Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

19 aprile 2015

Anagrafe Nazionale Crediti Formativi


Dal 17 aprile è possibile accedere all’Anagrafe Nazionale Crediti Formativi, nella scheda personale, con le proprie credenziali.

CNINella Circolare CNI n. 522 del 14 aprile 2015 sono riportate le procedure per ricevere le necessarie credenziali. L’accesso all’Anagrafe Nazionale dei Crediti formativi permetterà a ciascuno di noi di verificare la propria posizione ed i crediti maturati per ciascun anno.

Accesso Iscritti all'Albo all'Anagrafe Nazionale dei Crediti Formativi - www.mying.it

Al fine di consentire agli Ordini Territoriali l'attività di inserimento dei CFP Formali e Non Formali assegnati nel 2014, l'accesso dei singoli professionisti all'Anagrafe Nazionale dei Crediti Formativi sarà disponibile a partire dal 17 aprile 2015 all'indirizzo www.mying.it secondo le modalità di seguito indicate. Pertanto, il termine per gli Ordini per il caricamento dei CFP relativi al 2014 è consenito sino al giorno mercoledì 15 Aprile 2105.

Modalità di Accesso degli iscritti all'anagrafe nazionale dei crediti formativi.
A partire dal 17 aprile 2015 ogni iscritto all'Albo potrà richiedere le credenziali personali per accedere all'anagrafe nazionale dei crediti e verificare i CFP acquisiti e validati, collegandosi al sito www.mying.it anche attraverso il proprio terminale mobile

Per ricevere le credenziali di accesso occorre disporre di un indirizzo email personale che può essere sia normale che pec, da inserire insieme al codice fiscale e numero di iscrizione nell'apposita schermata visualizzata cliccando sul tasto "richiesta credenziali" del menù principale.

Nel caso in cui l'indirizzo email utilizzato per la procedura di registrazione coincida con quello comunicato dall'Ordine all'Albo Unico l'accesso sarà immediato; in caso contrario l'iscritto dovrà caricare copia di un documento di identità ed attendere max 48 ore per l'attivazione dell 'account. Non è richiesto alcun intervento da parte della segreteria dei singoli Ordini.

Prima di richiedere la credenziali si consiglia di consultare nella pagina "Moduli e Manuali" accessibile dal menù principale il manuale utente e di leggere le FAQ disponibili nella relativa sezione Per consentire a tutti i propri iscritti di accedere all'Anagrafe Nazionale dei Crediti Formativi si chiede di diffondere la presente circolare nelle modalità più opportune.

E' possibile scaricare Crediti Formativi FAQ a cura del CNI

faqCrediti Formativi FAQ



RICONOSCIMENTO DI CREDITI FORMATIVI

 

1.     Da quando è in vigore l’obbligo formativo?

A partire dal 1° gennaio 2014

2.     Chi è soggetto all’obbligo della formazione?

Tutti i professionisti iscritti all'albo che esercitano la professione regolamentata, il cui esercizio è consentito solo a seguito d'iscrizione in ordini o collegi subordinatamente al possesso di qualifiche professionali o all'accertamento delle specifiche professionalità.

3.     Quali sono i compiti del Consiglio Nazionale?

Il Consiglio Nazionale degli Ingegneri ha il compito di definire le linee di indirizzo per la formazione, controllare l’offerta formativa, monitorare l’assolvimento dell’obbligo di aggiornamento delle competenze, autorizzare associazioni e altri soggetti ad organizzare i corsi, promuovere l’istituzione della certificazione volontaria delle competenze degli iscritti, riconoscere CFP per eventi non formali, riconoscere CFP di tipo informale.

4.     Quali sono i compiti dell’Ordine?

Gli Ordini territoriali organizzano le attività formative secondo le linee di indirizzo del CNI, riconoscono i corsi organizzati da associazioni e altri soggetti autorizzati dal CNI e assegnano il numero di CFP

5.     Chi può erogare formazione riconosciuta ai fini dell’aggiornamento professionale?

L’Ordine e gli enti autorizzati dal CNI secondo le procedure e modalità indicate nel regolamento approvato dal Ministero.

6.     Quanti crediti sono richiesti per esercitare la professione?

Sono richiesti minimo di 30 Crediti Formativi Professionali (CFP) per svolgere la professione: ogni anno solare ne verranno detratti 30 dal totale cumulato.

7.     Sono obbligato ad acquisire un minimo di Crediti Formati per ogni anno solare.

NO. Non esistono vincoli in tal senso, l’importante è non scendere mai sotto i 30 CFP accumulati

8.     I crediti acquisiti in un anno solare valgono anche per i successivi

Non esistono “scadenze“ per i crediti acquisiti. Occorre solo stare attenti che con i 30 CFP che vengono detratti ogni anno non si scenda sotto la soglia minima dei 30 CFP accumulati

9.     Se al primo gennaio di ogni anno supero i 120 CFP i crediti in eccesso possono essere recuperati negli anni successivi

NO

10.   Quanti crediti vengono riconosciuti a coloro che alla data dell’1.1.2014 sono già iscritti all’albo?

A coloro che alla data di entrata in vigore dell'obbligo formativo (1.1.2014) sono già iscritti all’albo degli Ingegneri vengono accreditati 60 CFP.

11.   Sono   riconosciuti   crediti   per   le   attività   formative   svolte   prima   dell’entrata   del   regolamento sull’aggiornamento continuo delle competenze professionali?

Sono riconosciute le sole attività formative di tipo non formale erogate dal 01/01/2013 al 31/12/2013 esclusivamente dagli Ordini Territoriali.

12.   Quali corsi svolti nel 2013 mi saranno riconosciuti?

Verranno riconosciuti, per un massimo di 60 CFP, i soli corsi di formazione erogati dagli Ordini territoriali che possano attestare la partecipazione del discente all’evento formativo.

13.   Se nel 2013 ho frequentato un corso, ho conseguito un brevetto, ho pubblicato un articolo su una rivista qualificata o ho frequentato un master universitario, mi vengono riconosciuti CFP validi ai fini dell’aggiornamento professionale delle competenze?

Le linee di indirizzo approvate dal CNI specificano che“saranno riconoscibili ai sensi dell’art. 13 comma 3 del regolamento, ai fini dell’ottenimento dei CFP, solo le attività formative di apprendimento non formale erogate dal 01/01/2013 al 31/12/2013 dagli Ordini Territoriali.” Pertanto, non saranno riconoscibili CFP per la pubblicazione su riviste qualificate, i brevetti la partecipazione ai a master di primo e secondo livello e dottorati di ricerca frequentati prima dell’1.1.2014, né per la partecipazione qualificata a gruppi di lavoro in data antecedente all’1.1.2014.

14.   I  crediti  acquisiti  con la partecipazione  ai  corsi abilitanti  o successivi aggiornamenti  (L.  81/2008, 151/2011 etc.) sono validi ai fini dell’aggiornamento continuo delle competenze professionali?

SI, se i corsi sono stati erogati dagli Ordini Professionali degli Ingegneri o da soggetti preventivamente autorizzati dal CNI ad erogare formazione.

15.   La frequenza ad un corso abilitante/successivi aggiornamenti (L. 81/2008, 151/2011 etc.) organizzato da un Ordine professionale diverso da quello degli Ingegneri è valida ai fini dell’aggiornamento continuo delle competenze professionali?

NO, la frequenza del corso non consente di acquisire crediti formativi

16.   Si può richiedere il riconoscimento di CFP per la partecipazione qualificata a gruppi di lavoro in epoca antecedente il 1 gennaio 2014 (5CFP)?

NO, saranno riconosciuti CFP solo per la partecipazione alle attività formative di apprendimento non formale erogate dal 01/01/2013 al 31/12/2013 dagli Ordini Territoriali.

17.   Si può richiedere il riconoscimento di CFP per la partecipazione a master di secondo livello terminati a dicembre 2013 (10 CFP)?

NO, per l’anno 2013 saranno riconosciuti CFP solo per la partecipazione alle attività formative di apprendimento non formale erogate dal 01/01/2013 al 31/12/2013 dagli Ordini Territoriali.

18.   Quanti CFP posso accumulare?

Il numero massimo di CFP cumulabili è 120.

19.   Se ho terminato i CFP vado in negativo?

Al raggiungimento degli zero CFP, non vengono attuate ulteriori detrazioni.

20.   Posso esercitare anche se non ho assolto all’obbligo dell’aggiornamento?

Qualora un iscritto eserciti la professione senza aver assolto all’obbligo di aggiornamento della competenza professionale, il Consiglio dell’Ordine di appartenenza è tenuto a deferirlo al Consiglio di Disciplina territoriale per le conseguenti azioni disciplinari.

21.   Si può essere esonerati dalla formazione obbligatoria?

Sono esonerati gli iscritti all’Albo che rientrano nei seguenti casi:

·          maternità o paternità (un anno);

·          servizio militare volontario e servizio civile;

·          grave malattia o infortunio;

·          Assistenza a figli e parenti di primo grado

·          casi documentati di impedimento.

22. Come  faccio ad ottenere l’esonero per una delle tipologie previste

La concessione dell’esonero è di competenza del proprio Ordine di appartenenza al quale occorre rivolgersi per presentare l’istanza secondo le modalità stabilite dal singolo Ordine

23.   Quali sono le attività che prevedono il rilascio di CFP?

Si possono conseguire CFP e con attività di aggiornamento professionale continuo non formale, informale e formale. Sono attività di formazione non formale:

a.     conferenze ed altri eventi specificatamente individuati dal CNI, la frequenza frontale o a distanza di corsi e seminari riconosciuti, compresi quelli obbligatori per legge, la partecipazione a convegni, la partecipazione a visite tecniche qualificate a siti di interesse, la partecipazione a stages formativi.

Le attività di formazione informale sono:

b.     l’aggiornamento legato all’attività professionale dimostrabile, la certificazione delle competenze professionali da parte dell’Ordine, pubblicazioni qualificate, brevetti, la partecipazione qualificata a organismi, gruppi di lavoro, commissioni tecniche e di studio in Italia e all’estero, riconosciuti dal CNI, la partecipazione alle commissioni per gli esami di Stato per l’esercizio della professione di Ingegnere/ Ingegnere junior, la partecipazione a interventi di carattere sociale/umanitario in occasione di calamità naturali inerenti l’ambito professionale.

Sono attività di formazione formale:

c.      la frequenza a corsi di master di primo e secondo livello e di dottorati di ricerca, la frequenza di corsi universitari con esame finale.

24.   Esistono limiti di acquisizione per specifiche tipologie di CFP per singolo anno, oltre a quello generale che prevede la soglia dei 120 per il totale complessivo.?

Annualmente possono essere accumulati i CFP previsti per le singole attività Formative con i seguenti vincoli: Convegni    max 9  cfp/anno

Visite tecniche  max 9    cfp/anno

Docenze max 15  cfp/anno

Formazione estero max 15 cfp/anno Partecipazione Gruppi lavoro/commissioni max 5 cfp/anno Certificazione competenze       max 15  cfp/anno

Master universitari di I e II livello max 30  cfp/anno

Corsi universitari con esame finale max 15  cfp/anno   (max 30 cfp/anno per iscritti sezione B anni)

25.   Durante il periodo di esonero posso accumulare CFP.

No. I crediti formativi acquisiti per partecipazioni ad eventi svoltisi durante il periodo di esonero, sebbene vengano registrati in anagrafe non sono riconosciuti.

26.   Sono un soggetto non autorizzato dal CNI, che nei prossimi giorni organizza un importante evento formativo/convegno. Come posso farmi riconoscere CFP per l’evento.

Non e’ possibile riconoscere cfp per eventi che non siano organizzati da un Ordine territoriale o da un soggetto autorizzato in precedenza dal CNI.

27.   Un Ordine territoriale, può riconoscere cfp per eventi organizzati da soggetti non autorizzati dal CNI, previa valutazione del programma proposto, condividendone le finalità formative e la qualità scientifica. NO, non è possibile riconoscere cfp nel caso sopra descritto, in quanto il regolamento non consente agli Ordini di “accreditare” eventi di soggetti non autorizzati dal CNI. Per riconoscere i CFP è necessario che l’organizzatore sia l’Ordine territoriale, che comunque può nella sua autonomia, utilizzare la collaborazione didattica e organizzativa di soggetti non autorizzati dal CNI, rimanendo comunque l’unico responsabile dei contenuti scientifici dell’evento.

28. Quando mi iscrivo ad un corso organizzato da una Società o un Ente diverso dall’Ordine Professionale degli Ingegneri come faccio a sapere se mi saranno riconosciuti CFP validi ai fini dell’aggiornamento delle competenze professionali?

Chi si iscrive ad un corso organizzato da un soggetto diverso da un Ordine degli Ingegneri deve accertarsi che il soggetto erogatore di formazione sia stato preventivamente autorizzato dal CNI e che al corso siano stati assegnati i CFP dallo stesso CNI o dall’Ordine territoriale competente. Tutte le attività formative riconosciute ai fini del rilascio di CFP sono consultabili sul sito www.formazionecni.it  o  www.mying.it.

29.   Ho consultato l’elenco degli eventi presenti nella banca dati eventi disponibile all’ indirizzo  www.formazionecni.ite www.mying.itma non trovo l’evento che mi è stato proposto come accreditato. l’informazione che ha ricevuto dagli organizzatori del corso non è corretta e di conseguenza la frequenza al corso non rilascia CFP.

30.   Mi sono iscritto ad un corso organizzato da un soggetto riconosciuto dal CNI ma l’evento non è presente nella banca dati degli eventi accreditati

Anche se organizzato da un soggetto autorizzato dal CNI (provider) i corsi che rilasciano CFP devono essere riconosciuti da CNI o da un Ordine territoriale, pertanto il corso da lei indicato non riliscia CFP ai partecipanti

31.   Sono un ingegnere Meccanico ed ho partecipato ad un evento formativo per tematiche non attinenti la mia professione . Mi verranno riconosciuti i CFP previsti

SI non esistono vincoli o regole in tal senso. I professionisti acquisiscono i CFP previsti dall’evento indipendentemente dalla tematica del corso.

32.   Ho cercato nella banca dati nazionale dei corsi accreditati e ho notato che nella scheda descrittiva del corso che mi interessa è riportata la frase “settori: ingegneria civile” . Che cosa significa.

Ogni organizzatore è libero di classificare il corso sulla base dei contenuti. Il corso da lei individuato secondo l’organizzatore è rivolto principalmente a professionisti che svolgono la loro attività nel settore dell’ingegneria civile. Tale classificazione non ha alcuna attinenza con il riconoscimento dei CFP per specifiche categorie professionali. Qualunque ingegnere che frequenta il corso sopra indicato acquisisce i crediti formativi anche se svolge la sua attività in altri settori.

33.   Mi sono iscritto ad un corso organizzato da un soggetto riconosciuto dal CNI, l’evento non è presente nella banca dati degli eventi accreditati ma nella locandina inviatami dal provider c’era scritto “richiesto accreditamento al CNI”. Mi verranno riconosciuti i CFP

I provider sono tenuti ad inviare al CNI o all’Ordine territoriale, la richiesta di riconoscimento CFP almeno 30 gg prima dell’evento. Pertanto è possibile promuovere il corso anche prima di aver ricevuto il riconoscimento di CFP, purchè venga fornita correttamente l’informazione che il corso non è stato ancora riconosciuto sebbene sia stata inoltrata la relativa istanza. È comunque libera scelta del professionista iscriversi al Corso prima che lo stesso sia stato ufficialmente riconosciuto. Ovviamente i CFP saranno acquisiti solo se l’evento sarà stato riconosciuto ufficialmente.

34.   Quando frequento un corso sono tenuto a comunicare i CFP al CNI o al mio Ordine?

NO, al termine di ogni corso l’Ordine o l’ente accreditato dal CNI erogatori della formazione provvedono a inviare telematicamente all’anagrafe Nazionale l’elenco dei partecipanti e dei CFP conseguiti da questi ultimi.

35.   Quali corsi svolti nel 2013 mi saranno riconosciuti? Devo comunicare al CNI la partecipazione ai corsi frequentati nel 2013-

Verranno riconosciti, per un massimo di 60 CFP, i soli corsi di formazione erogati dall’Ordine e che verranno convalidati dal CNI. Nessuna comunicazione è a carico degli iscritti. Spetta ai singoli ordini inviare al CNI l’elenco dei partecipanti ai corsi da loro organizzati nel 2013.

36.   Quando partecipo ad un evento, mi  vengono riconosciuti  i  CFP indipendentemente  dalle  ore  che frequento?

I CFP sono riconosciuti solo per la presenza pari ad almeno il 90 % del tempo di durata complessiva prevista. I CFP sono riconosciuti solo per la presenza all’intero evento formativo, negli eventi su singole giornate.

37.   Per i corsi che terminano nell’anno successivo a quello di inizio, quando sono riconosciuti i CFP?

I CFP sono riconosciuti al termine del corso o nel caso di eventi con esame finale alla data di superamento della prova

CREDITI FORMALI E NON FORMALI REGISTRATI NELL’ANAGRAFE

 38. Non ho fatto in tempo ad inviare entro la data di scadenza prevista dalla circolare del CNI l’istanza di autocertificazione per il riconoscimento di 15 CFP per l’attività professionale/Riconoscimento di crediti formali ed informali. Come posso fare

Non è più possibile inoltrare l’istanza per attività svolte nel 2014.

39.   L’apprendimento informale prevede il riconoscimento di 15 CFP/anno per l’attività formativa legata alla attività professionale dimostrabile, come posso farla riconoscere?

Il CNI ha predisposto un modulo di autocertificazione con il quale attestare l’aggiornamento professionale concernente la propria attività professionale, entro il 28 febbraio 2015, per le attività riferite al 2014. Per quelle riferite al 2015 occorre attendere una nuova circolare da parte del CNI.

40.   La partecipazione alle commissioni tematiche/gruppi di lavoro istituite dall’Ordine territoriale/CNI rilascia CFP?

Non è previsto il rilascio di CFP per la partecipazione alle commissioni tematiche istituite presso l’Ordine o il CNI, per il 2014

41.   Cosa accade se un iscritto, che non abbia assolto all’obbligo di aggiornamento professionale, non ha esercitato la professione pur essendo iscritto all’ordine? Cosa accade se poi riprende ad esercitare? E’ sufficiente che nell’anno in cui ha esercitato abbia accumulato 30 CFP?

Il DPR 137/2012 sancisce l'obbligo di curare il continuo e costante aggiornamento della propria competenza professionale per chiunque eserciti la Professione regolamentata intendendo per «professione regolamentata» l'attività, o l'insieme delle attività, riservate per espressa disposizione di legge o non riservate, il cui esercizio è consentito solo a seguito d'iscrizione in ordini o collegi subordinatamente al possesso di qualifiche professionali o all'accertamento delle specifiche professionalità. L’ingegnere che non esercita attività riservata o non riservata consentita solo a seguito d’iscrizione all’Ordine professionale non perde il diritto di rimanere iscritto a quest’ultimo.

42.   Sono un iscritto all’Ordine e lavoro all’Estero come dipendente, è possibile frequentare corsi in Università all’estero e ricevere comunque i CFP necessari?

si devono distinguere due casi:

quello concernente le attività di formazione professionale continua per l'apprendimento formale apprendimento che, ai sensi dell'art. 2, comma 1 del Regolamento per l'aggiornamento della competenza professionale, consiste nell' "apprendimento delle conoscenze ed abilità scientifico-culturali dell'ingegneria nel sistema di istruzione e formazione delle università e che si conclude con il conseguimento di un titolo di studio"), cui si applicano i criteri previsti dall'Allegato A del Regolamento (frequenza di corsi di master di primo e secondo livello, dottorati di ricerca: 30 CFP/anno; frequenza di corsi universitari con esame finale) direttamente dall’Ordine;

quello relativo alle attività di formazione professionale continua per l'apprendimento non formale (caratterizzato, ai sensi del menzionato art. 2, comma 1 del Regolamento, "[.] da una scelta intenzionale del professionista, ottenuto accedendo a didattica frontale o a distanza offerta da ogni soggetto che persegua finalità di formazione professionale"), il cui riconoscimento ai fini dell'attribuzione dei corrispondenti CFP dovrà essere valutato dall'Ordine territoriale di appartenenza, nel rispetto di quanto previsto dalle Linee di indirizzo specifiche per le attività di formazione erogate all'estero, elaborate dal CNI.

43.   Sono un ingegnere dipendente, vorrei sapere se la formazione erogata dal mio ente computa ai fini della formazione obbligatoria.

Ai fini dell’ottenimento dei CFP, nelle Linee di indirizzo (approvate dal CNI nella seduta del 13/12/2013), si prevedono due distinte modalità per il riconoscimento, delle attività di formazione erogate ai dipendenti dall’ente o azienda di appartenenza: nella prima, queste possono essere riconoscibili solo qualora “[…] l’ente o l’azienda in questione operi […] in cooperazione o convenzione con gli Ordini territoriali di competenza o/ e con altri soggetti autorizzati dal CNI ai sensi dell’art. 7 del Regolamento”; nella seconda, in assenza di cooperazione o convenzione con gli Ordini territoriali di competenza o con associazioni di iscritti agli Albi e altri soggetti autorizzati dal CNI ai sensi dell’art. 7 del Regolamento, le suddette attività “[…] saranno riconoscibili esclusivamente ai fini dell’ottenimento dei 15 CFP/anno previsti per l’aggiornamento informale legato all’attività professionale dimostrabile, di cui all’Allegato A”.

44.   Sono riconosciuti CFP per l’insegnamento di materie tecniche nelle scuole superiori di secondo grado o per l’attività di assistente/ docente universitario?

NO, non è previsto dal regolamento approvato dal Ministero della Giustizia.

45.   In quali casi e’ possibile acquisire CFP per attività di docenza.

E’ possibile acquisire CFP, nel limite massimo di 15 per anno, solo per docenze non ripetitive previste all’ interno di eventi formativi di tipo non formale che rilasciano cfp ai partecipanti

46.   E’ possibile seguire un corso di aggiornamento organizzato dall'ordine degli Architetti o da altro Ordine Professionale ed ottenere i crediti formativi che l'Ordine degli Ingegneri assegna ai suoi iscritti?

I corsi organizzati da soggetti terzi all’Ordine degli Ingegneri possono rilasciare CFP solo nel caso in cui detti soggetti sono accreditati presso il CNI come soggetti autorizzati all’erogazione della formazione valida ai fini dell’aggiornamento delle competenze professionali.

ANAGRAFE NAZIONALE DEI CREDITI

47. Modalità di aggiornamento dell’Anagrafe nazionale dei crediti

Il conteggio totale dei CFP maturati da ogni singolo professionista viene effettuato una sola volta per anno solare alla data del 1 Gennaio. Durante l’anno solare l’anagrafe nazionale dei crediti registra tutte le partecipazioni ad eventi formativi autorizzati al rilascio di CFP senza effettuare il conteggio totale dei CFP maturati sino a quella data.

La soglia dei 120 CFP è intesa come valore massimo al 31 dicembre e quindi il controllo del superamento di tale soglia viene fatto solo al 31 dicembre di ogni anno, successivamente alla detrazione dei 30 CFP.

In tale caso l’algoritmo di calcolo è il seguente:

CFP inizio nuovo anno = CFP inizio anno precedente + CFP accumulati – 15/30(*) CFP + CFP per esoneri concessi nell’anno.

Esempio: CFP al 1/1/2015 = CFP al 1/1/2014 + CFP accumulati nel 2014 – 15/30(*) CFP + CFP per esoneri concessi nell’anno 2014.

(*) = 15 CFP per gli iscritti all’albo dal 01/luglio 2014 al 31 dicembre 2014; 30 CFP per gli iscritti all’albo dal 01/gennaio 2014 al 30 giugno 2014

48. Come vengo sommati i CFP riconosciuti per il 2013.

I CFP riconosciuti per il 2013, nel limite massimo di 60, sono sommati a quelli riconosciuti per il 2014

49.   Ho avuto accesso alla mia pagina personale e nell’elenco  delle mie partecipazioni non trovo indicato un evento al quale ho partecipato nel 2014.

La mancata registrazione di un evento nella sua pagina personale può dipendere dai uno dei seguenti motivi: L’evento non è compreso tra quelli riconosciuti per il rilascio di crediti formativi

Il suo nominativo non è stato trasmesso all’anagrafe nazionale dei crediti dall’organizzatore dell’evento

50.   Nel caso in cui una mia partecipazione ad un evento  riconosciuto  per il rilascio di CFP non è presente nella mia pagina personale cosa devo fare

Deve rivolgersi esclusivamente all’organizzatore dell’evento per chiedere spiegazioni dell’accaduto. Nessuna comunicazione deve essere fatta all’anagrafe nazionale dei crediti o al CNI. L’aggiornamento dei dati avviene esclusivamente attraverso una apposita comunicazione tra i singoli organizzatori sia essi Ordini territoriali che Provider e l’anagrafe nazionale.

51.   Ho avuto accesso alla mia pagina personale e nell’elenco  delle mie partecipazioni non trovo indicato un evento al quale ho partecipato nel 2015.

Il provider e i singoli Ordini territoriali hanno 30 gg di tempo dalla fine dell’evento per trasmettere all’anagrafe l’elenco dei partecipanti. Pertanto la invitiamo a contattare l’organizzatore solo dopo che siano trascorsi i 30 gg di cui sopra

52.   Mi sono iscritto all’Ordine nel corso nel mese di novembre, mi verranno comunque detratto 30 CFP alla fine dell’anno

In caso di prima iscrizione durante l’anno solare verrà applicata la seguente regola:

a)     iscrizioni da 1 Gennaio al 30 Giugno: alla fine dell'anno  saranno detratti 30 CFP

b)     iscrizioni dal 1 Luglio al 31 Dicembre: alla fine del primo anno verranno detratti 15 CFP

53.   Come viene determinata la data di assegnazione dei CFP per gli eventi non formali

La data di assegnazione dei CFP coincide con la data di fine evento per gli eventi Frontali e con quella dell’esame finale per gli eventi erogati in modalità FAD e per i corsi di formazione con esame finale.

54.   Ho frequentato un corso di formazione per tutta la durata dall’evento, ma non ho superato l’esame finale, posso acquisire i cfp previsti.

NO.

55.   Come viene determinata la data di assegnazione dei CFP di tipo formale.

I crediti di tipo formale verranno registrati riconosciuti in un’unica soluzione alla seguente data: Master: alla data di superamento del esame finale

Corsi universitari: alla data di superamento dell’esame finale

Dottorato di ricerca: alla data di conclusione del singolo anno secondo le modalità previste dal regolamento accademico

56.   Come viene aggiornata la posizione dei professionisti che al 1 Gennaio hanno meno di 30 CFP registrati nell’anagrafe nazionale dei crediti

Per tutti i professionisti che alla data del 1 gennaio risultano avere un numero di CFP inferiori a 30, si procederà, ad un aggiornamento dei CFP maturati e registrati nell’anagrafe nazionale dei crediti con cadenza trimestrale (1 Aprile, 1 Luglio, 1 Ottobre) fino all’eventuale superamento della soglia di 30 CFP.

61.   Ho inviato tramite la procedura prevista dalla circolare del CNI l’istanza di riconoscimento di CFP di tipo formale e non formale, ma ho utilizzato una modulistica differente da quella predisposta dal CNI. Mi saranno riconosciuti i CFP.

I cfp saranno riconosciuti sole se nella istanza inviata sono indicate tutte le informazioni richieste nella modulistica predisposta dal CNI e se l’istanza è compilata come autocertificazione redatta ai sensi dell’art. 46 del D.P.R. 445 del 28/12/2000 e con documento di identità allegato

62.   Ho Inviato nei tempi previsti l’autocertificazione per il riconoscimento dei 15 CFP dovuti per aggiornamento informale conseguente all'attività lavorativa – professionale, ma accedendo nella mia pagina personale ho verificato che non mi sono stati riconosciuti:

I motivi del mancato riconoscimento possono essere i seguenti:

Iscrizione all’Ordine successiva al 01 luglio 2014, e pertanto impossibilità di poter svolgere attività professionale per almeno 6 mesi nel 2014 come richiesto dalle linee guida

Periodo di esonero superiore ai 6 mesi ottenuti nel 2014. È possibile usufruire dei 15 CFP per l'aggiornamento informale conseguente all'attività lavorativa - professionale solo se tale attività è stata svolta per almeno 6 mesi nel corso dell’anno al netto di eventuali esoneri.

Mancata indicazione delle informazioni minime richieste dalla linee di indirizzo

63.   Ho Inviato nei tempi istanza per il riconoscimento dei crediti formativi per Pubblicazioni qualificate nell'ambito dell'ingegneria di ma non mi sono stati riconosciuti. Cosa Devo fare

I motivi del mancato riconoscimento possono essere i seguenti: Mancato utilizzo del modello di autocertificazione predisposto dal CNI

Invio della pubblicazione senza allegata istanza completa del documento di identità Mancato invio del documento di identità a supporto dell’autodichiarazione.

Mancanza delle informazioni minime richieste nell’istanza inviata (data di pubblicazione, presenza della rivista nelle liste dell’ANVUR per l’Area 8 e 9)

64.   Ho Inviato nei tempi istanza per il riconoscimento dei crediti formativi per Ho Inviato nei tempi istanza per il riconoscimento dei crediti formativi per Partecipazione qualificata ad organismi, gruppi di lavoro, commissioni tecniche nell'ambito dell'ingegneria , ma non mi sono stati riconosciuti. Cosa Devo fare

I motivi del mancato riconoscimento possono essere i seguenti: Mancato utilizzo del modello di autocertificazione predisposto dal CNI

Mancato invio del documento di identità a supporto dell’autodichiarazione. Mancanza delle informazioni minime richieste

Ente che ha istituito la commissione non compreso nell’elenco previsto dalle linee di indirizzo.

65.   Ho inviato tramite la procedura prevista dalla circolare del CNI l’istanza di riconoscimento di CFP di tipo formale e non formale, ma ho utilizzato una modulistica differente da quella predisposta dal CNI. Mi saranno riconosciuti i CFP.

I cfp saranno riconosciuti sole se nella istanza inviata sono indicate tutte le informazioni richieste nella modulistica predisposta dal CNI e se l’istanza è compilata come autocertificazione redatta ai sensi dell’art. 46 del D.P.R. 445 del 28/12/2000 e con documento di identità allegato

66.   ho inoltrato attraverso il mio ordine di appartenenza istanza di riconoscimento di cfp per frequenza di master di i° e ii° livello, di corsi universitari con esame finale e dottorato di ricerca, ma non trovo la registrazione dei cfp nella mia scheda personale.

Deve rivolgersi esclusivamente al suo Ordine di appartenenza per chiedere spiegazioni sulla mancata o inesatta trasmissione dei dati all’anagrafe nazionale dei crediti. Nessuna comunicazione deve essere fatta all’anagrafe nazionale dei crediti o al CNI. L’aggiornamento dei dati avviene esclusivamente attraverso una apposita comunicazione tra Ordini territoriali e l’anagrafe nazionale

 67.   Come avviene la Certificazione dei crediti

A richiesta dell’interessato o di terzi soggetti che ne abbiamo diritto, l’Ordine di appartenenza, tramite l’Anagrafe nazionale dei crediti, istituita presso il CNI, può rilasciare un certificato relativo all’assolvimento dell’obbligo formativo. Tale certificazione potrà configurarsi come segue:

·          attestazione dei crediti formativi: attestazione rilasciata dall’Ordine di appartenenza, con indicazione del numero dei CFP effettivamente registrati nell’Anagrafe alla data richiesta;

·          certificazione del pieno soddisfacimento dell’obbligo formativo: attestazione rilasciata a cura di dell’Ordine di appartenenza, nella quale si attesta che il professionista alla data richiesta ha assolto il proprio obbligo formativo previsto dal vigente regolamento.

Non è consentito rilasciare a soggetti diversi dall’interessato il dettaglio degli eventi formativi cui ha preso parte il professionista, registrati nell’Anagrafe nazionale dei crediti.

68.   Ho notato che alcuni crediti acquisiti durante il periodo di esonero non mi sono stati riconosciuti. Cosa devo fare

Il professionista che partecipa ad attività formative svoltesi durante il proprio periodo di esonero, non potrà acquisire i CFP previsti dall’evento. La partecipazione all’evento formativo è comunque registrata nell’anagrafe nazionale dei crediti.

Leggi altri articoli della categoria Generale