1 25 Marzo 2020 - MOG 231 - Modelli di Organizzazione e Gestione | MOG 231 – Modelli di Organizzazione e Gestione
Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

Archive for marzo 25th, 2020

25
Mar

Coronavirus, i professionisti ordinistici chiedono attenzione al Governo

25/03/2020 - I professionisti ordinistici vogliono essere parte attiva nella definizione delle misure per contrastare l’emergenza coronavirus e chiedono di poter accedere a tutti gli strumenti di tutela del lavoro e della salute, dai quali sono stati sin qui esclusi.   Per questo, le Professioni Ordinistiche aderenti al Comitato Unitario Professioni (CUP), alla Rete Professioni Tecniche (RPT) e l’Ordine dei Commercialisti, hanno scritto una lettera al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte per informarlo di voler procedere in maniera decisa per affrontare la grave emergenza sanitaria causata dal Covid-19, elaborando iniziative e proposte unitarie che consentano al più presto al Paese di recuperare a pieno regime le proprie attività ed ai propri Iscritti di superare questa fase di emergenza che, purtroppo, rischia di protrarsi a lungo con gravi conseguenze.   Le Professioni Ordinistiche pongono al Governo due istanze essenziali: - essere parte..
Continua a leggere su Edilportale.com

25
Mar

Coronavirus, tecnici: ‘il Decreto Cura Italia ci ha dimenticati’

25/03/2020 – Dimenticati dal Decreto Cura Italia. È la denuncia delle associazioni dell’area tecnica Asso Ingegneri e Architetti, Ala Assoarchitetti, Singeop, Fidaf e Antec che, dopo aver valutato i provvedimenti contenuti nel DL 18/2020, hanno chiesto al Governo misure urgenti di sostegno.   Professionisti colpiti dal blocco delle attività "I liberi professionisti italiani - architetti, ingegneri, geologi, dottori in agraria e forestali, periti industriali, geometri, periti agrari e agrotecnici - sono certamente tra le categorie professionali che, insieme ad altre, sono investite duramente dall’eccezionalità dei giorni che stiamo vivendo, vista l’impossibilità dello svolgimento del normale lavoro quotidiano. Milano (ma con essa anche le altre città) ne è un esempio: progettazione frenata o bloccata, cantieri chiusi, attività di direzione lavori ferme, sopralluoghi rinviati, collaudi interrotti, consulenze..
Continua a leggere su Edilportale.com

25
Mar

Coronavirus, ecco le misure applicabili a tutta Italia

25/03/2020 - Limitazione o sospensione di tutte le attività d’impresa o professionali e di lavoro autonomo, possibilità di applicare la modalità di lavoro agile a ogni rapporto di lavoro subordinato, limitazione o sospensione delle attività delle amministrazioni pubbliche.   Sono alcune delle possibili misure per fronteggiare l’emergenza epidemiologica, elencate nel Decreto Legge approvato ieri pomeriggio dal Consiglio dei Ministri.   La strada intrapresa dal Governo è stata quella stilare un elenco di circa 30 restrizioni che potranno essere adottate, su specifiche parti o su tutto il territorio nazionale, per periodi predeterminati, ciascuno non superiore a 30 giorni, reiterabili e modificabili anche più volte fino al termine dello stato di emergenza, fissato al 31 luglio 2020. L’applicazione delle misure potrà essere modulata in aumento o in diminuzione secondo l’andamento epidemiologico del virus.   In..
Continua a leggere su Edilportale.com

25
Mar

Antincendio, dal 18 giugno in vigore nuove norme per gli impianti di condizionamento

25/03/2020 – Dal prossimo 18 giugno negli impianti di climatizzazione e condizionamento considerati rilevanti ai fini della sicurezza antincendio si potranno utilizzare fluidi refrigeranti a minor incidenza sull'effetto serra anche se ‘poco infiammabili’.   È stato, infatti, pubblicato in Gazzetta Ufficiale, il  DM 10 marzo 2020 recante “Disposizioni di prevenzione incendi per gli impianti di climatizzazione inseriti nelle attività soggette ai controlli di prevenzione incendi”.      Prevenzione incendi: le novità per impianti di condizionamento Il DM sancisce il via libera all'uso di fluidi refrigeranti a minor incidenza sull'effetto serra seppur classificati come a bassa infiammabilità. Ad oggi, infatti, è obbligatorio usare solo fluidi refrigeranti non infiammabili o non infiammabili e non tossici negli impianti di condizionamento presenti all’interno..
Continua a leggere su Edilportale.com

25
Mar

Progettazione in BIM, dal Demanio un bando da 1 milione di euro a Bari

25/03/2020 – L’Agenzia del Demanio ha pubblicato un nuovo bando per l’affidamento del servizio di progettazione definitiva ed esecutiva, in modalità Bim, per il recupero di un immobile a Bari, in Puglia.   Si tratta di una porzione dell'ex ospedale militare Bonomo di Bari che sarà destinata a nuova sede del Ministero del Lavoro.   Servizi di progettazione in Bim: cosa prevede il bando La gara prevede, oltre all’affidamento di progettazione definitiva ed esecutiva (da effettuare in Bim), la direzione dei lavori, il coordinamento della sicurezza in fase di progettazione ed esecuzione, contabilità dei lavori e successiva variazione catastale per il miglioramento sismico, il recupero funzionale e la ristrutturazione edilizia dell'immobile.    Il valore dell'incarico è di 1.239.033,23 euro e le offerte dovranno essere presentate entro il giorno 11 maggio 2020.   L’affidamento avverrà..
Continua a leggere su Edilportale.com

25
Mar

Abusi edilizi, quando si possono fermare le ruspe?

25/03/2020 – Il Comune non ha l’obbligo di comunicare l’avvio di un procedimento per la demolizione di un abuso edilizio, né quello di provare l’epoca in cui le opere sono state realizzate. Lo ha chiarito il Consiglio di Stato con la sentenza 1737/2020.   Abusi edilizi, il fatto Un soggetto, che aveva realizzato, senza alcun titolo abilitativo, una sopraelevazione, con contestuale rifacimento del tetto, accompagnata da tramezzature interne, era stato condannato dal Comune alla demolizione delle opere abusive e al ripristino dello stato dei luoghi. Successivamente, il responsabile dell’intervento aveva presentato domanda di condono ai sensi della Legge 724/1994, ottenendo però il diniego della sua istanza.   Il responsabile degli interventi aveva quindi presentato ricorso contro il provvedimento del Comune. A suo avviso si trattava di opere di manutenzione straordinaria e di varianti non essenziali. Ma non solo, perché il..
Continua a leggere su Edilportale.com