1 16 Novembre 2020 - MOG 231 - Modelli di Organizzazione e Gestione | MOG 231 – Modelli di Organizzazione e Gestione
Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

Archive for novembre 16th, 2020

16
Nov

VALUTAZIONE DEL RISCHIO DA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI e MOVIMENTI RIPETITIVI.


Cosa si intende per compito ripetitivo? Si intende il compito caratterizzato da cicli lavorativi ripetuti oppure il compito durante il quale si ripetono le stesse azioni lavorative per oltre il 50% del tempo.

Per Movimentazione Manuale dei Carichi si intendono le operazioni di trasporto o di sostegno di un carico ad opera di uno o più lavoratori, comprese le azioni del sollevare, deporre, spingere, tirare, portare o spostare un carico, che, per le loro caratteristiche o in conseguenza delle condizioni ergonomiche sfavorevoli, comportano rischi di patologie da sovraccarico biomeccanico, in particolare dorso-lombari.

Per quanto concerne la valutazione del rischio da movimentazione manuale dei carichi (MMC) causato dalle attività di sollevamento e trasporto, la norma  di riferimento è la UNI ISO 11228-1 che suggerisce un approccio simile al noto metodo NIOSH.

I Consulenti  di MODI sono dotati delle competenze e della strumentazione necessaria per effettuare la valutazione del rischio derivante dalla movimentazione manuale dei carichi, ai sensi del D. Lgs. 81/08. Le valutazioni dei rischi sono effettuate in accordo con le norme UNI ISO 11228 e ISO TR 12295.


Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it.


 

16
Nov

Superbonus 110%, la proroga per ora non c’è

16/11/2020 - Erano tanti quelli che si aspettavano di trovare in Legge di Bilancio 2021 la proroga del superbonus 110% per la riqualificazione energetica e sismica degli edifici. E invece la prima bozza diffusa sabato non contiene alcuna proroga.   Nelle ultime settimane diversi esponenti del Governo e della maggioranza hanno rassicurato sull’intenzione di allungare le scadenze del superbonus 110% (ora fissate al 31 dicembre 2021 per tutti e al 30 giugno 2022 solo per gli immobili di edilizia sociale), senza però sbilanciarsi sulla norma da utilizzare per disporre la proroga.   Anzi, il Ministro dello Sviluppo Economico, Stefano Patuanelli, tre settimane fa all’assemblea annuale dell’Ance ha annunciato “una proroga importante col Recovery Fund” aggiungendo però che la proroga non sarebbe arrivata con la Legge di Bilancio. “La Legge di Bilancio 2021 dice quello che accadrà nel 2021, ma il Superbonus per il 2021 già..
Continua a leggere su Edilportale.com

16
Nov

Adeguamento luoghi di lavoro, il bonus anti Covid-19 non si applica a tutti i lavori

16/11/2020 – Il credito di imposta per l’adeguamento dei luoghi di lavoro, in chiave anti Coronavirus, non agevola tutti gli interventi edilizi. Lo ha spiegato l’Agenzia delle Entrate con la risposta 545/2020.   Bonus adeguamento luoghi di lavoro, il caso Il proprietario di un locale intendeva realizzare una serie di lavori, tra cui l’adeguamento di un porticato esterno per renderlo utilizzabile in inverno, la realizzazione di un locale seminterrato da utilizzare come deposito, accessibile ai fornitori che così non sarebbero entrati in contatto con il personale, la realizzazione di un percorso interno protetto, la realizzazione di una zona esterna coperta, dotata di arredi sanificabili. L’aumento delle superfici disponibili avrebbe consentito un maggiore distanziamento, come richiesto dalle norme per contrastare l’epidemia da Coronavirus.   Secondo il proprietario, gli interventi avrebbero consentito il rispetto delle prescrizioni..
Continua a leggere su Edilportale.com

16
Nov

Pitture decorative, superfici di pregio e d’impatto

16/11/2020 - L’arte decorativa serve a rifinire, arricchire e abbellire. I materiali edili a vocazione decorativa sono le finiture; rientrano nella categoria le pitture e le vernici, disponibili in varie tipologie, smalti all’acqua (idropitture lavabili, traspiranti), tempere, e in una gamma infinita di colori. Ma quando il colore, da solo, non riesce a soddisfare il desiderio di creatività e maggiori effetti decorativi, la soluzione c’è e si chiama: pitture decorative.   Gli effetti decorativi sulle pareti si sono sempre realizzati. Il marmorino antico, la velatura, lo stucco alla veneziana, la calce rasata, le pitture antichizzate sono finiture decorative molto apprezzate, soprattutto negli anni passati, perché in grado di rendere unico ed originale ogni ambiente con classe ed eleganza.   La moda cambia e di conseguenza anche l’interior design; oggi si ricercano effetti originali e sorprendenti, che rendano lo spazio..
Continua a leggere su Edilportale.com

16
Nov

Cantiere sequestrato, cosa accade al permesso di costruire?

16/11/2020 – Se il cantiere viene sequestrato, il permesso di costruire rischia di scadere? No, secondo il Tar Campania, che con la sentenza 1419/2020 ha spiegato che, in questi casi, scatta la sospensione dei termini.   Sequestro cantiere e permesso di costruire, il caso I giudici si sono pronunciati sul caso di un’impresa, cui era stato sequestrato il cantiere. Il Dirigente del Settore Tecnico ed Urbanistica del Comune, allo scadere dei termini previsti per l’ultimazione dei lavori, aveva disposto la decadenza del permesso di costruire spiegando che l’imprenditore avrebbe dovuto presentare un’istanza per richiedere la proroga del permesso.   L’impresa aveva quindi presentato ricorso dal momento che, a causa del sequestro, era impossibilitata alla prosecuzione dei lavori.   Permesso di costruire sospeso dal sequestro del cantiere Il Tar ha spiegato che “la giurisprudenza fa discendere dal sequestro penale del cantiere..
Continua a leggere su Edilportale.com

16
Nov

Superbonus 110%, dalle associazioni una proposta per il benessere dentro e fuori casa

16/11/2020 - Prorogare il bonus fino al 2025; inserire nel 110% i lavori di riduzione delle barriere architettoniche; assegnare un nuovo ruolo agli amministratori di condominio; premiare chi fa il maggior salto di classe energetica; stanziare fondi per anticipare le spese; aggiornare i tariffari dei professionisti; dare supporto tecnico e finanziario ai gestori del patrimonio edilizio pubblico.   Sono i 7 punti del piano di rilancio del superbonus 110% presentato nei giorni scorsi al sottosegretario alla Presidenza dei Ministri, Riccardo Fraccaro, Fillea e Spi, le categorie degli edili e dei pensionati Cgil, e le associazioni Legambiente, Nuove Ri-Generazioni, Auser, Abitare e Anziani, nel corso del video-convegno “Una proposta per il benessere dentro e fuori la casa”.   Superbonus 110%, la proposta per il benessere dentro e fuori casa La proposta - spiega la nota congiunta dei promotori - nasce dalla convinzione che il nuovo bonus per gli interventi di..
Continua a leggere su Edilportale.com