Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

25 gennaio 2016

Alternanza scuola lavoro Guida operativa

Alternanza scuola lavoro cancellerà ore di didattica nelle scuole superiori

Alternanza scuola lavoro Guida operativa

Alternanza scuola lavoro Guida operativaNei mesi scorsi, in vista della entrata in vigore delle norme della Legge 107/15 (Riforma del sistema nazionale di istruzione e formazione e delega per il riordino delle disposizioni legislative vigenti) sull’alternanza scuola lavoro, il MIUR ha emanato una Guida operativa ad uso delle istituzioni scolastiche, con la quale fornisce una rilettura delle norme vigenti sull’argomento, nonché indicazioni riguardo alla realizzazione dei relativi percorsi formativi. Sulla nuova alternanza scuola-lavoro, prevista dal comma 33 in poi della legge di riforma approvata lo scorso luglio, l’idea di fondo è imporre la dualità dell'alternanza scuola lavoro attraverso il sistema dell’apprendistato, in modo che i giovani studenti, anche al di sotto dei 16 anni possano anch'essi essere avviati al mondo del lavoro tramite la costituzione di imprese simulate. Alla luce della frammentazione dei percorsi professionali, dovuta alla multidisciplinarità dei settori, il rappresentante Pd ha quindi spiegato che è necessario revisionare il monte ore della didattica e incrementare le ore laboratoriali, anche attraverso il potenziamento dell'alternanza scuola lavoro già previsto per legge, secondo il principio di sussidiarietà, e confermato dalla riforma della Buona Scuola approvata a luglio.

La diffusione di forme di apprendimento basato sul lavoro di alta qualità è al cuore delle più recenti indicazioni europee in materia di istruzione e formazione ed è uno dei pilastri della strate gia  “Europa  2020”  per  una  crescita  intelligente,  sostenibile,  inclusiva  (Comunicazione  della Commissione  [COM  (2010)  2020])  fin  dal  suo  lancio  nel  2010  e  si  è  tradotta  nel  programma “Istruzione e Formazione 2020” (2009/C119/02). Negli ultimi anni, la focalizzazione sulle priorità  dell’istruzione  e  della  formazione  è  ulteriormente  cresciuta,  anche  per  il  pesante  impatto della crisi economica sull’occupazione giovanile. Poiché la domanda di abilità e competenze di livello  superiore  nel  2020  si  prevede  crescerà  ulteriormente,  i  sistemi  di  istruzione  devono  impegnarsi  ad  innalzare  gli  standard  di  qualità  e  il livello  dei  risultati  di  apprendimento  per  rispondere  adeguatamente  al  bisogno  di  competenze  e  consentire  ai  giovani  di  inserirsi  con  successo nel mondo del lavoro. Il  potenziamento  dell’offerta  formativa  in  alternanza  scuola  lavoro  trova  puntuale  riscontro  nella legge 13 luglio 2015, n.107, recante “ Riforma del sistema nazionale di istruzione e formazione e delega per il riordino delle disposizioni legislative vigenti ”, che ha inserito organicamente questa strategia didattica nell’offerta formativa di tutti gli indirizzi di studio della scuola secondaria di secondo grado come parte integrante dei percorsi di istruzione. Il ruolo dell’alternanza scuola lavoro nel sistema  di  istruzione  ne  esce  decisamente  rafforzato. E’ importante chiarire il significato di stage , tirocinio e alternanza scuola lavoro, al fine di non ingenerare confusione sotto il profilo concettuale oltre che terminologico. Come è noto, l’alternanza si articola in periodi di formazione in aula e periodi di apprendimento mediante esperienze di lavoro. Il periodo di apprendimento che lo studente trascorre in un contesto lavorativo può essere considerato a tutti gli effetti come un tirocinio curriculare (si vedano in proposito l’art. 4 della Legge 53/03, la Nota del Ministero del Lavoro n. 4746 del 14 febbraio 2007 e la Circolare del Ministero del Lavoro n. 24 del 12 settembre 2011). Pertanto, benché sia corretto dire che il tirocinio non possa essere identificato con l’alternanza tout court, è altrettanto corretto affermare che il tirocinio curriculare sia un momento dell’alternanza, ovvero la fase “pratica” di un percorso di alternanza, il periodo di formazione svolto dallo studente presso la  struttura  ospitante.  Tuttavia,  è  necessario  ricordare  che,  non  essendo  ancora  definita  una  disciplina  del  tirocinio  curriculare,  le scuole, nel momento in cui stipulano le Convenzioni con i soggetti ospitanti, fanno ancora riferimento all’art. 18 della legge 196/97 (“Tirocini  formativi  e  di  orientamento”)  e  al  relativo  decreto  attuativo  (DM  142/98).  Ad  oggi,  infatti,  sono  ancora  i  provvedimenti appena richiamati, benché ormai ampiamente superati, a costituire l’unico quadro normativo di riferimento per l’attivazione dei tirocini curriculari. E’ infine opportuno ricordare che stage e tirocinio sono termini che designano sostanzialmente la stessa cosa. Si può quindi indifferentemente  parlare  di stage  curriculare  o  di  tirocinio  curriculare. A  livello normativo  ha  sempre  prevalso  l’uso  del  termine  italiano “tirocinio”, anche se molti operatori della formazione preferiscono ancora utilizzare il termine stage.    Il potenziamento dell’alternanza scuola lavoro, nel suddetto provvedimento normativo, segue tre direttrici principali: - lo sviluppo dell’orientamento, rivolto a studenti iscritti all’ultimo anno per facilitare una scelta consapevole del percorso di studio e favorire la conoscenza delle opportunità e degli sbocchi occupazionali, anche allo scopo di realizzare le azioni previste dal programma europeo “Garanzia Giovani”. I percorsi di orientamento prevedono anche giornate di formazione in azienda per far conoscere il valore educativo e formativo del lavoro. - la definizione dei diritti e dei doveri degli studenti della scuola secondaria di secondo grado impegnati in percorsi di alternanza scuola lavoro, ovvero in attività di stage, di tirocinio e di didattica in laboratorio, senza pregiudizi per la tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro. - l’introduzione di misure per la formazione dei docenti, finalizzate all’aumento delle competenze per favorire i percorsi di alternanza scuola lavoro anche attraverso periodi di formazione presso enti pubblici o imprese.

Alternanza scuola lavoro Guida operativaAlternanza scuola lavoro Guida operativa

LOGO MODI CON GONDOLA - per facebook