Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

15 dicembre 2017

Amianto Regole vitali per pittori e gessatori

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231

Amianto riconoscerlo, valutarlo e intervenire correttamente

Amianto Regole vitali per pittori e gessatori

Amianto Regole vitali per pittori e gessatoriNel presente opuscolo SUVA spiega: –    quando i pittori e i gessatori possono incontrare l’amianto –    quali misure di protezione adottare e –    quando è il caso di rivolgersi ad una ditta specializzata in bonifiche da amianto In collaborazione con le parti sociali, la Suva si impegna a prevenire gli infortuni e le malattie professionali. Essa coniuga prevenzione, assicurazione e riabilitazione in un unico servizio. Cos’è l’amianto e dove si trova Il termine amianto indica un gruppo di fibre minerali presenti in determinate rocce. La sua particolarità sta nel possedere una struttura fibrosa particolarmente resistente. L’amianto presenta le seguenti caratteristiche: –    è resistente al calore fino a 1000° C –    è resistente all’azione di numerosi agenti chimici aggressivi –    possiede un elevato potere isolante dal punto di vista elettrico e termico –    è molto elastico e resistente alla trazione –    si lega facilmente con altri materiali Proprio grazie a queste caratteristiche l’amianto ha trovato numerose applicazioni nell’industria e nella tecnica e ancor oggi è presente in molte strutture Come agisce? Le fibre di amianto presentano una struttura cristallina. Se sottoposte a lavorazione meccanica, queste tendono a sfaldarsi in senso longitudinale dando origine ad altre particelle ancora più sottili. Queste ultime possono diffondersi in spazi molto ampi. Se inalate durante la lavorazione, l’organismo non è più in grado di scomporle o espellerle. Quali malattie provoca? Le fibre di amianto rimangono per anni nel tessuto polmonare e possono provocare diverse malattie, tra cui l’asbestosi, il cancro al polmone (carcinoma bronchiale) o il mesotelioma pleurico maligno.   Tempo di latenza Ciò che accomuna le malattie da amianto è il loro lungo tempo di latenza, che si aggira tra i 15 e i 45 anni dalla prima esposizione. Il rischio aumenta con la durata dell’esposizione e con la sua intensità, ossia con la concentrazione di polveri di amianto nell’aria. Perciò è importante individuare tempestivamente i materiali contenenti amianto e adottare le necessarie misure di protezione.

Amianto Regole vitali per pittori e gessatoriAmianto Regole vitali per pittori e gessatori

 
Leggi altri articoli della categoria sicurezza
, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,