Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

26 ottobre 2017

APE, il Senato frena sull’estensione degli obblighi proposta dalla UE

26/10/2017 – Centrare gli obiettivi europei sul risparmio energetico, ma senza extra-costi a carico di cittadini e imprese. È questa, in sintesi, la richiesta contenuta nel parere della Commissione Industria del Senato sulla proposta di modifica della Direttiva 2010/31/UE sulla prestazione energetica in edilizia.   Attestato di prestazione energetica (APE) Secondo la bozza della nuova direttiva, gli Attestati di prestazione energetica (APE) dovranno consentire la valutazione dei risparmi energetici ottenuti con gli interventi incentivati dallo Stato.   Per la Commissione, il calcolo del risparmio energetico ottenuto con un intervento non si deve basare sul confronto dell’APE precedente e di quello successivo ai lavori perché potrebbero essere state utilizzate metodologie diverse. Gli APE si basano infatti sul consumo stimato in condizioni di utilizzo standard e ciò non sembra compatibile con la previsione..
Continua a leggere su Edilportale.com

Leggi altri articoli della categoria RISPARMIO ENERGETICO