro per fronteggiare i rischi connessi all'esecuzione della prestazione all'esterno dei locali aziendali.

2
Mar

Informazioni per i datori di lavoro, Coronavirus


Indicazioni operative utili per tutti i datori di lavoro

Informazioni per i datori di lavoro, Coronavirus

Intressante articolo DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SPISAL ULSS9 Regione Veneto con materiale da scaricare e circolari.

covid-19 dvrCOVID-2019. Indicazioni operative utili per tutti i datori di lavoro
Le informazioni ufficiali, aggiornate di continuo, hanno come fonte l'Organizzazione Mondiale della Sanità, il Ministero della Salute, la Regione Veneto e trovano piena applicazione anche sul nostro territorio.

In particolare coerentemente con quanto riportato nella Circolare del Ministero della Salute n. 3190 del 03/02/2020, che fornisce le indicazioni operative utili per tutti i datori di lavoro, si sottolinea che:
la responsabilità di tutela del rischio biologico è in capo al datore di lavoro, che si avvale della collaborazione del Medico competente, del Responsabile del Servizio di Protezione Prevenzione e del Rappresentante dei Lavoratori, ai fini della valutazione dei rischi ai sensi del D. Lgs.81/2008;
i datori di lavoro comunicano le informazioni a tutto il personale dipendente;
è sufficiente adottare le comuni misure preventive della diffusione delle malattie trasmesse per via respiratoria, e in particolare:
lavarsi frequentemente le mani. A questo scopo mettere a disposizione soluzioni idroalcoliche (cloro e alcool) per il lavaggio delle mani;
coprirsi bocca e naso se si starnutisce e tossisce;
porre attenzione all’igiene delle superfici;
evitare i contratti stretti e protratti con persone con sintomi simil influenzali;
evitare affollamenti di persone in luoghi chiusi;
adottare ogni ulteriore misura di prevenzione dettata dal datore di lavoro;
non sono richiesti dispositivi personali di protezione, ad eccezione degli ambienti sanitari
contattare il numero verde regionale 800 46 23 40, in caso di febbre o tosse e se tornato dalla Cina da meno di 14 giorni.

Si fa presente che per informazioni sugli ambienti sanitari si deve fare riferimento a specifiche disposizioni nazionali, regionali e aziendali.

Considerata la eccezionalità della situazione si raccomanda di attenersi esclusivamente alle disposizioni provenienti da fonti istituzionali. Indicazioni o adempimenti rivolti ai datori di lavoro, provenienti da soggetti privati non istituzionali, che non trovano riscontro in fonti ufficiali, vanno valutati con particolare attenzione.
E-learning_14.pngSul sito interessante materiale social da scaricare

2
Mar

Paesaggio, Cassazione: c’è reato anche se gli abusi non sono visibili

02/03/2020 - È noto che per le opere realizzate in assenza o difformità del titolo abilitativo è possibile richiedere la sanatoria, in virtù dell’art. 36 del Testo Unico dell’Edilizia (DPR 380/2001). Ma cosa accade se gli interventi abusivi sono stati realizzati in area sottoposta a vincolo paesaggistico?   La giurisprudenza, dopo numerose pronunce, si è attestata più volte nella conclusione per cui, a partire dall’entrata in vigore del Decreto correttivo (Dlgs 157/2006), fuori dai casi previsti dall’art.167, commi 4 e 5, del Codice dei beni culturali e del paesaggio (Dlgs 42/2004), l’istanza di accertamento della compatibilità paesaggistica è da ritenersi inammissibile e l’autorizzazione paesaggistica in sanatoria non può essere rilasciata successivamente alla realizzazione, anche parziale, degli interventi. Il reato paesaggistico ha rilevanza penale e le relative conseguenze..
Continua a leggere su Edilportale.com

2
Mar

Lombardia, aggiornati i moduli unici per l’edilizia

02/03/2020 – In Lombardia è disponibile la nuova modulistica edilizia unificata e standardizzata aggiornata al 2020 e con le specifiche tecniche di interoperabilità per la gestione telematica e l’interscambio informativo tra le amministrazioni coinvolte. La Regione, infatti, ha pubblicato il Decreto 2018/2020 che aggiorna i moduli edilizi unificati e standardizzati.   I nuovi moduli unici in Lombardia Con i nuovi moduli edilizi unificati e standardizzati compilabili, la Regione si adegua alle disposizioni della normativa comunitaria, nazionale e regionale e alle relative descrizioni estese dei contenuti.   La Regione ha anche messo a disposizione il servizio ‘Procedimenti’ che consente di scaricare i moduli per la compilazione guidata delle pratiche edilizie in linea con la normativa nazionale e regionale più recente. I moduli compilabili sono: - Modulo Unico Titolare (per CILA, SCIA, SCIA alternativa al..
Continua a leggere su Edilportale.com

2
Mar

Tax credit alberghi, il bonus per la riqualificazione diventerà permanente

02/03/2020 - Rendere permanente dal 2021 il credito di imposta per la riqualificazione degli alberghi, riservando il 10% delle risorse alle aree interne. Lo prevede il ddl Turismo, il disegno di legge per lo sviluppo del turismo e le imprese culturali e creative collegato alla Legge di Bilancio 2020, allo studio del Governo.   Tax credit riqualificazione alberghi Il ddl mira a rendere stabile, a partire dal periodo di imposta 2021, il credito di imposta per le spese di riqualificazione e di miglioramento delle strutture ricettive turistico-alberghiere, anche di quelle all’aria aperta. La misura - spiega la relazione al ddl - è finalizzata a sostenere il confronto con la concorrenza internazionale, a migliorare gli standard medi di qualità e a creare nuova occupazione del settore edile e in quello dell’arredo. Il testo prevede che il 10% delle risorse sia riservato a chi possiede una sede esclusiva o prevalente delle proprie attività nelle..
Continua a leggere su Edilportale.com

2
Mar

Case nel deserto, dove isolarsi tra spazi minimal e comfort

02/03/2020 - Piccole o grandi, minimal o dotate di tutti i comfort. Ognuno può vivere il deserto a seconda del suo stile, trasferendosi in una casa isolata o trascorrendo un soggiorno lontano dal caos, in un ambiente ricco di mistero, che sembra essersi cristallizzato dal passato. Ecco qualche esempio. Mirage, Palm Springs - USA Realizzato nel 2017 per la mostra di arte contemporanea "Desert X", che si svolge nel sud della California, è un ranch ricoperto da specchi. Un'ottima idea non solo per isolarsi nel deserto, ma anche per mimetizzarsi e rendersi invisibili. Foto: Photography by Dakota Higgens. Courtesy of the artist and Desert X Folly, Twentynine Palms - USA Si trovano nel Joshua Tree National Park queste casette molto minimal. In realtà sono dei prototipi adattabili a qualsiasi contesto, che sfruttano materiali naturali ed energia rinnovabile. Foto: Sam Frost Studio Black Desert House, Yucca Valley - USA Questa villa,..
Continua a leggere su Edilportale.com