Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

24 settembre 2014

64ᵃ Giornata Nazionale per le Vittime degli Incidenti sul Lavoro


64ᵃ Giornata Nazionale per le Vittime degli Incidenti sul Lavoro

Vittime degli Incidenti sul LavoroQuest’anno la 64ᵃ Giornata Nazionale per le Vittime degli Incidenti sul Lavoro - istituzionalizzata nel ’98, con un Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri su richiesta dell’ANMIL - si svolgerà, sotto l'Alto Patronato del Presidente della Repubblica, a Firenze, presso Palazzo Vecchio, nel Salone dei Cinquecento, sede storica del Consiglio Comunale.

Hanno confermato la loro presenza il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali Giuliano Poletti, il Presidente dell'INAIL Massimo De Felice e il Sindaco di Firenze Dario Nardella.

Sono stati invitati a partecipare: il Presidente del Consiglio, il Ministro della Salute, il Ministro dell'Istruzione dell’Università e della Ricerca, i Presidenti delle Commissioni Lavoro alla Camera e al Senato, il Presidente della Commissione d’inchiesta parlamentare sulle Morti Bianche ed i maggiori rappresentanti delle istituzioni e delle parti sociali per confrontarsi sulle realtà socio-economiche del nostro Paese e sulle iniziative più efficaci in materia di prevenzione degli infortuni sul lavoro, sulle condizionidi lavoro e sulla tutela prevista per le vittime. 

Nel corso della Giornata - che vede attivarsi contemporaneamente in tutte le province d’Italia le 106 sedi ANMIL, coinvolgendo circa 50.000 persone - verrà affrontato il tema della sicurezza e della tutela che devono essere garantite alle vittime del lavoro per una più equa e adeguata assistenza, ancor oggi legata ad una normativa obsoleta che risale al Testo Unico Infortuni del 1965 e che andrebbe completamente rivista. In concomitanza del semestre italiano di Presidenza a Bruxelles questi temi sono molto importanti e di interesse vitale per tutti i Paesi comunitari impegnati ad ogni livello e in ogni regione a costruire un lavoro sostenibile e sicuro, senza escludere alcuno dei 28 Stati membri tenuti a consolidare gli impegni nazionali in materia di Salute e Sicurezza dei lavoratori, ridurre gli infortuni, sostenere le piccole e micro imprese, potenziare le misure ispettive e prevenire le malattie professionali.

Secondo le ultime statistiche pubblicate nella Relazione annuale 2013 dall’INAIL, c’è stato un calo complessivo di circa 50mila infortuni (pari a -6%): dai circa 745.000 casi denunciati nel 2012 ai 695.000 nel 2013. Mentre un dato che preoccupa particolarmente è la crescita delle malattie professionali che sono aumentate di ben 5.500 unità, passando dalle 46.300 patologie denunciate nel 2012 alle 51.800 nel 2013 (+11,9%). Alla luce di questi dati, relativi ad un fenomeno che non riguarda solo il nostro Paese, l’ANMIL auspica, la creazione di un Osservatorio internazionale che renda omogenea la raccolta di dati statistici e sviluppi strumenti di monitoraggio comuni, affinché la condizione del lavoratore sia tutelata in tutte le regioni come negli Stati dell’UE.

Il programma della Giornata celebrata a Firenze prevede: alle ore 8.45, la celebrazione di una Santa Messa per commemorare tutte le vittime del lavoro nella Basilica di S. Maria Novella;  alle ore 10.00, nel Salone dei Cinquecento, avrà inizio la Cerimonia civile che terminerà verso le 12.30, cui seguirà la consegna dei Brevetti e dei Distintivi d’Onore ai nuovi e ai grandi invalidi del Lavoro.

La partecipazione alla manifestazione nazionale e a quelle organizzate dalle sedi ANMIL è aperta a tutta la cittadinanza e coloro che fossero interessati possono rivolgersi direttamente alle Sezioni territoriali.


Leggi altri articoli della categoria sicurezza