1 17 Giugno 2020 - MOG 231 - Modelli di Organizzazione e Gestione | MOG 231 – Modelli di Organizzazione e Gestione
Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

Archive for giugno 17th, 2020

17
Giu

Professionisti, si allontana la speranza di ottenere il contributo a fondo perduto

17/06/2020 – I professionisti ordinistici potrebbero veder sfumare la speranza di ottenere il contributo a fondo perduto. Il contributo è stato introdotto dal Decreto Rilancio solo per imprenditori e lavoratori autonomi che, a causa del blocco delle attività durante la pandemia, hanno subito perdite economiche.   Alcuni emendamenti al Decreto Rilancio hanno proposto l’estensione del contributo anche ai professionisti iscritti alle casse di previdenza private, ma il Ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri, ha espresso parere negativo per i costi troppo elevati che implicherebbero.   Contributo a fondo perduto e professionisti ordinistici Il Decreto Rilancio esclude espressamente dal contributo a fondo perduto i professionisti iscritti alle Casse di previdenza private e i beneficiari del bonus mensile da 600 euro previsti dagli articoli 27 e 38 del Decreto Cura Italia (DL 18/2020).Questi articoli si riferiscono ai professionisti iscritti..
Continua a leggere su Edilportale.com

17
Giu

Oice: occorre semplificare tutelando concorrenza e qualità

17/06/2020 - Dopo il crollo di aprile, a maggio si assiste ad un rimbalzo del mercato della progettazione: sono state pubblicate 294 gare per 164,4 milioni di euro con una crescita del 78,2% in numero e del 309,1% in valore rispetto ad aprile. Rispetto a maggio 2019 crescono del 18,1% in numero e del 200,2% in valore.   I numeri arrivano dal consueto bollettino dell’OICE, l’Associazione delle organizzazioni di ingegneria, architettura e consulenza tecnico-economica che aggiunge che nei primi cinque mesi del 2020, sempre per la sola progettazione, il numero dei bandi è stato di 1.480 per un valore di 365,7 milioni di euro: +33,3% in numero e +26,5% in valore sui primi cinque mesi del 2019.   “Con la fine del lockdown, maggio ha portato una ventata di fiducia - ha dichiarato Gabriele Scicolone, Presidente OICE -: i dati del mercato della progettazione sono finalmente su un tono positivo, ma non ci dobbiamo far incantare”.   “La..
Continua a leggere su Edilportale.com

17
Giu

Pavimento in cotto per interni, l’importanza del trattamento

17/06/2020 - Tra i materiali ceramici per rivestimento il cotto è senz’altro il più antico. Utilizzato da sempre per gli spazi esterni, come piazze, strade, arredo urbano, ha trovato largo impiego anche negli ambienti interni, per pavimenti, scale, ecc. Le piastrelle in cotto si possono dividere in due categorie: cotto antico e cotto moderno. Il cotto antico è un prodotto “lavorato a mano” attraverso la procedura a stampo. Essendo il risultato di un lavoro artigianale, conserva anche a distanza di tempo tutto il suo fascino e la sua superficie, seppur irregolare, è espressione di bellezza. Il cotto moderno è frutto della produzione industriale, pertanto, risulta essere più uniforme e liscio, l’ambiente in cui è posato assume un aspetto maggiormente omogeneo. Generalmente associato ad uno stile rustico, il cotto è al contrario adatto anche ad ambienti più eleganti con mobili..
Continua a leggere su Edilportale.com

17
Giu

Equo compenso, in Toscana compensi professionali proporzionati al lavoro

17/06/2020 – È stata pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione la Legge 35/2020 con cui la Toscana riconosce ai professionisti compensi proporzionati alle prestazioni fornite e tempi di pagamento certi.   Per l’applicazione delle disposizioni sull’equo compenso, però, bisognerà aspettare le Linee Guida regionali che saranno pubblicate entro 60 giorni dall’entrata in vigore della legge, cioè entro il 9 settembre 2020.   Equo compenso in Toscana: cosa è previsto La Legge prevede che nelle procedure di acquisizione di servizi professionali i compensi non siano mai costituiti da forme di sponsorizzazione o di mero rimborso delle spese sostenute. Le prestazioni dovranno essere remunerate in proporzione alla quantità, alla qualità e al contenuto, sulla base di parametri prefissati con decreti ministeriali.   Nella impostazione degli atti della procedura di individuazione..
Continua a leggere su Edilportale.com

17
Giu

Piano Casa, nelle Marche proroga al 31 dicembre 2022

17/06/2020 – Due anni di tempo in più per il Piano Casa delle Marche. La Legge Regionale 19/2020 ha prorogato al 31 dicembre 2022 le norme straordinarie a sostegno dell’edilizia. Uno slittamento studiato con largo anticipo, dato che il Piano casa sarebbe scaduto a fine 2020.   Piano Casa Marche e cambio di destinazione d’uso La nuova norma consente il cambio di destinazione d’uso degli edifici non residenziali ubicati in zone residenziali, che risultino inutilizzati dal 1° gennaio 2018.   Prima di questa modifica, era consentito il cambio d’uso degli immobili inutilizzati dal 2007. La nuova norma estende quindi il suo raggio d’azione e renderà possibile il riutilizzo di un gran numero di immobili che altrimenti sarebbero rimasti in condizione di degrado e abbandono.   Piano Casa Marche, regolarizzazione e doppia conformità La legge appena pubblicata prevede che l’articolo 36, sull’accertamento..
Continua a leggere su Edilportale.com