Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

15 settembre 2014

Accesso ai fondi europei, gli ingegneri italiani ancora indietro

15/09/2014 – Accesso ai fondi europei e riorganizzazione delle modalità di lavoro in chiave anticrisi. Sono i cardini della ricerca “Analisi del sistema ordinistico nella prospettiva internazionale: ipotesi di lavoro e confronti” condotta dal centro studi del Consiglio nazionale degli ingegneri (CNI) e presentata a Caserta in occasione del Congresso nazionale degli ingegneri.   In Europa, tra il 2008 e il 2012, il numero dei professionisti è aumentato da 4,6 a 5,2 milioni, un quinto dei quali opera in Italia. Il primato numerico a livello europeo pone però alcuni problemi, come saper sfruttare al massimo le risorse comunitarie, varcare i confini nazionali alla ricerca di nuove opportunità e valutare il modo in cui sono strutturati gli studi professionali.   Nonostante i fondi europei rappresentino una notevole opportunità, lo studio mostra che in Italia le strategie per gestirli sono deboli ed inefficaci. Per quanto riguarda..
Continua a leggere su Edilportale.com

Leggi altri articoli della categoria PROFESSIONE