Passa al contenuto
Modello di organizzazione e di gestione 231

23 ottobre 2014

Appalti centralizzati, l’Anci spiega come funzioneranno

23/10/2014 – In vista dell’obbligo di appalti centralizzati per i Comuni non capoluogo, l’Associazione nazionale comuni italiani (ANCI) ha messo a disposizione una scheda di sintesi per gli enti locali che dal 2015 avranno a che fare con le nuove procedure.   I Comuni non capoluogo con popolazione superiore a 10 mila abitanti, potranno affidare autonomamente i lavori di importo inferiore a 40 mila euro. Per i lavori di valore superiore dovranno invece avvalersi di un “modulo di acquisizione aggregata”, ad esempio creando una unione di Comuni oppure rivolgendosi ai Soggetti aggregatori, alla Stazione Unica Appaltante presso la Provincia, o ancora stipulando un accordo con altri Comuni non capoluogo.   Per quanto riguarda i beni e i servizi, la differenza sarà determinata dalle procedure telematiche. Solo gli acquisti mediante strumenti informatici potranno essere effettuati autonomamente, a prescindere dal fatto che l’importo dei..
Continua a leggere su Edilportale.com

Leggi altri articoli della categoria LAVORI PUBBLICI