Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

28 settembre 2017

Amianto naturale

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231

Gli affioramenti ofiolitici presenti nella regione Calabria possono costituire un potenziale rischio per la salute umana.

Amianto naturale

E-learningLe norme che hanno imposto il divieto di utilizzazione dei materiali contenenti amianto e quelle relative alla tutela dei lavoratori esposti alle fibre del materiale hanno ridotto drasticamente i rischi connessi alla inalazione delle fibre di tale materiale. Tuttavia il problema dell’esposizione all’amianto non è scomparso con l’entrata in vigore della legge 257/1992 ma ha assunto caratteri nuovi e talvolta più difficili da individuare. Attualmente il rischio di esposizione all’amianto non è più legato ai processi industriali, ma è connesso in parte alla presenza di manufatti contenenti amianto che ancora sono presenti sul territorio e in parte all’esposizione ambientale a minerali asbestiformi causata dalla movimentazione dei litotipi che li contengono, sia a seguito di fenomeni naturali (frane, erosioni) che di attività antropiche (attività estrattive, scavi, gallerie). In Italia la presenza di numerosi giacimenti di ofioliti che possono contenere amianto è accertata nell’arco alpino e prevalentemente sulla dorsale appenninica. Questi affioramenti si estendono dall’Appennino ligure- piemontese attraverso quello tosco-emiliano fino in Val Tiberina per proseguire, con nuclei disgiunti, nell’Appennino calabro-lucano. Il Centro Ricerca Inail di Lamezia Terme e il Centro Ricerca Inail di Monte Porzio Catone, in collaborazione con lo Spisal-Asp di Catanzaro e con l’Arpacal, stanno svolgendo un’attività di studio e ricerca finalizzata allo sviluppo di conoscenze e buone prassi per la gestione del rischio nelle attività produttive e negli ambienti di vita del territorio calabrese. Le ofioliti sono rocce di natura mafica e ultramafica, dette anche pietre verdi per la loro tipica colorazione verdastra. Gli affioramenti ofiolitici in Calabria sono, da tempo, un’importante risorsa economica per il territorio. Tuttavia possono costituire un potenziale rischio per la salute umana poiché spesso contengono materiale fibroso di origine asbestiforme. Caratteristiche del territorio sono le rocce ofiolitiche contenenti amianto anfibolico (tremolite-actinolite) che coesiste con minerali serpentini (antigorite lamellare e a volte amianto crisotilo). In diversi campioni è stata rilevata antigorite in forma fibrosa, minerale di pericolosità non ancora ben nota e richiedente ulteriori studi.

Amianto naturaleAmianto naturale: le pietre verdi calabresi

 
Leggi altri articoli della categoria sicurezza
, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,