1 18 Novembre 2020 - MOG 231 - Modelli di Organizzazione e Gestione | MOG 231 – Modelli di Organizzazione e Gestione
Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

Archive for novembre 18th, 2020

18
Nov

Quali sono le sanzioni previste in materia di Movimentazione Manuale dei Carichi?

Il datore di lavoro deve adottare le misure organizzative necessarie e ricorrere ai mezzi appropriati, in particolare attrezzature meccaniche, per evitare la necessità di una movimentazione manuale dei carichi da parte dei lavoratori.

Qualora non sia possibile evitare la movimentazione manuale dei carichi ad opera dei lavoratori, il datore di lavoro deve adottare le misure organizzative necessarie, ricorre ai mezzi appropriati e fornisce ai lavoratori stessi i mezzi adeguati, allo scopo di ridurre il rischio che comporta la movimentazione manuale di detti carichi, tenendo conto dell’ALLEGATO XXXIII del D.Lgs. 81/08. 

Inoltre il datore di lavoro deve fornire adeguata informazione, formazione e addestramento in merito alle corrette manovre e procedure da adottare nella movimentazione manuale dei carichi

Le sanzioni previste in materia di Movimentazione Manuale dei Carichi? Il datore di lavoro ed il dirigente sono puniti con:

1.    arresto da tre a sei mesi o con l’ammenda da 3.071,27 a 7.862,44 euro per la mancata adozione di misure organizzative necessarie e mezzi appropriati per evitare la necessità di una movimentazione manuale dei carichi da parte dei lavoratori;


2.    arresto da due a quattro mesi o con l’ammenda da 921,38 a 4.914,03 euro per la mancata erogazione di adeguata informazione, formazione e addestramento in relazione ai rischi lavorativi ed alle modalità di corretta esecuzione delle attività.

Per consulenze, iscrizione ai corsi e partecipazione ai seminari chiamare il numero 0415412700 o visitate i nostri siti www.mog231.it; www.modiq.it, www.consulenzasicurezzaveneto.it, www.corsionlineitalia.it, www.consulenzaprivacyregolamentoue679.it e www.consulenzacertificazioneiso37001.it/. E-mail MODI NETWORK modi@modiq.it.

 


 

18
Nov

Permessi di costruire, Scia e autorizzazioni prorogate a fine emergenza Covid-19

18/11/2020 – Permessi di costruire e comunicazioni funzionali allo svolgimento delle attività edilizie saranno prorogati fino alla fine dell’emergenza da Coronavirus. Lo prevede il disegno di legge di conversione del Decreto “Covid” (DL 125/2020), approvato dal Senato e ora approdato alla Camera.   Permessi edilizi, le proroghe in arrivo Il disegno di legge proroga la validità dei permessi fino alla fine dell’emergenza sanitaria causata dall’epidemia da Coronavirus.   La nuova norma modifica l’articolo 103 del Decreto “Cura Italia” (DL 18/2020), che aveva a sua volta prorogato la validità dei permessi fino al 31 luglio 2020, disponendo una proroga retroattiva. Verranno infatti “salvati” anche i permessi scaduti tra il 1° agosto 2020 e la data di entrata in vigore della legge di conversione del DL 125/2020.   La proroga tiene in considerazione la particolare situazione di crisi..
Continua a leggere su Edilportale.com

18
Nov

Professionisti, in arrivo maggiori tutele in caso di malattia

18/11/2020 – Tutelare i professionisti in caso di malattia. È l’obiettivo del disegno di legge che, dopo una lunga attesa, ha iniziato il suo iter in Commissione Giustizia al Senato.   Il disegno di legge da un lato tutela i liberi professionisti, che non avranno la preoccupazione di perdere la propria clientela a causa delle cure cui dovessero essere sottoposti, dall’altra assicura ai clienti che non avranno ripercussioni negative a causa del ritardo del professionista.   Professionisti e sospensione dei termini Il ddl prevede che, in caso di ricovero del libero professionista per grave malattia o infor­tunio o intervento chirurgico, o in caso di cure domiciliari sostitutive del rico­vero ospedaliero, che comportino un’inabi­lità temporanea all’esercizio dell’attività pro­fessionale, al professionista e al cliente non sarà attribuita alcuna responsabilità per la scadenza dei termini..
Continua a leggere su Edilportale.com

18
Nov

Grès porcellanato, ceramica performante

18/11/2020 - Grazie alle elevate prestazioni tecniche e funzionali, associate alle ampie possibilità compositive, il grès porcellanato è il più versatile tra i materiali ceramici. Esso è formato per pressatura, tale lavorazione lo rende estremamente compatto e non poroso, quindi resistente all’acqua (classe di resistenza BIa). Inoltre, essendo cotto ad altissime temperature, superiori ai 1200°C, risulta essere un materiale molto resistente all'abrasione e agli attacchi chimici.   Per questi motivi, può essere utilizzato come rivestimento per interno a pavimento o a parete, per esterno a pavimento o in facciata e in molteplici contesti, dal residenziale al pubblico.   Le tipologie di grès porcellanato possono essere così riassunte: - a tutta massa (pavimenti interni, rivestimenti interni, pavimenti esterni, rivestimenti di facciata); - smaltato (pavimenti interni, rivestimenti interni, pavimenti esterni); -..
Continua a leggere su Edilportale.com

18
Nov

Verifica sismica e rilievi in BIM, in gara l’incarico per la Galleria Alberto Sordi a Roma

18/11/2020 - L’Agenzia del Demanio cerca progettisti con due gare per servizi di verifica vulnerabilità sismica, da restituire in modalità BIM, a Roma e a Nola (Na).   Gara per la Galleria Alberto Sordi a Roma Il primo dei due bandi riguarda l’affidamento del servizio di verifica della vulnerabilità sismica, rilievo geometrico, architettonico, tecnologico e impiantistico, da restituire in modalità BIM, da realizzare sul complesso immobiliare della Galleria Alberto Sordi in largo Chigi 19, a Roma.   Si tratta di una procedura aperta, ai sensi dell’art. 60 del Codice degli Appalti (DLGS 50/2016 e ss.mm.ii.). Il termine per la presentazione delle offerte è fissato al 14 dicembre 2020 alle ore 12:00. Il valore dell’incarico è di 417.633 euro. Vai alla gara   Gara per la ex Caserma Cesare Battisti a Nola Con il secondo bando, l’Agenzia affida il servizio di verifica della vulnerabilità..
Continua a leggere su Edilportale.com

18
Nov

Superbonus 110%, Italia Solare: prorogarlo fino al 2024

18/11/2020 – “È urgente mandare al più presto un segnale di fiducia, garantendo il superbonus al 2024 o almeno al 2023”. È il messaggio che Italia Solare, associazione che promuove l’uso delle energie rinnovabili, in particolare il fotovoltaico, ha lanciato al Governo con una lettera al Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, al Ministro dello Sviluppo Economico, Stefano Patuanelli, e al Ministro dell’Economia e delle Finanze, Roberto Gualtieri.   Superbonus, necessaria la proroga “Tutto il settore delle tecnologie per il risparmio energetico vede nella proroga una necessità ineludibile per rendere davvero efficace uno strumento che ha le carte in regola per contribuire in modo determinante alla ripresa dell'economia, tra l'altro migliorando e rendendo più sicuro il vetusto parco edilizio italiano”, scrive Italia Solare nella sua lettera.   La pandemia, continua il messaggio, sta creando..
Continua a leggere su Edilportale.com