1 14 Maggio 2020 - MOG 231 - Modelli di Organizzazione e Gestione | MOG 231 – Modelli di Organizzazione e Gestione
Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

Archive for maggio 14th, 2020

14
Mag

Indicazioni operative in caso di inadempimento ai protocolli condivisi


Indicazioni operative della Procura di Bergamo - in caso di inadempimento ai protocolli condivisi, saranno applicabili le sanzioni penali previste dal D.Lgs. 81/08

Indicazioni operative  in caso di inadempimento ai protocolli condivisi

E-learning_1.png

Preso atto della riapertura di numerose attività produttive, con il presente documento si intendono offrire indicazioni operative agli Organi di Vigilanza deputati alla verifica dell'applicazione del Protocollo condiviso di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus COVID-19 negli ambienti di lavoro non sanitari ai sensi del DPCM del 26.04.2020.

 

Come è noto, l'epidemia provocata dal virus COVID-19 ha reso necessaria la produzione di numerosi provvedimenti di varia natura, il primo dei quali è consistito nella delibera del Consiglio dei Ministri del 31.01.2020, con cui è stato dichiarato, fino al 31.07.2020, lo stato di emergenza in conseguenza del rischio sanitario connesso all'insorgenza di patologie derivanti da agenti virali trasmissibili.

Dopo una prima fase emergenziale, in cui si sono succeduti alcuni decreti del Presidente del Consiglio dei Ministri, è stato emesso il Decreto Legge n.19 del 25.03.2020, con cui è stata prevista l'adozione di misure temporanee di contenimento dei rischi sanitari derivanti dalla diffusione del virus COVID-19.

L'art. 2 del DPCM 26.04.2020 rubricato -misure di contenimento del contagio per lo svolgimento in sicurezza delle attività produttive industriali e commerciali" riguarda anche la gestione degli aspetti di sicurezza ed igiene del lavoro, in particolare va segnalata la previsione contenuta nel comma 6 di codesto articolo, secondo cui le imprese le cui attività non sono sospese rispettano i contenuti del Protocollo condiviso di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus COVID-19 negli ambienti di lavoro sottoscritto il 24.04.2020 tra il Governo e le parti sociali di cui all'allegato 6, nonché, per i rispettivi ambiti di competenza, il Protocollo condiviso di regolamentazione per il contenimento della diffusione del COVID-19 nei cantieri, sottoscritto il 24.04.2020, di cui all'allegato 7 e il protocollo condiviso di regolamentazione per il contenimento della diffusione del COVID-19 nel settore del trasporto e della logistica sottoscritto il 20.03.2020, di cui all'allegato 8.

Il primo dei tre protocolli ha valenza generale e costituisce la seconda versione di un analogo protocollo, concluso il 14.03.2020 ed aggiornato con alcune integrazioni.

Si deve sottolineare che, in sede di Premessa, i sottoscrittori del Protocollo del 24 Aprile (d'ora in poi -Protocollo condiviso-) hanno precisato espressamente che esso "contiene linee guida condivise tra le Parti sociali", cosa diversa dalle "norme tecniche" o "buone prassi" di cui all'art. 2 lett. u), v) del D.Lgs. 81/2008.

Altrettanto chiara e la finalità del Protocollo condiviso, che è quella di 'fornire indicazioni operative,finalizzate a incrementare, negli ambienti di lavoro non sanitari, l'efficacia delle misure precauzionali di contenimento adottate per contrastare l'epidemia di COVID-19.
Il COVID-19 rappresenta un rischio biologico generico, per il quale occorre adottare misure uguali per tutta la popolazione. Il presente protocollo contiene, quindi, misure che seguono la logica della precauzione e seguono e attuano le prescrizioni del legislatore e le indicazioni dell'Autorità sanitaria". 

14
Mag

Opere pubbliche, Ance: ‘senza snellire le procedure non c’è rilancio’

14/05/2020 - “Non si può parlare di vero rilancio dell’economia senza misure concrete per sostenere gli investimenti pubblici e per sostenere le imprese che devono realizzarli”. Così il Presidente dell’Ance, Gabriele Buia, in attesa del testo definitivo del cosiddetto Decreto Rilancio approvato ieri in tarda sera dal Consiglio dei Ministri.   “Stando agli ultimi testi circolati, sarebbe stato espunto dal decreto tutto il capitolo degli appalti pubblici comprese le misure per accelerare gli investimenti e per garantire pagamenti regolari alle imprese”, denuncia Buia. “Mi chiedo come sia possibile in questo modo, senza aggredire l’inerzia burocratica e consentire alle amministrazioni di spendere i soldi disponibili, pensare di rilanciare veramente il Paese”.   Si tratterebbe peraltro - secondo Ance - di un dietrofront inspiegabile da parte del Governo. “Sono settimane che il Governo ripete all’unanimità..
Continua a leggere su Edilportale.com

14
Mag

Bonus professionisti, via libera ai 600 euro anche per aprile e maggio

14/05/2020 - I professionisti ordinistici potranno contare su un bonus di 600 euro anche per i mesi di aprile e maggio mentre per gli autonomi sono previsti 600 euro per aprile e 1000 euro per maggio. Lo prevede il Decreto Rilancio approvato ieri sera dal Consiglio dei Ministri.   Bonus per professionisti: le risorse per gli ordinistici Il Decreto Rilancio specifica che ai professionisti iscritti agli enti di diritto privato di previdenza obbligatoria spetta, anche per i mesi di aprile e maggio 2020, l’indennità di 600 euro già riconosciuta nel mese di marzo.  Viene, infatti, rifinanziato con 900 milioni di euro il ‘Fondo per il reddito di ultima istanza’ finalizzato al sostegno al reddito dei lavoratori dipendenti e autonomi. Il Fondo, introdotto dal DL Cura Italia con una prima dotazione di 300 milioni di euro, aumenta a 1.200 milioni di euro.   Come accaduto per il mese di marzo, i..
Continua a leggere su Edilportale.com

14
Mag

Tende da sole, guida alla scelta

14/05/2020 – In previsione dell’arrivo del caldo estivo, molti iniziano a pensare al modo in cui schermarsi dai raggi del sole. Tra le schermature solari adatte a tale scopo ci sono le tende da sole che permettono anche di sfruttare maggiormente gli spazi esterni.   A seconda del tipo di struttura che si installa e del luogo nel quale ci si trova, bisogna richiedere specifiche autorizzazioni al Comune di appartenenza (consultando il Regolamento Edilizio) o al condominio in cui si risiede.    Tende da sole: cosa sapere prima di installarle Quando si installano manufatti leggeri per gli spazi esterni, è importante comprendere se l’intervento sia assimilabile ad interventi di edilizia libera; la realizzazione di tali strutture ha sempre generato dubbi sulle autorizzazioni necessarie ma il Glossario unico per le opere di edilizia libera ha cercato di mettere ordine in questo campo, specificando le tipologie di manufatti leggeri..
Continua a leggere su Edilportale.com

14
Mag

Sicurezza nei cantieri, RPT: ‘limitare le responsabilità dei professionisti’

14/05/2020 – Limitare le responsabilità dei professionisti tecnici impegnati nelle attività di sorveglianza dei cantieri mobili e rivedere i compiti dei coordinatori per la sicurezza, escludendoli dalla responsabilità penale e civile per il mancato adempimento delle misure anti-contagio da Covid-19.   A chiedere di chiarire ed esplicitare questo aspetto la Rete delle professioni Tecniche (RPT) che ha scritto una nota alla Ministra del Lavoro On. Nunzia Catalfo, illustrando le pericolose implicazioni per i professionisti del principio di considerare il contagio da Covid-19 quale infortunio sul lavoro.   Sicurezza cantieri e Protocollo anti Covid-19: il ruolo del Coordinatore per la sicurezza Secondo RPT, il Protocollo allegato al DPCM 26 aprile 2020 nasconde criticità pericolose per i tecnici in quanto vengono attribuiti ai Coordinatori per la sicurezza compiti che esulano da quanto previsto dalla normativa primaria in materia, e cioè..
Continua a leggere su Edilportale.com

14
Mag

Bonus professionisti, ok all’indennità di 600 euro anche per aprile e maggio

14/05/2020 – I professionisti ordinistici danneggiati dal lockdown potranno contare su un bonus di 600 euro anche per i mesi di aprile e maggio mentre per gli autonomi sono previsti 600 euro per aprile e 1000 euro per maggio.    A prevederlo il Decreto Rilancio.    Bonus per professionisti: le risorse per gli ordinistici Il Decreto Rilancio specifica che  per i professionisti iscritti alle Casse private è previsto un bonus di 600 euro per i mesi di aprile e maggio. Non viene confermato, quindi l’innalzamento a 800 euro.   Il meccanismo, quindi, potrebbe essere simile a quello previsto per il mese di marzo: i professionisti iscritti agli enti di diritto privato otterranno il bonus erogato dallo Stato attraverso le Casse private (Inarcassa per architetti e ingegneri, Cipag per i geometri, ecc.). Il Decreto Rilancio, infatti, rifinanzia il ‘Fondo per il reddito di ultima istanza’ finalizzato al..
Continua a leggere su Edilportale.com