Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

12 gennaio 2016

Andamento degli Infortuni Mortali Regione del Veneto

Quadro aggiornato in tempo reale dell'andamento di  TUTTI gli infortuni mortali sul lavoro avvenuti nella Regione del Veneto

Andamento degli Infortuni Mortali Regione del Veneto

Regione Veneto - ULSS 9 Treviso Documento Dicembre 2015 regione veneto

rapporto 2015Lo scopo del documento è quello di forinire un quadro aggiornato in tempo reale dell'andamento di TUTTI gli infortuni mortali sul lavoro avvenuti nella regione del Veneto, inclusi quelli dei lavoratori non assicurati INAIL . Questi infortuni, per le loro conseguenze, destano particolare preoccupazione e richiedono azioni preventive specifiche perché hanno modalità di accadimento peculiari che si discostano in parte dalla generalità degli infortuni, anche se alcune si ripetono in specifici settori produttivi. Queste informazioni NON sono sufficienti e non devono essere utilizzate per valutare eventuali modifiche nelle condizioni di sicurezza degli ambienti di lavoro. Infatti, dal punto di vista statistico, si tratta di eventi a bassa numerosità; le differenze riscontrate tra un anno e l'altro sono spesso ‘NON significative’ e dovute a fattori casuali che non riflettono necessariamente cambiamenti sostanziali della sicurezza sul lavoro. Inoltre il numero degli eventi dovrebbe essere rapportato alle ore lavorate o al numero di addetti esposti al rischio per ottenere un tasso di incidenza su lungo periodo; tuttavia i dati del denominatore necessari per il calcolo del tasso di incidenza non sono disponibili in tempo reale.

Allo scopo di privilegiare la massima completezza possibile, per l’input iniziale vengono utilizzate tutte le informazioni comunque pervenute; successivamente, se lo SPISAL competente territorialmente non comunica di propria iniziativa l’evento, viene contattato per verificare la disponibilità di informazioni controllate. Le fonti principali sono costituite dagli SPISAL della Regione del Veneto, dalla stampa locale e dai Flussi INAIL Regioni. Gli SPISAL intervengono sul luogo dell’evento per svolgere indagini di Polizia Giudiziaria e costituiscono la parte informativa più accurata del data base in quanto contengono la descrizione di ciò che è stato rilevato con un intervento ispettivo diretto nel luogo di lavoro al fine di ricostruire le dinamiche e le cause dell'evento. Per gli scopi di questo osservatorio, sono trasmesse solo informazioni di carattere generale, poiché l'approfondimento delle analisi è effettuato con altre modalità (INFORMO). La stampa locale consente di avere informazioni tempestive, anche se non verificate, e viene costantemente monitorata dalla primavera 2012. La fonte FLUSSI INAIL è disponibile dopo un certo tempo, generalmente 2 anni, necessario alla definizione completa dei casi di un anno. al momento i dati del biennio in corso non sono ancora disponibili per questa fonte. Il PREO svolge questa attività in collaborazione con il coordinamento regionale del sistema di sorveglianza INFORMO, progetto sviluppato su scala nazionale dalle Regioni e da INAIL (la sede regionale INAIL del Veneto collabora segnalando i casi denunciati), per l’analisi delle cause degli infortuni mortali. I due sistemi informativi eseguono periodiche verifiche per l’allineamento dei casi noti a partire dal 2012. Ciò non esclude che vi possano essere differenze nel numero di eventi rilevati in funzione dei diversi campi e criteri di applicazione. I report periodici daranno conto delle eventuali differenze di classificazione.

rapporto 2015Andamento degli Infortuni Mortali Regione del Veneto

MODI qualità ambiente sicurezza formazione modelli 231